Nomine/ Pavone a IAB Europa

Annuncio


Roma – Layla Pavone, uno dei massimi esperti italiani in materia di internet marketing, è stata nominata presidente di Internet Advertising Bureau Europa (IAB Europe).

Lo IAB ha anche annunciato di aver confermato quali vicepresidenti europei il greco Constantine Kamaras e il francese Bruce Hoang.

IAB Europe è qui

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Finalmente la Juve...
    Finalmente la Juve dimostrerà che quello che vince lo vince onestamente!!W LA MOVIOLA IN GAMBO!!!!
  • Anonimo scrive:
    Finira' come...
    Nella storia :" Zio Paperone e l'arbitro infallibile. "
  • samu scrive:
    + che pallone intelligente ...
    sarebbe il caso di lavorare su un progetto per rendere + intelligenti i calciatori :-))
    • Anonimo scrive:
      Re: + che pallone intelligente ...
      Esatto, poi quel che costerebbe aggiornare tutti i campi delle squadre di professionisti, pagare i vari copyright per il nuovo brevetto....mmmmmmmm qua mi sorge un dubbio, eppoi il discorso cade sempre là...In ogni caso una bella moviola in campo non costerebbe quasi niente in più (credo), eppoi farebbe felice un tizio che sbraita tanto su la7...
  • Anonimo scrive:
    Calcio "panem et circenses"
    Io credo che sia interesse di gruppi di potere, di politici, e di pochi altri che il calcio sia quello che è; "panem et circenses" dicevano i nostri (molto spesso saggissimi) progenitori, quindi è meglio gente che si scervella e si ammazza e si intristisce per 22 proci che si corrono dietro lungo un campo palpandosi il cu*o piuttosto che crescere generazioni impegnate in analisi della realtà.Che, detto fra noi, non è esaltante. Indipendentemente dal colore politico a cui tengo, non ne posso più di vedere un Paese ingovernabile ed ingovernato, con la destra che fa opposizione scriteriata e d'interesse personale alla sinistra e viceversa. Mentre nelle aule semideserte di Montecitorio si balla uno squallido tango di decadenza, loro si sgolano la domenica e ora anche il sabato con il batticuore perchè la propria squadra ha perso 2 punti di vantaggio sul primo in classifica. Ed è solo la politica; immaginiamo il resto (sociale, cultura, ecc.)Questo i nostri politici, o meglio quelli che ci vorrebbero tutti belli anestetizzati per comandarci a bacchetta, e questa è una categoria di persone che non necessariamente coincide con quella dei politici, lo sanno anche troppo bene.Il calcio è un modo per controllare le nostre menti, ma non lo è di per sè; anzi, ogni tanto mi fermo ancora a guardare i bambini che, convinti come eroi, giocano alla grande nei campetti polverosi degli oratori parrocchiali. Queste scene mi fanno ancora pensare che il calcio in origine era una cosa sana e buona, e ancora lo è, a livelli agonistici molto bassi. Allora penso che forse sono io ad essere anestetizzato, contro il calcio, assuefatto ad un'idea un po' estrema del calcio perchè troppo legata alla me**a della domenica. E sinceramente mi sta bene così, nella misura in cui sono cosciente della mia condizione di anestetizzato. Vorrei scrivere altre cose, ma sta diventando un po' lunga questa lettera... dunque mi fermo e rimando alla prossima. Ciao a tutti e...
    • Anonimo scrive:
      Re: Calcio "panem et circenses"
      palloso
    • Anonimo scrive:
      Re: Calcio "panem et circenses"
      Quoto, quoto, quoto.- Scritto da: Anonimo
      Io credo che sia interesse di gruppi di potere,
      di politici, e di pochi altri che il calcio sia
      quello che è; "panem et circenses" dicevano i
      nostri (molto spesso saggissimi) progenitori,
      quindi è meglio gente che si scervella e si
      ammazza e si intristisce per 22 proci che si
      corrono dietro lungo un campo palpandosi il cu*o
      piuttosto che crescere generazioni impegnate in
      analisi della realtà.

      Che, detto fra noi, non è esaltante.
      Indipendentemente dal colore politico a cui
      tengo, non ne posso più di vedere un Paese
      ingovernabile ed ingovernato, con la destra che
      fa opposizione scriteriata e d'interesse
      personale alla sinistra e viceversa. Mentre nelle
      aule semideserte di Montecitorio si balla uno
      squallido tango di decadenza, loro si sgolano la
      domenica e ora anche il sabato con il batticuore
      perchè la propria squadra ha perso 2 punti di
      vantaggio sul primo in classifica. Ed è solo la
      politica; immaginiamo il resto (sociale, cultura,
      ecc.)

      Questo i nostri politici, o meglio quelli che ci
      vorrebbero tutti belli anestetizzati per
      comandarci a bacchetta, e questa è una categoria
      di persone che non necessariamente coincide con
      quella dei politici, lo sanno anche troppo bene.

