Note 2.0, un bignami per FreeBSD

Disponibile gratuitamente per il download


Roma – In questi giorni è stata rilasciata su MerlinoBBS la versione 2.0 del minibook Note su FreeBSD , ormai divenuta una vera e propria guida ridotta. Il nuovo aggiornamento contiene tutta una serie di novità e di approfondimenti e una nuova licenza d’uso.

Note su FreeBSD, redatto da Stefano Tagliaferri, contiene tutte le indicazioni per installare, configurare, e rendere sicuro ed operativo un server su piattaforma FreeBSD.

Il documento è stato rilasciato sotto licenza BSD, tutte le versioni antecedenti alla release 2.0 rimangono comunque soggette e verranno regolamentate dalla GNU Free Documentation License.

“La modifica della licenza di utilizzo – ha affermato Tagliaferri – consentirà di integrare questa opera in un contesto più completo ed ambizioso: il progetto BSD-FAQ-IT. Questo progetto, che vuole proporsi come punto di riferimento per tutti gli utenti italiani di FreeBSD, fornirà FAQ e informazioni di vario genere che aiuteranno gli utenti a configurare e mantenere operativo un sistema BSD”.

Vediamo nel dettaglio i nuovi argomenti che sono stati trattati nella release 2.0 di Note su FreeBSD.

E’ stata interamente dedicata una parte del documento per descrivere come utilizzare e/o gestire la FreeBSD Documentation Project: questa nuova sezione consentirà di creare anche la propria documentazione.

E’ stato approfondito il capitolo relativo alle unità a disco ed è stato incluso un paragrafo interamente dedicato alla sicurezza nella gestione del filesystem di un sistema FreeBSD.

Per rimanere in tema di unità a disco e di gestione del filesystem è stato introdotto un intero paragrafo contenente la descrizione degli strumenti che possono essere utilizzati per le procedure di backup.

E’ stato migliorato il capitolo relativo ai port, in particolare è stato totalmente ampliato il paragrafo relativo all’utilizzo dell’utility di sistema portupgrade.

Sono stati analizzati gli strumenti offerti da FreeBSD per risolvere molte delle problematiche di gestione che affliggono gli ingegneri di sistema. A tale scopo è stato introdotto un capitolo interamente dedicato alla tabella di crontab, al funzionamento del syslog e all’implementazione della rotazione dei log con l’utility newsyslog.

Sono state trattate tutte quelle applicazioni che consentono di rendere un sistema FreeBSD immediatamente operativo e funzionale in una infrastruttura di rete di livello enterprise.
Dopo aver parlato di Apache2, ntpd ed altre applicazioni, ora Note su FreeBSD introduce le nozioni “base” per utilizzare applicativi molto importanti come Bind per la gestione del DNS.
Altre informazioni su applicazioni “core” riguardano il più utilizzato dei mailserver, Sendmail, e l’alternativa Postfix. Per completare il quadro sui sistemi di posta Note prende in considerazione anche Qpopper.

Per finire sono state introdotte ulteriori nozioni riguardanti la sicurezza di un sistema FreeBSD.

“Note su FreeBSD – ha commentato Tagliaferri – non è un tomo rivolto a super esperti, però la lettura è decisamente consigliata per chi già dispone di una discreta conoscenza dei sistemi UNIX. Ovviamente note, correzioni, integrazioni e quant’altro sono sempre ben accette”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Io dico viva il P2P e abbasso la Rai!
    Evviva l'idiozia dei mass-media!:s
  • Santos-Dumont scrive:
    Basta spegnere la TV, signori
    Senza commento.Sono dell'idea che i bambini davanti alla TV, con il loro spirito totalmente acritico, non ci debbano stare e basta. Punto. E' quello che farò con il mio figlioletto di due anni...
    • Anonimo scrive:
      Re: Basta spegnere la TV, signori
      Secondo me é una battaglia persa in partenza... quando il pargoletto ti renderà impossibile la vita per vederla cederai ;)
    • Anonimo scrive:
      Re: Basta spegnere la TV, signori
      Scusa, non è che gli stanno insegnando (in questo caso) qualcosa di immorale o di illegale; anzi proprio il contrario.Magari è meglio che sia tu ad indirizzare il suo spirito d'equità per fargli riconoscere che se si dà l'ergastolo ad un pluriomicida, non sarebbe equo dare 10 anni e 200.000 ? a chi downloada un pò (o cmq tanta) musica o films.
    • avvelenato scrive:
      Re: Basta spegnere la TV, signori
      io invece ti consiglio l'esatto opposto, guardala tanto, fagliela guardare tanto, e magari compra anche a qualche televendita scrausa.i bambini sono acritici ma quando diventano adolescenti reinterpretano tutto ciò che da bambini hanno assimilato. spesso con risultati curiosi. avvelenato che crescendo a pane e televendite è diventato un tantino attento (i venditori ambulanti lo temono)
      • gugliasky scrive:
        Re: Basta spegnere la TV, signori
        E' esattamente così, ma attenzione: perché ci sia davvero in età successiva un processo reinterpretativo critico, è necessario aver "assimilata" una varietà di informazioni e punti di vista. Invece in questo paese si va (o si torna) verso il punto di vista unico. La novità è che questo punto di vista non è nemmeno più quello della maggioranza, o dei potenti, italiani, ma quello del governo statunitense! (Vedi notizia su DMCA).Allora sì ai bambini che guardano la televisione, purché possano ricevere anche altre informazioni, oltre a quelle filtrate da Mediaset-RAI!
  • Anonimo scrive:
    Chi meglio di ...poteva?
    Mi domando veramente chi meglio della Rai avrebbe potutofare una cosa simile.
    • Anonimo scrive:
      Re: Chi meglio di ...poteva?
      non screditiano la rai, dovremmo screditare le associazioni dei genitori, che in casi veri e propi di tentata "manipolazione" stiano zitti, zitti, ma quando si tratta di un anime japponese, subito a parlate di pedolia, pessaggi di satanismo ecc.....un'altra dimostrazione che la moige fa razzismo pure e semplice.un pò ot, ma se vogliamo ben vedere, questa cosa non viola il tanto decantato codice di autoregolamentazione? E questo episodio che è successo, non dimostra che questo codice di autoregolamentazione, serve solo a respingere ciò che è diverso e tappare la bocca hai giovani che non vogliono essere smerdati da "esperti" che di "esperto" non ha nulla?
  • Anonimo scrive:
    Scordate Rocco Tarocco ?
    Ma come?? Tutti lo avete già dimenticato ??Ingrati ! ;)
    • Anonimo scrive:
      Re: Scordate Rocco Tarocco ?
      meglio dimenticare quelle campagnia campate in aria, cercando di far leva alla persone in modo stupido.rocco tarocco e tristezza pura.
  • Anonimo scrive:
    Disney e la manipolazione
    Sulla manipolazione dell'informazione sistematicamente praticata da Disney consiglio a tutti la lettura di questo interessante articolo di Paolo Attivissimo:http://www.apogeonline.com/webzine/2003/09/03/01/200309030101Dopo aver letto l'articolo di cui sopra, riflettere attentamente prima di decidere chi sia da condannare tra copia cosiddetta "illegale" e tutela della cosiddetta "proprietà intellettuale": se questo è il modo di operare delle multinazionali dell'enterteinment, saranno forse solo le copie "pirata" a salvaguardare la memoria storica delle opere originali?Aggiungo ancora: possiamo davvero definire "pirateria" la copia effettuata in casa, non a scopo di lucro, da utenti privati, o forse si tratta di semplice condivisione dell'opera con amici e conoscenti, come potrei fare imprestando un libro che ho acquistato io in libreria, ma che poi leggono altre quattro o cinque persone? :|
    • paulatz scrive:
      Re: Disney e la manipolazione
      Disney ha una lunga tradizione, si veda ad esempio il "Mickey Mouse Act"...ma quello che ho trovato più allucinante in assoluto è stato il cartone animato "anastasia" (o titolo simile) che non era della Disney in qui la famiglia dello Zar, buonissimi e bellissimi, venivano massacrati da un popolo ingrato e ben pasciuto sobillato dal Demonio in persona (che di conseguenza è anche "l'inventore" del comunismo)Roba da vomito
  • Anonimo scrive:
    adesso capite...
    ... che cosa intendeva lo strabico ministro Gasparri con 'tutela' dei minori davanti alla TV...
  • Anonimo scrive:
    Lupin III e ipnomedia
    Nella famosa serie (con la quale molti sono cresciuti) si esaltano i protagonisti, tutti dichiaratamente e indiscutibilmente ladri, mentre le forze dell'ordine sono ridicolizzate. Anche in "occhi di gatto" ricordo che la situazione era analoga.Premesso che non condivido il messaggio trasmesso da questi cartoni, sono comunque più preoccupato dall'episodio disnei: andremo verso una situazione tipo "Il mondo nuovo" di Huxley dove l'educazione viene somministrata tramite ipnomedia ?Ditemi che non è così...
    • Anonimo scrive:
      Re: Lupin III e ipnomedia
      - Scritto da: Anonimo
      Nella famosa serie (con la quale molti sono
      cresciuti) si esaltano i protagonisti, tutti
      dichiaratamente e indiscutibilmente ladri,
      mentre le forze dell'ordine sono
      ridicolizzate. Anche in "occhi di gatto"
      ricordo che la situazione era analoga.ah, vorresti tornare all'era del proibizionismo ... ho visto lo speciale su CiaK ... terribile!hai fatto bene però a citare questo caso, questo tuo punto di vista.non lo condivido, ma è giusto dire che in sostanza passano tutti i messaggi. Allora perchè non far passare davvero TUTTIi messaggi?
      Premesso che non condivido il messaggio
      trasmesso da questi cartoni, sono comunque
      più preoccupato dall'episodio disnei:
      andremo verso una situazione tipo "Il mondo
      nuovo" di Huxley dove l'educazione viene
      somministrata tramite ipnomedia ?era ipnopedìa
      • Anonimo scrive:
        Re: Lupin III e ipnomedia


