Quei Wild boys di Microsoft

Una tecnologia sperimentale per effettuare ricerche testuali tramite i telefoni cellulari, abbreviando le stringhe di ricerca testuali. Il nome in codice? The Wild Thing

Redmond (USA) – Si chiama The Wild Thing ed è un sistema sviluppato da Microsoft per effettuare ricerche d’informazioni sui dispositivi mobili, come cellulari e PDA. Inventato da Bo Thiesson, un ingegnere dell’azienda di Redmond, la “cosa matta” nel cassetto di Microsoft dà modo di abbreviare le stringhe di ricerca e velocizzare l’intero processo di reperimento dati.

L’applicazione, che Thiesson spera di vedere su tutti i cellulari a partire dall’anno prossimo, si interfaccia ad un apposito motore di ricerca online ed usa query di ricerca speciali basate sugli input del tastierino numerico dei cellulari.

Ad esempio, spiega Thiesson, per eseguire una ricerca dei ristoranti cinesi nell’area di New York basterà inserire il codice “27*#69”, corrispondente a “CR NY”, Chinese restaurants, New York . “Maggiore la popolarità di un oggetto o di un servizio”, dice l’inventore del sistema, “minore sarà il numero di lettere che servirà per identificarlo”.

Insieme all’uscita di The Wild Thing, prevista per il 2007, Microsoft spera di ultimare xNav, un sistema di riconoscimento dei movimenti per inserire caratteri testuali attraverso i touch-screen portatili. Saranno tecnologie accessibili a tutti? Microsoft pensa soprattutto a quella che definisce “generazione millennio”, ovvero i giovani compresi tra i 10 ed i 21 anni: “Con xNav, i ragazzini più veloci potranno raggiungere le 45 parole per minuto”, dice John Sangiovanni, il progettista di xNav.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Re: Nanotech, la condanna del superesper
    Eccoli gli effetti, li potete vedere in questo video...sono noti e come altro che incertezze:http://video.google.com/videoplay?docid=7395495186822276391&q=nanopatologieRiferimenti www.nanodiagnostics.it
    • Anonimo scrive:
      Re: Nanotech, la condanna del superesper
      - Scritto da:
      Eccoli gli effetti, li potete vedere in questo
      video...sono noti e come altro che
      incertezze:

      http://video.google.com/videoplay?docid=7395495186

      Riferimenti www.nanodiagnostics.itOK, ma...perché cita gli inceneritori con insistenza e invece gli altoforni e le fonderie così, "en passant"?Non ci dovrebbero essere picchi di nanopatologie a Genova, Terni, Piombino, Taranto, e tutte le altre sedi di grandi acciaierie?E perché non c'è stato un picco di nanopatologie tot anni dopo al I e soprattutto II guerra mondiale?
    • Anonimo scrive:
      Re: Nanotech, la condanna del superesper
      - Scritto da:
      Eccoli gli effetti, li potete vedere in questo
      video...sono noti e come altro che
      incertezze:

      http://video.google.com/videoplay?docid=7395495186

      Riferimenti www.nanodiagnostics.itNon c'è soluzione, dobbiamo lasciarci morire di fame, ma possiamo abbreviare l'agonia soffocandoci.
    • Anonimo scrive:
      Re: Nanotech, la condanna del superesper
      - Scritto da:
      Eccoli gli effetti, li potete vedere in questo
      video...sono noti e come altro che
      incertezze:

      http://video.google.com/videoplay?docid=7395495186

      Riferimenti www.nanodiagnostics.itDa quella conferenza però si ricava che solo le nanoparticelle inerti sono pericolose a lungo termine, quelle chimicamente attive potrebbero ovviamente dare tossicità acuta, ma sarebbero degradate sul lungo termine (se la fase acuta non è mortale, ovviamente).Inoltre sembra che ci si riferisca solo alle nanoparticelle, non alle nanomacchine, anzi, queste ultime potrebbero addirittura essere usate in futuro per bonificare l'organismo dalle nanoparticelle.
    • Anonimo scrive:
      Re: Nanotech, la condanna del superesper
      - Scritto da:
      Eccoli gli effetti, li potete vedere in questo
      video...sono noti e come altro che
      incertezze:

      http://video.google.com/videoplay?docid=7395495186

      Riferimenti www.nanodiagnostics.itRiguardo ai diesel mi sembra che i detrattori cambino le carte in tavola: il particolato dei diesel è a base carboniosa, non metallica.E' possibile che l'usura del motore causi anche piccolissime quantità di particolato metallico, ma quest'ultimo particolare caso vale più per i motori a benzina, che hanno un'usura più rapida dei diesel.
  • Anonimo scrive:
    Le nanoparticelle sono dannosissime!
    Collegateti a questo sito di questo Istituto di ricerca www.nanodiagnostics.it
  • Anonimo scrive:
    Ricerca imbavagliata
    un'altro link interessantehttp://www.beppegrillo.it/2006/03/la_ricerca_imba.html
  • Anonimo scrive:
    Sull'amianto
    Gia' negli anni 30 si sospettava fosse tossico. Dalla meta' degli anni 50 si sa che causa il mesotelioma pleurico. Il divieto di commercializzarlo e' della fine degli anni 80. Si stima che in Italia ci siano ancora 3 milioni e 200 mila tonnellate di amianto. Per farsi un'idea basta girare un po' per vedere quante siano ancora le coperture in eternit su tutto il territorio naturale. Addirittura molte delle tubature dell'acqua contengono amianto, e quando si rompono spesso vengono sostituiti con altri tubi contenenti fibre di amianto.
    • Anonimo scrive:
      Re: Sull'amianto
      - Scritto da:
      Gia' negli anni 30 si sospettava fosse tossico.
      Dalla meta' degli anni 50 si sa che causa il
      mesotelioma pleurico. Il divieto di
      commercializzarlo e' della fine degli anni 80. Si
      stima che in Italia ci siano ancora 3 milioni e
      200 mila tonnellate di amianto. Per farsi un'idea
      basta girare un po' per vedere quante siano
      ancora le coperture in eternit su tutto il
      territorio naturale. Addirittura molte delle
      tubature dell'acqua contengono amianto, e quando
      si rompono spesso vengono sostituiti con altri
      tubi contenenti fibre di
      amianto.E se cerchi "Eternit", troverai diversi siti e, guarda un po', Eternit Brasile vende ancora l'Eternit originale, cemento e amianto.Tanto i brasiliani hanno già miseria, delinquenza, squadroni della morte, razzi e pallottole vaganti a Carnevale, AIDS, sifilide, serpenti, ragni e scorpioni, qualche mesotelioma non gli cambia le statistiche più di tanto.
    • Anonimo scrive:
      Re: Sull'amianto
      L'eternit è sicurissimo, basta che non si rompa :P
  • Anonimo scrive:
    e allora la soia geneticamente modificat
    modificata? oramai e dappertutto non solo nella salsa di soia ma come emulsificante nelle mrendine, cioccolata..etc..etc..eppure esperimenti su topi di laboratorio hanno dimostrato che alla lunga i reni erano danneggiati...altro che nanotech..gli ogm ora come ora sonoil vero pericolo
    • Anonimo scrive:
      Re: e allora la soia geneticamente modif
      - Scritto da:
      modificata? oramai e dappertutto non solo nella
      salsa di soia ma come emulsificante nelle
      mrendine, cioccolata..etc..etc..eppure
      esperimenti su topi di laboratorio hanno
      dimostrato che alla lunga i reni erano
      danneggiati...altro che nanotech..gli ogm ora
      come ora sonoil vero
      pericolohai ragione.. ma nn c'entra molto con i nanocosi ... :a me dipiace che queste nanotech del cais siano sperimentate su animali.io le sperimenterei su coloro che hanno messo già in giro prodotti con nanocosi
      • Anonimo scrive:
        Re: e allora la soia geneticamente modif
        A parte che fare di ttutta l'erba un fascio e dire "titte le nanotecnologie sono dannose" o "tutti gli OGN fanno male" e' piuttosto stupido, cmq la sperimentazione sugli animali, per quanto sia spiacevole farla (anche per i ricercatori stessi,credetemi: lavoro in un laboratorio di ricerca ma vi assicuro che nessun ricercatore prova un perverso piacere nel fare le sperimentazioni del caso) e' necessaria. O ti offri tu come volontario cosi' salvi i ratti da laboratorio?
  • Anonimo scrive:
    What's asbestum ?
    L'asbesto sarebbe l'amianto in italiano ?
  • burnit scrive:
    Link interessante
    Vedetevi questa conferenza del 16 genniaio 2006:http://www.arcoiris.tv/modules.php?name=Downloads&d_op=getit&lid=4631&ext=_big.wmvse volete il Real:http://www.arcoiris.tv/modules.php?name=Downloads&d_op=getit&lid=4631&ext=_big.ramMolto istruttuvo. ;)Meditare gente, meditare...
  • Anonimo scrive:
    Pericolo mortale per le major!
    Un'invincibile e invisibile armata di nanocosi potrebbe insinuarsi ovunque e piratare la loro preziosa proprietà intellettuale! :D(cylon)(cylon)(cylon)(geek)
    • Anonimo scrive:
      Re: Pericolo mortale per le major!
      - Scritto da:
      Un'invincibile e invisibile armata di nanocosi
      potrebbe insinuarsi ovunque e piratare la loro
      preziosa proprietà intellettuale!
      :D(cylon)(cylon)(cylon)(geek)non si puo' piratare qualcosa che non c'è....
    • Anonimo scrive:
      Re: Pericolo mortale per le major!
      tà tà tà tàttadà tàttadàaaa(salire di qualke tono)tà tà tà tàttada tà tà daaaa
      • Anonimo scrive:
        Re: Pericolo mortale per le major!
        - Scritto da:
        tà tà tà tàttadà tàttadàaaa

        (salire di qualke tono)
        tà tà tà tàttada tà tà daaaatà tàttadàaa tà tàdàradà tàttàtà tàdàradà tàttàtàttadà tàttadàaaaHo vinto qualche cosa? :D
      • Anonimo scrive:
        Re: Pericolo mortale per le major!
        Mah! Non l'ho capita. Perchè il mio tattadà era da censura e questo no?http://punto-informatico.it/f/m.aspx?m_id=1474263&m_rid=0(newbie)
        • Anonimo scrive:
          Re: Pericolo mortale per le major!
          Comunque si tratta di un tema di Guerre Stellari! Ebbene sì, anche attraverso il tàttadà si capisce. ;)
Chiudi i commenti