Microsoft: vogliono aprire Windows agli hacker

Questa la tesi del vicepresidente dell'azienda Jim Allchin, che ha presentato la sua testimonianza al procedimento antitrust contro l'azienda. Si avvia alla chiusura il balletto delle deposizioni pro-Microsoft


Washington (USA) – Fare quello che propongono gli stati che sostengono l’accusa contro Microsoft significherebbe rendere Windows più vulnerabile agli attacchi di hacker, cracker ed affini. Questa è la tesi con cui il vicepresidente Microsoft Jim Allchin ha voluto opporsi alle tesi degli stati nella deposizione scritta rilasciata ieri al tribunale che si occupa del procedimento antitrust contro il big di Redmond.

Allchin si riferisce alla proposta degli stati di fornire ai competitor di Microsoft tutte le informazioni necessarie a realizzare applicativi per Windows a condizioni paritarie rispetto a quelle dell’azienda di Bill Gates. “Fornire quelle informazioni – ha affermato Allchin – rende più facile compromettere i meccanismi di sicurezza di Windows e la posta per i nostri clienti è troppo alta, Microsoft non può assumersi un tale rischio”.

“Ritengo – ha insistito il manager – che fornire certe informazioni come richiesto dagli stati renderebbe più semplice agli hacker entrare nelle reti informatiche, ad individui o organizzazioni criminali diffondere virus informatici distruttivi e a persone senza etica piratare il sistema operativo Windows e porzioni importante dei contenuti prodotti da terze parti”.

Secondo Allchin è necessario che i rimedi eventualmente definiti dal tribunale sulla scorta della condanna per abuso di posizione dominante lascino comunque la possibilità a Microsoft di tenere per sé alcune porzioni di codice. Un elemento, questo, che fa esplicitamente parte dell’accordo-quadro con cui Microsoft ha definito nei mesi scorsi le accuse portate avanti da una parte degli stati che si erano schierati contro l’azienda e dal ministero della Giustizia.

Allchin ritiene che questo elemento “consente a Microsoft di salvaguardare le installazioni informatiche dei nostri clienti senza negare ai competitor le informazioni che possono voler utilizzare”.

Quella di Allchin è una delle ultime deposizioni che Microsoft intende presentare al giudice Coleen Kollar-Kotelly nei giorni in cui le è stato concesso di farlo. E quella di Allchin è infatti una deposizione che sembra “chiudere il cerchio” delle argomentazioni che in queste settimane sono state proposte dall’azienda.

Vediamo cosa è stato detto dagli altri testimoni, tra cui lo stesso Bill Gates.


WJ Sanders, chairman del chipmaker AMD, aveva dichiarato : “Qualsiasi soluzione pensata per frammentare la piattaforma Windows e dunque impedirne i benefici di una ampia compatibilità forniti da tale piattaforma, porterebbero l’industria indietro di almeno 20 anni, il tutto ad un costo tremendo per i consumatori e l’economia nazionale”.

Con una sfumatura diversa gli aveva fatto eco il professore del MIT Stuart Madnick, secondo cui imporre una revisione di Windows a Microsoft significherebbe puntare sulla riduzione delle funzionalità della piattaforma a svantaggio dei consumatori e ad esclusivo vantaggio dei competitor di Microsoft.

Ma in questo round di testimonianze è intervenuto anche lo stesso Bill Gates. Il chairman Microsoft ha parlato del rischio distruzione per Windows, sostenendo che invece la piattaforma va tutelata per il ruolo che svolge sul mercato. E ha attaccato le soluzioni proposte dall’accusa.

“Da come capisco la cosa – ha affermato – uno degli obiettivi principali sarebbe fornire la tecnologia Microsoft ai concorrenti dell’azienda così che questi possano costruire software funzionalmente equivalenti ai nostri prodotti subito e possano raggiungere tutte le nostre future innovazioni nei prossimi dieci anni”. “Io so – aveva concluso Gates – che Microsoft non avrebbe mai sviluppato Windows95, uno dei software che hanno avuto più successo nella storia, se queste richieste (quelle degli stati, NdR) fossero emerse negli anni ’90”.