        Premesso che non condivido il messaggio

        trasmesso da questi cartoni, sono comunque

        più preoccupato dall'episodio disnei:

        andremo verso una situazione tipo "Il
        mondo

        nuovo" di Huxley dove l'educazione viene

        somministrata tramite ipnomedia ?

        era ipnopedìa
        Azz... hai ragione! Ma forse l'errore non era inconscio...
    • Skaven scrive:
      Re: Lupin III e ipnomedia
      - Scritto da: Anonimo
      Premesso che non condivido il messaggio
      trasmesso da questi cartoni, sono comunque
      più preoccupato dall'episodio disnei:In linea di massima mi trovi d'accordo, ma volevo farti notare che i personaggi dei cartoni jappo da te citati, agiscono cmq con una certa "etica positiva". Innanzitutto i protagonisti si impongono di non uccidere ne fare del male a nessuno, in secondo luogo (sopratutto in Occhi di gatto) hanno un fine ben preciso per cui rubano (se ricordo bene le 3 sorelle cercano informazioni sul padre scomparso).Insomma, io non mi sento di dichiarare quasto genere di cartoni propriamente "diseducativi" perche, si... rubare è sbagliato ma ci sono ben altri messaggi positivi piu nascosti, quelli che i bambini recepiscono inconsciamente! (lealta', rispetto delle vite altrui, ecc).Saluti!
      • Anonimo scrive:
        Re: Lupin III e ipnomedia

        Insomma, io non mi sento di dichiarare
        quasto genere di cartoni propriamente
        "diseducativi" perche, si... rubare è
        sbagliato ma ci sono ben altri messaggi
        positivi piu nascosti, quelli che i bambini
        recepiscono inconsciamente! (lealta',
        rispetto delle vite altrui, ecc).
        Si, ma ricordo bene (mi aveva impressionato) una puntata in cui lupin spara tre colpi (tutti a segno) su un arcinemico, dopo aver preso bene bene la mira...
  • Anonimo scrive:
    Sono veramente inorridito...
    Queste sono sose che devon fa riflettere...
  • Anonimo scrive:
    Ci penso IO!
    Scusate se mi intrometto....Io sono quel Mauro che cita PI e sono credo di essere stato il primo a segnalare a PI la cosa.Che dire! Io mi sono letto tutti i commenti e sono il primo ad affermare che scaricare musica A VOLTE e' illlegale.Infatti occorre fare un distinguo fra musica coperta da copyright e musica free (nulla mi vieta come autore di mettere la mia musica su un P2P), distinzione che non mi pareva evidente nel cartone.A parte questo credo di essere nel pieno diritto di insegnare IO ai miei figli cosa e' giusto e sbagliato (pure sbagliando eh!) e non un cartone animato.Vuoi esporre i fatti e creare una base per una discussione genitori e figli? Mi sta benissimo ma esponi TUTTI i fatti, non solo quelli che piu' ti fanno comodo.Come la mettereste se un giorno la Diney decidesse che il miglior modo di nutrire un bambino e' con le merendine mattina mezzogiorno e sera?Direste la stessa cosa?Se la Disney (e RAI2 che l'ha mandato in onda) avesse voluto fare una puntata veramente educativa avrebbe dovuto spiegare come mai i diritti d'autore incidono solo per una frazione del prezzo della musica (generalizzabile per qualunque contenuto audio/video) e come mai invece che calare i pressi rimangono invariati.A questo punto credo che un bambino (diciamo meglio adolescente) avrebbe tratto le SUE conclusioni da solo su quello che e' il motivo per cui e' nato il p2p.Insomma informazione SI ma informazione COMPLETA.mauro
    • Anonimo scrive:
      Re: Ci penso IO!
      Quoto, ma come mai le associazioni come il moige non hanno detto niente della cosa? A gia...non è giapponese.....
      • The FoX scrive:
        Re: Ci penso IO!
        - Scritto da: Anonimo
        Quoto, ma come mai le associazioni come il
        moige non hanno detto niente della cosa? A
        gia...non è giapponese.....Non solo.Se lo facessero pesterebbero i calli a centri di potere che contribuiscono a far si che il MOIGE possa fare cio' che fa', e quindi non sarebbe nel loro interesse...Una guerra tra potenti non fa' altro che indebolire chi la combatte!!!
  • Anonimo scrive:
    Scoperta l'acqua calda
    Storicamente le fiabe nascono proprio per soddisfare l'esigenza sociologica di "riproduzione sociale" e sono "funzionali" alla conservazione dell'organismo sociale. Ossia: le fiabe nascono come strumento educativo, per "inculcare" valori nelle menti dei bambini utilizzando un linguaggio a loro adatto.I cartoni animati sono una evoluzione tecnica e non sostanziale del concetto di fiaba, servono allo stesso scopo.Da una decina d'anni i cartoni disney si sono fatti molto piu' aggressivi nell'inculcare valori funzionali al "capitalismo-consumismo-maschilismo", ma in questo cartone disney si tocca un argomento "tangibile" piuttosto che i valori in generale, quindi la gente comune e' in grado di prendere coscienza del tentativo di manipolazione e reagire.
  • Anonimo scrive:
    Anfamoniiii
    L'ho visto per caso, e sono rimasto tutto il tempo così: O_OLa cosa più schifosa è che all'inizio la ragazzina compra cd per 150 (!) dollarazzi, e quando il padre (che paga) si lamenta, la nonna lo rimprovera:
  • Anonimo scrive:
    Ma cosa è rubare?
    Boh non soma qui mi sembra che uno dei problemive in gioco (e di certo non il solo) è quello della definizione di furto, ovvero capire cosa sia davvero questo rubare di cui si parla.Forse ho un punto di vista molto semplice ma quando mi hanno rubato in casa a me sono saltati subito in mente due cose: mi avevano recato danni diretti e indiretti (la porta per capirci) e degli ammanchi (non avevo più alcune cose)Ora quando un utente scarica della musica non crea ne il primo ne il secondo danno. Voglio dire che il "mittente" del brano (sia esso un altro utente o il musicista stesso) non vengono privati del brano stesso, non subiscono danni d'immagine perche nessuno di quelli che scaricano può dire che il brano sia "suo".Anche in economia si fa un distinguo ben preciso tra una perdita ed un mancato guadagno. Sono cose diverse. A mio avviso parlare di furto nel campo del P2P è sbagliato. E' ora di rendersi conto che le nuove tecnologie hanno modificato radicalmente il nostro modo di vivere e di sentire rispetto a temi delicati come il diritto. Mentre i nostri giovani aspiranti avvocati studiano ancora il diritto (giustamente) partendo da quello romano per poi arrivare a capire se le mele dell'albero del mio vicino sono di fatto mie una volta che cadute a terra si trovano nel mio cortile, il mondo va a vanti e muta il proprio disegno e gli scenari possibili a velocità vertiginosamente più alte rispetto all'ider giuridico legislativo.Non solo: esistono esempi ecclatanti di case discografiche, software e videogiochi che sono sempre riuscite a stabilire il primato per il prodotto più venduto ed il più compiato... contemporaneamente! Cosa che mette abbastanza in crisi l'osservazione che il copiare danneggia il mercato. Mentre da un lato non ho visto artisti piccoli e grandi chiudere a seguito del diffondersi delle copie private, sono testimone di grandi case che hanno visto esplodere il loro fatturato nonostante questo.Inoltre non prendiamoci per i fondelli:La publicità dell'ADSL che consente di scaricare MP3 velocissime è istigazione a delinquere? Le case che producono apparecchi in grado di copiare Cassette, CD audio, DVD sono promotori di delinquenza? E quanti soldi ci fanno? e il mercato dei supporti????E' ora di rendersi conto che il pensiero è retrogado! Analizzando il problema in questi termini siamo come un dotto sapiente del 1200 che analizza secondo i canoni aristotelici uno space shuttle armato di candela e rosario...Marco
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma cosa è rubare?
      Sai, per come la penso io abbiamo un concetto di proprietà intellettuale e di copyright che é vecchio come il cucco, risalente ai tempi in cui ancora internet e il p2p non erano fenomeni di massa. Prima ci si faceva fare la cassettina dall'amico, e la cosa era limitata, oggi la musica (e i film, i giochi, i programmi...) si distribuiscono via p2p, e un tipo che sta magari in cina può venirsi a scaricare ad es. l'ultimo di Madonna da me. E' chiaro che la legislazione é inadeguata, come é chiaro che i produttori di musica e quant'altro devono cambiare i loro metodi di distribuzione se non vogliono continuare a combattere contro i mulini a vento. Il colpaccio, per loro, sarebbe di sfruttare a loro vantaggio il fenomeno, e non di criminalizzare gli utenti trattandoli come limoni che vanno bene solo finché si possono spremere. Io sarei anche disposta a spendere una cifra ragionevole per comprarmi un cd ma, primo: vorrei evitare di comprarlo a scatola chiusa rischiando di spendere i miei soldi per qualcosa che non mi piace, e secondo: se mi chiedono 20 euro e passa i ladri sono loro e non certo io. Tenere da conto queste cose significa avere rispetto del cliente, secondo me.Pai
  • Anonimo scrive:
    Ranx Xerox
    Ma dov'è finito il mitico Ranx?Se ci fosse lui oggi a educare i nostri mocciosi, altro che "The Proud Family"... ci sarebbe "The Vinavil Family" ;) ... ma poi "proud" de che?
  • Anonimo scrive:
    L'ho visto proprio l'altro giorno :-)
    Ebbene si', ero a casa ed e' passato un bambino mio vicino di casa di 4 anni. Accesa la TV vedo un cartone senza il solito assurdo mix di odio e violenza nipponica e gli faccio "ecco un cartone bello" ... dopo un po' quando sto allontanandomi vedo una scena alla Matrix, e dico 'spetta ... vuoi vedere che hanno fatto il verso a Matrix eh eh eh :-) Il bambino non capisce i riferimenti non avevndo visto Neo, pero' il riferimento era chiaro, mi fermo a guardare un po' e viene fuori che in rete ci si perde negli MP3 non nella matrice ... poi vedo EZ Jackster ... la bambina protagonosta dimentica la vita reale ... internet addiction ... poi mostrano che la febbre pervade individui di ogni eta' ... e non posso non pensare alal RIAA ed alle figuracce che sta facendo ... Il bambino ovviamente non capisce nulla di tutto cio', la verita' e' che il target NON e' il bambino, il target sono gli adulti che spesso sono nei paraggi dei pupi ... evidente! Non so a quanto servano queste puntate "educative" ... nel mare di violenza che c'e' in TV, a cominciare dai cartoni giapponesi eh eh eh tant'e' che il bambino e' rimasto indifferente a tutto e poi ha cercato col telecomando qualche combattimento samurai tra teste resecate e urla continue ;-) Mi sa che ci si dovrebbe preoccupare di piu' di questa violenza che non del file sharing che probabilmente per quando saranno adulti i bambini di oggi sara' ubiquitario e legale a certe condizioni.
    • Anonimo scrive:
      Re: L'ho visto proprio l'altro giorno :-)

