Ritirato uno spot WinXP. Offende Apple?

Microsoft conferma la rimozione dal proprio sito di un breve spot che raccontava come una scrittrice è passata da Macintosh a Windows. Tasto caldo


Roma – Non senza un certo imbarazzo, Microsoft ha confermato il ritiro del breve spot di Windows XP pubblicato sul proprio sito . Ne aveva recentemente parlato anche Slashdot e raccontava il passaggio dai sistemi Macintosh a quelli Windows da parte di una scrittrice.

“Confessioni di un convertito da Mac a PC”, questo il titolo dello spot, era imperniato su una breve frase pronunciata dalla presunta scrittrice. “Sì, è vero – affermava – il sistema operativo Microsoft Windows XP mi piace abbastanza per cambiare il mio ambiente di computing. Windows XP mi dà più scelte e flessibilità e maggiore compatibilità con il resto del mondo dei computer”.

Uno spot, dunque, che ribaltava integralmente il concetto di “Think different” e degli altri slogan con cui Apple ha sempre promosso i propri Macintosh, come “alternativi” e “diversi” dai PC targati Windows.

Ma se Apple ha scelto, com’era scontato, di non commentare l’episodio, va detto che la campagna Microsoft altro non era che la risposta allo sforzo promozionale Apple che negli USA si profonde nel far vedere tante persone comuni che passano al Mac perché non ne possono più di Windows…

E va anche ricordato che di recente un altro spot Microsoft dedicato alla versione della suite Office per Mac pone invece Mac e PC per la prima volta in armonia…

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Torvalds e Mac
    Questa non me l'aspettavo proprio.Sapevo che Linus ha qualche idiosincrasia nei confronti di Apple, ora arriva a dire che non ama i Mac perché tutto quello che c'è di interessante è "nascosto". Ma la cosa più sorprendente (e questo farà felice Numero28 e Piratone...) è che Torvalds ha dichiarato che gli piace (!!!) l'hardware Apple!http://star-techcentral.com/cnetasia/story.asp?file=/2002/10/28/cnetasia/0,39001153,39093883,00&sec=cnetasiaDi tutto quello che si dice qui su PI, ovvero che MacOsx è un ottimo S.O. ma l'hardware Apple è inferiore a quello dei pc, Torvalds pensa esattamente il contrario...a meno che non abbia visto solo i Powerbook che sia pronto per la pensione?
    • Anonimo scrive:
      Re: Torvalds e Mac
      Non è così misteriosa questa cosa... Linux gira su Mac e contende il posto a Mac os X... non è che Torvalds è stupido :-)Le cose interessanti di MOX secondo me sono proprio quelle OpenSource.Ciao
    • Anonimo scrive:
      Re: Torvalds e Mac
      - Scritto da: zioX
      Questa non me l'aspettavo proprio.
      Sapevo che Linus ha qualche idiosincrasia
      nei confronti di Apple, ora arriva a dire
      che non ama i Mac perché tutto quello che
      c'è di interessante è "nascosto".
      Ma la cosa più sorprendente (e questo farà
      felice Numero28 e Piratone...) è che
      Torvalds ha dichiarato che gli piace (!!!)
      l'hardware Apple!a parte la CPU, il resto è la stessa identica roba che trovi sul PC.Lui si sarà riferito alla CPU in quanto architetturalmente i RISC sono migliori dei CISC e se è questa la motivazione ha ragione.Da notare che Torvalds disse di MACH che era spazzatura (proprio questo termine), ora se qualcuno vuole può anche flammare, io ho riportato solo per dover di cronaca, l'articolo lo trovate sul sit di applicando.
      http://star-techcentral.com/cnetasia/story.as

      Di tutto quello che si dice qui su PI,
      ovvero che MacOsx è un ottimo S.O. ma
      l'hardware Apple è inferiore a quello dei
      pc, Torvalds pensa esattamente il
      contrario...a meno che non abbia visto solo
      i Powerbook che sia pronto per la pensione?Torvalds è un programmatore e credo sia giusto dica questo, lui si riferisce all'architettura credo e fondamentalmente ha ragione, fermorestando che se ne sbatte A) delle prestazioni, B) dei miglioramenti di windows (Chissà perchè :))...Cmq Torvalds e Apple (jobs) non dovrebbero essere in ottimi rapporti quindi qualsiasi cosa è da prendere con le molle :)saluti.
      • Anonimo scrive:
        Re: Torvalds e Mac

        Lui si sarà riferito alla CPU in quanto
        architetturalmente i RISC sono migliori dei
        CISC Sospiro... doppio sospiro... le braccia si allargano e ricadono sui fianchi sconsolate.Anche tu FUDdi? Ci sono contesti nei quali i RISC sono migliori e contesti nei quali i RISC sono brutalmente peggiori.
        • Anonimo scrive:
          Re: Torvalds e Mac
          - Scritto da: Piratone
          Sospiro... doppio sospiro... le braccia si
          allargano e ricadono sui fianchi sconsolate.

