Primo film creato con Windows Media

Secondo i produttori l'uso dei sistemi dell'azienda di Redmond riduce anche i costi di distribuzione mantenendo inalterata la qualità audio-video


Milano – Si chiama “Wendigo” il primo lungometraggio con cui Microsoft ha l’occasione per promuovere le proprie tecnologie Windows Media . Si tratta infatti del primo film realizzato con i sistemi dell’azienda di Redmond e distribuito in una modalità che i produttori sostengono risulti più economica di quelle tradizionali.

Wendigo , prodotto da Content Film e Magnolia Pictures, uscirà a brevissimo nelle sale cinematografiche americane e tra pochi mesi sbarcherà in Europa. Si tratta di un lungometraggio diretto da Larry Fessenden. Un film premiato all’edizione 2001 del Festival Cinematografico di Woodstock e che appartiene al lucroso filone dei film “terrorizzanti”.

Secondo Eamonn Bowles, presidente di Magnolia Pictures: “Grazie alle qualità e al vantaggioso rapporto costo-benefici delle tecnologie Microsoft, il cinema digitale ha finalmente l’occasione di affermarsi quale nuova modalità di proiezione di lungometraggi di alto livello qualitativo e di successo”.

Wendigo è stato prodotto utilizzando le tecnologie di codifica audio e video di Windows Media “Corona”, tecnologia che permette di distribuire video ad alta risoluzione e audio surround multicanale, effettuando direttamente il passaggio dal formato video digitale a Windows Media. Si tratta di sistemi che permettono la creazione di film dedicati pressoché a qualsiasi piattaforma digitale, da quelli di trasmissione nelle sale ai portatili…

Windows Media “Corona” sarà disponibile in versione beta la primavera prossima e Wendigo ha lo scopo di “presentarla al mondo”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    ma se io...
    l'ultima volta che sono andato in una sala giochi circa un mesetto fa' c'èra ancora tekken 3 crazi taxi e altri coin up di vecchia data..quindi credo proprio che qui da noi non vanno tanto i coin up...e tanto meno se i giochi da sala sono uguali a quelli da casa..una soluzione???B'è cominciate a fare dei giochi spettacolari in coin up tipo realta virtuale con grafica fantascentifica e ultra giocabilita' e poi vedi se la gente in vece di andare al cinema va in sala giochi..provare x credere..create la diversita' tra sala giochi e consolle..un po' come il cinema e la tv...pero' meglio!!!
  • Anonimo scrive:
    Ma se noi già nel 1994...
    ...producevamo macchine videogioco da bar basate sul Amiga CD32 prima e dal '97 basate su A1200+HD...
  • Anonimo scrive:
    copioni!
    E il NeoGeo, la prima console assolutamente identica tra le parti, domestica e arcade, che faceva uso delle smart card per lo scambio di dati, ce la siamo dimenticata? :-)Insomma, qualcuno ci riprova... Speriamo che non sia l'ennesima bufala e finica tutto tarallucci e vino come al solito!
    • Anonimo scrive:
      Re: copioni!
      Quando uscì il neogeo non si poteva parlareproprio di console "domestica", il prezzo della console era alto, quello dei giochi altissimo.Piuttosto la morte della DC è stato un duro colpo dal quale mi devo ancora riprendere :°(
  • Anonimo scrive:
    sale giochi...
    ma i ragazzi vanno ancora in sala giochio giocano a casa con gli amici con la PS2 ?
    • Anonimo scrive:
      Re: sale giochi...
      Devi sapere che in giappone le sale giochi sono comparabili, come dimensioni, ad un centro commerciale. E per di piu' non ci trovi loschi figuri, ma ragazzini, coppiette... Insomma, e' _leggermente_ diversa dalla situazione italiana...
Chiudi i commenti