Opera saluta il ciclo della fondazione

L'ex-CEO Jon S. Von Tetzchner dice addio alla società norvegese. Aveva contribuito alla sua nascita 15 anni fa. Pare abbia riscontrato divergenze strategiche con il resto della board

Roma – Una breve lettera d’addio , inviata dall’ex-CEO di Opera Software Jon S. von Tetzchner a tutti i dipendenti della stessa società norvegese. Von Tetzchner lascerà definitivamente il timone dopo 15 anni, dalla fondazione di Opera Software nel lontano 1995 .

Una mossa non del tutto inattesa, in seguito alle dimissioni annunciate dallo stesso co-founder nello scorso anno. Von Tetzchner era infatti passato dalle cruciali mansioni di Chief Executive Officer (CEO) a quelle strategiche di advisor per la gestione del quinto browser per quota complessiva di mercato .

Pare che l’ex-CEO abbia riscontrato significative divergenze con il resto della board , in particolare sulla pianificazione di una strategia che vada al di là dei risultati di un singolo trimestre d’attività . Non è chiaro quali saranno i prossimi impegni dello stesso Von Tetzchner. L’attuale CEO Lars Boilesen ha annunciato la volontà di giungere a 500 milioni di utenti entro il 2013 . ( M.V. )

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • ephestione scrive:
    Questa sessione di pilota automatico...
    ...ti è stata offerta dalla pizzeria di Giggetto il Ciccione tramite GoogleAdwords, quindi prima di raggiungere la tua destinazione programmata abbiamo deciso per te di farti parcheggiare davanti al suo negozio così potrai ammirare le meraviglie culinarie di Giggetto e della sua allegra combriccola!
  • ruppolo scrive:
    In Italia verranno vietate
    Altrimenti come faranno i comuni a rimpinguare le casse con le multe?Il cittadino modello oggi è quello che vìola le leggi e paga le sanzioni, possibilmente in ritardo (così raddoppiano e triplicano).
  • uno qualsiasi scrive:
    Sally
    Qualcuno si ricorda l'omonimo racconto di Asimov?
    • Guybrush scrive:
      Re: Sally
      - Scritto da: uno qualsiasi
      Qualcuno si ricorda l'omonimo racconto di Asimov?Stai parlando di "Neanche gli Dei"?GT
    • Atropa_MI scrive:
      Re: Sally
      Sally ..... quanti anni sono passati .... ancora Asimov precede la realta' di almeno 50 anni.Rileggere Sally si deve, grazie unoqualsiasi per avermelo ricordato.
  • Tex Murphy scrive:
    Un giorno che ho sempre sognato
    Ho visto morire sulle strade amici, parenti, conoscenti e sconosciuti....troppi e troppo giovani e ho sempre pensato che questa fosse l'unica opzione possibile: macchine autonome.Oggi leggo questa notizia e sogno che un giorno tutti si possano (e si debbano) muovere solo con questi mezzi.Un grande giorno.
    • Enrico Richetti scrive:
      Re: Un giorno che ho sempre sognato
      Speriamo solo che non incappino in qualche siacevole incidente!
    • Cucu scrive:
      Re: Un giorno che ho sempre sognato
      Purtroppo ci sarà sempre l'opzione "va troppo piano sto bidone ora prendo i comandi io e vi faccio vedere come si sfreccia altro che ste lumache automatiche levatevi che è tardi sono troppo figo io....SBAM!"
    • uffff scrive:
      Re: Un giorno che ho sempre sognato
      - Scritto da: Tex Murphy
      Ho visto morire sulle strade amici, parenti,
      conoscenti e sconosciuti....non è che porti sfiga?
  • luppolo scrive:
    speriamo arrivi PRESTO
    ...Almeno non hanno problemi di alcool o droghe varie :D
    • terminator2 scrive:
      Re: speriamo arrivi PRESTO
      Purtroppo in Europa le strade non sono molto adatte ma sarebbe un sogno... a parte che la circolazione diventerebbe superfluida e senza intasamenti.Un sogno che secondo me richiederá almeno qualche centinaio di anni a realizzarsi. :-(
    • Guybrush scrive:
      Re: speriamo arrivi PRESTO
      - Scritto da: luppolo
      ...Almeno non hanno problemi di alcool o droghe
      varie
      :DNo, ma hanno problemi di virus, tempeste solari e altre spiacevolezze.Penso più ad un sistema ibrido capace di ridurre i danni... un po' come l'introduzione dell'elmetto nel regio esercito di sua Maestà Britannica: causò un incremento di feriti alla testa.E fu un bene.GTGT
Chiudi i commenti