Microsoft: sulle licenze abbiamo sbagliato

Il CEO di Microsoft ammette che il nuovo sistema di licenze del software ha infastidito i clienti dell'azienda. E promette: semplificheremo
Il CEO di Microsoft ammette che il nuovo sistema di licenze del software ha infastidito i clienti dell'azienda. E promette: semplificheremo


Roma – Steve Ballmer, CEO di Microsoft, ha ammesso nelle scorse ore che il sistema di licenze del software della sua azienda introdotto in due fasi nei mesi scorsi ha disturbato molti clienti, al punto da indurre il colosso del software a cambiare rotta.

“Ci sono ancora clienti oggi – ha affermato Ballmer – che ci dicono di non capire i nostri accordi di licenza. Perché sono lunghi e complicati. Quindi intendiamo semplificarli”.

Come si ricorderà, le novità riguardano soprattutto la messa in campo di opzioni, per i clienti che lo desiderano, di acquisire in qualsiasi momento una licenza completa oppure ottenere un prezzo bloccato per i successivi aggiornamenti del software, opzioni evidentemente un po’ troppo complesse e che hanno forse contribuito anche al calo di vendite di prodotti di punta, come la suite da ufficio Office.

Ballmer ha ammesso che la rivoluzione delle licenze è finita per pesare economicamente sui clienti e ha sottolineato come questo sia un problema. “Quello che ora sappiamo – ha spiegato – è che non semplificheremo nulla se questo finisce per causare un qualsiasi problema come quello che abbiamo visto sul piano finanziario per alcuni nostri clienti”.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

10 10 2002
Link copiato negli appunti