Microsoft, pace fatta con Alcatel-Lucent

Punto finale dello scontro brevettuale che per anni ha tenuto impegnate le due aziende

Roma – Microsoft e Alcatel-Lucent hanno raggiunto un accordo che pone fine alla controversia che le contrapponeva ormai da sette anni per la paternità di una tecnologia legata alla gestione degli appuntamenti sui calendari digitali.

Una giuria statunitense aveva stabilito ad agosto che Redmond pagasse la multinazionale francese per l’infrazione di brevetti software una somma pari a 70 milioni di dollari, diventati poi appena due mesi fa poco meno di 30: molto di meno di quanto stabilito dai precedenti gradi di giudizio e da quanto chiesto dall’accusa.

I dettagli del nuovo accordo rimangono riservati, ma le parti hanno chiesto congiuntamente al giudice di far cadere tutte le accuse legate al caso, e ciascuno ha accettato di pagare le proprie spese legali. (C.T.)

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • TADsince1995 scrive:
    Ecco a posto...
    E io avevo appena acquistato una (ottima) playsport... Speriamo di non aver mai bisogno dell'assistenza o di dover cambiare la batteria! :s
  • stragatto scrive:
    la pellicola non è ancora morta
    Se c'è qualcosa che ha qualche probabilità di sopravvivenza delle attività della Kodak questa è proprio la pellicola, il cui principale mercato non è mai stato quello amatoriale, ma semmai quello cinematografico. E comunque, anche se dovesse morire Kodak, questo non significa certo la morte della pellicola. Fuji, Ilford, Rollei, Efke, Foma sono solo alcuni dei produttori ancora saldamente sul mercato.
    • IngSoc scrive:
      Re: la pellicola non è ancora morta
      La pellicola probabilmente non morirà mai, quello che è già morto, però, è il consumo di massa della pellicola sul quale si basava il business di Kodak. Non a caso Futji ha messo sul mercato nuovi prodotti analogici ma, al tempo stesso e sopratutto, è impegnatissima sul fronte digitale.Impostare il proprio core business sulla pellicola, secondo me, sarebbe un suicidio.
      • iRoby scrive:
        Re: la pellicola non è ancora morta
        Le riprese per cogliere dettagli in movimenti molto veloci, con videocamere a pellicola che scorrono velocissime sono impossibili col digitale. Non esiste oggi alcun chip+bus+memoria tanto veloce da poter immagazzinare quella quantità di fotogrammi ad alta definizione a quella velocità.
        • panda rossa scrive:
          Re: la pellicola non è ancora morta
          - Scritto da: iRoby
          Le riprese per cogliere dettagli in movimenti
          molto veloci, con videocamere a pellicola che
          scorrono velocissime sono impossibili col
          digitale. Non esiste oggi alcun chip+bus+memoria
          tanto veloce da poter immagazzinare quella
          quantità di fotogrammi ad alta definizione a
          quella
          velocità.Pero' puoi costruire una macchina con N videocamere collegate ad un software che le fa scattare sfasate di quei nanosecondi di intervallo l'una dall'altra e ottenere lo stesso risultato.
        • becker scrive:
          Re: la pellicola non è ancora morta
          - Scritto da: iRoby
          Le riprese per cogliere dettagli in movimenti
          molto veloci, con videocamere a pellicola che
          scorrono velocissime sono impossibili col
          digitale. Non esiste oggi alcun chip+bus+memoria
          tanto veloce da poter immagazzinare quella
          quantità di fotogrammi ad alta definizione a
          quella
          velocità.la fotografia ad altissima velocità interessa a pochi, serve forse al limite ai ricercatori che posso farsi produrre la pellicola su commissione o la se la fanno in laboratorionessuno si mette a produrla per poche persone e al limite costerebbe molto..I negozi al dettaglio non hanno interesse ad acquistare i rullini se la domanda è troppo bassa...Basta vedere nei negozi, secondo me le poche pellicole che hanno sono solo rimanenze..Le macchine fotografiche digitali permettono di non sprecare risorse per produrre pellicole, questo è una cosa buona...
  • cognome scrive:
    Titolo articolo offensivo
    L'autore di questo articolo non era manco uno spermatozoo quando davano la pubblicità "ciribiribi, kodak", il robottino che pubblicizzava i loro prodotti.Il mondo della fotografia e del cinema è esistito grazie a loro. Certi prodotti sono stati precursori di altri prodotti, che oggi si chiama digitale.Kodak non ha solo prodotto pellicole, ma anche floppy e tante altre cose, macchinette usa e getta e molto altro.L'articolo mi sembra riduttivo e offensivo per una azienda che ha appportato esclusivamente tecnologia e non gadget ridicoli.E' vero, la gente oggi vuole un iPhone, un vibratore, un frullatore.Kodak non fa queste cose, non le ha mai fatte.Si, le altre aziende, come Intel o Motorola, producevano merdosi chip, ma poi hanno capito che se non volevano affogare dovevano sXXXXXrsi le mani, facendo cellulari o assemblare direttamente PC.Kodak non lo ha fatto, al massimo ha rimarchiato pennette USB.Non credo che l'azienda fallirà, ma se ciò dovesse accadere, si ripete la storia di Amiga e della Commodore.
    • panda rossa scrive:
      Re: Titolo articolo offensivo
      - Scritto da: cognome
      L'autore di questo articolo non era manco uno
      spermatozoo quando davano la pubblicità
      "ciribiribi, kodak", il robottino che
      pubblicizzava i loro
      prodotti.
      Il mondo della fotografia e del cinema è esistito
      grazie a loro. Certi prodotti sono stati
      precursori di altri prodotti, che oggi si chiama
      digitale.
      Kodak non ha solo prodotto pellicole, ma anche
      floppy e tante altre cose, macchinette usa e
      getta e molto
      altro.Michelangelo viene ricordato su tutti i libri di storia.Anche Kodak verra' ricordata su tutti i libri di storia.Nessuno ha il diritto di sopravvivere se non fornisce piu' prodotti o servizi utili, neppure se lo sono stati per oltre un secolo.
      • fiffisucchi ella scrive:
        Re: Titolo articolo offensivo
        - Scritto da: panda rossa
        Michelangelo viene ricordato su tutti i libri di
        storia.
        Anche Kodak verra' ricordata su tutti i libri di
        storia.

        Nessuno ha il diritto di sopravvivere se non
        fornisce piu' prodotti o servizi utili, neppure
        se lo sono stati per oltre un
        secolo.tu quindi consideri parassita chiunque non sia utile a te.ma lui potrebbe (con la stessa autorità che hai tu per dire questo) ritenere inutile te, per lui.E nonostante questo non mi pare che ci sia tra i Diritti Dell'Uomo quello di vivere "solo se sei utile"Mi sembrano i prodromi di qualsiasi fascismo/nazismo guidato dalla visione ottocentesca industriale.Roba da fosse comuni, alla fin fine ... molto brutto. Si, asciutto e pulito (come ...) se detto così in un formu a fare i fichetti economisti, ma umanamente disgustoso se pensato su di te, di me, tua mamma, mia nonna, il tuo ex collega, tuo figlio.Non utile = morire ?brrrrrrrrrrrrrrrrrrr :-S
        • sbrotfl scrive:
          Re: Titolo articolo offensivo
          - Scritto da: fiffisucchi ella
          - Scritto da: panda rossa



          Michelangelo viene ricordato su tutti i libri di

          storia.

          Anche Kodak verra' ricordata su tutti i libri di

          storia.



          Nessuno ha il diritto di sopravvivere se non

          fornisce piu' prodotti o servizi utili, neppure

          se lo sono stati per oltre un

          secolo.

          tu quindi consideri parassita chiunque non sia
          utile a
          te.
          ma lui potrebbe (con la stessa autorità che hai
          tu per dire questo) ritenere inutile te, per
          lui.

          E nonostante questo non mi pare che ci sia tra i
          Diritti Dell'Uomo quello di vivere "solo se sei
          utile"

          Mi sembrano i prodromi di qualsiasi
          fascismo/nazismo guidato dalla visione
          ottocentesca
          industriale.

