Mobile, anche Microsoft aggiusta i ranking

Bing seguirà l'esempio di Google nel penalizzare, nelle ricerche online, quei siti Web non ottimizzati per i gadget mobile. Sarà un cambiamento graduale, bilanciato, ma significativo.

Roma – Microsoft ha annunciato un nuovo approccio alla ricerca di siti e contenuti Web su Bing, con un aggiustamento degli algoritmi di classificazione (ranking) dei risultati delle ricerche e la promozione di quei siti identificati come “mobile friendly”.

Non è certo una novità assoluta, quella di Microsoft, visto che già il mese scorso era stata Google a scatenare la discussione sul cosiddetto “Mobilegeddon” e gli effetti potenzialmente devastanti dei nuovi ranking in favore dei siti capaci di fornire un’esperienza utente ideale sui micro-schermi di cellulari e dispositivi similari.

Nel caso di Bing, Microsoft parla di un cambiamento implementato nel rispetto di un “bilanciamento” tra la pertinenza dei risultati nelle ricerche e i design responsivi: i siti e le pagine Web “altamente rilevanti” in relazione a una ricerca continueranno a sostare ai piani alti del ranking, sostiene Redmond, e in questo caso non ci saranno penalizzazioni di sorta.

Per quanto riguarda gli elementi considerati dagli algoritmi di Bing per la nuova classifica mobile-centrica, poi, Microsoft parla di pulsanti troppo piccoli e link, di dimensioni del testo, della necessità di eseguire uno scrolling orizzontale, di plug-in non compatibili con gli OS mobile.

Le nuove modifiche ai ranking di Bing verranno implementate nel corso dei prossimi mesi, ha spiegato Microsoft, e agli amministratori dei siti interessati a non perdere posizioni non resta che apportare le necessarie modifiche al codice.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Quasi Espertone scrive:
    Ha ha ha ha ...
    Nel frattempo, raccomanda il Garante belga, gli amministratori dei siti che intendono integrare i plugin social di Facebook devono provvedere a informare adeguatamente gli utenti dei rischi per la privacy a cui vengono sottoposti e ottenere il loro consenso, eventualmente sfruttando gli strumenti tecnici già a loro disposizione. Quindi il solito banner che di dirà : "leggi l'informativa sulla privacy", dove tu puntualmente premerai su [Accetta].
  • xcaso scrive:
    va la gratta al lardo...
    Titolo anti zampetta."la raccolta dei dati attraverso i social plugin non è lecita senza un' informativa trasparente e senza il previo consenso del netizen."
  • ... scrive:
    particolarismi?!?!?
    Quindi le leggi europee sono particolarismi? Siete piu' fumati, squallidi e venduti di Dipre' (e ho detto tutto). Dottoressa Bottà, una cortesia, di cuore: va a fare in XXXX. Lei e questa baracca sozza, che dell'iniziale del "punto-informatico.it" conserva solo il nome.
  • Skywalker scrive:
    Complimenti
    all'autoaggiornamento che cancella la bozza del commento.Meglio, ormai questo sito era più che altro una vecchia abitudine.Ora di accantonarlo assieme ad ItaliaOnLine, Altavista e Virgilio....
    • bubba scrive:
      Re: Complimenti
      - Scritto da: Skywalker
      all'autoaggiornamento che cancella la bozza del
      commento.

