Mozilla, denari per Pocket

La Fondazione ha acquisito il servizio che consente di salvare e gestire segnalibri per contenuti consultare con calma: da integrare anche all'idea di Context Graph

Roma – Mozilla Corporation ha acquisito Read It Later, Inc. , la società sviluppatrice di Pocket , il servizio che permette agli utenti di salvare per una successiva lettura le pagine che ritengono interessanti o utili incontrate durante la navigazione.

Sviluppata sia come app per iOS, Android e Kobo che come estensione per browser, Pocket è stata fondata nel 2007 e al momento conta al momento più di 22 milioni di utenti e 2 miliardi di contenuti salvati : nell’epoca della corsa ai contenuti, insomma, sembra essere un’importante fonte di dati.
Mentre giganti come Facebook ed Apple sviluppano internamente tali risorse, Mozilla sembra aver seguito la via tracciata da Pinterest, che lo scorso agosto ha acquisito il rivale storico di Pocket, Instapaper.

Secondo quanto riferisce Mozilla nel suo comunicato , si tratta della sua “prima acquisizione strategica”, importante per crescere a livello di presenza mobile e per fornire agli utenti ovunque siano “strumenti potenti per scoprire ed accedere a contenuti web di alta qualità indipendentemente dalla piattaforma o dal fornitore del contenuto”.
“Stiamo raddoppiando i nostri sforzi per garantire una Internet in salute – spiega Mozilla – e come risorsa pubblica globale open e accessibile a tutti.”

Pocket entrerà a far parte del portafoglio prodotti di Mozilla e il suo team di sviluppatori, che continuerà ad operare come sussidiaria indipendente da Mozilla ma all’interno del Mozilla open source project . Aiuterà inoltre la Fondazione ad accelerare i suoi sforzi di sviluppo dell’ iniziativa Context Graph che rappresenta appunto l’idea di Mozilla di come integrare contenuti di interesse per l’utente in uno strumento di navigazione sul Web.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Peter scrive:
    Grazie
    Io non ho che ringraziarli quelli di Google.I corsi di inglese che seguo "gratuitamente" sono eccezionali!
  • vccxrbg scrive:
    Ma davvero
    Vero è che nel mondo ci sono più di 7 miliardi di persone, ma quelli con acXXXXX internet decente sono molti di meno. Togli anche la Cina dove YouTube è bloccata e scendiamo sotto i due miliardi. Quindi è come se ogni singola persona raggiungibile da YouTube inclusi vecchi e neonati guardasse YouTube per mezz'ora al giorno. Lo so che è un valore medio, ma quanti guardano YouTube 4 o 5 ore al giorno per far salire la media? Mi sa tanto che i numeri sono gonfiati.
  • iRoby scrive:
    Banda
    Ma che banda hanno per garantire questi flussi?Ma quanto gli costa?Ma chi o cosa gliela paga dato che per molto tempo non c'è stata pubblicità?
    • ... scrive:
      Re: Banda
      - Scritto da: iRoby
      Ma chi o cosa gliela paga dato che per molto
      tempo non c'è stata pubblicità?Prima della pubblicità/monetizzazione, era in perdita infatti.
      • iRoby scrive:
        Re: Banda
        Ma così tanto si guadagna dalla sola pubblicità?Leggevo di molti siti che avevano dubbi che così tanti servizi si potessero dare gratuitamente e che ci fosse lo zampino di finanziamenti a fondo perduto dal governo USA che vorrebbe la leadership nella Rete.
        • ... scrive:
          Re: Banda
          - Scritto da: iRoby
          Ma così tanto si guadagna dalla sola pubblicità?https://www.forbes.com/sites/maddieberg/2016/12/05/the-highest-paid-youtube-stars-2016-pewdiepie-remains-no-1-with-15-million/E quella è solo la fetta annuale che danno a lui, figurati quindi i ricavi totali quanto possono essere.
          • Sg@bbio scrive:
            Re: Banda
            - Scritto da: ...
            - Scritto da: iRoby


            Ma così tanto si guadagna dalla sola pubblicità?