          Roba da fosse comuni, alla fin fine ... molto
          brutto. Si, asciutto e pulito (come ...) se detto
          così in un formu a fare i fichetti economisti, ma
          umanamente disgustoso se pensato su di te, di me,
          tua mamma, mia nonna, il tuo ex collega, tuo
          figlio.

          Non utile = morire ?

          brrrrrrrrrrrrrrrrrrr :-SSi e no... diciamo che nessuno ti uccide se sei inutile... ma se non riesci a sopravvivere ti fai in quattro per riuscirci(adattamento) ma se non ce la fai non cerchi di obbligare gli altri a sostenerti(lobby).
        • panda rossa scrive:
          Re: Titolo articolo offensivo
          - Scritto da: fiffisucchi ella

          tu quindi consideri parassita chiunque non sia
          utile a te.Considero parassita chiunque non sia utile a me, ma che pretenda da me di avere qualcosa!Tu puoi benissimo essere inutile al mondo, basta che te ne stai a casa tua a renderti inutile.
          ma lui potrebbe (con la stessa autorità che hai
          tu per dire questo) ritenere inutile te, per lui.Benissimo. Io mica vado da lui a chiedere niente.
          E nonostante questo non mi pare che ci sia tra i
          Diritti Dell'Uomo quello di vivere "solo se sei
          utile"Questo che c'entra?
          Mi sembrano i prodromi di qualsiasi
          fascismo/nazismo guidato dalla visione
          ottocentesca industriale.Legge di Godwin in arrivo?
          Roba da fosse comuni, alla fin fine ... molto
          brutto. Si, asciutto e pulito (come ...) se detto
          così in un formu a fare i fichetti economisti, ma
          umanamente disgustoso se pensato su di te, di me,
          tua mamma, mia nonna, il tuo ex collega, tuo
          figlio.

          Non utile = morire ?

          brrrrrrrrrrrrrrrrrrr :-SNon hai capito niente, oppure vuoi capire le cose a modo tuo.
          • becker scrive:
            Re: Titolo articolo offensivo
            il discorso è semplice: 1. Nessuno sta dicendo di elimare chi è inutile. 2. Ognuno è libero di produrre e creare quello che vuole con le proprie risorse, ma se queste cose interessano solo a pochi non può pretendere di avere sovvenzioni aiuti dalla collettività per mantere in vita qualcosa che è obsoleto.Insomma in poche parole ognuno può produrre quello che vuole ma non deve pesare sulla collettività.Poi basta ache citare una legge relativa alla selezione naturale. Kodak non è riuscità ad adattarsi (nel nostro caso alla domanda e tecnologia) e quindi rischia di "estinguersi".
    • el cid scrive:
      Re: Titolo articolo offensivo
      valore aggiunto di questo post?così, giusto per sapere
      • sghembo scrive:
        Re: Titolo articolo offensivo
        - Scritto da: el cid
        valore aggiunto di questo post?
        così, giusto per saperericorsivo e includente il tuo+ "valore aggiunto" : why?
    • sbrotfl scrive:
      Re: Titolo articolo offensivo
      - Scritto da: cognome
      L'autore di questo articolo non era manco uno
      spermatozoo quando davano la pubblicità
      "ciribiribi, kodak", il robottino che
      pubblicizzava i loro
      prodotti.
      Il mondo della fotografia e del cinema è esistito
      grazie a loro. Certi prodotti sono stati
      precursori di altri prodotti, che oggi si chiama
      digitale.
      Kodak non ha solo prodotto pellicole, ma anche
      floppy e tante altre cose, macchinette usa e
      getta e molto
      altro.
      L'articolo mi sembra riduttivo e offensivo per
      una azienda che ha appportato esclusivamente
      tecnologia e non gadget
      ridicoli.
      E' vero, la gente oggi vuole un iPhone, un
      vibratore, un
      frullatore.
      Kodak non fa queste cose, non le ha mai fatte.

      Si, le altre aziende, come Intel o Motorola,
      producevano merdosi chip, ma poi hanno capito che
      se non volevano affogare dovevano sXXXXXrsi le
      mani, facendo cellulari o assemblare direttamente
      PC.
      Kodak non lo ha fatto, al massimo ha rimarchiato
      pennette
      USB.

      Non credo che l'azienda fallirà, ma se ciò
      dovesse accadere, si ripete la storia di Amiga e
      della
      Commodore.Sono d'accordo sul titolo... potevano risparmiarselo
  • grubbolo scrive:
    Who's next
    [img]http://img835.imageshack.us/img835/2883/analogretirement1.jpg[/img]
  • iRoby scrive:
    Stampa a basso costo
    Kodak stava avendo sucXXXXX con stampanti economiche e con costi di stampa molto bassi.9 per il nero e 15 per il colore.http://www.fotozona.it/magazine/kodak-stampa-fotografica-basso-costo-19691Che sia stata affossata anche per questo?
    • Sgabbio scrive:
      Re: Stampa a basso costo
      - Scritto da: iRoby
      Kodak stava avendo sucXXXXX con stampanti
      economiche e con costi di stampa molto
      bassi.
      9 per il nero e 15 per il colore.

      http://www.fotozona.it/magazine/kodak-stampa-fotog

      Che sia stata affossata anche per questo?Sapero.... :D
    • MacGeek scrive:
      Re: Stampa a basso costo
      Non conoscevo. Provate?Comunque Chapter 11 non significa automaticamente che ha chiuso.Significa che deve fare una drastica ristrutturazione controllata. Qualche volta qualche azienda si riprende dal Chapter 11, anche se non credo spesso.
  • dying democracy scrive:
    Kodak, Apple poco contano
    Qui non importa chi e perchè fallisce, il problema è che si sta realizzando il piano delle elite di ricconi che governano il mondo. Questi è dagli anni '70 che ci vogliono ridurre in povertà e schiavitù, vogliono impoverire gli stati (e con l'Euro ce l'hanno fatta). Gli stati, non avendo una moneta sovrana, non possono spendere a debito per cittadini e imprese e succede che le aziende chiudono e la gente resta senza lavoro e con meno servizi pubblici. Ci tocca tirare la cinghia e le elite si ingrassano coi nostri debiti e coi debiti delle banche. E noi stiamo qui a discutere che la Concordia è affondata per il "gioco" dell'inchino e intanto quella che affonda è la democrazia, per la quale in passato è morta tanta gente, tanti veri eroi! Kodak è una delle tante realtà che muoiono nella morsa di questa crisi pilotata, non è la prima e non è sicuramente l'ultima...
    • crisdego scrive:
      Re: Kodak, Apple poco contano
      ti sei dimenticato di mettere dentro i Rettiliani!
      • dying democracy scrive:
        Re: Kodak, Apple poco contano
        Le nuove generazioni sono le più facilmente manipolabili e tu ne sei la prova vivente (o vegetante, perchè il tuo non è vivere). Invece che leggere Topolino, leggiti i blog dei vari Giuglietto Chiesa e Paolo Barnard e pensa che il futuro è anche tuo e dei tuoi figli ed è fuori dalla porta non nello schermo di un PC o una TV. Sveglia!
        • panda rossa scrive:
          Re: Kodak, Apple poco contano
          - Scritto da: dying democracy
          Invece
          che leggere Topolino, leggiti i blog dei vari
          Giuglietto Chiesa e Paolo Barnard(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)Guarda, tornatene pure nei tuoi blog preferiti a commentare, che qui dentro ci sono troppe scie chimiche per i tuoi gusti.
          • iRoby scrive:
            Re: Kodak, Apple poco contano
