Pubblicità online, per un pugno di click

Aggiornato uno studio del 2007 sulla percentuale di clicker da banner: dimezzata in 24 mesi. Gli analisti invitano a rivisitare le metriche dell'advertising online

Roma – Si chiama Natural Born Clickers una ricerca condotta da comScore, StarCom USA e Tacoda per analizzare lo stato di salute della pubblicità grafica sul web. Lo studio , avviato nel 2007, è stato recentemente aggiornato per rivelare dati non propriamente incoraggianti: il numero degli utenti incuriositi dai banner si è dimezzato drasticamente in due anni, riportando una flessione in termini di click del 50 per cento circa .

Come riportato dalle agenzie a capo della ricerca, il numero mensile di clicker è passato da un 32 per cento registrato nel 2007 ad un 16 per cento nello scorso marzo. Sarebbe soltanto un 8 per cento dei netizen, inoltre, ad essere responsabile di circa l’85 per cento di tutti i colpi di mouse sul dorso di tutti gli annunci pubblicitari web-based.

La ricerca ha suddiviso gli utenti in quattro categorie organizzate in base alla frequenza dei click: i cosiddetti heavy clicker sono scesi da 6 a 4 per cento, con i moderati del 6 per cento; i non-clicker, invece, hanno visto una rapida ascesa dal 68 all’84 per cento . “L’atto di cliccare su un banner sta vivendo una fase di logoramento nell’attuale mercato digitale – ha spiegato Linda Anderson, vicepresidente marketing di comScore – Oggi gli operatori che cercano di ottimizzare le proprie campagne pubblicizzare soltanto sui click non forniscono alcun valore all’84 per cento degli utenti che non clicca”.

Per la stessa Anderson questa sarebbe una mossa alquanto azzardata, dato che altre ricerche comScore hanno dimostrato come le pubblicità non cliccate abbiano un forte impatto sul consumatore. Gli inserzionisti più saggi, ha spiegato, attribuiscono valore a tutte le impression (indipendentemente dal click) per capire gli orientamenti dei netizen come potenziali acquirenti. “Un click non significa nulla – ha dichiarato John Lowell di StarCom – perché non genera profitti e non fornisce alcuna equità di brand. La pubblicità online ha degli obiettivi che non sono certamente quelli di generare click”.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • MegaJock scrive:
    Jack Thompson...
    ... E' un frammento di materia fecale animata che deve solo finire nel Grande XXXXX dell'Universo prima che abbia tempo di ammorbare ulteriormente l'aria che respiriamo con il suo fetido olezzo.
  • AlbertoPd scrive:
    Telecommunications Act
    "in virtù delle norme contenute nel Telecommunications Act del 1996, in cui si stabilisce nero su bianco che un sito web non può essere considerato responsabile per i contenuti postati dagli utenti."Noto che in Italia le leggi sono molto diverse, visto che un articolo del blog di Claudio Messora (byoblu.com) è stato sequestrato per colpa del commento "diffamatorio" di un visitatore...
    • harvey scrive:
      Re: Telecommunications Act
      In italia tutto e' ben diverso, ti possono tranquillamente sequestrare sito, server, monitor, tastiera, mouse, joystick per anni, e alla fine manco ti chiedono scusa perche' non hai fatto assolutamente nulla di illegale
  • quota scrive:
    ma se tutti facessero cosi...
    Cioé mandare un fax (un fax??????) al CEO di un'azienda per segnalare problemi... ma i tecnici e tutti quelli che lavorano in quell'azienda che senso avrebbero di esistere?FB come molti altri servizi simili mette a disposizione degli strumenti ad-hoc per questo tipo di segnalazioni, la presunzione del tipo è veramente al limite del lecito.E' come se per ogni scippo mandassimo un fax a Silvio senza fare la denuncia...
  • evilripper scrive:
    Eliminiamoli tutti! :-D
    Sono un insulto al buon senso!! Non dico di eliminare tutti gli avvocati pero' un buon 90% si, basti pensare a Taormina e similari.Negli usa gli avvocati sono anche peggio si attaccano a tutto pur di mungere soldi.
  • Zago scrive:
    La carenza ...
    ... di sesso porta a rompere i XXXXXXXX al prossimo ...
    • Marameo scrive:
      Re: La carenza ...
      TRUCIDATELO !!!
    • Wolf01 scrive:
      Re: La carenza ...
      quotone :D
    • Eretico scrive:
      Re: La carenza ...
      Hai detto una grande verità. :)
    • Lord Kap scrive:
      Re: La carenza ...
      - Scritto da: Zago
      ... di sesso porta a rompere i XXXXXXXX al
      prossimo...Amen.-- Saluti, Kap
    • Gips scrive:
      Re: La carenza ...
      - Scritto da: Zago
      ... di sesso porta a rompere i XXXXXXXX al
      prossimo
      ...quoto ed aggiungo: comprati una ps3 e gioca a qualche bel videogioco "violento"... e tutto passerà!
    • Mr_Nick scrive:
      Re: La carenza ...
      - Scritto da: Zago
      ... di sesso porta a rompere i XXXXXXXX al
      prossimo
      ...Verissimo. E' pure stato radiato dall'avvocatura della Florida per una faccenda legata alla presentazione di prove false in tribunale. Una persona del genere non merita l'esistenza. Non sono i videogiochi violenti a rovinare la vita dei ragazzini ma la mancanza di una buona educazione da parte dei loro genitori. Siamo nel 2009, XXXXX.
    • Giancarlo Ruberti scrive:
      Re: La carenza ...
      - Scritto da: Zago
      ... di sesso porta a rompere i XXXXXXXX al
      prossimo
      ... :D :D :DMi hai ricordato la scena di "Good Morning Vietnam", quando Robin Williams parlando con il sergente maggiore che lo ha silurato dice:"Nessun bipede al mondo ha mai avuto tanta urgenza di un XXXXXXX quanto lei!" ...(rotfl)(rotfl)(rotfl)-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 07 ottobre 2009 18.01-----------------------------------------------------------
    • Joliet Jake scrive:
      Re: La carenza ...
      - Scritto da: Zago
      ... di sesso porta a rompere i XXXXXXXX al
      prossimo
      ...Vallo a spiegare ai tizi in Vaticano...
Chiudi i commenti