Primo pacco per Internet Explorer 6

Microsoft rilascia un megapacco da 75 MB con gli aggiornamenti e le patch uscite dal giorno del rilascio di IE6 fino ad oggi. Ma c'è chi parla di un grave bug non contemplato dal pack


Redmond (USA) – A poco più di un anno di distanza dal rilascio di Internet Explorer 6.0, Microsoft ha reso disponibile il primo service pack (SP1) che include tutti gli aggiornamenti e le patch rilasciati fino ad oggi: il pacco, che nella sua versione integrale ha una dimensione di 75 MB, va a correggere una settantina di bug elencati qui .

Al momento in cui si scrive l’SP1 è disponibile unicamente nella versione in lingua inglese e tedesca: la localizzazione italiana dovrebbe arrivare entro pochi giorni e potrà essere scaricata, come le altre versioni, da questa pagina .

Come tradizione, l’installer del service pack (della dimensione di circa 480 KB) verificherà il livello di aggiornamento del proprio sistema scaricando soltanto gli update effettivamente necessari: Microsoft sostiene che un’installazione tipica è di circa 25 MB.

L’SP1 per IE6 si applica a tutte le versioni di Windows a partire dalla 98 ma non è necessario per quegli utenti che abbiano già installato l’SP1 per Windows XP: quest’ultimo, infatti, integra già il service pack di IE6.

“Internet Explorer 6 SP1 – si legge sul sito di Microsoft – è il nuovo aggiornamento alle tecnologie di Internet Explorer e consiste in miglioramenti generalizzati a Internet Explorer 6. Internet Explorer 6 SP1 include una collezione ben testata di aggiornamenti concentrati su una varietà di problemi di Internet Explorer 6 riportati dai nostri clienti. Internet Explorer 6 SP1 include tutte le patch e gli aggiornamenti precedenti come anche miglioramenti alla sicurezza e all’affidabilità”.

Grey Magic Software, una società di sicurezza già nota per aver recentemente scoperto una serie di vulnerabilità in MS Office , sostiene che l’SP1 di IE6 non contiene la correzione ad una grave falla di sicurezza descritta in questo advisory e notificata a Microsoft il 4 agosto. La falla, che colpisce anche IE5.5, potrebbe consentire ad un aggressore di leggere i file locali di un utente, eseguire codice arbitrario sul computer della vittima o ingannare l’utente attraverso siti malevoli. La soluzione, al momento, è semplice: disabilitare l’Active Scripting (“Esecuzione script attivo”) dalle opzioni di sicurezza di IE.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Problemi con i tempi di immersione
    Per problemi dovuti al funzionamento del sistema visivo umano, indossare HMD per tempi superiori ai 20 minuti potrebbe essere fortemente pericoloso in condizioni stereoscopiche.ogni gioco è già stereoscopico basta infatti per chi possiede un hmd 2 visori e un traker sfasare le immagini di circa 20 gradi. l'effetto è dirompente....Ciao
    • Anonimo scrive:
      Re: Problemi con i tempi di immersione
      Per problemi dovuti al funzionamento del sistema visivo umano, guardare il sole a occhi nudi per più di 20 minuti è fortemente pericoloso...guardare la televisione da una distanza inferiore di 50 cmm a occhi nudi per più di 20 minuti è fortemente pericoloso...abbiamo scoperto l'america, grazie."Ogni gioco è già stereoscopico basta infatti per chi possiede un hmd 2 visori e un traker sfasare le immagini di circa 20 gradi. l'effetto è dirompente...."Sei un genio direi, ti riprogrammi tu un gioco che al posto di avere un uscita in un'unica viewport ha due uscite su due diversi framebuffer da interlacciare in modo interlaced o da flippare in modo pageflipping, è cosa di un attimo guarda...poi è anche facile indirizzarle in modo sincrono ai due visori...soprattutto poi mettendo mano a Ps2.
  • Anonimo scrive:
    Fosse almeno in 3D...
    Robaccia vecchia, ne avevo provato uno simile per l'Amiga quasi 10 anni fa... Anzi, se non ricordo male quelli per l'Amiga uno straccio di 3D almeno te lo davano!Una delle piu' grandi idiozie mai fatte nel settore e' stato quello di cercare di tirar fuori la "realta' virtuale" quando ancora non c'era nemmeno uno straccio di scheda 3D decente.Adesso ci sono le NVidia con i driver per 3D di serie e display LCD a colori ad altissima risoluzione... ovvero quanto basterebbe per offrirti una panoramica immersiva convincente (e non una cagata di schermo 42" a metri di distanza!).Ma mentre all'inizio degli anni 90, qualche brutto film ("il tagliaerbe" ad esempio), era riuscito ad inculcare nell' "immaginario collettivo" l'idea che la realta' virtuale fosse a portata di mano, gli "occhialini" dell'epoca (venduti a cifre esorbitanti e dalla resa deludente) convinsero il popolo bue che la realta' virtuale non fosse realizzabile.Ed ora che potremmo... anzi, si potrebbero avere occhialetti immersivi da almeno 4/5 anni! Troviamo in commercio vetusta robaccia (a 500$).Ogni 20 anni c'e' un ciclo di revival... forse fra 10 anni a qualcuno verra' la voglia di produre qualcosa che valga davvero la pena di spenderci una milionata!Terra2
    • Anonimo scrive:
      Re: Fosse almeno in 3D...
      Mmmm, per fare del 3D stereoscopico basta una Matrox G200. Quello che conta e' la frequenza di refresh, che di questi periodi e' cmq piu che sufficente anche per le schede piu' infime.A buon bisogno, basterebbero delle modifiche alla directx per far diventare stereoscopici quasi tutti i giochi 3D poligonali.
      • Anonimo scrive:
        Re: Fosse almeno in 3D...

