Parola di John Carmack

Il celebre co-fondatore e programmatore di id Software mette bocca su tutto. E inaugurando il QuakeCon, spiega il suo punto di vista sul mondo videoludico. Che non comprende Linux e mobile
Il celebre co-fondatore e programmatore di id Software mette bocca su tutto. E inaugurando il QuakeCon, spiega il suo punto di vista sul mondo videoludico. Che non comprende Linux e mobile

Come tradizione vuole per ogni QuakeCon che si rispetti, anche quest’anno il palcoscenico della convention di id Software ha ospitato il diluvio tecnico-informativo di Mr. John “Doom” Carmack: l’uomo che col suo lavoro di programmatore ha più volte fondato e rifondato il genere degli shooter in prima persona su PC ha come sempre parecchio da dire sull’industria, la tecnologia, la realtà virtuale e tutto quanto.

Nelle tre ore e mezza abbondanti del suo keynote , Carmack trova il tempo di parlare degli argomenti “hot” del momento ma anche di Doom 4, Linux, e Rage: l’ultimo titolo id è stato “un casino” nella sua (con)versione PC, ha ammesso il designer, con una tecnologia non particolarmente ottimizzata per sfruttare a dovere il superiore hardware informatico rispetto alla controparte delle console di ultima generazione (Xbox 360 e PS3).

Carmack chiede scusa per il succitato “casino”, e chiede altrettanto scusa per il fatto di non poter parlare dell’atteso Doom 4: il nuovo capitolo della storica saga di FPS horror-fantascientifici è in “modalità Bethesda”, dice Carmack, ed è pronto quando è pronto.

Quantomeno il coder ammette che ci sta lavorando, su Doom 4, e piuttosto seriamente: la software house ha chiuso la sua divisione mobile – che doveva rappresentare il futuro e invece no – per concentrare tutte le sue energie sul nuovo gioco “hardcore” per PC Windows, mouse, tastiera e nemmeno l’ombra del multitouch.

Anche sui PC propriamente detti, neanche a dirlo, Carmack dice la sua: come molti prima di lui, il fondatore di id Software si è detto parecchio freddo nei confronti di Windows 8, di Metro della nuova interfaccia e dell’app store in salsa Microsoft: diversamente da Windows 7, il nuovo OS non ha nulla di particolarmente interessante che possa spingere Carmack a fare l’upgrade. E potrebbe fare danni alla concorrenza nell’industria videoludica e non solo.

Capitolo Linux e Steam su Ubuntu : l’iniziativa di Valve ha cambiato leggermente le cose per quanto riguarda il mondo videoludico al gusto di Pinguino, ma il mercato di utenti disposti a spendere gli stessi soldi di chi compra videogiochi su Windows semplicemente non esiste secondo Carmack.

Alfonso Maruccia

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

06 08 2012
Link copiato negli appunti