MOTO mette Android 2.0 su tre MID

A disposizione dei produttori di device, il design di riferimento di un MID da 5 pollici con schermo OLED e sistema operativo Android 2.0. Presto MOTO rilascerà un design simile con display da 3,5 e 10 pollici
A disposizione dei produttori di device, il design di riferimento di un MID da 5 pollici con schermo OLED e sistema operativo Android 2.0. Presto MOTO rilascerà un design simile con display da 3,5 e 10 pollici

L’azienda statunitense MOTO Development Group ha lanciato una piattaforma per OEM, chiamata Android Media Platform ( AMP ), per la rapida commercializzazione di MID e tablet basati sulla giovanissima versione 2.0 di Android. Secondo MOTO, AMP può contribuire alla diffusione del sistema operativo di Google anche su dispositivi touchscreen diversi dai classici smartphone.

MID di MOTO con Android 2.0 Oltre al software, la piattaforma AMP comprende tre design hardware di riferimento: uno da 3,5 pollici indirizzato a smartphone, personal media player e smart controller; uno da 5 pollici per media player, navigatori satellitari e terminali aziendali portatili; uno da 10 pollici riservato a cornici digitali, web tablet e dispositivi point-of-sales.

Per fare alcuni esempi, il design da 3,5 pollici potrebbe porsi sullo stesso segmento di mercato del MID/smartphone Nokia N900 , quello da 5 pollici nel segmento del futuro MID di Dell , e il terzo potrebbe andare a rivaleggiare con tablet multimediali come l’ Archos 9 .

MID di MOTO con Android 2.0 Alla base dei tre dispositivi c’è un system-on-chip OMAP di Texas Instruments, una webcam da 3 o 8 megapixel, un chipset grafico capace di accelerare il video 720P, moduli wireless 802.11n e Bluetooth 2.1, due o più porte USB, un eventuale slot SD, e un trio di sensori (accelerometro, giroscopio e bussola digitale). Il modello da 10 pollici include anche radio FM e ricevitore GPS, mentre per tutti i dispositivi è disponibile come optional un modem 3G.

I quantitativi di memoria RAM e NAND flash variano da modello a modello: paradossalmente la versione da 3,5 pollici ha il doppio di RAM e di ROM (512 MB) della versione da 5 pollici. Questa non è peraltro la sola “stranezza” contenuta nelle specifiche pubblicate da MOTO: l’altra è data dal fatto che il modello da 5 pollici, pur essendo indirizzato anche ai sistemi di navigazione satellitare, manca apparentemente di un ricevitore GPS integrato.

Attualmente è disponibile esclusivamente la versione da 5 pollici, mentre quelle con diversa diagonale dello schermo verranno distribuite a partire dal prossimo anno. I prezzi agli OEM non sono stati rivelati.

Meno di due settimane fa Motorola ha presentato DROID , il primo smartphone basato su Android 2.0.

Alessandro Del Rosso

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Link copiato negli appunti