Progetto Fiducia per l'ecommerce italiano

Federcomin lancia un progetto che dovrebbe offrire maggiori garanzie a chi compie acquisti online
Federcomin lancia un progetto che dovrebbe offrire maggiori garanzie a chi compie acquisti online


Roma – Nella proliferazione dei progetti pensati per spingere gli utenti internet a diventare consumatori dei servizi di commercio elettronico, si distingue quello promosso da Federcomin. Progetto Fiducia prevede infatti ad un “bollino blu” per quelle aziende che aderiscono a standard commerciali e di sicurezza “garantiti”.

Progetto Fiducia , hanno specificato a Punto Informatico i responsabili, nasce come “un’iniziativa che intende raccogliere il maggior numero possibile di aziende che vendono on-line, intorno ad un Codice di comportamento che stabilisce regole di trasparenza, sicurezza e riservatezza”. Tutto questo per garantire l’affidabilità nelle transazioni on-line presso un’utenza, quella italiana, tradizionalmente diffidente ad utilizzare i canali internet per l’acquisto.

Un’altra differenza rispetto ad altri progetti è che Progetto Fiducia è gratuito tanto per le aziende aderenti quanto per gli utenti. Un servizio che aderisce a quanto previsto dalla direttiva comunitaria (2000/31/CE) che invita alla “elaborazione di codici di condotta a livello comunitario da parte di associazioni e organizzazioni imprenditoriali e professionali”.

Le imprese che aderiscono al Progetto espongono il Marchio Fiducia Federcomin nelle loro pagine Web dedicate alle attività di e-commerce. Secondo Federcomin il marchio “assicura che lo scambio elettronico avvenga nel rispetto della privacy, che i dati riportati sul sito siano veritieri e che siano adottate le migliori tecnologie disponibili per la gestione della sicurezza, oltre a garantire il rispetto delle regole contrattuali e la corretta applicazione delle procedure per la gestione dei reclami.”

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

25 10 2001
Link copiato negli appunti