Nomine/ Nuovo presidente di AICA

Ivo De Lotto


Milano – Il Consiglio Direttivo di AICA (Associazione Italiana per l’Informatica e il Calcolo Automatico) ha nominato Ivo De Lotto alla presidenza dell’Associazione per il triennio 2004-2006. Succede a Giulio Occhini, che ha assunto l’incarico di Direttore Generale.

“AICA – si legge in una nota – è l’Associazione che rappresenta i cultori della scienza e tecnologia dell’informazione e che ha come finalità lo sviluppo delle conoscenze informatiche in tutti i suoi aspetti scientifici, economici, sociali ed educativi. Nel suo nuovo incarico Ivo De Lotto, che è professore ordinario di Calcolatori Elettronici presso l’Università di Pavia, Facoltà d’Ingegneria, darà ulteriore impulso ai programmi che già hanno affermato AICA come punto di riferimento per studiosi, professionisti, imprese e Istituzioni”.

“Veneto, classe 1935 – continua la nota – De Lotto porta in AICA la ricchezza di un’esperienza che ha ben pochi confronti nel settore, sia in ambito accademico che professionale. Ha svolto attività di ricerca presso Nuclit, Euratom, CNR, CISE; è stato docente presso le Università di Bologna e di Pavia; è stato direttore e guida dei più affermati Istituti e Centri di Ricerca (fra i quali anche CILEA, CINI, la Facoltà d’Ingegneria di Pavia e il Gruppo Nazionale di Cibernetica e Biofisica del CNR). Rilevante è stato anche il suo contributo a numerose commissioni ministeriali (incluse quelle per la valutazione dei progetti di e-government e per l’accreditamento delle Università a distanza). Ha anche maturato un’esperienza riconosciuta nella valutazione di progetti di ricerca industriale per conto dei Ministeri e degli Istituti di Credito interessati”.

AICA è qui

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Domandona
    Se ho un sito che gestisce curricula e l'accesso delle aziende agli stessi, sono obbligato a fare la comunicazione al garante ?
  • Anonimo scrive:
    Normativa poco chiara e inapplicabile

    La norma testualmente recita "Il titolare notifica al Garante il trattamento di dati personali cui intende procedere, solo se il trattamento riguarda: ? f) dati registrati in apposite banche di dati gestite con strumenti elettronici e relative al rischio sulla solvibilità economica, alla situazione patrimoniale, al corretto adempimento di obbligazioni, a comportamenti illeciti o fraudolenti".E che vuol dire? Su http://www.testounicoprivacy.it/articoli.php leggo:"L'obbligatorietà dell'adeguamento alla nuova normativa coinvolge tutti coloro che per l'espletamento della loro attività trattano dati personali: enti pubblici, liberi professionisti, aziende, comuni, scuole, ospedali, cooperative e associazioni. Sono in pratica escluse dall'adeguamento alla nuova legge solo le persone fisiche che intendano effettuare il trattamento di dati personali per soli fini personali e, in nessun caso, prevedano la cessione o la comunicazione dei dati in loro possesso a terzi. Il Codice stabilisce adempimenti diversi a seconda della tipologia di azienda e dei dati trattati. ..."Su P.I. http://punto-informatico.it/p.asp?i=46346 leggo:"L'autorità per la Privacy avverte che i servizi che forniscono via internet consulenze esperte devono seguire regole precise se vogliono operare nella legalità e non rischiare sanzioni....Nel caso poi che la domanda e la risposta dovessero essere inserite, previo consenso dell'utente, negli spazi consultabili liberamente dal pubblico (ad esempio in una rubrica delle domande più frequenti, faq) - continua il Garante - la società dovrà altresì verificare prima della loro pubblicazione che, oltre al nome e all'indirizzo e-mail dell'interessato, non vi siano altri dati, anche diversi da quelli sensibili, che possano rendere identificabile l'interessato.... Gli esperti on line dovranno anche controllare che nelle risposte pubblicate non vi sia nessun elemento che permetta di risalire all'identità della persona che ha richiesto la consulenza ..."E che vuol dire? Che io responsabile di un sito di consulenze online devo stare 24 ore su 24 a monitorare le domande degli utenti e le risposte dei consulenti? Ma dai! Siamo al ridicolo! Assurdo!A mio avviso la nuova normativa per come è impostata non è applicabile.
  • Anonimo scrive:
    Link del garante
    ...ehm, il link del garante o non e' corretto o il sito ha problemi perche' mi risulta irrangiungibile! :(
    • Anonimo scrive:
      Re: Link del garante
      - Scritto da: Anonimo
      ...ehm, il link del garante o non e'
      corretto o il sito ha problemi perche' mi
      risulta irrangiungibile! :(Oggi il sito del Garante e' in manutenzione, per quello non funge
  • Anonimo scrive:
    era evidente a chiunque avesse letto la
    nuova normativa, anche non giurista. a volte sembra proprio che si voglia informare sì, ma non troppo, non più di tanto.....
  • Anonimo scrive:
    concordo
    ho gia letto diversi articoli di lisi e de giorgi e devo dire che concordo con le loro interpretazioni, anzi mi hanno aiutato a meglio definire alcuni apsetti legali dipendenti dal testo unico.tnk
    • Anonimo scrive:
      Re: concordo
      Bisogna poi vedere come interpreta il giudice in una eventuale causa.
      • Anonimo scrive:
        Re: concordo
        sì..ma di solito i giudici non rasentano la pazzia e cercano di capire quale è la "ratio legis"! :DIn ogni caso quando una normativa è oscura di solito interviene il Garante a chiarire le cose...anche se tante volte ci si dimentica che il Garante non è nè un Giudice nè un legislatore! :)
  • Anonimo scrive:
    troppo
Chiudi i commenti