Recupero dati, camera bianca in Italia

La annuncia Kroll Ontrack. Risponde ai requisiti internazionali - dice l'azienda - e garantisce la massima efficienza

Roma – Con un comunicato appena diffuso alla stampa, la società impegnata nelle attività di recupero dati (data recovery, computer forensics, data erasure, data conversion e mailbox recovery) Kroll Ontrack, ha fatto sapere di avere aperto quella che considera la prima camera bianca italiana .

La camera bianca, come noto, è un ambiente dove si limita la presenza di particelle in sospensione, il livello di purezza dell’aria viene misurato con un indicatore di Classe. “I tecnici e gli ingegneri di Kroll Ontrack – spiega la nota – operano in camere bianche Classe 100 (progettate per ammettere non più di 100 particelle di polvere – da 0,5 millesimi di millimetro o più grandi – per piede cubico di aria) per l’apertura dei supporti di memorizzazione in totale sicurezza”.

A detta dell’azienda il nuovo centro italiano “rappresenta un vero e proprio polo di eccellenza tecnologica che può arrivare a gestire decine di lavorazioni in parallelo e fare affidamento su oltre 100 tool software proprietari – tecnologie avanzate, sviluppate da Kroll Ontrack nei propri centri di ricerca e sviluppo in Europa e negli Stati Uniti – e su un team di specialisti che collabora quotidianamente con il network di camere bianche e laboratori di Kroll Ontrack presenti in tutto il mondo per condividere esperienze e informazioni tecniche”.

Kroll Ontrack, divisione italiana, è disponibile a questo indirizzo

Tecnici al lavoro

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • joanne tringali scrive:
    grooveshark, modalità d'uso
    ciao sono interessata al grooveshark, mi sono registrata ma nessuno sa a parte chi ha scritto qualche recenzione e qualche articolo, come si guadagna e come avviene il guadagno in base ai file condivisi. spero in una tua rispostagiovanna
  • Fabi3tto scrive:
    Gator.net
    Qualcuno ha notato che nella homepage di Grooveshark c'è menzionato Gator.net?Ora a me quel nome ricorda un famoso malware.Però probabilmente è solo un'assonanza.L'idea è ottima ma..non mi fido ancora.Anche perchè quando la piattaforma arriva a regime e tutte le canzoni sono in upload guadagna solo chi si è iscritto per primo e ha messo a disposizione la canzone?O magari è una scusa per dare un'occhiata ai miei file mp3 e controllarne un po' i watermark alla ricerca di qualche file pirata?
Chiudi i commenti