      Il calcio è un modo per controllare le nostre
      menti, ma non lo è di per sè; anzi, ogni tanto mi
      fermo ancora a guardare i bambini che, convinti
      come eroi, giocano alla grande nei campetti
      polverosi degli oratori parrocchiali. Queste
      scene mi fanno ancora pensare che il calcio in
      origine era una cosa sana e buona, e ancora lo è,
      a livelli agonistici molto bassi. Allora penso
      che forse sono io ad essere anestetizzato, contro
      il calcio, assuefatto ad un'idea un po' estrema
      del calcio perchè troppo legata alla me**a della
      domenica. E sinceramente mi sta bene così, nella
      misura in cui sono cosciente della mia condizione
      di anestetizzato. Vorrei scrivere altre cose, ma
      sta diventando un po' lunga questa lettera...
      dunque mi fermo e rimando alla prossima. Ciao a
      tutti e...
    • Diablo scrive:
      Re: Calcio "panem et circenses"
      hai dimenticato che ci sono anche le religioni, la televisione, sanremo, i grandi fratelli....etc etc etc
  • Anonimo scrive:
    Il calcio è una metafora
    Fa schifo, è ingiusto e non sempre premia chi lo merita, ovveroi il calcio rappresenta perfettamente la nostra società.Tutti quelli dentro al calcio si lamentano delle sue regole, ma è solo un abbaiare, in realtà nessuno vuole che cambi niente, sperano solo di essere LORO quelli favoriti la prossima volta.Nel tennis quest'anno metteranno un sistema con precisione ultramillimetrica che mostra all'arbitro se una palla è entrata o uscita, nel calcio non vedremo mai niente di simile. Non c'è nè la voglia nè la mentalità per andare verso un calcio più giusto.
    • Anonimo scrive:
      Re: Il calcio è una metafora
      i favoriti sono quasi sempre gli stessi...se si potesse avere la giustizia sarei molto felice...non lo sarebbero i potenti del calcio, quelli che di solito sono favoriti...
    • Anonimo scrive:
      Re: Il calcio è una metafora
      e pensare che basterebbe:1) punire con la prova tivvù anche chi se ne approfitta con falli "aggratis" sempre e comunque;2) mettere un quinto e sesto uomo come giudici di linea vicino alle porte;3) mettere un secondo arbitro in modo tale da averne uno ogni metà campo (come i guardia linee!): non so se avete mai fatto caso però danno i falli tanto più l'arbitro è vicino, mentre lascia correre se l'arbitro è distante;4) Pagare di più i giocatori di tutte le categorie al posto di pagare troppo i grandi campioni!5) .... forza Juve!!! 8)Buona giornata!
      • BiGAlex scrive:
        Re: Il calcio è una metafora

        4) Pagare di più i giocatori di tutte le
        categorie al posto di pagare troppo i grandi
        campioni!Io sarei + dell'opinione di abbassare invece tutte le paghe e farle divenire umane... perchè un cristo che da i calci ad un pallone deve prendere al mese quel che io prendo all'anno (se tutto va bene, xkè certi guadagnano al mese quel che io prenderei in 10 anni, cmq...)?? Se si abbassassero tutte le paghe di tutti i giocatori e fossero rese 'normali' ci guadagnerebbero certamente i tifosi (biglietti più bassi!), un pò tutto il club (i fondi sono sempre pochi!), i giocatori capirebbero di più il valore dei soldi (ovvio che se avessi 10 milioni al mese, stipendio basso x 1 calciatore, mi darei alla pazza gioia... e x loro è ancora d +!!) che tanto sembra sia stato perso al giorno d'oggi... e tutti i prezzi di qualunque cosa inerente al calcio (volendo anche il prezzo di quelli che guardano sky...) crollerebbe di prezzo senza per questo causare perdite ai club o alle pay tv. Chi ci perderebbe? Fondamentalmente i giocatori non potranno andare più dalle migliori spogliarelliste e farsi di cocaina. E non è un bene?...Buona giornata a tuttiBiGAlex
        • jokanaan scrive:
          Re: Il calcio è una metafora
          io legalizzerei il doping, così chi è tanto fesso da lasciarsi trascinare a certi livelli guadagnerà sì tanto (quello che si guadagna adesso, in fondo), ma poi non riesce a raggiungere i quaranta....come? mi dite che è già così?ah. si vede che non seguo il calcio.
        • jokanaan scrive:
          Re: Il calcio è una metafora
          - Scritto da: BiGAlex

          4) Pagare di più i giocatori di tutte le

          categorie al posto di pagare troppo i grandi

          campioni!