            Non ha torto in ciò che scrive. Ma allargare a Kodak il problema della sovranità monetaria è un po' una forzatura, anche se la cosa c'entra solo di striscio.Nel senso che meno soldi in giro meno prodotti comprati e i produttori più deboli ed esposti sono i primi a fallire.Comunque dato che ha citato Paolo Barnard, vorrei segnalare la preparazione del Modern Money Theory meeting che si terrà in centro-nord Italia a fine febbraio.Gli invitati sono i massimi economisti (non corrotti) del mondo, tra cui i consulenti del governo argentino che hanno aiutato quel paese ad uscire dalla crisi.http://paolobarnard.info/intervento_mostra_go.php?id=283Paolo Barnard è l'ideatore della trasmissione Report di Rai3.Se volete veramente sapere come funziona la truffa finanziaria internazionale e qual'è la vera via d'uscita, dovete partecipare. Ci sarà gente veramente in gamba, i migliori economisti del mondo, non schierati con l'ideologia neoclassica neocapitalista.
          • iRoby scrive:
            Re: Kodak, Apple poco contano
            POST DOPPIO CAUSA PROBLEMI DI RETE.DA ELIMINARE-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 19 gennaio 2012 17.22-----------------------------------------------------------
        • controlli a campione scrive:
          Re: Kodak, Apple poco contano
          - Scritto da: dying democracy
          Le nuove generazioni sono le più facilmente
          manipolabili e tu ne sei la prova vivente (o
          vegetante, perchè il tuo non è vivere). Invece
          che leggere Topolino, leggiti i blog dei vari
          <b
          Giuglietto Chiesa e Paolo Barnard </b
          (rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl) <b
          SPARISCI </b
          .
      • fiffisucchi ella scrive:
        Re: Kodak, Apple poco contano
        - Scritto da: crisdego
        ti sei dimenticato di mettere dentro i Rettiliani!pensa ai rettiliani quando, dopo aver perso la casa precedentemente ipotecata, non troverai NESSUN tipo di lavoro.
  • OmbraDelTem po scrive:
    dopo oltre cento anni di storia
    Se ne va un colosso. 132 anni. E qualcuno sta qua a discutere degli ultimi 5 di apple.
    • MacGeek scrive:
      Re: dopo oltre cento anni di storia
      È un pezzo di storia che se ne va.D'altra parte il mondo gli è cambiato sotto i piedi, non tutti sono capaci di riciclarsi e mettersi a fare altre cose.
      • James Kirk scrive:
        Re: dopo oltre cento anni di storia
        - Scritto da: MacGeek
        D'altra parte il mondo gli è cambiato sotto i
        piedi, non tutti sono capaci di riciclarsi e
        mettersi a fare altre
        cose.Salvo avere dirigenti superpagati per far si che la compagnia rincorra (o cavalchi) i cambiamenti.Jobs lo ha fatto quando è rientrato in Apple, trasformando una azienda orientata ai computer in un'altra orientata ad altri prodotti.Kodak era leader indiscusso della pellicola e pare non si sia accorta del digitale, pur avendo tutti i mezzi finanziari per entrare in questo mondo; questo si chiama addormentarsi.Niente lacrime quindi!
        • MacGeek scrive:
          Re: dopo oltre cento anni di storia
          - Scritto da: James Kirk
          Salvo avere dirigenti superpagati per far si che
          la compagnia rincorra (o cavalchi) i
          cambiamenti.

          Jobs lo ha fatto quando è rientrato in Apple,
          trasformando una azienda orientata ai computer in
          un'altra orientata ad altri
          prodotti.

          Kodak era leader indiscusso della pellicola e
          pare non si sia accorta del digitale, pur avendo
          tutti i mezzi finanziari per entrare in questo
          mondo; questo si chiama
          addormentarsi.Non bastano i soldi. Bisogna essere capaci. Kodak era brava a fare pellicole. Fare fotocamere digitali è un altro mestiere. Già c'erano le varie Nikon, Canon, Sony, ecc. Non è facile per nessuno entrare in un mercato maturo e competere alla pari.Sì Apple c'è riuscita più volte, ma Jobs era un genio.
        • Shrike scrive:
          Re: dopo oltre cento anni di storia

          Jobs lo ha fatto quando è rientrato in Apple,
          trasformando una azienda orientata ai computer in
          un'altra orientata alla moda e al design
        • uno qualsiasi scrive:
          Re: dopo oltre cento anni di storia

          Kodak era leader indiscusso della pellicola e
          pare non si sia accorta del digitaleNon si è accorta della fotografia digitale. L'ha solo inventata:http://www.petapixel.com/2010/08/05/the-worlds-first-digital-camera-by-kodak-and-steve-sasson/http://pluggedin.kodak.com/pluggedin/post/?id=687843
          • MacGeek scrive:
            Re: dopo oltre cento anni di storia
            Non sapevo, anche se sapevo che Kodak era tra le pioniere del digitale (chi si ricorda i PhotoCD?)Comunque è incredibile che progressi che sono riusciti a fare in (relativamente) pochi anni...
          • James Kirk scrive:
            Re: dopo oltre cento anni di storia
            - Scritto da: uno qualsiasi
            Non si è accorta della fotografia digitale. L'ha
            solo
            inventata:
            Non ne avevo idea, ne conosco la storia della Kodak, ma comunque,,in questo caso, il giudizio è ancora più negativo.
    • panda rossa scrive:
      Re: dopo oltre cento anni di storia
      - Scritto da: OmbraDelTem po
      Se ne va un colosso. 132 anni. E qualcuno sta qua
      a discutere degli ultimi 5 di
      apple.E se ne va dignitosamente, senza strillare, senza maledire internet, senza dare dei ladri a tutti quelli che si sono presi una fotocamera digitale e che non hanno piu' bisogno di pellicole.Il tramonto viene per tutti: venditori di ghiaccio, maniscalchi, fabbricanti di pellicole per fotocamere, videotecari... tutti vecchi mestieri che verranno ricordati nei musei di storia antica.
      • Sgabbio scrive:
        Re: dopo oltre cento anni di storia
        - Scritto da: panda rossa
        - Scritto da: OmbraDelTem po

        Se ne va un colosso. 132 anni. E qualcuno
        sta
        qua

        a discutere degli ultimi 5 di

        apple.

        E se ne va dignitosamente, senza strillare, senza
        maledire internet, senza dare dei ladri a tutti
        quelli che si sono presi una fotocamera digitale
        e che non hanno piu' bisogno di
        pellicole.

        Il tramonto viene per tutti: venditori di
        ghiaccio, maniscalchi, fabbricanti di pellicole
        per fotocamere, videotecari... tutti vecchi
        mestieri che verranno ricordati nei musei di
        storia
        antica.Mi risoulta che certi suoi concocorrenti si sono buttate nel frare macchine digitali, loro manco si sono degnati... cioè almeno provarci!
        • panda rossa scrive:
          Re: dopo oltre cento anni di storia
          - Scritto da: Sgabbio
          - Scritto da: panda rossa

          - Scritto da: OmbraDelTem po


          Se ne va un colosso. 132 anni. E qualcuno

          sta

          qua


          a discutere degli ultimi 5 di


          apple.



          E se ne va dignitosamente, senza strillare,
          senza

          maledire internet, senza dare dei ladri a tutti

          quelli che si sono presi una fotocamera digitale

          e che non hanno piu' bisogno di

          pellicole.



          Il tramonto viene per tutti: venditori di

          ghiaccio, maniscalchi, fabbricanti di pellicole

          per fotocamere, videotecari... tutti vecchi

          mestieri che verranno ricordati nei musei di

          storia

          antica.

          Mi risoulta che certi suoi concocorrenti si sono
          buttate nel frare macchine digitali, loro manco
          si sono degnati... cioè almeno
          provarci!Oppure potrebbero riciclarsi nel business delle cartine stradali.
          • Sgabbio scrive:
            Re: dopo oltre cento anni di storia
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: Sgabbio

            - Scritto da: panda rossa


            - Scritto da: OmbraDelTem po



            Se ne va un colosso. 132 anni. E
            qualcuno


            sta


            qua



            a discutere degli ultimi 5 di



            apple.





            E se ne va dignitosamente, senza
            strillare,

            senza


            maledire internet, senza dare dei ladri
            a
            tutti


            quelli che si sono presi una fotocamera
            digitale


            e che non hanno piu' bisogno di


            pellicole.





            Il tramonto viene per tutti: venditori
            di


            ghiaccio, maniscalchi, fabbricanti di
            pellicole


            per fotocamere, videotecari... tutti
            vecchi


            mestieri che verranno ricordati nei
            musei
            di


            storia


            antica.



