Qonto, in 3 anni è ai vertici del mondo Fintech

In soli 3 anni Qonto è entrata nella classifica Fintech 250 di CB Insight, vedendo così premiata la forte crescita registrata in Francia, Italia e Spagna.
In soli 3 anni Qonto è entrata nella classifica Fintech 250 di CB Insight, vedendo così premiata la forte crescita registrata in Francia, Italia e Spagna.

Sono bastati 3 anni a Qonto per entrare nella classifica “Fintech 250” di CB Insight, ambito nel quale vengono inserite le aziende di ottica tecnofinanziaria di più rapida crescita a livello globale. Per chi non conoscesse ancora Qonto, qui tutti i dettagli.

Quonto tra le Fintech 250

Sedici mila i candidati per questa speciale classifica, 25 paesi coinvolti e 19 categorie: la classifica “Fintech 250” è un esame di dimensione globale, dunque, che premia la startup francese nata nel 2017 e capace di cavalcare le difficoltà del lockdown per farsi notare (e sbarcare anche in Italia).

Il riconoscimento ricevuto da CB Insights ci rende estremamente fieri e costituisce l’ulteriore riprova dell’efficacia di una strategia di crescita fondata su un servizio altamente innovativo. Questo successo, insieme ai risultati raggiunti a soli tre anni dal lancio, ci spinge a proseguire nella direzione intrapresa. L’Italia, in particolare, con una crescita media mese su mese del 25% nel primo anno e la quadruplicazione del fatturato medio mensile rispetto al 2019 ci ha regalato soddisfazioni sopra le attese. Anche durante il lockdown abbiamo registrato dei risultati estremamente positivi, con una crescita dell’80% dei nuovi clienti nel trimestre marzo-maggio. Siamo riusciti infatti a differenziarci ulteriormente, garantendo, a differenza dalle banche tradizionali, la piena continuità del servizio, grazie ad un prodotto e a processi aziendali fully digital, e dimostrando di avere un modello di business più solido rispetto a tante altre fintech e challenger banks

Mariano Spalletti, Country Manager di Qonto Italia

Qonto scommette tutto sulla facilità di adozione dello strumento e della semplicità della propria piattaforma: con l’incedere dei pagamenti digitali, che in Italia troveranno nuova forza propulsiva dal Piano Cashless preannunciato dal Presidente del Consiglio, strumenti di questo tipo sono destinati a raccogliere sempre più “credito” (sia in termini di fiducia che in termini di capitale). Chiunque intenda aprire un conto su Qonto e capire tutti i dettagli sul progetto e sull’offerta può fare diretto riferimento al sito ufficiale.

Carta Qonto

Carta Qonto

Nella medesima classifica è entrata anche l’italiana Satispay, ennesimo testimone di una nuova generazione di arrembanti iniziative destinate a cambiare nel lungo periodo il modo in cui abbiamo sempre pensato i pagamenti e le transazioni di denaro. L’era del cashless arriverà poco alla volta, mettendo isolando progressivamente il contante per dar spazio a flussi più tracciabili, sicuri e trasparenti.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

09 09 2020
Link copiato negli appunti