      Meglio, ormai questo sito era più che altro una
      vecchia
      abitudine.
      Ora di accantonarlo assieme ad ItaliaOnLine,
      Altavista e
      Virgilio....si e' un gran cacamento di palle... pero' accessibility.blockautorefresh = true e passa la rottura [peccato solo che sia global
  • Skywalker scrive:
    Complimenti
    all'autoaggiornamento che cancella la bozza del commento.Meglio, ormai questo sito era più che altro una vecchia abitudine.Ora di accantonarlo assieme ad ItaliaOnLine, Altavista e Virgilio....
  • Katiusha scrive:
    Inutilità istituzionale
    "... non è lecita senza un'informativa trasparente e senza il previo consenso del netizen ."Ma anche così non cambierebbe niente!Quaesti sistemi stanno diventando così pervasivi che fra qualche anno rinunciarvi significherà essere di fatto esclusi dal consorzio "civile" e non si potrà far altro che firmare, come del resto accade già oggi con i contratti relativi al software, alle app, a internet, alle assicurazioni, ecc, zeppi di clausole che devono essere accettate, altrimenti vai da un altro; "un altro" chi?!Alla base sono tutti uguali, eccetto che per il software, e solo per quello open.Fumo negli occhi, oppure ingenuità istituzionale, forse anche peggio...
    • panda rossa scrive:
      Re: Inutilità istituzionale
      - Scritto da: Katiusha
      "... <i
      non è lecita senza un'informativa
      trasparente e senza il previo consenso del
      netizen </i
      ."
      Ma anche così non cambierebbe niente!
      Quaesti sistemi stanno diventando così pervasivi
      che fra qualche anno rinunciarvi significherà
      essere <i
      di fatto </i
      esclusi dal consorzio
      "civile" Fessbuk non e' un consorzio civile, e' un ovile per pecore.Solo la pecora ha bisogno dell'ovile.E il pastore alleva la pecora per tosarla, mungerla, amarla fisicamente, e alla fine mandarla al macello.
      • Elrond scrive:
        Re: Inutilità istituzionale
        - Scritto da: panda rossa
        - Scritto da: Katiusha

        "... <i
        non è lecita senza
        un'informativa

        trasparente e senza il previo consenso del

        netizen </i
        ."

        Ma anche così non cambierebbe niente!

        Quaesti sistemi stanno diventando così
        pervasivi

        che fra qualche anno rinunciarvi significherà

        essere <i
        di fatto </i

        esclusi dal
        consorzio

        "civile"

        Fessbuk non e' un consorzio civile, e' un ovile
        per
        pecore.
        Solo la pecora ha bisogno dell'ovile.
        E il pastore alleva la pecora per tosarla,
        mungerla, amarla fisicamente, e alla fine
        mandarla al
        macello.Di fatto... Se un "amico" mi "obbliga" ad avere un account su FB (o G+ o qualunque altra boiata simile) come unica via per rimanere in contatto con lui, evidentemente non è un'amicizia che valga la pena mantenere.
        • Obbligato scrive:
          Re: Inutilità istituzionale
          Se ti "obbliga"?In che senso ti obbliga?E ammesso e non conXXXXX se "crede di obbligarti" è comunque un cretino prepotente non un amico.
          • Elrond scrive:
            Re: Inutilità istituzionale
            - Scritto da: Obbligato
            Se ti "obbliga"?
            In che senso ti obbliga?
            E ammesso e non conXXXXX se "crede di obbligarti"
            è comunque un cretino prepotente non un
            amico.Mi "obbliga" (che comunque era tra virgolette anche prima) nel senso che si relazione con l'esterno prevalentemente usando FB, ignorando (volutamente o meno) altre forme di contatto. E non sarebbe il primo.
          • ... scrive:
            Re: Inutilità istituzionale
            - Scritto da: Elrond
            - Scritto da: Obbligato

            Se ti "obbliga"?

            In che senso ti obbliga?

            E ammesso e non conXXXXX se "crede di
            obbligarti"

            è comunque un cretino prepotente non un

            amico.

