Oculus Rift, il PC è in bundle

La succursale "virtuale" di Facebook annuncia una nuova campagna di preordini per un pacchetto VR tutto compreso. I prezzi partono da 1.500 dollari, caschetto Rift incluso, mentre il management avverte: il business della VR richiede tempo

Roma – Dopo aver comunicato il prezzo salato del caschetto Rift , Oculus ha ora annunciato una nuova campagna di preordini per i prossimi mesi. L’obiettivo, questa volta, è fornire ai clienti interessati (e sufficientemente facoltosi) un pacchetto “tutto compreso”, con PC completo e il casco necessario a godere delle esperienze immersive promesse in questi mesi.

La campagna di preordini parte il 16 febbraio e riguarda PC di fascia alta (o medio-alta, a seconda dei punti di vista) preassemblati da Asus, Alienware e Dell, sistemi “Oculus Ready” dotati delle caratteristiche hardware adeguate a fornire un frame rate sufficientemente pompato. Il prezzo parte da 1.500 per un tempo limitato, mentre i primi ordini verranno fisicamente spediti dai partner dell’iniziativa (Best Buy, Amazon, Microsoft) a partire da aprile.

Naturalmente l’utente in fregola di virtualità è liberissimo di assemblare (o aggiornare) la propria macchina con le componenti che preferisce, magari risparmiando denari rispetto ai PC di marca e potendo in ogni caso contare su CPU e GPU adeguate allo scopo.

Un’altra ovvietà, che Facebook – proprietaria di Oculus – si è nondimeno sentita in dovere di comunicare agli azionisti per bocca del Chief Operating Officer (COO) Sheryl Sandberg, è la necessità di investire a lungo termine sulla VR: le esperienze (e l’advertising) in realtà virtuale non saranno un “business” se non nei prossimi anni, avverte Sandberg, i problemi da affrontare non sono pochi e l’ecosistema di “killer application” avrà bisogno di tempo per poter crescere e svilupparsi.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • delicious scrive:
    monopolio de facto
    Sono d'accordo in questa transizione, visto che flash è un colabrodo insanabile.E nello stesso tempo sono sempre più preoccupato per la condizione dominante di google che si permette, non da oggi, di fare il bello e il cattivo tempo con tutti, clienti e fornitori.A questa notizia si aggiunge anche quella sul fatto che Gmail segnala le conversazioni non sicure, altra intrusione e altri paletti inevitabili.Molto preoccupante.
  • Qualcuno scrive:
    YouTube e Flash
    Purtroppo non è assolutamente vero che YouTube è completamente passato a Flash da oltre un anno. Con certi browser, tutt'ora viene utilizzato.
    • panda rossa scrive:
      Re: YouTube e Flash
      - Scritto da: Qualcuno
      Purtroppo non è assolutamente vero che YouTube è
      completamente passato a Flash da oltre un anno.
      Con certi browser, tutt'ora viene
      utilizzato.Esiste un solo browser.
    • Nessuno scrive:
      Re: YouTube e Flash
      - Scritto da: Qualcuno
      Purtroppo non è assolutamente vero che YouTube è
      completamente passato a Flash da oltre un anno.
      Con certi browser, tutt'ora viene
      utilizzato.A parte che non è passato a Flash ma ad HTML5.Prova a disinstallare flash e se il tuo browser è abbastanza moderno, vedi tutto in HTML5, altrimenti cambia browser.
      • Utente scrive:
        Re: YouTube e Flash
        - Scritto da: Nessuno
        - Scritto da: Qualcuno

        Purtroppo non è assolutamente vero che YouTube è

        completamente passato a Flash da oltre un anno.

        Con certi browser, tutt'ora viene

        utilizzato.

        A parte che non è passato a Flash ma ad HTML5.
        Prova a disinstallare flash e se il tuo browser è
        abbastanza moderno, vedi tutto in HTML5,
        altrimenti cambia
        browser.+1
Chiudi i commenti