      vedo un cartone senza il solito assurdo mix di odio e
      violenza nipponica Io invece vedo che generalizzi alla grande.Allora perchè non dici "vedo un film senza il solito mix di odio e violenza americana"?oppure "vedo una pubblicità senza tette e culi italiani"?Ok, qui si parla di cartoni animati...Quand'è che la finiremo con questa assurda cosa che i tutti i cartoni giapponesi sono violenti? ce ne sono di violenti, come di teneri.
      • Akiro scrive:
        Re: L'ho visto proprio l'altro giorno :-

        Quand'è che la finiremo con questa assurda
        cosa che i tutti i cartoni giapponesi sono
        violenti? ce ne sono di violenti, come di
        teneri.INFATTI!non esite solo ken shiro!c'è anke quella gnokka di Lamù!W gli Anime ed i Manga(linux)
      • Anonimo scrive:
        Re: L'ho visto proprio l'altro giorno :-
        - Scritto da: Anonimo
        Quand'è che la finiremo con questa assurda
        cosa che i tutti i cartoni giapponesi sono
        violenti? ce ne sono di violenti, come di
        teneri.Si Sampei!!Ma va a pescare va!Voglio i robot ma quelli cazzuti per davvero, alla Goldrake e Mazinga, e poi Venus la sparatette e tutti gli altri. Non ce ne stanno piu' cosi'...
    • Anonimo scrive:
      Re: L'ho visto proprio l'altro giorno :-)
      [OT]Quando fai riferimento all'animazione giapponese si vede che sei un ignorante forte e non sai di cosa stai parlando.Facile riempirsi la bocca di banalitá senza sapere nulla sull'argomento. Attento a non strozzarti da solo.
    • Anonimo scrive:
      Re: L'ho visto proprio l'altro giorno :-)
      CUT
      Accesa
      la TV vedo un cartone senza il solito
      assurdo mix di odio e violenza nipponica CUTPensa che l'altro giorno mi è capitato di dare no sguardo alla tv e ho trovato tom e jerry. Strano a dirsi, pure essendo americano, si massacrano in tutte le maniere e soprattutto senza un motivo plausibile. Idem per beep beep e azzi vari.Questi si che sono cartoni animati educativi altro che quell'accozzaglia nipponica dove le azioni spesso sono giustificate da ventimila pip*acce mentali dei protagonisti.
    • Anonimo scrive:
      Re: L'ho visto proprio l'altro giorno :-)

      la TV vedo un cartone senza il solito
      assurdo mix di odio e violenza nipponica e
      gli faccio "ecco un cartone bello" mamma mia ! Senza parole! Ma tu dove vivi? in una grotta? hai mai superato il cancello di casa tua? guardi piú in lá del tuo naso o ti mancano 100000 diottrie?É su genitori come te che associazioni come il Moige ci campano.... che tristezza!
      • Anonimo scrive:
        Re: L'ho visto proprio l'altro giorno :-)
        Auff... perché certe cose c'é sempre bisogno di ripeterle?Io posso capire che apprezzare o meno l'animazione giapponese possa essere una questione di gusti, ma vorrei che si evitasse di parlare delle cose senza conoscerle bene, solo in base a diffusi pregiudizi. Chi come me ha visto piccoli capolavori come Totoro, una tomba per le lucciole o le ali di honneamise sa che non hanno niente da invidiare a un bel film e men che mai a certe ciofeche disneiane. Certo, il più delle volte il target degli anime (termine tecnico per cartone animato jap) non é assolutamente infantile, molti sono fatti per essere visti da adolescenti e adulti, però in moltissimi casi non sono quella schifezza violenta che tu dici. Permettermi di dirtelo, non puoi giudicare se hai visto di sfuggita solo dragonball e qualche robottone anni 70, mancando proprio di goderti le cose migliori.
        • Attila Xihar scrive:
          Re: L'ho visto proprio l'altro giorno :-)
          - Scritto da: Anonimo
          Permettermi di dirtelo, non puoi giudicare
          se hai visto di sfuggita solo dragonball e
          qualche robottone anni 70, mancando proprio
          di goderti le cose migliori.Non mi toccate i robottoni anni 70, eh...!:-D
          • Anonimo scrive:
            Re: L'ho visto proprio l'altro giorno :-
            - Scritto da: Attila Xihar

            qualche robottone anni 70, mancando
            proprio

            di goderti le cose migliori.

            Non mi toccate i robottoni anni 70, eh...!
            :-DMinkia diccelo forte!Goldrake, Mazinga, Jeeg, Daitarn, Mazinga Z e Venus la sparatettone.Ma che fanno adesso, solo schifezze...?
          • Anonimo scrive:
            Re: L'ho visto proprio l'altro giorno :-)
            - Scritto da: Attila Xihar

            - Scritto da: Anonimo

            Permettermi di dirtelo, non puoi giudicare

            se hai visto di sfuggita solo dragonball e

            qualche robottone anni 70, mancando
            proprio

            di goderti le cose migliori.