        A buon bisogno, basterebbero delle modifiche
        alla directx per far diventare stereoscopici
        quasi tutti i giochi 3D poligonali.Sfondi una porta aperta...E me piacerebbe solo sapere perche' volevano farlo a tutti i costi quando *non potevano* ed ora che e' banale ronfano tutti come dei bimbi con la zizza in bocca?Spero davvero che (dal momento che l'articolo parla di 2 display) esista la possibilita' di una visione stereoscopica! Anche se non e' espressamente specificato nell'articolo.500$ per un "finto monitor" da 42" a 2mt di distanza... Che poi e' come stare ad un metro di distanza dal 21" che uso tutti i giorni per lavoro e ti diro': mi sento IMMERSO fino al collo, ma non nella "realta' virtuale" :)bah...
    • Anonimo scrive:
      Re: Fosse almeno in 3D...
      l'HMD è di per se una bella cosa. Io ho un vecchio modello I-Glasses 3D con headtracker e dei driver "tapullati" con cui posso giocare a qualsiasi gioco in prima persona in visuale 3D.La risoluzione di quei LCD(quelli Sony) sono di 640x480 x 3(triadi) x 2 display, in pratica il 1.8 Mpixel di cui parlano. Quindi la risoluzione è accettabile (anche perchè se la risoluzione era più alta la Ps2 non esce a risoluzione più alta di quella PAL (che è maggiore di quella NTSC).Se sono 2 display (e il costo è molto più alto) ci sarà un motivo, magari non con Energy Airforce, ma con titoli a seguire.Penso che il modello sia derivato dai Glasstron(sarebbe da pazzi sviluppare e progettare altri personal diplay avendo gia un modello in commercio) e si sa che i glasstron non sono male.Fate giochi belli+hmd decente+headtraker derivato da quelli della Intersense (non fluidi ma geomagnetici)ed ecco un bel gingillo...non supermoderno ma almeno è un passo avanti verso la distribuzione di massa. PS:Pensate a MetalGear Solid 3 con visore 3D e traking della testa...
  • Anonimo scrive:
    HMD? Ma va la'.
    se sono quelli realizzati da olympus, in vendita anche su chl, sono una c****a pazzesca.
    • Anonimo scrive:
      Re: HMD? Ma va la'.
      Dato che saranno in commercio a partire dal 26, e solo in Giappone, non credo sia il modello che dici tu.Fatti un caffè prima di commentare. Ciao. :)
Chiudi i commenti