OpenMoko: FreeRunner non è morto

Crisi o non crisi, l'azienda taiwanese non ha alcuna intenzione di ritirarsi dal business degli smartphone

Roma – In reazione agli annunci funebri pubblicati dai media la scorsa settimana e relativi agli smartphone open source di OpenMoko, un portavoce di quest’ultima, Pat Meier-Johnson, ha voluto precisare che l’attuale telefono dell’azienda, il Neo FreeRunner, è ancora vivo e vegeto, e che lo sviluppo del futuro modello GTA03 è stato semplicemente sospeso.

“Alcuni blogger hanno male interpretato le dichiarazioni fatte la scorsa settimana in Svizzera dal CEO di OpenMoko, Sean Moss-Pultz, ed hanno creduto che l’azienda stesse per abbandonare il business dei telefoni. Ma questo non è vero”, ha spiegato Meier-Johnson, che ha poi aggiunto come FreeRunner continui a beneficiare del pieno supporto di OpenMoko e come il design del GTA03 sia tuttora oggetto di attenzioni da parte della società.

Nonostante le precisazioni di Meier-Johnson, resta il fatto che OpenMoko ha tagliato circa la metà della sua forza lavoro, e che Moss-Pultz si sia detto pronto ad avviare un imprecisato “piano b” il cui focus, secondo le indiscrezioni, consisterebbe nella progettazione di device mobili per la navigazione satellitare.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti