Microsoft àncora Office 11 a Visual Studio

L'anno prossimo un nuovo set di strumenti dedicato allo sviluppo di applicazioni e componenti per Office siglerà la definitiva integrazione della suite per l'ufficio di Microsoft con il framework .NET. Il ponte sarà Visual Studio


Redmond (USA) – Microsoft ha pianificato il rilascio, per il prossimo anno, di un insieme di strumenti per lo sviluppo, denominato Visual Studio Tools for Office (VSTfO), che avrà il compito di guidare gli sviluppatori di Office verso MS.NET passando per Visual Studio.

VSTfO sarà progettato per funzionare in congiunzione con Office 11 , la prossima versione della suite per l’ufficio di Microsoft attesa per la metà del prossimo anno, di cui ne sfrutterà il supporto agli schemi e ai Web service XML.

Il nuovo ambiente di programmazione consentirà agi sviluppatori di Visual Basic.NET e Visual C# di costruire applicazioni per l’ufficio che girino all’interno di Word ed Excel e che migliorino sia l’integrazione fra i vari processi aziendali che la sicurezza.

“Credo che questi tool possano consentire agli sviluppatori come noi di trarre vantaggio dal MS.NET Framework e scrivere codice che sia più efficiente e sicuro”, ha affermato Kevin Schuler, presidente di InDepth Technology.

Con questi nuovi strumenti gli sviluppatori possono avvalersi dell’editor e del debugger di Visual Studio.NET 2003 per progettare nuove applicazioni per Office 11, creare nuove interfacce o personalizzare quelle esistenti, lavorare con dati in formato XML e scrivere componenti lato server.

Per quanto riguarda la sicurezza, Microsoft sostiene che l’integrazione di VSTfO con il MS.NET Framework dovrebbe garantire che in Word ed Excel giri soltanto codice fidato e privo di funzionalità malevoli.

Microsoft ha tenuto a sottolineare come VSTfO non andrà a rimpiazzare Visual Basic for Applications (VBA), l’ambiente di sviluppo tradizionalmente integrato in Office, ma ne diverrà uno strumento complementare: VBA, che con Office 11 verrà ulteriormente potenziato, continuerà ad essere particolarmente dedicato a quei power user che vogliano personalizzare le applicazioni di Office attraverso script e macro.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    una ciofeca
    se lo sbattessero nel culo quel real player..uno schifo immane,non capisco perche' ancora non e' fallita questa ameba di societa.
  • cla scrive:
    SMIL!!!!
    Accidenti! E' l'unico formato del w3c e l'unico player che lo supporta è il real (In quanto ha partecipato alla stesura dello standard)... e solo nella versione su Win ...Speriamo che con un po' più di codice aperto si potrà estendere il supporto a questo formato ...Lo So sono un po' off topic ... :-)Cla
  • Anonimo scrive:
    Real Audio e portatile
    Novellino chiede aiuto... Sarebbe bello almeno poter ascoltare qualche file real audio sul portatile collegato al pc (con un cavo belkin; per l' http uso un proxy, AnalogX): qualcuno c' e' riuscito ? Neanche con http-tunnel e' possibile. Come fare ?
  • Anonimo scrive:
    E' troppo tardi....
    Real Video non ha mai decollato...chiuso in quel mastodonte di client succhia-risorse, lento,scomodo e affogato nella pubblicità in cui era.Poteva monopolizzare il mercato in un'epoca in cui non c'erano concorrenti,,,con un quicktime dai filmati di dimensioni assurde e gli asf della microsoft snobbati da tutti.Se ne sono fregati contro ogni legge del marketing e del buonsenso...sono andati diritti per la loro strada tenendosi stretti il loro segreti e anzi concentrandosi su un player di file multimediali universale...mp3, macromedia flash...ogg vorbis...invece di allargare il bacino di utenza magari realizzando plugins in active x snelli e performanti.Il mostro che cresceva in deformità......Nell'era della banda larga ormai...con windows media 9 dietro l'angolo,il formato NSV di winamp e quanti altri.... i loro algoritmi di compressione invece di diffonderli nell'universo open source..farebbero meglio a gettarli alle ortiche..
Chiudi i commenti