            Mi "obbliga" (che comunque era tra virgolette
            anche prima) nel senso che si relazione con
            l'esterno prevalentemente usando FB, ignorando
            (volutamente o meno) altre forme di contatto. E
            non sarebbe il
            primo.di XXXXX che pensano che internet=facebook se ne contano a centinaia di miglioni. Se facessero un virus che sterminasse dal primo all'ultimo quella gente li', e' vero si piangerebbe la scomparsa di un po' di amici e parenti, ma puoi vuoi mettere come crescerebbe la media dell'intellegenza sul pianeta? un picco pauroso verso l'alto con consegunete scatto evolutivo della razza (togli la riproduzione dei cretini e chi resta fara' figli mediamente piu' intelligenti).
          • Otorongo scrive:
            Re: Inutilità istituzionale
            Hai per caso parenti austriaci?Magari di Braunau am Inn?
      • ... scrive:
        Re: Inutilità istituzionale
        - Scritto da: panda rossa
        - Scritto da: Katiusha

        "... <i
        non è lecita senza
        un'informativa

        trasparente e senza il previo consenso del

        netizen </i
        ."

        Ma anche così non cambierebbe niente!

        Quaesti sistemi stanno diventando così
        pervasivi

        che fra qualche anno rinunciarvi significherà

        essere <i
        di fatto </i

        esclusi dal
        consorzio

        "civile"

        Fessbuk non e' un consorzio civile, e' un ovile
        per
        pecore.
        Solo la pecora ha bisogno dell'ovile.
        E il pastore alleva la pecora per tosarla,
        mungerla, amarla fisicamente, e alla fine
        mandarla al
        macello.il pastore alla pecora le mette un cappuccio in testa oppure gli piace limonare durante il coito?
        • panda rossa scrive:
          Re: Inutilità istituzionale
          - Scritto da: ...
          - Scritto da: panda rossa

          - Scritto da: Katiusha


          "... <i
          non è lecita senza

          un'informativa


          trasparente e senza il previo consenso del


          netizen </i
          ."


          Ma anche così non cambierebbe niente!


          Quaesti sistemi stanno diventando così

          pervasivi


          che fra qualche anno rinunciarvi
          significherà


          essere <i
          di fatto </i


          esclusi dal

          consorzio


          "civile"



          Fessbuk non e' un consorzio civile, e' un ovile

          per

          pecore.

          Solo la pecora ha bisogno dell'ovile.

          E il pastore alleva la pecora per tosarla,

          mungerla, amarla fisicamente, e alla fine

          mandarla al

          macello.

          il pastore alla pecora le mette un cappuccio in
          testa oppure gli piace limonare durante il
          coito?Non saprei.Una volta avevamo qua su PI un commentatore di Cagliari: avremmo potuto chiedere a lui.
    • Quasi Espertone scrive:
      Re: Inutilità istituzionale
      - Scritto da: Katiusha
      Ma anche così non cambierebbe niente!
      Quaesti sistemi stanno diventando così pervasivi
      che fra qualche anno rinunciarvi significherà
      essere di fatto esclusi dal consorzio
      "civile" Concordo pienamente. Purtroppo è un discorso troppo poco superficiale per la fauna media di PI, ma è evidente che se il 90% delle persone non si pone il problema ed usa Facebook come unico mezzo di comunicazione sociale, non farne parte significa eliminare gran parte dei tuoi possibili interlocutori.Ed se non è Facebook, è Google, è il cloud, è il responsabile tecnico dell'azienda che per inviarti un contratto di lavoro con tanto di cifre e clausule di riservatezza, ti manda un link pubblico a google documents.Poi ci sono i mezzi di informazione che si stanno sempre più uniformando (perché a loro interessa più il 90% che il restante 10) e gli fa pure controllo dei commenti, oppure i soliti siti con "accedi con Facebook o Google" e via dicendo ...
      • il fuddaro scrive:
        Re: Inutilità istituzionale
        - Scritto da: Quasi Espertone
        - Scritto da: Katiusha




        Poi ci sono i mezzi di informazione che si stanno
        sempre più uniformando (perché a loro interessa
        più il 90% che il restante 10) e gli fa pure
        controllo dei commenti, oppure i soliti siti con
        "accedi con Facebook o Google" e via dicendo
        ...Ha quelli sono stati i primi siti a finire nella mia personale black list.
Chiudi i commenti