            Mi risoulta che certi suoi concocorrenti si
            sono

            buttate nel frare macchine digitali, loro
            manco

            si sono degnati... cioè almeno

            provarci!

            Oppure potrebbero riciclarsi nel business delle
            cartine
            stradali.Pioù in alto qualcuno aveva postato che vendeva delle multi funziuni molto competitive... :D
        • MacGeek scrive:
          Re: dopo oltre cento anni di storia
          - Scritto da: Sgabbio
          Mi risoulta che certi suoi concocorrenti si sono
          buttate nel frare macchine digitali, loro manco
          si sono degnati... cioè almeno
          provarci!Guarda che le Kodak aveva fatto una delle prime reflex digitali full frame (oltre ad altre fotocamere di fascia bassa).http://it.wikipedia.org/wiki/Kodak_DCS_Pro_14nCi ha provato. Ma alla lunga non ha avuto sucXXXXX in quel campo che è molto competitivo.
        • BFidus scrive:
          Re: dopo oltre cento anni di storia
          - Scritto da: Sgabbio
          Mi risoulta che certi suoi concocorrenti si sono
          buttate nel frare macchine digitali, loro manco
          si sono degnati... cioè almeno
          provarci!Ehm...ma, almeno, parlare di cose che si sanno....http://shop.kodak.it/store/ekconseu/it_IT/list/Fotocamere_digitali/categoryID.28927200La kodak vende macchine fotografiche digitali.Evidentemente non e' cosi semplice stare in questo mercato pieno zeppo di concorrenti tra cui aziende leader nell'elettronica di consumo.Senza contare Nikon e Canon....
        • Joe Tornado scrive:
          Re: dopo oltre cento anni di storia
          Io ne ho una ... un prodotto essenziale, pagato circa 35 Euro. La uso sul lavoro !
        • UbuPinguino scrive:
          Re: dopo oltre cento anni di storia
          - Scritto da: Sgabbio
          ....
          Mi risoulta che certi suoi concocorrenti si sono
          buttate nel frare macchine digitali, loro manco
          si sono degnati... cioè almeno
          provarci!Io avevo una Kodak digitale e faceva ottime foto. Poi si è rotto il motore della messa a fuoco ed ho detto "basta Kodak". Due anni fa ho preso una Canon e, dopo due anni e un mese, si è rotta la messa a fuoco dell'obiettivo o il dispositivo stabilizzatore meccanico (le tratto bene, con a calci, ma è sucXXXXX). Ho tentato con una Samsung.......
      • ruppolo scrive:
        Re: dopo oltre cento anni di storia
        - Scritto da: panda rossa
        E se ne va dignitosamente,Trascinando in tribunale tutti quelli che può...Proprio "dignitosamente"...
        • Sgabbio scrive:
          Re: dopo oltre cento anni di storia
          Bhe, non è pratica esclusiva, purtroppo.
        • sbrotfl scrive:
          Re: dopo oltre cento anni di storia
          - Scritto da: ruppolo
          - Scritto da: panda rossa

          E se ne va dignitosamente,

          Trascinando in tribunale tutti quelli che può...

          Proprio "dignitosamente"...Mica è un bevetto apple quello di trascinare in tribunale!(troll)(troll1)(troll2)(troll3)(troll4)
        • panda rossa scrive:
          Re: dopo oltre cento anni di storia
          - Scritto da: ruppolo
          - Scritto da: panda rossa

          E se ne va dignitosamente,

          Trascinando in tribunale tutti quelli che può...

          Proprio "dignitosamente"...Ti ha forse dato del ladro perche' usi l'iPhone per fare le foto?
    • 1977 scrive:
      Re: dopo oltre cento anni di storia
      - Scritto da: OmbraDelTem po
      Se ne va un colosso. 132 anni. E qualcuno sta qua
      a discutere degli ultimi 5 di
      apple.Colosso dai piedi di argilla.Se sei così colosso, e non sei capace ad intuire i sintomi che ti porteranno alla morte, allora te la sei cercata.
Chiudi i commenti