Nomine/ Nuovo consigliere in CdA Register.it

Si tratta di Lorenzo Lepri Pollitzer


Milano – Register.it ha annunciato che Lorenzo Lepri Pollitzer entra nel Consiglio di Amministrazione della società, che fa capo al Gruppo Dada. La cooptazione è avvenuta nel corso della riunione del CdA di Register.it svoltasi a Bergamo il 12 Aprile scorso.

Laureato in economia aziendale presso l’Università Bocconi di Milano, Lorenzo Lepri ha seguito corsi di specializzazione in Business Administration alla University of California. Dopo aver lavorato presso primarie istituzioni finanziarie in Italia e all’estero – Chase Chemical (Milano e New York), Paribas (Parigi), Merrill Lynch (Londra) – entra in Mediobanca e vi ricopre il ruolo di Vice Direttore presso il Servizio Finanziario. Dal 2000 collabora con il Gruppo Dada dove è attualmente responsabile del Corporate Development e degli Affari Internazionali.

Il sito di Register.it è qui

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    E' la volta buona
    I Verdi fanno parte della Giunta regionale, e quindi è possibile che il DDL venga approvato.L'Umbria prima regione di software OpenSource?Complimenti.
  • Anonimo scrive:
    Linux per i pubblici servizi.
    Si potrebbe sapere di più riguardo a queste:"Norme in materia di pluralismo informatico sulla adozione e la diffusione del software libero e sulla portabilità dei documenti informatici nella Pubblica Amministrazione" ?GrazieSarebbe anche interessante sapere come nelle pubbliche amministrazioni possano venire istruiti i dipendenti all'utilizzo di Linux o altro "Software Libero" (Beos, ecc. ecc.)
    • Anonimo scrive:
      Re: Linux per i pubblici servizi.
      - Scritto da: Mario~Ceres
      Sarebbe anche interessante sapere come nelle
      pubbliche amministrazioni possano venire
      istruiti i dipendenti all'utilizzo di Linux
      o altro "Software Libero" (Beos, ecc. ecc.)a parte che BeOS non è "software libero" (non ne è a disposizione il sorgente), ma l'utilizzo di LINUX nelle amministrazioni pubbliche è pari a quello di windows, per l'utilizzo da utente, con il vantaggio di una maggiore sicurezza (niente virus).L'utente normale, una volta installato LINUX, dovrà fare il solito tran tran tipico di windows con la connessione mediante password, cliccata sull'icona dell'applicazione di lavoro, digitazione dei dati negli spazi appositi, stampa del documento ottenuto, chiusura dell'utenza, fine. clic clic clic clic....tac tac tac.. Quello che era considerato appannaggio SOLO del sistema monopolista microsoft è già da molto tempo pronto su altri sistemi, e LINUX è il sistema meno costoso in assoluto: addio licenze "a tempo" di microsoft, evviva l'installazione LIBERA su TUTTE le macchine, evviva l'uso di software LIBERO come OpenOffice che garantisce libertà di sviluppo, manutenibilità all'infinito, sicurezza, ECONOMIA. Chi sa usare windows per le normali mansioni lavorative non si accorgerà quasi del combiamento.
Chiudi i commenti