            Non mi toccate i robottoni anni 70, eh...!
            :-DSono quella di prima e ti rispondo: non li toccate nemmeno a me! A me piacciono! Solo che mi rendo conto che magari non tutti sono proprio dei capolavori. E comunque: datemi un gundam e vi solleverò il mondo! :p
          • Anonimo scrive:
            Re: L'ho visto proprio l'altro giorno :-)
            - Scritto da: Anonimo
            Sono quella di prima e ti rispondo: non li
            toccate nemmeno a me! A me piacciono! Solo
            che mi rendo conto che magari non tutti sono
            proprio dei capolavori. E comunque: datemi
            un gundam e vi solleverò il mondo! :p...Gundam...grande!
        • Mechano scrive:
          Re: L'ho visto proprio l'altro giorno :-
          - Scritto da: Anonimo
          pregiudizi. Chi come me ha visto piccoli
          capolavori come Totoro, una tomba per le
          lucciole o le ali di honneamise sa che non
          hanno niente da invidiare a un bel film e
          men che mai a certe ciofeche disneiane.
          Certo, il più delle volte il target degli
          anime (termine tecnico per cartone animato
          jap) non é assolutamente infantile, molti
          sono fatti per essere visti da adolescenti e
          adulti, però in moltissimi casi non sono
          quella schifezza violenta che tu dici.Secondo me buona parte dei cartoni animati giapponesi sono molto belli. Soprattutto quelli con i personaggi che fanno parte di una squadra.La maggior parte di questi cartoni ha una componente della religione shintoista. Dove il sacrificio per gli altri e' l'insegnamento dominante.L'eroe americano e' invece la vera rovina del mondo! (sempre secondo me).Bambini cresciuti a Superman e Uomo Ragno da grandi diventano egoisti, individualisti e spacconi.Il supereroe individualista che fa tutto da se, risolve qualsiasi problema e non fa mai figuracce, in nessuna occasione crea una situazione in cui anche gli individui (sepecie i maschi) credono di essere in grado di fare altrettanto.L'esaltazione dell'individuo anche se mediocre e' uno dei manifesti dell'americanismo moderno.Il bambino cresciuto con questa esaltazione dell'io, una volta cresciuto, davanti a problemi reali difficili da superare senza conoscenze o doti adeguate, si trova a disagio, frustrato e deluso. Lo stesso davanti a pessime figure o derisione da parte di altri individui dalla stessa mediocrita' e cattiva educazione.Nel manga invece, grazie all'influsso della religione shintoista si e' sempre parte di una squadra, dove si e' parte di un individuo "globale" dove ogni componente ha doti diverse e nessuno si arroga la presunzione dell'onniscenza e dell'onnipotenza che lo mette in condizioni di poter fare le veci degli altri.Ognuno coi suoi difetti (il grassoccio, lo smilzo, lo scorreggione) sono comunque amati dagli altri membri della squadra e nel momento del bisogno sono uniti, e mettono da parte i battibecchi per combattere il nemico comune. Insomma il 90% delle trame di cartoni di questo genere si svolge all'incirca cosi'.Se volessimo fare anche un paragone con gli istinti animali, definirei l'erore individualista un felino come la tigre o il ghepardo e il gioco di squadra simile ai branchi ben organizzati di animali sociali o piu' semplicemente le industriose colonie d'insetti. E si sa quali prolificano e quali sono a rischio d'estinzione.Ma a parte paragoni di questo genere, ci sono anche opinioni contrastanti riguardo all'influenza shintoista nei manga (e anime), dove si identifica nel messaggio insito in questo genere di cartone animato un annichilimento dell'individuo, un annullamento della sua personalita', cosi' come avviene nel comunismo e in molte realta' politiche orientali.Non so se questo genere di commenti siano frutto di attente analisi, certamente non trovo negativo il messaggio di sacrificio per il bene del proprio gruppo e del prossimo in generale.Anche se in tempi moderni ormai nessuno recepisce e fa suo questo insegnamento, forse anche a causa dell'egoismo diffuso ormai ben radicato nelle menti grazie a decenni di eroi e supereroi individualisti e spacconi come lo e' daltronde l'americano medio.Tutto cio' naturalmente IMHO.Adesso al cartone con l'eroina individualista, ci si aggiunge l'insegnamento commerciale-consumistico...E' semplicemente patetico il tentativo di voler creare una coscienza (consumistica) comune invece che adattarsi ai tempi che cambiano e ristrutturare tutto il settore dell'intrattenimento e di una macchina che fonda le basi sul commercio tradizionale, per adattarlo ai tempi dei bit della rivoluzione tecnologica.--Ciao. Mr. Mechanomechano@punto-informatico.it
          • Skaven scrive:
            Re: L'ho visto proprio l'altro giorno :-
            Clap Clap!Complimenti! il tuo post è stupendo e mi trova 100% concorde!Con stima
          • Anonimo scrive:
            Re: L'ho visto proprio l'altro giorno :-
            bravo! ed è anche ora di smetterla di considerarli un sotto-genere inferiore e infantile come ci si ostina qui in italia.
          • Anonimo scrive:
            Re: L'ho visto proprio l'altro giorno :-
            Sono d'accordo. Grazie al P2P sono riuscito a vedere serie fansubbate che a mio avviso sono dei capolavori, altri che le merdacce che passano in tv quì. Non so quanti conoscono To Heart. E' una piccola poesia. Niente odio o violenza eppure è un anime.Vorrei poi far notare al Moige che serie come Versailles no Bara (Lady Oscar) stimolava a studiare la storia di quegli eventi all'epoca della prima messa in onda.
    • gerry scrive:
      Re: L'ho visto proprio l'altro giorno :-)
      - Scritto da: Anonimo
      Accesa
      la TV vedo un cartone senza il solito
      assurdo mix di odio e violenza nipponicahttp://www.adamitalia.org/documenti/pericolo_cartoni.htm
    • Anonimo scrive:
      Re: L'ho visto proprio l'altro giorno :-)
      Guarda che sei restato indietro di una decina d'anni. Di cartoni giapponesi violenti in tv non ne passano piu' da anni, sono tutti censurati ed epurati da mediaset, grazie proprio ai bigotti come te.Opure vedi della violenza guardando dei criceti che mangiano le caramelle?...
  • UMM scrive:
    Chi non ha i soldi...
    ... non compri. Semplice.Lavorare 5 ore al giorno per la cassettina della Barbie? Si.Non hai i soldi per permettertela? Fai a meno.Neanche io ho i 400 euro per permettermi i jeans di Cavalli.E non li vado a rubare. Perché se li rubo commetto un REATO, perché è punibile a norma di legge.Sembra che la musica si diventata un DIRITTO UNIVERSALE, un gadget da mettere OVUNQUE, dai palmari alle suonerie dei telefoniniche ti fanno diventare da un giorno all'altro DIGGGGEIIII.Se vuoi ascoltare musica, esiste una cosa vecchia di oltre un secolo e si chiama RADIO. Se vuoi ti rippi anche lo streaming MP3 che trasmettono e te lo riascolti quanto vuoi.Dov'è il problema? Lo speaker che parla? Diciamo che con lo speaker che parla non ti fai il cd e non lo metti su alla festina di compleanno del tuo amichetto, dite la verità. LADRI.TUTTI SANNO che il 99,9 per cento della gente che si collega utilizzando WinMX e Kazaa RUBA musica commettendo reato. Se poi vogliamo vedere quello che non è, allora è un altro discorso.La Disney si è solo limitata a descrivere come vanno le cose. Ci sono milioni di ladri in tutto il mondo, così vanno le cose. Non capisco perché stia rodendo così tanto a molti. Anzi sì, in realtà lo capisco molto bene... ;-)--UMM
    • Anonimo scrive:
      Re: Chi non ha i soldi...
      - Scritto da: UMM
      ... non compri. Semplice.
      Lavorare 5 ore al giorno per la cassettina
      della Barbie? Si.

