Microsoft: questa sarà la scuola del futuro

Apre a Philadelphia la prima scuola firmata Microsoft per la didattica di domani: niente libri, solo laptop. WiFi ovunque e smart-card per l'autenticazione ed il monitoraggio degli studenti

Philadelphia (USA) – Microsoft ha un progetto per rivoluzionare le dinamiche didattiche della scuola superiore, utilizzando un cocktail a base d’informatica, smart-card ed iperconnettività. Niente più libri o lavagne, ma laptop per gli studenti e schermi “intelligenti” per i docenti: l’iniziativa ha già mosso i primi passi e la prima School of the Future aprirà i battenti tra pochissimi giorni. Il primo istituto ad alta tecnologia , realizzato secondo le indicazioni dello stesso Bill Gates, nascerà nella periferia profonda di Philadelphia.

Il costo di realizzazione di questa scuola, pensata per offrire grandi prospettive di formazione ad una popolazione studentesca di 750 persone, si aggira attorno ai 63 milioni di dollari . Gli studenti della School of the Future di Philadelphia, selezionati a caso tra le famiglie più indigenti, saranno equipaggiati di computer portatili e smart-card identificative: ciascun servizio erogato dall’istituto, dalla mensa fino agli armadietti personali, opererà secondo criteri d’autenticazione elettronica.

Ogni studente avrà un profilo elettronico per registrare voti, assenze ed altre informazioni di curriculum. Internet sarà ovunque, grazie all’impiego estensivo di punti d’accesso WiFi . Niente libri e niente lezioni frontali: tutta la didattica, grazie ad un personale docente competente in materia informatica, avverrà in modo interattivo grazie all’uso di grandi schermi connessi ad una vera e propria mediateca. Durante le lezioni, gli insegnanti potranno effettuare collegamenti ad Internet così come visualizzare filmati e foto, mentre gli studenti potranno partecipare direttamente alle discussioni e scrivere sulla lavagna elettronica.

L’impronta formativa dei corsi alla School of the Future , in base alle dichiarazioni rilasciate dalla preside Shirley Grover, avrà una spiccata inclinazione contemporanea. “Imparare non è solo andare a scuola”, ha dichiarato la Grover ai reporter di AP , “ma imparare significa vivere”. Proprio per questo motivo, gli insegnanti della scuola secondo Microsoft seguiranno programmi fortemente ancorati all’attualità, infarciti con numerose nozioni di management e strategia decisionale, con l’aiuto di esperti provenienti da Redmond.

La scuola del futuro preparerà i Bill Gates di dopodomani? La maggior parte degli studenti che avranno il privilegio di frequentare la School of the Future di Philadelphia può avere grandi aspettative. Doug Lynch, rettore della facoltà di scienze dell’educazione presso l’ Università del Pennsylvania , preferisce andarci cauto: “È bene sperimentare nuovi metodi d’apprendimento ma bisogna fare attenzione, perché la scuola influisce in modo determinante nella vita dei giovani individui”.

Tommaso Lombardi

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • pikappa scrive:
    DRM
    Come sempre, niente di nuovo da vedere
  • Anonimo scrive:
    1,2 €
    Sotto casa mia c'è un negozio "noleggiatore automatico" ... fra bonus etc il noleggio di un DVD per 6 ore mi costa 1,2(la mia zona è tutta cablata con fibra fastweb, se fai prezzi alti la gente passa al P2P)Cara amazon, non pensi che i tuoi 3 euro (più dowload più incompatibilità varie più peggior qualità) siano un filino fuori mercato?
  • Anonimo scrive:
    3,99 per un noleggio?!
    Ma stiamo scherzando? :| Al videonoleggio sotto casa i film costano ben 1,50 Euro! E non devo nemmeno passare svariate ore attaccato ad un modem per poterlo vedere :)
  • Anonimo scrive:
    Il programma si chiama.....
    FairUse4WM no freeuse4wm(cylon)
  • UOMOLIBERO scrive:
    Amazon come hai potuto!
    Adotti Software Libero per i tuoi server! Ma poi cedi al ricatto di usare il DRM per poter vendere film.Ma la gente non è scema, il DRM non lo vuole. Non vuole licenze capestro, file protetti, film encodati con formati proprietari e coperti da brevetto! E il tutto a prezzi irragionevoli.
    • Anonimo scrive:
      Re: Amazon come hai potuto!
      - Scritto da: UOMOLIBERO
      Adotti Software Libero per i tuoi server! Ma poi
      cedi al ricatto di usare il DRM per poter vendere
      film.
      Ma la gente non è scema, il DRM non lo vuole. Non
      vuole licenze capestro, file protetti, film
      encodati con formati proprietari e coperti da
      brevetto! E il tutto a prezzi
      irragionevoli.La gente non è scema.Non vuole licenze capestro.E il tutto a prezzi irragionevoli.Per il DRM ne possiamo anche pagare semi fai risparmiare dei soldi...
  • Anonimo scrive:
    Unbox è un fallimento!
    CNN da un chiaro riassunto della situazione:http://money.cnn.com/2006/09/11/technology/moviedownloads/?postversion=2006091112la gente paga i filmati e non riesce a vederli:http://reviews.cnet.com/4531-10921_7-6636289.htmlhttp://weblogs.jupiterresearch.com/analysts/gartenberg/archives/017016.htmle per chi non capisce l'inglese:http://www.macitynet.it/macity/aA25630/index.shtmlin sostanza...- No living room experience- No guarantee of a good portable experience- No support for anything other than Amazon's Media Player on a hefty Windows XP computer -No discount for all these restrictions. - No customers....Insomma chi parla di Amazon ne parla male, l'unica buona notizia per Amazon è che domani esce "Showtime" della Apple e nessuno più parlerà di Amazon!! :$ 8)(apple)(linux)
    • Anonimo scrive:
      Re: Unbox è un fallimento!