A favorire la posizione di Microsoft, infine, erano giunte anche le dichiarazioni di Kevin Murphy, docente di economia all’Università di Chicago, secondo cui Netscape non ha mai rappresentato per Microsoft un problema tale da rappresentare una minaccia, come è invece emerso nel corso del processo. La deposizione di Murphy è però stata ampiamente contestata dall’accusa che ha ottenuto l’ammissione da parte del docente che questi ha iniziato a scrivere di software, e dunque ad occuparsi in modo specifico di problemi come quello del processo, soltanto dopo essere stato assunto come consulente dalla stessa Microsoft.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    futuro dei clienti
    CHI PUO' RISPONDERMI SUL FUTURO DI QUELLE CENTINAIA DI MIGLIAIA DI CLIENTI CHE HANNO DATO FIDUCIA A BLU COMPRANDO LE SCHEDE O ATTIVANDOSI UN CONTRATTO?GRADIREI RISPOSTA CERTA GRAZIE FEDERICO!!
    • Anonimo scrive:
      Re: futuro dei clienti
      ve lo siete beccati nel didietro.- Scritto da: FEDERICO
      CHI PUO' RISPONDERMI SUL FUTURO DI QUELLE
      CENTINAIA DI MIGLIAIA DI CLIENTI CHE HANNO
      DATO FIDUCIA A BLU COMPRANDO LE SCHEDE O
      ATTIVANDOSI UN CONTRATTO?GRADIREI RISPOSTA
      CERTA GRAZIE
      FEDERICO!!
  • Anonimo scrive:
    BLU R.I.P.
    Forse non avete presente i call-center Blu e dove sono localizzati (in Africa e in Etruria)!!!Sono posti di lavoro per parcheggiare giovani squattrinati che invece di darsi da fare per qualcosa di serio, si impiegano in questi porcilai.Questo fine è quella che meritano i dipendenti Blu!Nessun sussidio, NIENTE devono ottenere!!E per favore Vespa non mandarli in televisione che fanno ridere.
  • Anonimo scrive:
    gaudeamus!
    è brutto gioire delle disgrazie altrui, ma dopo aver affossato l' asta UMTS in Italia (e per effetto domino in Europa), cosa che noi tutti cittadini pagheremo salatamente con le nostre tasse, ci sto troppo godendo a questa notizia!Quando mi arriverà la cartella delle tasse penserò a voi dirigenti di Blu, mi piacerebbe tanto immaginarvi sui gradini di una chiesa con la gente che vi nega gli avanzi! (purtroppo però a rimetterci saranno solo gli utentie i vs dipendenti, perchè voi siete quelli che sono sempre a galla e con qualche poltrona, vero?)
    • Anonimo scrive:
      Re: gaudeamus!
      esatto la gente che ci lavora ci rimetterà veramente.Comunque, cattivi propositi iniziali a parte, il monopolio Tim ex-telecom e' ancora troppo forte e finiera' per strozzare anche altri...poi, con chi rimarra' , se gia' non e' cosi..si mettera' d'accordo e altro che telefonate ai prezzi di oggi
    • Anonimo scrive:
      Non hai capito niente!!!
      Dietro l' asta UMTS ci sono stati giochi sporchi da parte di Benetton.Semplificando ecco il suo ragionamento:1) Faccio una compagnia di cui detengo la metà delle azioni e in cui non spendo molti soldi2) Ho i soldi per comprare Tim ma l' UMTS è troppo costoso: mando quindi a puttane l' asta con la mia compagnia (Blu)3) Ho mandato a puttane l' asta: ora faccio la scalata a TIM (Telecom Italia Mer*a).4) Ho fatto la scalata e ora posso assorbire Blu così mi faccio un megaTim con i due milioni e mezzo di clienti Blu.5) Cavolo, Monti mi ha bloccato! Blu non deve sopravvivere: se verrà acquistata da Anthill con le sue ottime tariffe e con la Number portability ci frega i clienti (secondo le stime 4 milioni)E per ora la situazione arriva qui...
      • Anonimo scrive:
        Re: Non hai capito niente!!!
        - Scritto da: Fedex
        Dietro l' asta UMTS ci sono stati giochi
        sporchi da parte di Benetton.
        Semplificando ecco il suo ragionamento:
        1) Faccio una compagnia di cui detengo la
        metà delle azioni e in cui non spendo molti
        soldi
        2) Ho i soldi per comprare Tim ma l' UMTS è
        troppo costoso: mando quindi a puttane l'
        asta con la mia compagnia (Blu)
        3) Ho mandato a puttane l' asta: ora faccio
        la scalata a TIM (Telecom Italia Mer*a).
        4) Ho fatto la scalata e ora posso assorbire
        Blu così mi faccio un megaTim con i due
        milioni e mezzo di clienti Blu.
        5) Cavolo, Monti mi ha bloccato! Blu non
        deve sopravvivere: se verrà acquistata da
        Anthill con le sue ottime tariffe e con la
        Number portability ci frega i clienti
        (secondo le stime 4 milioni)

        E per ora la situazione arriva qui... a pensar amle si commette peccato...ma ci si azzecca quasi sempre!ottima foto della situazione, sono d'accordo con te quasi su tutto...sul punto 1 devo dire che forse erano partiti con altri intenti, ed hanno avuto buoni risultati dovuti ad una politica commerciale seria ed equilibrata ed un'ottima attenzione per il cliente. si doveva continuare, essendo disposti ad investire. ma poi...al punto 2 aggiungerei: "mandando a puttane l'asta e facendo risparmiare un po' di soldi a tim dopo averla scalata la troverò più in salute che mai, anche rispetto ai concorrenti europei che nelle aste si sono svenati..." in quell'asta c'è stato qualcosa di marcio, all'inizio era poco chiaro: adesso la nebbia si sta alzando.personalmente (sono un soddisfattissimo cliente Blu) sono molto amareggiato: alla fine ci rimetteranno:- dipendenti Blu (ma non certo gli azionisti)- abbonati Blu (avevano scelto la tariffa in base alle proprie necessità, cambiato numero, magari erano pure passati ad un cellulare dual band...)- abbonati degli altri operatori (minore concorrenza)- casse dello stato e quindi tutti: chi pensate che pagherà per evitare i licenziamenti dei dipendenti o per reimpiegarli nei posti pubblici?mgbert
        • Anonimo scrive:
          Re: Non hai capito niente!!!
          - Scritto da: mgbert
          - casse dello stato e quindi tutti: chi
          pensate che pagherà per evitare i
          licenziamenti dei dipendenti o per
          reimpiegarli nei posti pubblici?Deh i posti pubblici lasciamoli perdere che il pubblico fa già cagare adesso... mettiamoci anche mia nonna in carriola che ha la pensione bassa...
  • Anonimo scrive:
    Devono prendersela...
    ...con chi ha deciso che BLU dovesse avere solo un ruolo fittizio di ulteriore operatore inesistente con tariffe non competitive che potesse fare il gioco degli altri in settori scottanti come quello dell'UMTS, comunque, come al solito, il Coyote siamo noi, questo è tutto gente...
    • Anonimo scrive:
      Re: Devono prendersela...
      Non sono totalmente d'accordo con te.Sono cliente Blu :-( nonchè sistemista ed ex amministratore dei principali server web e wap di Blu stessa.Non è che dall'interno la situazione fosse splendente... comunque non sembrava poi troppo malvagia fino a qualche mese fa e tutto (più o meno) funzionava a dovere.- Scritto da: ???
      ...con chi ha deciso che BLU dovesse avere
      solo un ruolo fittizio di ulteriore
      operatore inesistente Su questo potrei essere d'accordo
      E' partita con tariffe non
      competitive che potesse fare il gioco degliQui NON sono d'accordo perchè ora come ora uso la mia scheda Blu per telefonare verso TUTTI i cellulari a 190 lire al minuto... :-)
      altri in settori scottanti come quello
      dell'UMTS, comunque, come al solito, il
      Coyote siamo noi, questo è tutto gente...Purtroppo (rowfl!!) la penso come te su questo
      • Anonimo scrive:
        Re: Devono prendersela...
        - Scritto da: bluDown
        Qui NON sono d'accordo perchè ora come ora
        uso la mia scheda Blu per telefonare verso
        TUTTI i cellulari a 190 lire al minuto...Eheheh idem idem :))
  • Anonimo scrive:
    e cosa pensano di fare?
    "Il popolo di blu è compatto e determinato a difendere la propria dignità e i propri diritti fino in fondo"e per renderlo effettivamente possibile, come faranno?creeranno denaro dal nulla?
    • Anonimo scrive:
      Re: e cosa pensano di fare?

      e per renderlo effettivamente possibile,
      come faranno?

      creeranno denaro dal nulla? No, come al solito imploreranno per ottenere qualche sussidio statale, ammortizzatore sociale, ecc. ecc. (tipo Olivetti qualche anno fa).... ma il bello è che si sapeva fin dal giorno che Blu è venuta al mondo che nel giro di qualche anno avrebbe fatto questa fine. E' il solito giochetto, si crea una società con mire faraoniche che non guadagna un soldo, si fanno debiti a palate e poi alla fine qualcuno si gode i soldi e i contribuenti tappano il buco. Non è la prima volta nè sarà l'ultima, qui da noi funziona così....
    • Anonimo scrive:
      Re: e cosa pensano di fare?
      Mortacci tua vorei vedette ar posto loro...
Chiudi i commenti