      Non hai i soldi per permettertela? Fai a
      meno.
      (...)
      --
      UMMHmm... giusto per curiosità, questa tua logica vale solo per i prodotti di intrattenimento o anche per il pane et similia?
    • NeutrinoPesante scrive:
      Re: Chi non ha i soldi...
      - Scritto da: UMM
      La Disney si è solo limitata a descrivere
      come vanno le cose. Ci sono milioni di ladri
      in tutto il mondo, così vanno le cose. Non
      capisco perché stia rodendo così tanto a
      molti. Anzi sì, in realtà lo capisco molto
      bene... ;-)

      --
      UMMCi si sta rodendo perche' la Disney sta tentando di imporre subdolamente nei bambini il suo interessato giudizio morale sullo scambio di musica.Non c'e dubbio che scambiarsi musica protetta da copyright sia illegale.Sulla moralita' invece la questione mi sembra un po' piu' opinabile: io personalmente faccio notevolmente fatica a considerare ladro una persona che guadagna 1500 Euro al mese e si copia l'ultimo successo di uno che guadagna qualche milione di Euro all'anno.Che cosa gli ha rubato? Un bullone della 11ma Ferrari da aggiungere alla sua collezione? O un mattone della quinta villa con piscina in Costa Smeralda?Spero che i genitori si occupino di spiegare bene ai loro figli la differenza tra cio' che e' giusto e cio' che e' legale.Ciao
    • Anonimo scrive:
      Re: Chi non ha i soldi...sono tanti

      ... non compri. Semplice.lapalissiano, difatti non compro.
      Lavorare 5 ore al giorno per la cassettina
      della Barbie? Si.
      Non hai i soldi per permettertela? Fai a
      meno.di sicuro

      Neanche io ho i 400 euro per permettermi i
      jeans di Cavalli.
      E non li vado a rubare. Perché se li rubo
      commetto un REATO, perché è punibile a norma
      di legge.certo perche' ti appropri di un bene sottraendolo a qualcuno e di fatto non rendendolo disponibile a qualcun altro
      Sembra che la musica si diventata un DIRITTO
      UNIVERSALE, un gadget da mettere OVUNQUE,
      dai palmari alle suonerie dei telefoniniche
      ti fanno diventare da un giorno all'altro
      DIGGGGEIIII.condivido, si puo' anche vivere senza comprare musica
      Se vuoi ascoltare musica, esiste una cosa
      vecchia di oltre un secolo e si chiama
      RADIO. Se vuoi ti rippi anche lo streaming
      MP3 che trasmettono e te lo riascolti quanto
      vuoi.basta una cassetta, sai quella cosa che va di moda da oltre 20-30 anni, anzi ti diro' di piu' ho visto anche una radio che registrava direttamente i cd-r
      Dov'è il problema? Lo speaker che parla?
      Diciamo che con lo speaker che parla non ti
      fai il cd e non lo metti su alla festina di
      compleanno del tuo amichetto, dite la
      verità. LADRI.basta mettere in pausa, riavvolgere fare uno stacco vuoto dove finisce la canzone cosi si puo' anche sentire alla festina di compleanno e pensa te, pure in macchina...
      TUTTI SANNO che il 99,9 per cento della
      gente che si collega utilizzando WinMX e
      Kazaa RUBA musica commettendo reato. Se poi
      vogliamo vedere quello che non è, allora è
      un altro discorso.e lo 0,1 percento cosa scarica ? film porno ? ma anche quelli saranno coperti da copyright ...e' il concetto di RURARE che non c'entra un piffero se permetti :rubareappropriarsi in modo illecito di beni altrui; sottrarre ad altri qualcosa, spec. con l'astuzia o con la frode chi scarica non sottrae niente chi aveva qualcosa continua ad averla. E empiricamente come si puo' sapere che chi mette in condivisione qualche cosa non ne ha il diritto ? Io non so chi c'e' dall'altra parte della rete, se condividono qualche cosa si vede che possono farlo, io non posso ricondividere quello che scarico in quanto non ne detengo il copyright e quindi non condivido nulla, a parte un sacco di belle foto di paesaggi fatte da me con la mia macchina digitale.
      La Disney si è solo limitata a descrivere
      come vanno le cose. Ci sono milioni di ladri
      in tutto il mondo, così vanno le cose. Non
      capisco perché stia rodendo così tanto a
      molti. Anzi sì, in realtà lo capisco molto
      bene... ;-)e' che non hanno descritto realisticamente la cosa hanno per cosi dire, tirato l'acqua al loro mulino.
    • Akiro scrive:
      Re: Chi non ha i soldi...

      Neanche io ho i 400 euro per permettermi i
      jeans di Cavalli.per piacere non paragoniamo la MUSICA con la moda... se dico che ha effetti terapeutici forse dico unha castroneria... ma di sicuro è molto più "sana" della seconda
      E non li vado a rubare. Perché se li rubo
      commetto un REATO, perché è punibile a norma
      di legge.anke applicare dei costi troppo elevati a dei prodotti di largo consumo.
      Se vuoi ascoltare musica, esiste una cosa
      vecchia di oltre un secolo e si chiama
      RADIO. Se vuoi ti rippi anche lo streaming
      MP3 che trasmettono e te lo riascolti quanto
      vuoi.e sei illegale anke lì per "loro".
      Dov'è il problema? Lo speaker che parla?
      Diciamo che con lo speaker che parla non ti
      fai il cd e non lo metti su alla festina di
      compleanno del tuo amichetto, dite la
      verità. LADRI.ti picchiavano da pikkolo?
      La Disney si è solo limitata a descrivere
      come vanno le cose.certo, ma non ha solo _esposto_ i fatti.. praticamente s'è "sentita solo una campana".
      Ci sono milioni di ladri
      in tutto il mondo, così vanno le cose. Non
      capisco perché stia rodendo così tanto a
      molti. Anzi sì, in realtà lo capisco molto
      bene... ;-)fotte sega.(linux)
    • Anonimo scrive:
      Pochimon
      - Scritto da: UMM
      ... non compri. Semplice.
      Lavorare 5 ore al giorno per la cassettina
      della Barbie? Si.

      Non hai i soldi per permettertela? Fai a
      meno.
      Si ma come glie lo spieghi al bambino che non si deve sentire un pezzente solo perchè non è l'unico con lo zaino dei pochemon?
    • avvelenato scrive:
      Re: Chi non ha i soldi...
      io posso dissentire con la tua idea di furto, la tua definizione di ladro, la tua concezione di morale e tutte queste paroline qui tanto belle sulla quale basi i tuoi ragionamenti.io non ho votato nessuna legge sul diritto d'autoreio non ho votato nessuno per fare questo al posto miosono nato in un mondo preordinato ad uso e consumo di grandi mangiatori sulle spalle dei poveri cristi.dici che io rubo? sai cosa me ne frega! vienimi a picchiare.noi siamo milioni. avvelenato che comprava la musica. (o meglio, il diritto di ascoltarla)
    • Anonimo scrive:
      Re: Chi non ha i soldi...
      Mai posseduto cassettine non originali ?Si ? Allora stai zitto, LADRO !Saluti,Piwi
    • Anonimo scrive:
      Re: Chi non ha i soldi...
      - Scritto da: UMM
      ... non compri. Semplice.
      Lavorare 5 ore al giorno per la cassettina
      della Barbie? Si.