      l'unica buona notizia per Amazon è che domani
      esce "Showtime" della Apple e nessuno più parlerà
      di
      Amazon!!

      :$ 8)(apple)(linux)Quando il monopolista è Gates, tutti a scandalizzarsi, ma se si tratta di Jobs allora tutti a fare il tifo. E' proprio vero che va a simpatia!C'è da dire che se la concorrenza è questa, la Apple si trova davanti un'autostrada spianata e completamente libera.
      • Anonimo scrive:
        Re: Unbox è un fallimento!
        - Scritto da:

        l'unica buona notizia per Amazon è che domani

        esce "Showtime" della Apple e nessuno più
        parlerà

        di

        Amazon!!



        :$ 8)(apple)(linux)

        Quando il monopolista è Gates, tutti a
        scandalizzarsi, ma se si tratta di Jobs allora
        tutti a fare il tifo. E' proprio vero che va a
        simpatia!
        C'è da dire che se la concorrenza è questa, la
        Apple si trova davanti un'autostrada spianata e
        completamente
        libera.ma quale tifo?"c'è da dire che se la concorrenza è questa" l'hai detto tu mica io... quindi hai realizzato quale schifo sia il la proposta Amazon?se "gli altri" tirano fuori queste porcherie e si aspettano che noi le compriamo... io tiferei pure per mia nonna Carolina....
        • Anonimo scrive:
          Re: Unbox è un fallimento!
          Beh, comunque anche lo Showtime di Apple pare essere una delusione. Sono tutti ingessati con la vendita dei film via web. Probabilmente sentono tutti il fiato delle majors sul collo.
          • Anonimo scrive:
            Re: Unbox è un fallimento!
            - Scritto da:
            Beh, comunque anche lo Showtime di Apple pare
            essere una delusione. Sono tutti ingessati con la
            vendita dei film via web. Probabilmente sentono
            tutti il fiato delle majors sul
            collo.già, hanno visto come iTunes ha "strozzato" l'ingordigia della banda del disco... opss delle majors del disco.... e ci penseranno 4 volte prima di fare la stessa fine...
          • Anonimo scrive:
            Apple oggi ha meno restrizzioni sui DRM
            - Scritto da:

            - Scritto da:

            Beh, comunque anche lo Showtime di Apple pare

            essere una delusione. Sono tutti ingessati con
            la

            vendita dei film via web. Probabilmente sentono

            tutti il fiato delle majors sul

            collo.

            già, hanno visto come iTunes ha "strozzato"
            l'ingordigia della banda del disco... opss delle
            majors del disco.... e ci penseranno 4 volte
            prima di fare la stessa
            fine...Apple oggi ha fatto vedere iTunes7 che permette la sincronia musicale e video su due PC diversi con lo stesso account, lavoro/casa o desktop/portatile ad esempio. La sincronia ora avviene in automatico anche passando per iPod.Insomma Apple oggi ha tolto una restrizione sul suo DRM, adesso la prossima mossa ai concorrenti... così magari entro il 2010 ce li togliamo dalle O.O questi DRM del r@zzo!
Chiudi i commenti