Nuovi mercati per Firefox OS

Firefox OS sarà presto in Africa. E Mozilla stringe anche un accordo con GSMA per sfruttare smartphone a bassi costi e contenuti locali per diffondere il verbo del Web

Roma – Mozilla ha annunciato di avere tre nuovi partner, i provider Airtel, MTN South Africa e Tigo di Millicom, per il progetto Firefox OS: con questi accordi il sistema operativo mobile cercherà di conquistare l’interesse degli utenti africani.

Grazie ai tre operatori, Mozilla si è assicurata l’accesso al promettente mercato dell’Africa: il prossimo 11-13 novembre Mozilla sarà presente ad AfricaCom, uno dei più importanti eventi del settore nella regione, per presentare i suoi piani ed eventualmente trovare altri appoggi a livello locale.

Nel frattempo a livello globale Mozilla sta collaborando con GSMA, che rappresenta 800 operatori in 220 diversi paesi: l’obiettivo è quello di esplorare modi per catalizzare la creazione di contenuti rilevanti a livello globale e sbloccare le potenzialità del Web basato su modelli aperti.

Obiettivi, ritiene Mozilla, che possono essere perseguiti attraverso la navigazione mobile, a partire da smartphone venduti a prezzi modesti, attraverso l’alfabetizzazione digitale e progetti legati ai contenuti locali: strategica, in questo senso, sarà anche l’Africa. Kenya, insieme a Bangladesh, Brasile ed India, saranno i paesi da cui partiranno le sperimentazioni della Fondazione.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • bradipao scrive:
    mancati recapiti su android
    Da quanto avevo letto, il problema dei mancati recapiti una volta passati ad Android non è frutto di malizia, quanto della struttura dell'applicazione (client/server) di messaggistica.Se l'utente A possessore di iPhone manda un SMS ad un utente B possessore di iPhone, l'applicazione di messaggistica lo sa (perchè nei server Apple sono registrati entrambi) e invece di passare dal canale standard degli SMS, passa dai server Apple. Se l'utente destinatario nel frattempo è passato da iPhone a Android, senza procedere alle dovute disattivazioni, per il server di messaggistica è ancora un utente dotato di iPhone, per cui l'app dell'utente A continua ad usare il canale dei server Apple, che però non riuscirà mai a recapitare il messaggio.Così l'avevano spiegata su un articolo di arstechnica.
    • mcmcmcmcmc scrive:
      Re: mancati recapiti su android
      - Scritto da: bradipao
      Da quanto avevo letto, il problema dei mancati
      recapiti una volta passati ad Android non è
      frutto di malizia, quanto della struttura
      dell'applicazione (client/server) di
      messaggistica.

      Se l'utente A possessore di iPhone manda un SMS
      ad un utente B possessore di iPhone,
      l'applicazione di messaggistica lo sa (perchè nei
      server Apple sono registrati entrambi) e invece
      di passare dal canale standard degli SMS, passa
      dai server Apple. Se l'utente destinatario nel
      frattempo è passato da iPhone a Android, senza
      procedere alle dovute disattivazioni, per il
      server di messaggistica è ancora un utente dotato
      di iPhone, per cui l'app dell'utente A continua
      ad usare il canale dei server Apple, che però non
      riuscirà mai a recapitare il
      messaggio.

      Così l'avevano spiegata su un articolo di
      arstechnica.ma non sono nemmeno libero di mandare un sms? Che c'entra l'app di messaggistica con l'sms. Se voglio mandare un sms mandamelo e basta.
  • Elo scrive:
    Merci
    Se è vero, come è vero, che quando gli utenti non pagano un servizio sono loro la merce di scambio, mi sembra coerente che pochi servizi (e sono meravigliato che ci siano) offrano privacy tale da non poter essi stessi leggere almeno i metadati dei clienti, per aggregarli in qualche modo.Questo aspetto non è stato indagato ma è quello che fa la differenza...PSClaudio, rileggiti l'articolo, manca un pezzo nel primo paragrafo e c'è una "e" al posto di un "è" ( WhatsApp e meglio di Viber ).
Chiudi i commenti