      Non hai i soldi per permettertela? Fai a
      meno.Se per legge siamo tutti uguali mi spieghi perche' il figlio di berluska, giusto per citarne uno a caso, puo' avere tutti i dvd originali che vuole (o i cd audio se vuoi) senza aver fatto nulla per meritare tutto questo, mentre il figlio di un operaio non puo' avere nulla, non puo' ascoltare musica, nn puo' vedere film, non puo' comprare giochi, ecc ecc, senza aver fatto nulla per meritare questa situazione?Io dico che chi ha i soldi e' giusto che paghi e chi non li ha fa bene a recuperarli per vie traverse, tanto senza soldi non avrebbe potuto comprarli comunque quindi le ditte non ci perdono nulla.
  • The FoX scrive:
    Cosa aspettarsi da chi...
    ha preso il marchio DVD e se l'e' trasformato a propriouso e consumo in "Disney DVD"...Fossi nel DVD forum m'incazzerei non poco!!!Se e' un DVD si deve chiamare "DVD" e non "Disney DVD".Come i dischi digitali protetti, che qualcuno ha avuto l'ardire di chiamare CD Audio, facendo giustamente incavolare la Philips.In quel caso si chiamava CD Audio cio' che non rispettava gli standard ed i brevetti dei CD Audio, e quindi CD Audio non era.Qui invece la Disney, per un ritorno economico, se' inventata un proprio marchio per sostituire quello "ufficiale".Ma la sostanza non cambia: fare quel che un vuole per un maggiore ritorno economico...Scusate la filippica..."Un The FoX che ha il dente avvelenato con chi non chiama le cose per quel che sono..."
    • Anonimo scrive:
      Re: Cosa aspettarsi da chi...
      - Scritto da: The FoX
      ha preso il marchio DVD e se l'e'
      trasformato a proprio
      uso e consumo in "Disney DVD"...
      Fossi nel DVD forum m'incazzerei non poco!!!
      Se e' un DVD si deve chiamare "DVD" e non
      "Disney DVD".Se e' un DVD che contiene roba Disney, che male c'e' chiamarlo Disney DVD?Analogamente ci sono in rete i Disney Divx, i Disney mpeg e i Disney VCD.Io la trovo un'ottima idea: piu' facili da identificare e al riparo da brutte sorprese.Anzi, mi piacerebbe pure che la Warner facesse qualcosa del genere: i Warner DVD, etc...
  • Anonimo scrive:
    Il plagio in televisione
    I media plagiano con propaganda, falsificazioni e mistificazioni che originano da interessi politici ed economici.Basta guardare quanto viene spinta la multirazialita' - in ogni trasmissione televisiva, dietro a ospiti importanti o ai presentatori stessi, c'e' qualche bel negretto vestito e tirato a puntino. Mostrare di soppiatto queste immagini subliminali oggettivamente diverse dalla realta' che viviamo nelle nostre citta' significa plagiare le persone, fargli il lavaggio del cervello. Si puo' essere favorevoli o contrari alla multirazialita' (io sono profondamente contrario) ma ogni scelta politico-sociale di tale portata va discussa in maniera onesta e chiara. Il plagio e' una vergogna che grida vendetta.
    • Anonimo scrive:
      Re: Il plagio in televisione
      - Scritto da: Anonimo
      I media plagiano con propaganda,
      falsificazioni e mistificazioni che
      originano da interessi politici ed
      economici.
      Basta guardare quanto viene spinta la
      multirazialita' - in ogni trasmissione
      televisiva, dietro a ospiti importanti o ai
      presentatori stessi, c'e' qualche bel
      negretto vestito e tirato a puntino.
      Mostrare di soppiatto queste immagini
      subliminali oggettivamente diverse dalla
      realta' che viviamo nelle nostre citta'
      significa plagiare le persone, fargli il
      lavaggio del cervello. Si puo' essere
      favorevoli o contrari alla multirazialita'
      (io sono profondamente contrario) ma ogni
      scelta politico-sociale di tale portata va
      discussa in maniera onesta e chiara. Il
      plagio e' una vergogna che grida vendetta.Tu da chi sei stato plagiato per scrivere queste stronzate?
  • Anonimo scrive:
    Povero paperino
    avere come datori di lavoro questi qua (qua nel senso di questi della disney, non suo nipote qua, ha ha ha... ehm).Comunque la disney, al di la di alcuni bei film di animazione, dal punto di vista degli scrupoli, ne ha ben pochi.La simpatia di questa azienda è crollata miseramenta già quando, sostanzialment per impedire che topolino potesse essere usato senza pagare royaltes, ha spinto la sempre saggia amministrazione Bush a prolungare il copyright fino a 70 anni, vedi notizia.D'altra parte l'etica e la moralità di aziende il cui unico obiettivo è far soldi (che è l'obiettivo di tutte le aziende, ma alcune, specialmente le più grandi, non esiterebbero a calpestare diritti umani per farli, figuriamoci insulse norme morali) è ormai appurato, sono pressochè inesistenti.La disney tra l'altro è parte i causa, in quanto tra poco, i suoi amati dvd dei cartoni, venduti a peso d'oro, risentiranno del p2p (la qualità dei cartoni tra l'altro è già buona ora, in quanto essendo costituiti sostanzialmente da disegni anzichè da immagini, risentono meno del processo di compattazione risultante).In ogni modo, come dicono altri post poi, un numero *consistente* di serie, telefilm, film ,cartoni animati ecc., hanno messaggi subliminali, pubblicità più o meno velate, e comunque molti cartoni animati altro non sono che pubblicità ai gadget della serie.Certo che l'episodio in oggetto, che non ho avuto il piacere di vedere, ha avuto un bel grado di faccia tosta.Pensare che sia compito di multinazionali come la Disney, e comunque della televisione (eccezion fatta per lodevoli programmi) ad insegnare a chichessia, specialmente ai bambini che in quanto tali sono vulnerabili, cosa è giusto o cosa è sbagliato è semplicemente ridicolo e assurdo.D'altra parte la televisione fa vedere la realtà che gli pare, in cui l'inflazione è al 2%, il governo Berlusconi va alla grande, Manuela Arcuri è una grande attrice (anzichè ammettere che è solo bona) e via dicendo..La colpa a questo punto è degli spettatori, che hanno il dovere di incazzarsi quando vedono certe cose.Se migliaia di persone avessero telefonato alla rai per protestare e dire che la prossima volta non pagano il canone, ci penserebbero 2 volte a trasmettere schifezze propagandistiche nei confronti di chichessia.Purtroppo non è cosi, e il buon senso è tale solo se sollecitato da una massa di persone irritate.st
    • Anonimo scrive:
      Re: Povero paperino
      hai ragione, se gli spettatori potessero veramente far pesare un pochino il proprio pensiero forse certe cose andrebbero diversamente...non sai quanto mi piacerebbe poter non pagare il canone o anche solo minacciare di poterlo fare... ma purtroppo siamo obbligati a farlo grazia a tutti i governi passati e anche quello attuale... personalmente ho smesso di guardare la rai, nessun canale, nessun programma,... e ti posso dire che in fondo non mi manca affatto anzi.
      • Anonimo scrive:
        Re: Povero paperino
        ma che dici?? se non hai la TiVi il canone NON lo paghi :)
        • Anonimo scrive:
          Re: Povero paperino
          Davvero? Sicuramente te lo vengono a chiedere lo stesso... Ingenuo 2001- Scritto da: Anonimo
          ma che dici?? se non hai la TiVi il canone
          NON lo paghi :) :s
          • avvelenato scrive:
            Re: Povero paperino
            beh tu non li fai entrare.lo fanno anche coloro i quali nonostante tutto continuano a possedere un apparecchio televisivo...
          • paulatz scrive:
            Re: Povero paperino
            - Scritto da: Anonimo
            Davvero? Sicuramente te lo vengono a
            chiedere lo stesso...

            Ingenuo 2001

            - Scritto da: Anonimo

            ma che dici?? se non hai la TiVi il canone

            NON lo paghi :)
            :sConfermo: non ho la Tv, non l'ho mai avuta, tuttavia circa ogni sei (6) mesi arriva la puntuale lettera minatoria della RAi che mi minaccia di pagare il canone.Minatoria non è un'esagerazione, non viene neanche tenuto in considerazione il fatto che io possa non avere un TV, vengo minacciato di provvedimenti e accusato di essere un'evasore.E la cosa peggiore è che hanno ragione, perchè il canone lo dovrei pagare per la radiolina a pile che tengo in bagno.
          • Anonimo scrive:
            Re: Povero paperino
            - Scritto da: paulatz

            - Scritto da: Anonimo

            Davvero? Sicuramente te lo vengono a

            chiedere lo stesso...



            Ingenuo 2001



            - Scritto da: Anonimo


            ma che dici?? se non hai la TiVi il
            canone


            NON lo paghi :)

            :s
            Confermo: non ho la Tv, non l'ho mai avuta,
            tuttavia circa ogni sei (6) mesi arriva la
            puntuale lettera minatoria della RAi che mi
            minaccia di pagare il canone.
            Minatoria non è un'esagerazione, non viene
            neanche tenuto in considerazione il fatto
            che io possa non avere un TV, vengo
            minacciato di provvedimenti e accusato di
            essere un'evasore.
            E la cosa peggiore è che hanno ragione,
            perchè il canone lo dovrei pagare per la
            radiolina a pile che tengo in bagno." La legge 449/1997 ha inoltre stabilito l'esonero dall'obbligo di pagare il canone di abbonamento alla radio per i detentori di apparecchi radiofonici collocati presso abitazioni private (art.24, comma 14). "http://www.ufficiostampa.rai.it/azienda/canone/autoradio.htm
    • Anonimo scrive:
      Re: Come leggere Paperino
      - Scritto da: Anonimo
      Povero paperino avere come datori di lavoro questi qua (qua
      nel senso di questi della disney, non suo
      nipote qua, ha ha ha... ehm).Gia nel lontano 1972 qualcuno analizzava criticamente i messaggi veicolati tramite gli "innocenti" fumetti della Disney."Come leggere Paperino" di A. Dorfman A. Mattelart
      • avvelenato scrive:
        Re: Camerata Topolino
        e perché non "Camerata Topolino" di Alessandro Barbera ? avvelenato che sente la mancanza di Guaz! the (troll)
    • Anonimo scrive:
      Re: Povero paperino
      Guarda che la saggia amministrazione che gli e l'ha concesso è quella di Clinton, sul finire del suo mandato; poichè le majors dell'audio/video l'avevano appoggiato.Fate veramente sc*f* con queste menzogne per le vostre misere idee politche.
  • Anonimo scrive:
    Quanto costa 1 cd vergine ?
    Ciao, ho avuto l'impressione che i cd vergini siano aumentati di brutto o mi sbaglio ?Ho visto una confezione da 50 a 50 euro :-(Voi quanto pagate 50 o 100 cd 'bulk' da 700MB ?E 1 dvd vergine quanto costa ?GrazieCiaoPippo
    • opazz scrive:
      [OT] Re: Quanto costa 1 cd vergine ?
      Mai sentito parlare dell'aumento dei supporti per la legge sui diritti d'autore (credo si rifacesse a questo).. Cmq mediamente sono aumentati di 25 cent.
    • Anonimo scrive:
      Re: Quanto costa 1 cd vergine ?
      :@ Io li trovo a 0.80? a cd e mi dico "beh, costano tanto perché costa tanto produrli.....NO SONO TUTTE TASSE VACCA.....!" :@ :@
      • yusaku scrive:
        Re: Quanto costa 1 cd vergine ?
        ma dove li comprate i CD per pagarli così tanto? Nei centri comm.li? Nei negozi?...NOO oooooo...cercate quei negozietti che vendono solo CD.Io li pago 40, max 50 cent l'uno e se ne compri grosse quantità anche a meno. I DVD invece 1,20.Se questi negozi ci sono nella mia città, che non è grandissima, figurati nelle altre.....ecchecavolo...cercate, cercate che li trovate :)
        • Anonimo scrive:
          Re: Quanto costa 1 cd vergine ?
          :'( Magari ma io a Bz non li trovi questi paradisi....
          • Anonimo scrive:
            Re: Quanto costa 1 cd vergine ?
            - Scritto da: Anonimo
            :'( Magari ma io a Bz non li trovi questi
            paradisi....Neanche a Tn...
          • Anonimo scrive:
            Re: Quanto costa 1 cd vergine ?
            :'( Avevo cercato anche a tn infatti..... :'( voglio tornare in germaniaaaaaaa
          • Anonimo scrive:
            Re: Quanto costa 1 cd vergine ?
            - Scritto da: Anonimo
            :'( Avevo cercato anche a tn infatti.....
            :'( voglio tornare in germaniaaaaaaaSe vai in Germania, mi porti un po' di cd? ;)
          • Anonimo scrive:
            Re: Quanto costa 1 cd vergine ?
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo

            :'( Avevo cercato anche a tn infatti.....

            :'( voglio tornare in germaniaaaaaaa

            Se vai in Germania, mi porti un po' di cd?
            ;)Devo chiedere ad amici che tornano verso natale.... anche perchè sennò col mio ritmo di masterizzazione (2-3cd al giorno)...... le spese si impennano!
        • Funz scrive:
          Re: Quanto costa 1 cd vergine ?
          - Scritto da: yusaku
          ma dove li comprate i CD per pagarli così
          tanto? Nei centri comm.li? Nei negozi?...NOO
          oooooo...
          cercate quei negozietti che vendono solo CD.
          Io li pago 40, max 50 cent l'uno e se ne
          compri grosse quantità anche a meno. I DVD
          invece 1,20.
          Se questi negozi ci sono nella mia città,
          che non è grandissima, figurati nelle
          altre.....ecchecavolo...cercate, cercate che
          li trovate :)In Italia e' impossibile trovarli a meno di cosi', ma in Germania, dove non c'e' la tassa SIAE, costano ancora 0,30 Euro se prendi il pack da 50 o 100 non di marca (ma ho visto un pacco da 300 di gran marca a 90 Euro).Mi piacerebbe pero' sapere se e' possibile acquistarli dall'Italia via Internet...ciao!
        • paulatz scrive:
          Re: Quanto costa 1 cd vergine ?
          - Scritto da: yusaku
          ma dove li comprate i CD per pagarli così
          tanto? Nei centri comm.li? Nei negozi?...NOO
          oooooo...
          cercate quei negozietti che vendono solo CD.
          Io li pago 40, max 50 cent l'uno e se ne
          compri grosse quantità anche a meno. I DVD
          invece 1,20.
          Se questi negozi ci sono nella mia città,
          che non è grandissima, figurati nelle
          altre.....ecchecavolo...cercate, cercate che
          li trovate :)Vero anche a TS c'è ne uno, poi se ho voglia faccio un salto in Slovenia, i Cd costano uguale, ma non do soldi alla SIAE:D
          • Anonimo scrive:
            Re: Quanto costa 1 cd vergine ?
            - Scritto da: paulatz

            - Scritto da: yusaku

            ma dove li comprate i CD per pagarli così

            tanto? Nei centri comm.li? Nei
            negozi?...NOO

            oooooo...

            cercate quei negozietti che vendono solo
            CD.

            Io li pago 40, max 50 cent l'uno e se ne

            compri grosse quantità anche a meno. I DVD

            invece 1,20.Caso mio: negozietto dietro l'angolo che tiene pure le cartelle di 50 anni fà (non scherzo, se si guarda in alto sono in bella mostra).CD Verbatim: 1.10 a testa.Il buon 85% finisce in mano alla SIAE, perchè, per loro, tale CD verrà, di sicuro, usato per scopiazzare qualcosa e allora bisogna pagare.Hanno raggiunto l'orlo del ridicolo. Non aggiungo altro.
  • Anonimo scrive:
    reale realtà. realtà reale
    La trovate nell'ultima superba puntata di south park (che aimè credo non trasmetteranno mai in italia a causa di qualche imprecazione di troppo di Cartman, contro il capo che sta là sopra...) la puntata è la 709 - "Christian Rock Hard"cmq... esilarante... i ragazzi che scaricano musica e che ricevono una perquisizione da agenti di polizia in tenuta anti sommossa, con tanto di sfondamento di finestre e porte heheh.poi un polizziotto fa vedere i danni del p2p ai "musicisti": lars urlich dei meRDallica che piange ai bordi della piscina della sua villa. britney spears che piange mentre si prova i braccialetti d'oro nella sua stanza....e così via... "ragazzi, capite? state rovinando questi ARTISTI..... il p2p è MALE!"southpark? da far vedere la mattina alle 7 ai bambini prima di farli andare a scuola. chi lo sà che un giorno il mondo diventi migliore...se interessa scaricarla mandatemi una mail. .g
    • avvelenato scrive:
      ot: reale realtà. realtà reale
      lol :)che programma di filesharing usi? se cerco "south park ita" va bene come keywords?
      • Anonimo scrive:
        Re: ot: reale realtà. realtà reale
        - Scritto da: avvelenato
        lol :)

        che programma di filesharing usi? se cerco
        "south park ita" va bene come keywords?no ovviamente quegli episodi ci sono solo in lingua inglese, per trovarli scrivi il titolo che ha indicato nel messaggio ;)
    • markoer scrive:
      Re: reale realtà. realtà reale
      - Scritto da: Anonimo ^^^^^^^^^[...]
      se interessa scaricarla mandatemi una mail.

      .gE come si fa a mandartela se non hai un'email? :-)ciao
      • Anonimo scrive:
        Re: reale realtà. realtà reale
        Schiacciare su quel piccolo link che c'è dove c'è scritto il suo nome?
        • Locke scrive:
          Re: reale realtà. realtà reale
          - Scritto da: Anonimo
          Schiacciare su quel piccolo link che c'è
          dove c'è scritto il suo nome?Mi sa che è ora che ti compri un bel paio di occhiali... :)
    • kubu scrive:
      Re: reale realtà. realtà reale
      - Scritto da: Anonimo

      se interessa scaricarla mandatemi una mail.

      .gIo sarei interessato ma .... a chi la mando la mail ??Kubu
    • Anonimo scrive:
      Re: reale realtà. realtà reale
      ooops... oltre ad aver dimenticato l'email noto che all'una di notte scrivo anche come un cane...hehehcmq a chi interessa mi contatti quaskizophrenia @t freemail . itp.s.non si trova in italiano ma solo in inglese, perchè è stata trasmessa in america due settimane fà. in italia, se la trasmetteranno (ma non credo, visto che censurano tutto ormai, vedi ultima serie dei simpson) se ne parlerà tra 5 anni almeno...aloa,.g
    • Anonimo scrive:
      Re: reale realtà. realtà reale
      South park é un mito ;)
  • Anonimo scrive:
    Certo il P2P è rubare... forse !
    Vogliono rimbambirci col messaggio che usare il P2P è un furto... beh, cosa è allora la tassa sui cd e sui supporti di memorizzazione in genere che siamo costretti a pagare ??Quella non è un furto ?E perchè io devo pagare sta tassa anche se uso i supporti in maniera del tutto legale ???E i 15-20 euro a CD non sono un furto ???E i 50-60 euro per un DVD appena uscito non sono un furto ???Bene, visto che questo lo considero un furto in piena regola, d'ora in poi, non darò + 1 centesimo alle major e scaricherò tutto quello che mi serve da internet... e inoltre lo masterizzerò agli amici a gratis !E poi chi è la RAI per farsi portavoce del messaggio P2P = furto ? E io pago il canone per sentirmi dire ste cose ???E' chiaro che vogliono fare il lavaggio del cervello ai giovani... beh, impresa molto ardua.... potete soltanto fallire !W il P2P !!!
    • avvelenato scrive:
      Re: Certo il P2P è rubare... forse !
      che cosa ti aspetti in un paese dove se scippi la pensione ad una vecchietta sei uno spregevole criminale, mentre se la pensione la scippi ad un milione di vecchiette ti fanno premier?(copiratti (c) Paolo Rossi - usata senza alcuna licenza o permesso particolare) avvelenato il quale ride tanto col paolo rossi
      • Anonimo scrive:
        Re: Certo il P2P è rubare... forse !
        Anno 2002: Portate le pensioni per i 70-enni ad un minimo di 1.000.000 di £ire.Tacere PLEASE con queste sciochezze
        • Anonimo scrive:
          Re: Certo il P2P è rubare... forse !
          Si,vero, ma diciamo anche che visti i requisiti necessari per ottenere l'aumento, i 70-enni che hanno avuto l'aumento sono poche centinaia.............
        • Anonimo scrive:
          Re: Certo il P2P è rubare... forse !
          Cazzate. Solo cazzate.Mia nonna ha avuto l'aumento senza neanche muovere un dito.
          • paulatz scrive:
            Re: Certo il P2P è rubare... forse !
            - Scritto da: Anonimo
            Cazzate. Solo cazzate.