            https://www.forbes.com/sites/maddieberg/2016/12/05

            E quella è solo la fetta annuale che danno a lui,
            figurati quindi i ricavi totali quanto possono
            essere.Gli hai appena smontato la sua tesi complottisitica.
          • iRoby scrive:
            Re: Banda
            Mi piace una frase del giornalista d'inchiesta Paolo Barnard, rimasto in mutande con una madre malata proprio per aver seguito le tracce dei complotti e scoperto che erano più reali di quanto si pensasse."La news che ti stravolge la vita è quella che scivola all'ombra della news che tutti pensano stravolga la vita. Il vero giornalismo è inseguire quella news ombra, ma si rischia la ghigliottina".Ecco il mio non è complottismo, ma ascoltare e leggere con attenzione cosa hanno da dire quei pochissimi giornalisti e uomini di ogni livello che hanno inseguito la news ombra nascosta dietro la news di facciata...Tu ti fermi alla news di facciata ed agli sfaticati o timorosi giornalisti incapaci o preoccupati di leggere tra le righe, trovare la news ombra e seguirla.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 01 marzo 2017 12.58-----------------------------------------------------------
          • Sg@bbio scrive:
            Re: Banda
            - Scritto da: iRoby
            Mi piace una frase del giornalista d'inchiesta
            Paolo Barnard, rimasto in mutande con una madre
            malata proprio per aver seguito le tracce dei
            complotti e scoperto che erano più reali di
            quanto si
            pensasse.Peccato che sia uno spara balle arrogante.
            "La news che ti stravolge la vita è quella che
            scivola all'ombra della news che tutti pensano
            stravolga la vita. Il vero giornalismo è
            inseguire quella news ombra, ma si rischia la
            ghigliottina".Quindi in italia nessun giornalista rischia nulla o quasi.
            Ecco il mio non è complottismo, ma ascoltare e
            leggere con attenzione cosa hanno da dire quei
            pochissimi giornalisti e uomini di ogni livello
            che hanno inseguito la news ombra nascosta dietro
            la news di
            facciata...Peccato che da come parli e come ti esprimi, vedi ogni minima cosa come un grande piano per lo sterminio dell'umanità.
            Tu ti fermi alla news di facciata ed agli
            sfaticati o timorosi giornalisti incapaci o
            preoccupati di leggere tra le righe, trovare la
            news ombra e
            seguirla.No, semplicemente non mi sogno realtà alternative come fai tu, dove c'è un governo che crede al dio mercato, che regala soli ad aziende a fondo perduto e che non le faccia mai fallire. Se fosse cosi avremmo ancora Altavista, myspace e altri servizi che con il tempo sono spariti in favore di altri che si sono dimostrati migliori.
          • ... scrive:
            Re: Banda
            - Scritto da: Sg@bbio
            - Scritto da: iRoby

            Mi piace una frase del giornalista d'inchiesta

            Paolo Barnard

            Peccato che sia uno spara balle arrogante.Spero ti sia moderato nel criticare il personaggio solo perché sei su un forum pubblico e puà essere letto da minorenni :)
          • iRoby scrive:
            Re: Banda
            Come volevasi dimostrare sei limitato, ma di parecchio.Prima di tutto Paolo Barnard l'ho conosciuto personalmente. Ed è l'ultimo giornalista d'inchiesta incorruttibile rimasto in questo paese.Mi dovrai dimostrare dove stanno le balle che avrebbe sparato. E bada che gliele rigirerò via email...Altra questione sul perché sarebbero fallite Altavista ecc.Ma è ovvio che sono esistiti in un periodo in cui Internet non era fenomeno di massa, e perché il controllo di Internet e la profilazione dei dati, la costruzione dei consensi in rete e l'ingabbiamento dell'opinione all'interno dei social come Facebook sono progetti più recenti.Tu vivi nel politically correct e nel mondo dei balocchi ovattato dei bimbi...
          • iRoby scrive:
            Re: Banda
            L'articolo non è pertinente alla domanda.Perché mostra ancora le uscite per pagare gli youtuber, ma non le entrate.
          • ... scrive:
            Re: Banda
            - Scritto da: iRoby
            L'articolo non è pertinente alla domanda.
            Perché mostra ancora le uscite per pagare gli
            youtuber, ma non le entrate.Quelle "uscite", prima di uscire, erano una piccola fetta delle entrate.Ma forse per te è un concetto troppo difficile da capire.
          • Sg@bbio scrive:
            Re: Banda
            - Scritto da: iRoby
            L'articolo non è pertinente alla domanda.
            Perché mostra ancora le uscite per pagare gli
            youtuber, ma non le
            entrate.Forse non sai come funziona youtube. Il sito vive con gli introiti pubblicitari (che non sono pochi nonostante per anni quel sito in mano a google è sempre in ricerca in un modo di monetizzare in maniera migliore, sempre). Una parte di questi introiti finiscono ai creatori di contenuti che generano traffico nel loro sito. Il problema semmai è che sono pochissimi gli youtuber che riescono a vivere UNICAMENTE con le entrate di youtube e quelli che ci riescono son quasi sempre di lingua inglese.
          • ... scrive:
            Re: Banda
            - Scritto da: Sg@bbio
            Il problema semmai è che sono pochissimi gli
            youtuber che riescono a vivere UNICAMENTE con le
            entrate di youtube e quelli che ci riescono son
            quasi sempre di lingua inglese.FaviJ, MikeShowSha, etc. riescono tranquillamente a vivere di youtube anche nel panorama italiano.Certo è più difficile sfondare, e i guadagni sono notevolmente inferiori ai corrispettivi inglesi.
          • Sg@bbio scrive:
            Re: Banda
            - Scritto da: ...
            - Scritto da: Sg@bbio


            Il problema semmai è che sono pochissimi gli

            youtuber che riescono a vivere UNICAMENTE con le

            entrate di youtube e quelli che ci riescono son

            quasi sempre di lingua inglese.

            FaviJ, MikeShowSha, etc. riescono tranquillamente
            a vivere di youtube anche nel panorama
            italiano.
            Certo è più difficile sfondare, e i guadagni sono
            notevolmente inferiori ai corrispettivi
            inglesi.Qui parliamo di gente che ha superato il milione di iscritti, anzi Favij è quello che conta più iscritti in italia, 3 milioni e più. Negli usa i numeri sono molto più grandi per via della grandezza del pubblico.Considera poi che molti youtuber italiani conosciti molto spesso si concedono a marchette di varia natura.
    • Nameless scrive:
      Re: Banda
      Stai facendo troppe domande. Cambia argomento finchè sei ancora in tempo. E voi altri utenti limitatevi a rimanere in tema con la discussione e non ponetevi domande più grandi di voi.
Chiudi i commenti