Pubblici i video del processo MS

Il giudice che presiede il caso antitrust ha deciso che saranno consegnati ai media le deposizioni di alcuni esponenti hi-tech ascoltati dal tribunale


Washington (USA) – Alcune testate come Associated Press e New York Times hanno ottenuto dal giudice che presiede il caso antitrust contro Microsoft che siano rilasciate alla stampa copie videoregistrate e trascrizioni delle deposizioni riservate di cinque manager hi-tech ascoltati dal tribunale nel corso del procedimento.

I cinque “coinvolti” sono il CEO di Microsoft Steve Ballmer, il vicepresidente Microsoft Jim Allchin, l’ex boss di Netscape Jim Barksdale, il CEO di Sun Microsystems Scott McNealy e Micheal Kertzman di Liberate Technologies.

AP ed altri si erano rivolti al giudice Colleen Kollar-Kotelly dopo che Microsoft aveva negato la trasmissione di quegli atti. “Microsoft – ha spiegato il giudice – non ha fornito una spiegazione convincente sul perché le trascrizioni e le videoregistrazioni di queste deposizioni rappresenterebbero un problema e uno svantaggio al punto da non poter essere trasmesse ai media”.

In realtà alla stampa arriverà solo una versione parziale delle deposizioni, ha spiegato il giudice, perché saranno comunque trattenute quelle informazioni ritenute “critiche” per le imprese coinvolte e che avevano spinto il tribunale già in primo grado ad appoggiare la richiesta Microsoft di non diffondere testi o video. Saranno comunque i giornalisti a dover pagare i costi di trascrizione e registrazione video. Ma ancora non è chiaro quando queste deposizioni arriveranno effettivamente nelle mani della stampa.

Kollar-Kotelly ha anche deciso che non verranno invece trasmesse alla stampa le registrazioni e le trascrizioni di altre deposizioni.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Niente di nuovo sotto il sole...
    In Italia un regio decreto vieta di fotografare stazioni ferroviarie, fluviali, marittime, aeroportuali, ecc. ecc..
  • Anonimo scrive:
    potrebbero anche non lasciare al supermercato...
    l'iniziativa sembra buona.però potrebbero anche avere del personale che non si perde al supermercato i piani dettagliati di protezione del vicepresidente in occasione delle olimpiadi ... e che quando fa le orgette con minorenni e VIENE BECCATO, viene rimosso dalla funzione, non dalla missione e basta!(informazioni lette su un quotidiano di ieri)Poi allora possono inziare a rimuovere informazioni potenzialmente pericolose (e potenzialmente utili al cittadino ... ma comprendo che potrebbero far danno)
Chiudi i commenti