            Mia nonna ha avuto l'aumento senza neanche
            muovere un dito.
            Mi spiace che sia morta, ma ormai aveva una certa età.
    • Anonimo scrive:
      Re: Certo il P2P è rubare... forse !
      Sigh sigh non me lo ricordare..... abituato a comprare pile da 50 cd a 15? in germania me ne torno qua e mi ritrovo le confezioni da 10cd a 8?!!!!!!!Stavo piangendo come un bambino alla cassa.....
      • Anonimo scrive:
        Re: Certo il P2P è rubare... forse !
        La direttiva è EU; prima o poi anche la Germania si dovrà adeguare. Solo la Finlandia ha rimandato la direttiva a Bruxells condita di molte critiche.
        • Anonimo scrive:
          Re: Certo il P2P è rubare... forse !
          sì ma quando fa comodo siamo i primi a recepire le direttive scassamarroni!Ogni tot si sente sempre che l'italia è molto lenta a recepire le direttive eu ma guarda a caso in questa occasione........ ZAC veloci e rapidi ecco tutto bello pronto per inc____e il consumatore e far godere la siae.Aahhh l'efficienza italiana!
          • Anonimo scrive:
            Re: Certo il P2P è rubare... forse !
            concordo con te.tornado in tema principale.io non do la colpa totalmente la rai che ha permesso ciò, ma anche a una certa associazione scassa balla di nome moige, che non ha protestato per niente visto che questa cosa viola il codice di autoregolazione/xenofoba....e era un anime, vedevi che proteste.distrugono quelle poche buone idee che ha la rai, ma quando la rai fa queste cazzate, non alzano il dito....grrrr
    • Anonimo scrive:
      Re: Certo il P2P è rubare... forse !
      Forse?Con lo stesso ragionamento affermi che pure guardare la pay-tv con schede taroccate sia perfettamente lecito (il furto sarebbe il prezzo dell'abbonamento? vallo a dire ai regolari abbonati...)Ok, TUTTI usano felicemente il p2p, ma per favore evitiamo di dire baggianate tipo "non e' un furto perche' i cd costano troppo" (dove sta la logica di questa affermazione?).A questo punto vantiamoci pure di non pagare il biglietto dell'autobus perche' arriva in ritardo o perche' costa troppo e via dicendo. Basta semplicemente ammettere che si tratta di reato, che sia piccolissimo conta poco.
    • Anonimo scrive:
      Re: Certo il P2P è rubare... forse !
      - Scritto da: Anonimo
      E i 15-20 euro a CD non sono un furto ???no e' un prezzo di venditapuoi comprare, o non comprare.non e' il prezzo del pane, o dell acqua.,
      E i 50-60 euro per un DVD appena uscito non
      sono un furto ???idem
      Bene, visto che questo lo considero un furto
      in piena regola,allora anche il cinema a 7 euro, il tartufo a 450 euro l etto e i voli per la tanzania a 800 euro.o c'e' u motivo per cui comprare un cd e' un diritto, ed andare in tanzania mangiando tartufi no?
      W il P2P !!!perepe';)hai le idee un po confuse, usa la condivisione anche dellle menti che internet offre a tutti.. per chiarirti un pociauuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuus
  • Cavallo GolOso scrive:
    Ma del resto, cosa aspettarsi?
    In fondo le serie televisive non vengono mica fatte dalla popolazione: vengono prodotte da chi ha interessi commerciali in gioco. Poco gli importa dell'arte o della cultura. Loro hanno bisogno di potere e di soldi. Il resto è solo caciara di ladri, comunisti, anarchici e talebani-no-global, no?Sono certo che qui, come in altri casi, ci sarà chi è solo pronto a scagliarsi pro o contro il p2p (ué! anche io sono PRO o contro, ho una mia opinione). Ma qui c'è di più! Qui c'è la manipolazione dell'informazione! C'è la circonvenzione d'incapace! C'è l'uso strumentale dei programmi per bambini!E allora, oppure, appunto, come suggerisce il lettore, potrebbero far vedere che il papà fa fatica e invece di piangere per l'ultimo cd di britnispirs o il dvd del signore dei fardelli , è meglio non spendere nulla e imparare a suonare la chitarra comprata al mercato per 25 dollari, cantare con gli amici e scrivere una canzone da cantare GRATIS al papà! Anche senza avere il computer. Senza avere la broadband, senza comprare il windowz dove ci gira più facilmente winmx, kazaa, soulseek ed e-mule.Incazzati discografici, autori, musicisti, venditori di pc, la microsoft e i programmatori.Magari sarà felice qulache naturista :-)E anche io? :-| Io non tanto, non del tutto, non in assoluto.Scommettiamo che ci saranno un fottìo di industriali di varia estrazione che si opporranno in qualche modo, diretto o indiretto, visibile o invisibile, politico o economico?
    • avvelenato scrive:
      Re: Ma del resto, cosa aspettarsi?
      non so, la cosa che indigna non è per me tanto il messaggioè che ci sia un messaggio. uno qualsiasi.comunque è sempre stato così, anche se più velatamente (siamo sicuri? i pokémon non sono per esempio un incitamento al collezionismo più consumistico?) e tuttavia i bambini sono sempre cresciuti bene, forti di queste esperienze, da grandi prendono meno inchiappettate.a differenza dei grandi che poi sono più vulnerabili alle truffe televendite e cose così. avvelenato che non ama l'inchiappettamento
  • Anonimo scrive:
    Ci vuole piu' repressione occulta...
    ...nei confronti del file sharing, spero che diventi il tabu' del nuovo millennio.Cosi' tutti i quattordicenni lo faranno, magari cosi' risparmieranno pure sulle sigarette ;)
    • avvelenato scrive:
      LOL: Ci vuole piu' repressione occulta..
    • avvelenato scrive:
      LOL:Ci vuole piu' repressione occulta...
      ahhahaha :Dgià mi immagino i tabbozzi "ohh bella raga, ché, ci tiriamo un daunlood?" "dai sì bbella! pregio!" avvelenato che invece fu paninaro da piccolo :D
    • Anonimo scrive:
      Re: Ci vuole piu' repressione occulta...
      - Scritto da: Anonimo
      ...nei confronti del file sharing, spero che
      diventi il tabu' del nuovo millennio.
      Cosi' tutti i quattordicenni lo faranno,
      magari cosi' risparmieranno pure sulle
      sigarette ;)figata!!!!!IL P2P : nuoce gravemente alla salute.e poi le sale per scaricatori e non scaricatori
  • Anonimo scrive:
    come sempre...
    ... fateci caso, in ogni telefilm americano da qualche tempo a questa parte c'è sempre qualche talebano che fa la parte dello zozzo...mi ricordano tanto i telefilm di Derrick, c'era sempre o il drogato sul motorino italiano (tipicamente un ciao...)o lo spacciatore su una macchina italianao un maniaco sessuale con addosso vestiti firmati italiani...
    • Anonimo scrive:
      Re: come sempre...
      - Scritto da: Anonimo
      ... fateci caso, in ogni telefilm americano
      da qualche tempo a questa parte c'è sempre
      qualche talebano che fa la parte dello
      zozzo...

      mi ricordano tanto i telefilm di Derrick,
      c'era sempre

      o il drogato sul motorino italiano
      (tipicamente un ciao...)
      o lo spacciatore su una macchina italiana
      o un maniaco sessuale con addosso vestiti
      firmati italiani...
      E invece il vero tossico, alcolizzato e ladro era proprio il figlio di Derrick nella realtà.
  • Anonimo scrive:
    sto vomitando
    bleaurgh!!!!
  • Anonimo scrive:
    disgustoso
    figuriamoci parole come etica
Chiudi i commenti