Nikon D3x, indiscrezioni ufficiali

Su una rivista della casa giapponese vengono anticipati i dettagli della sua prossima DSLR. La risoluzione del sensore sale a 24,5 megapixel, come già visto sulla quasi-gemella Sony Alpha 900

Roma – Dopo un fitto rincorrersi di voci e indiscrezioni, negli scorsi giorni sono finalmente emerse le prime specifiche ufficiali della prossima DSLR professionale di casa Nikon . Curiosamente, le informazioni non arrivano da un annuncio ufficiale, ma da un articolo ( qui il link alle scansioni) apparso su NikonPro Magazine , rivista ufficiale di Nikon pubblicata tre volte all’anno.

Nell’articolo, intitolato “The X factor”, vengono riportate foto e caratteristiche salienti della nuova reflex, evoluzione della D3. Le specifiche parlano di un sensore full-frame (35,9 mm x 24 mm) con risoluzione effettiva di 24,5 megapixel e filtro optical low pass, raffica da 5 FPS a piena risoluzione e 7 FPS a 10 megapixel, sistema autofocus MultiCAM 3500 AF a 51 punti, sensibilità ISO comprese fra 50 e 6400 ISO, processore d’immagine EXPEED a 16 bit, live view e modalità Extra High D-lightning (per una migliore resa delle tonalità nelle alte luci in immagini a forte contrasto).

La D3x mantiene dunque inalterate quasi tutte le caratteristiche della D3 , incluse le interfacce (USB 2.0, HDMI, GPS), il corpo macchina tropicalizzato in magnesio, il display LCD da 3 pollici e 922mila pixel, il doppio slot per schede di memoria CF.

La novità più importante è ovviamente data dal raddoppio della risoluzione del sensore CMOS, sensore che dovrebbe essere prodotto – come tradizione – da Sony , e condividere buona parte delle specifiche tecniche di quello integrato da quest’ultima nella sua giovane DSLR Alpha 900 .

Restano ora da conoscere prezzo e data di lancio, informazioni che Nikon potrebbe svelare già in occasione di una conferenza programmata per oggi.

Update : stando ad alcune fonti, il prezzo della D3x sarà di circa 8mila dollari. News.com riporta inoltre che il sensore della D3x ha un pixel pitch di 5,49 micron contro i 5,9 micron del sensore a bordo dell’Alpha 900.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti