PosteMobile punta a 2 milioni di clienti entro il 2011

L'operatore mobile alternativo di Poste Italiane ha superato il mezzo milione di utenti e punta a rivendere la propria tecnologia d mobile payment e mobile banking

Roma – È nata 11 mesi fa, PosteMobile . Da allora ha venduto oltre 560 mila SIM e punta alla crescita: l’obiettivo è di arrivare entro tre anni al traguardo di 2 milioni di clienti, come ha dichiarato l’amministratore delegato Roberto Giacchi a Frost & Sullivan .

“Il mercato è saturo” osserva la società di consulenza: “Tuttavia, c’à ancora spazio con possibilità di grande successo se si è in grado di offrire servizi innovativi”. PosteMobile, parte del gruppo Poste Italiane , offre servizi di telefonia mobile in veste di operatore mobile alternativo appoggiandosi alla rete Vodafone . Oltre a voce e messaggistica, propone alla clientela servizi VAS e una propria soluzione di mobile payment .

“I servizi di mobile banking e mobile payment – precisa Giacchi – sono raggruppati nell’offerta PosteMobile sotto il brand Servizi Semplifica . Per accedere ai servizi è necessario che il cliente associ la sua nuova SIM PosteMobile ad uno strumento di pagamento: il conto corrente, la carta prepagata PostePay o entrambi”. Con alcuni comandi impartiti dal cellulare è possibile trasferire denaro da e verso carte prepagate PostePay e conti correnti, effettuare la ricarica del proprio cellulare prelevando l’importo dalla PostePay o dal conto corrente, verificare il saldo e gli ultimi 3 movimenti del proprio conto BancoPosta o della propria PostePay, inviare telegrammi.

Non manca inoltre la possibilità di pagare bollettini postali con addebito sul conto corrente o sulla propria PostePay digitando importo da pagare, numero del bollettino e conto corrente del beneficiario, ricevendo conferma dell’avvenuto pagamento via SMS, via e-mail o, se richiesto, anche con ricevuta cartacea.

“A breve avremo, poi, l’attivazione di servizi di m-commerce – continua l’amministratore delegato di PosteMobile – ovvero la possibilità di effettuare acquisiti e pagamenti di beni e servizi attraverso la SIM di PosteMobile”. La tecnologia per mobile payment e mobile banking, spiega PosteMobile, è in fase di brevetto e si sta pensando di offrirla ad altre istituzioni finanziarie: “Altre importanti istituzioni finanziare hanno colto il grande valore dell’associazione dello strumento finanziario alla SIM e abbiamo raccolto importanti consensi in quanto evidentemente trasmettiamo competenza e affidabilità – ha dichiarato Roberto Giacchi – e siamo aperti a discutere diversi modelli di business, sia di partnership sia di co-marketing”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • warm scrive:
    si potrà dire?
    che è l'ennesimo promo travestito da notizia oppure no?
  • ZioBilly scrive:
    Dov'è la convenienza per la naked ?
    Prezzi Telecom senza promozione:Linea Telecom "base": 14,57 EuroADSL Alice 7 mega: 19,95 EuroTotale: 34,52 Euro al mese (telefonate escluse), con la possibilità di ricevere chiamate voce.Direi che se si vuole proporre una soluzione naked realmente conveniente bisognerebbe farla costare almeno 10 Euro di meno della normale linea Telecom con Alice o, in alternativa, proporre una soluzione naked con flat VoIP a 35 Euro.Altrimenti tanto vale tenersi la linea Telecom con Alice, e magari usare Voipstunt o prodotti simili per telefonare in VoIP.
    • Fatti_Veri scrive:
      Re: Dov'è la convenienza per la naked ?
      Hai ragionissima ma dimentichi 2 cose importanti:1°: Aruba ospita i server di PI (a buon intenditor... ;) )2°: hanno già censurato il mio civilissimo ed educato commento di pochi giorni fà - scritto sotto forma di domanda posta col massimo della gentilezza - riguardo "l'articolo" di ben 2 pagine circa un servizio web based che offre l'archiviazione online delle password. In quel post chiedevo all'Autore di dire onestamente se quell'articolo fosse o meno un redazionale promozionale sotto forma di articolo oppure no. Il NO e una altrettanto cortese risposta avrebbero fugato i dubbi dei pochi e magari attenuato quelli dei molti. La mancata risposta corredata da immediata cancellazione del post hanno dato indirettamente la risposta.Forse subirà la stessa sorte questo post. Non me ne meraviglierei.
      • Calamandrei scrive:
        Re: Dov'è la convenienza per la naked ?

        1°: Aruba ospita i server di PI (a buon
        intenditor... ;)sotto c'è scritto Aconet mica Aruba
    • Marco Alberti scrive:
      Re: Dov'è la convenienza per la naked ?
      Purtroppo chiedi una cosa impossibile!Telecom obbliga gli altri provider a pagare un 'pizzo' tale da rendere impossibile per chiunque il fare offerte migliori di quelle Telecom!Fino a quando non ci sarà un governo abbastanza coraggioso da rompere il monopolio telecom sarà impossibile avere tariffe migliori!
      • Alessandro scrive:
        Re: Dov'è la convenienza per la naked ?
        Sto cercando in questi giorni un'alternativa a Telecom = canone che pago per nulla (non uso il telefono di casa) + Alice 7Mb.. Non mi sembra vero di pagare 70 euro al bimestre per avere un acXXXXX alla rete..Incredibile come sia palese una mancanza di concorrenza:tutte le offerte sono limitate nel tempo e riportano, dopo 6 mesi, a pagare la stessa cifra: minimo 30 euro al mese, più in giù non si scende!Leggo praticamente ovunque: Adsl 20 euro al mese.. ma se la vuoi senza canone Telecom aggiungi + 10.. così, senza motivo.. giusto per arrivare a 30!Pure Telecom partecipa al gioco della concorrenza inesistente e si fa auto concorrenza con Alice casa: ADSL naked senza canone telecom = ADSL con canone Telecom!! Incredibile!
Chiudi i commenti