          Io sarei + dell'opinione di abbassare invece
          tutte le paghe e farle divenire umane... perchè
          un cristo che da i calci ad un pallone deve
          prendere al mese quel che io prendo all'anno (se
          tutto va bene, xkè certi guadagnano al mese quel
          che io prenderei in 10 anni, cmq...)?? Se si
          abbassassero tutte le paghe di tutti i giocatori
          e fossero rese 'normali' ci guadagnerebbero
          certamente i tifosi (biglietti più bassi!), un pò
          tutto il club (i fondi sono sempre pochi!), i
          giocatori capirebbero di più il valore dei soldi
          (ovvio che se avessi 10 milioni al mese,
          stipendio basso x 1 calciatore, mi darei alla
          pazza gioia... e x loro è ancora d +!!) che tanto
          sembra sia stato perso al giorno d'oggi... e
          tutti i prezzi di qualunque cosa inerente al
          calcio (volendo anche il prezzo di quelli che
          guardano sky...) crollerebbe di prezzo senza per
          questo causare perdite ai club o alle pay tv. Chi
          ci perderebbe? Fondamentalmente i giocatori non
          potranno andare più dalle migliori
          spogliarelliste e farsi di cocaina. E non è un
          bene?
          ...
          Buona giornata a tutti
          BiGAlexfondamentalmente tu sei sostituibile nel tuo lavoro, e i giocatori di serie A no. E' questo che fa la differenza.
          • Anonimo scrive:
            Re: Il calcio è una metafora
            - Scritto da: jokanaan...
            fondamentalmente tu sei sostituibile nel tuo
            lavoro, e i giocatori di serie A no. E' questo
            che fa la differenza.Davvero?Allora chi fa le squadre non sa farle, perché un buon datore di lavoro DEVE sempre sapere come sostituire un dipendente.E poi a vedere come cambiano di partta in partita le squadre i giocatori di serie A SONO sostituibili
          • jokanaan scrive:
            Re: Il calcio è una metafora
            - Scritto da: Anonimo


            - Scritto da: jokanaan
            ...

            fondamentalmente tu sei sostituibile nel tuo

            lavoro, e i giocatori di serie A no. E' questo

            che fa la differenza.


            Davvero?
            Allora chi fa le squadre non sa farle, perché un
            buon datore di lavoro DEVE sempre sapere come
            sostituire un dipendente.

            E poi a vedere come cambiano di partta in partita
            le squadre i giocatori di serie A SONO
            sostituibilicon più difficoltà rispetto ad un medico, che a sua volta è più difficile da sostituire di un operaio.non so se capisci cosa intendo. Comunque è il vecchio discorso della domanda e dell'offerta. E' naturale che i calciatori vengano pagati così tanto. Non c'é sufficiente alternativa. questa è una delle amare motivazioni. Anche se non sempre funziona così... spesso ricercatori anche riconosciuti e pluripremiati sono persino meno sostituibili dei calciatori, ma anche quelli che prendono comunque paghe laute non si avvicinano se non difficilmente a quelle di un calciatore di serie A. Il datore di lavoro può avere meno interesse nell'investire sulla retribuzione di un ricercatore.
          • Diablo scrive:
            Re: Il calcio è una metafora
            ci sono centinaia di giocatori che meriterebbero di stare in serie A ma siccome non sono figli di imprenditori o "amici degli amici" militano in squadre di paese o oratoriali.I calciatoro sono sostituibili come chiunque altro, solo che non c'è la volontà di cambiare il mondo del calcio xchè ai "grandi" fa troppo comodo che le cose rimangano così.E' come il discorso della moviola in campo.
  • Anonimo scrive:
    Anche sulle scarpe
    Potrebbero applicarlo anche un chip radio alle scarpe dei giocatori per individuare il fuorigioco...
    • Anonimo scrive:
      Re: Anche sulle scarpe
      - Scritto da: Anonimo
      Potrebbero applicarlo anche un chip radio alle
      scarpe dei giocatori per individuare il
      fuorigioco...Io proporrei anche di dotare l'arbitro di un iPod Shuffle
      • petdog scrive:
        Re: Anche sulle scarpe

        Io proporrei anche di dotare l'arbitro di un iPod
        ShuffleIo invece farei fare l'arbitro all'iPod shuffle
      • jokanaan scrive:
        Re: Anche sulle scarpe
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        Potrebbero applicarlo anche un chip radio alle

        scarpe dei giocatori per individuare il

        fuorigioco...

        Io proporrei anche di dotare l'arbitro di un iPod
        Shufflesecondo me invece l'arbitro dovrebbe esser una bella donna in costume da bagno==================================Modificato dall'autore il 28/02/2005 2.09.28
    • Anonimo scrive:
      Re: Anche sulle scarpe
      non c'entra col fuorigioco, ma le adidas chippate già ci sono: http://www.adidas.com/campaigns/adidas_1/content/index.asp?strCountry_adidascom=it&strBrand_adidascom=performance
  • Anonimo scrive:
    cambia poco
    tanto le partite si rubano sui fuorigioco, i rigori ed i falli. Questo tipo di eventi sono abbastanza rari e non cambiano certe situazioni. Una spesa inutile
    • Anonimo scrive:
      Re: cambia poco
      - Scritto da: Anonimo
      tanto le partite si rubano sui fuorigioco, i
      rigori ed i falli.
      Questo tipo di eventi sono abbastanza rari e non
      cambiano certe situazioni. Una spesa inutileAnzi a me sembra utile : per rubarti meglio la partita ! :D :D
Chiudi i commenti