          Anche tu FUDdi? Ci sono contesti nei quali i
          RISC sono migliori e contesti nei quali i
          RISC sono brutalmente peggiori.ue ue piratoooo calmo :)Non mi sembra FUD, in genere i RISC sono migliori, almeno tecnicamente, poi che i CISC di oggi siano superiori per alcuni versi è così... era una osservazione un po a carattetre storico la mia :)
          • Anonimo scrive:
            RISC vs CISC
            ^___^ Va bene sto calmo, però non è vero che i RISC sono più avanzati. Le due tecnologie sono nate quasi contemporaneamente. La tecnologia RISC risponde ad esigenze di efficienza quando principalmente si effettuano applicazioni con pochi salti, lunghi stream di istruzioni eseguite in sequenza.La tecnologia CISC risponde ad esigenze di efficienza quando si usano applicazioni con molti salti o comunque con molti costrutti particolari. Questi costrutti in un RISC vengono implementati con una sequenza di più istruzioni macchina, con un CISC vengono implementati con una istruzione sola. Quindi il CISC è intrinsecamente più lento nell'esecuzione della singola istruzione, ma alcuni programmi compilati per CISC (tipicamente le applicazioni "home/office" ricadono in questa categoria) hanno meno istruzioni.Per questo non si può dire che uno sia superiore all'altro tecnicamente.Invece si può dire che leggere un codice assembler RISC è mille volte più facile che leggere codice assembler CISC, ma non siamo noi che lo dobbiamo leggere ;)))Scusa la pedanteria, ma è doverosa.
          • Anonimo scrive:
            Re: RISC vs CISC
            ok... mi hai chiarito ulteriormente le idee :)
          • Anonimo scrive:
            Re: RISC vs CISC
            - Scritto da: Numero28

            ok... mi hai chiarito ulteriormente le idee
            :)Ed io che speravo di avertele confuse! :)
          • Anonimo scrive:
            Re: RISC vs CISC
            - Scritto da: Piratone
            Ed io che speravo di avertele confuse! :)uso sostanze apposite per quello...non disturbarti :)))
    • Anonimo scrive:
      Re: Torvalds e Mac

      Ma la cosa più sorprendente (e questo farà
      felice Numero28 e Piratone...) è che
      Torvalds ha dichiarato che gli piace (!!!)
      l'hardware Apple!
      Senti, ma chi ti dice che a me interessino le parole di Torvalds? Questo non perchè ha parlato in qualche modo bene dell'hardware apple (ma a cosa si riferiva, processore, mainboard, case?) ma perchè francamente non me ne può fregare di meno di quello che pensa L.T. sugli apple ;) Non userò per esempio software proprietario per gestire i miei sorgenti, anche se lui lo vuol fare.
      Di tutto quello che si dice qui su PI,
      ovvero che MacOsx è un ottimo S.O. ma
      l'hardware Apple è inferiore a quello dei
      pc, Torvalds pensa esattamente il
      contrario...Prima di tutto una nota sul S.O: è nota da tempo la posizione di Torvalds verso i microkernel, ma è una posizione alquanto personale e dubbia. In ogni modo, lui di programmazione dei sistemi operativi se ne intende più di me.Guarda che sull'articolo in questione ci sono tre parole, dette dal giornalista:"I never much liked Macs. All the interesting stuff is hidden away," he said, adding that he does like Apple hardwareDi che cosa sta parlando? Del processore, della scheda madre o dell'hard disk?Nota che non si capisce di cosa parla. Tu lo sai vero che la maggior parte dell'hardware che sta dentro un mac si trova nei PC di fascia bassa, diciamo che ormai si trova solo dentro scatolotti-fregatura ? E' questa la critica. Non critico il processore o la struttura della scheda madre, che è ben fatta.Una critica se mai si può muovere al fatto che un processore a 64 bit, se mal programmato (cosa che avviene regolarmente) consuma il doppio di ram per i programmi. E infatti non eri tu che mi parlavi di 512mb di ram per far girare l'interfaccia?
      a meno che non abbia visto solo
      i Powerbook che sia pronto per la pensione?Non ho ben capito, quindi le opinioni di Torvalds sono una bandiera per criticare le mie? Guarda che davvero io codifico un dvd in divx in tempo reale e tu devi starci una nottata, non è un'utopia. E questo deriva dalle scelte apple per il tuo hardware (scelte apple, non tue), che ne fanno un pc entry level.Quindi è semplicemente questa la mia opinione sul mac: un pc entry level che dai suoi utenti viene mistificato un po' troppo.Con tutto il rispetto per il suo design all'avanguardia (che potrebbe anche non piacere, in ogni caso).
      • Anonimo scrive:
        Re: Torvalds e Mac
        - Scritto da: Piratone

        Non ho ben capito, quindi le opinioni di
        Torvalds sono una bandiera per criticare le
        mie? Per carità, non volevo assolutamente attaccare te. Mi ha fatto solo ridere il fatto che su PI più o meno tutti (a essere onesti) siamo daccordo sulla bontà di OsX e più o meno tutti concordiamo sul fatto che l'hardware Apple (a parte i portatili, concedimelo...) non è più capace di certe prestazioni. Il fatto che Torvalds, che vuoi o non vuoi E' una personalità nel suo campo, dica il contrario l'ho trovato divertente, tutto qui:))Guarda che davvero io codifico un dvd
        in divx in tempo reale e tu devi starci una
        nottata, non è un'utopia.Io non codifico divx, scarico il video su nastri digitali in tempo reale. Semplicemente altre esigenze. E questo deriva
        dalle scelte apple per il tuo hardware
        (scelte apple, non tue), che ne fanno un pc
        entry level.

        Quindi è semplicemente questa la mia
        opinione sul mac: un pc entry level che dai
        suoi utenti viene mistificato un po' troppo.

        Con tutto il rispetto per il suo design
        all'avanguardia (che potrebbe anche non
        piacere, in ogni caso).
        • Anonimo scrive:
          Re: Torvalds e Mac

          Per carità, non volevo assolutamente
          attaccare te. Mi ha fatto solo ridere il
          fatto che su PI più o meno tutti (a essere
          onesti) siamo daccordo sulla bontà di OsX e
          più o meno tutti concordiamo sul fatto che
          l'hardware Apple (a parte i portatili,
          concedimelo...) non è più capace di certe
          prestazioni. Il fatto che Torvalds, che vuoi
          o non vuoi E' una personalità nel suo campo,
          dica il contrario l'ho trovato divertente,
          tutto qui:))Ah, ma che diamine. E' proprio vero che sti forum disumanizzano, scusa ;)
  • Anonimo scrive:
    Vergogna apple
    http://www.apple.com/it/ical/Guardate, l'affascinante novità: un programma di CALENDARIO e GESTIONE APPUNTAMENTI con possibilità di creare calendari pubblici e simili, chiamato ICAL.La stessa apple che aveva fatto causa (vincendola) a xtunes, ora produce cosa? Un clone spiccicato di "ical" per linux, neanche il nome hanno cambiato tanto l'autore di certo non gli farà mai causa.Fra qualche mese, tutti gli utenti mac diranno che questa è una delle cose che con il mac si possono fare e con linux no. Ma con linux si può fare da anni.
    • Anonimo scrive:
      Re: Vergogna apple
      - Scritto da: Indovina?
      http://www.apple.com/it/ical/

      Guardate, l'affascinante novità: un
      programma di CALENDARIO e GESTIONE
      APPUNTAMENTI con possibilità di creare
      calendari pubblici e simili, chiamato ICAL.

      La stessa apple che aveva fatto causa
      (vincendola) a xtunes, ora produce cosa? Un
      clone spiccicato di "ical" per linux,
      neanche il nome hanno cambiato tanto
      l'autore di certo non gli farà mai causa.

      Fra qualche mese, tutti gli utenti mac
      diranno che questa è una delle cose che con
      il mac si possono fare e con linux no. Ma
      con linux si può fare da anni.sono un utente mac, ma ritengo che tu abbia perfettamente ragione
      • Anonimo scrive:
        Re: Vergogna apple

        sono un utente mac, ma ritengo che tu abbia
        perfettamente ragione^___^ Lacrimuccia di commozione
        • Anonimo scrive:
          Re: Vergogna apple
          - Scritto da: ...




          sono un utente mac, ma ritengo che tu
          abbia

          perfettamente ragione


          ^___^

          Lacrimuccia di commozioneLe verità sono oggettive, non soggettive, e la tua testimonianza porta fatti oggettivi, non soggettivi, quindi meritevole di rispetto.Purtroppo alla Apple stanno prendendo una piega che non mi piace moltissimo, spero si concentrino anche sull'HW, che portino sotto mac le FireGL e le 3DLabs, e che comincino a sviluppare applicazioni più serie per l'hub digitale.
          • Anonimo scrive:
            Re: Vergogna apple
            Come vedi ti ho rivoltato la realtà oggettiva in quattro e quattr'otto (ho cannato a scrivere vero ?).Dubito in ogni caso che qualcuno possa stimarsi di iCal, è un software molto buono ma abbastanza normale (nulla di incredibile...). Sono funzioni che ha anche Evolution ad esempio, il clone Ximian di Outlook Express.Ciao :-)
      • Anonimo scrive:
        Re: Vergogna apple
        - Scritto da: vmf
        sono un utente mac, ma ritengo che tu abbia
        perfettamente ragionedata la scarsa presenza di persone come te all'interno della comunità MAC/APPLE, io ti proporrei come Nobel per la imparzialità :)saluti.
    • Anonimo scrive:
      Re: Vergogna apple
      - Scritto da: Indovina?
      http://www.apple.com/it/ical/

      Guardate, l'affascinante novità: un
      programma di CALENDARIO e GESTIONE
      APPUNTAMENTI con possibilità di creare
      calendari pubblici e simili, chiamato ICAL.

      La stessa apple che aveva fatto causa
      (vincendola) a xtunes, ora produce cosa? Un
      clone spiccicato di "ical" per linux,
      neanche il nome hanno cambiato tanto
      l'autore di certo non gli farà mai causa.

      Fra qualche mese, tutti gli utenti mac
      diranno che questa è una delle cose che con
      il mac si possono fare e con linux no. Ma
      con linux si può fare da anni.lascia perdere, è una battaglia persa in partenza... l'unica è farsene una ragione e aspettare, tanto fra qualche anno si fanno i conti :) (linux nel cuore, winNT quasi :P)
    • Anonimo scrive:
      Re: Vergogna apple
      - Scritto da: Indovina?
      http://www.apple.com/it/ical/

      Guardate, l'affascinante novità: un
      programma di CALENDARIO e GESTIONE
      APPUNTAMENTI con possibilità di creare
      calendari pubblici e simili, chiamato ICAL.

      La stessa apple che aveva fatto causa
      (vincendola) a xtunes, ora produce cosa? Un
      clone spiccicato di "ical" per linux,
      neanche il nome hanno cambiato tanto
      l'autore di certo non gli farà mai causa.

      Fra qualche mese, tutti gli utenti mac
      diranno che questa è una delle cose che con
      il mac si possono fare e con linux no. Ma
      con linux si può fare da anni.Ecco il vero spirito del free software :D E' software libero finchè non lo usano gli altri (soprattutto Apple) e chiuderemo un occhio se vedremo sviluppatori Apple contribuire al Free Software, tanto c'è la FSF :DIn ogni caso: trovo solamente RPM più o meno vecchi più un programma per Windows della Brown Software. Tutti i link che ho trovato rimandano a un sito della Compaq (risalendo l'uri, la pagina puntata da Tucows e altri non è disponibile) e parlano di un semplicissimo frontend al comando BSD (sotto licenza omonima e quindi implementato anche in Mac OS X) cal.Qualcuno ha dei Link o simili ? Per ora la licenza è BSD quindi è legalissimo, contando anche il fatto che Apple collabora con il gruppo BSD, a differenza dei vari Linux *.L'autore finora è Compaq, e di soldi per intentare una causa ne ha, a bizzeffe.
    • Anonimo scrive:
      Re: Vergogna apple
      - Scritto da: Indovina?
      La stessa apple che aveva fatto causa
      (vincendola) a xtunes, ora produce cosa? Un
      clone spiccicato di "ical" per linux,
      neanche il nome hanno cambiato tanto
      l'autore di certo non gli farà mai causa.Ah, tanto per chiarire 'iCalendar' è il nome dello standard, non è questione di 'ical per linux'.Informarsi *prima* è sempre un'idea meravigliosa.(RFC 2445).
      • Anonimo scrive:
        Re: Vergogna apple

        Ah, tanto per chiarire 'iCalendar' è il nome
        dello standard, non è questione di 'ical per
        linux'.
        Informarsi *prima* è sempre un'idea
        meravigliosa.
        (RFC 2445).gsam orrore, ma usi linux o no? ical è un programma molto famoso, ma defunto. Tu stesso hai detto di aver trovato la pagina di tucows.ical (e non icalendar), *tanto per chiarire* è stato per anni il programma di riferimento nel mondo unix per questo genere di applicazioni, era un prodotto veramente completo le cui funzionalità sono state accorpate in prodotti come gnome-pim e kde-pim (grazie alla licenza GPL, quando il programmatore originale si è rotto le balle, il suo lavoro non è andato sprecato).Ora è soppiantato da vari altri più evoluti, e non esiste più, quindi non c'è ragione di dire che la apple deve chiamare il suo software in modo diverso, questo è vero.D'altra parte, la apple l'ha chiamato proprio col nome di un software già esistente, dopo la causa ad xtunes questo anche a me provoca un moto di rivolta nel basso intestino.Se fra due mesi mi si dice che ical è una cosa che ha solo apple e le alternative che ci sono sono sicuramente inferiori mi posso incazzare ? :))Come mai salta fuori sta cosa? Vuol dire che è una novità e che fino ad un po' di tempo fa non ti davano neanche un PIM integrato con OSX?Cmq sono andato a vedere sul sito, non è un clone di ical: ical ti consentiva anche di pubblicare i calendari dove ca**o ti pareva, senza doverti iscrivere da nessuna parte.
        • Anonimo scrive:
          Re: Vergogna apple
          - Scritto da: Piratone



          Ah, tanto per chiarire 'iCalendar' è il
          nome

          dello standard, non è questione di 'ical
          per

          linux'.

          Informarsi *prima* è sempre un'idea

          meravigliosa.

          (RFC 2445).

          gsam orrore, ma usi linux o no? ical è un
          programma molto famoso, ma defunto. Tu
          stesso hai detto di aver trovato la pagina
          di tucows.Appunto. Oltre ad avere un nome più che comune (ne ho trovati 3 in 5 minuti) si chiama come lo standard. Cos'è sto copiare ? Facciamo come MS che s'incazza per Windows ?
          ical (e non icalendar), *tanto per chiarire*
          è stato per anni il programma di riferimento
          nel mondo unix per questo genere di
          applicazioni, era un prodotto veramente
          completo le cui funzionalità sono state
          accorpate in prodotti come gnome-pim e
          kde-pim (grazie alla licenza GPL, quando il
          programmatore originale si è rotto le balle,
          il suo lavoro non è andato sprecato).Era sotto MIT o BSD mi pare.
          Ora è soppiantato da vari altri più evoluti,
          e non esiste più, quindi non c'è ragione di
          dire che la apple deve chiamare il suo
          software in modo diverso, questo è vero.Non c'era lo stesso.
          D'altra parte, la apple l'ha chiamato
          proprio col nome di un software già
          esistente, dopo la causa ad xtunes questo
          anche a me provoca un moto di rivolta nel
          basso intestino.
          Se fra due mesi mi si dice che ical è una
          cosa che ha solo apple e le alternative che
          ci sono sono sicuramente inferiori mi posso
          incazzare ? :))No, perchè ci sonoaltri argomenti ben più forti che un programmino.
          Come mai salta fuori sta cosa? Vuol dire che
          è una novità e che fino ad un po' di tempo
          fa non ti davano neanche un PIM integrato
          con OSX?Boh.
          Cmq sono andato a vedere sul sito, non è un
          clone di ical: ical ti consentiva anche di
          pubblicare i calendari dove ca**o ti pareva,
          senza doverti iscrivere da nessuna parte.
          • Anonimo scrive:
            Re: Vergogna apple

            Appunto. Oltre ad avere un nome più che
            comune (ne ho trovati 3 in 5 minuti) si
            chiama come lo standard. Cos'è sto copiare ?
            Facciamo come MS che s'incazza per Windows ?No facciamo come la apple che si incazza per xtunes, se non si era ancora capito.
          • Anonimo scrive:
            Re: Vergogna apple
            - Scritto da: Piratone
            No facciamo come la apple che si incazza per
            xtunes, se non si era ancora capito.Penso che per xtunes, piu che il nome e' stata l'interfaccia a far incazzare Apple, era sputata a iTunes...quella sul nome potevano anche risparmiarsela, effettivamente!Ciao
          • Anonimo scrive:
            Re: Vergogna apple

            Penso che per xtunes, piu che il nome e'
            stata l'interfaccia a far incazzare Apple,
            era sputata a iTunes...Ti stupiresti di quanti programmi apple sono identici a equivalenti fatti da altri però loro stanno zitti. Oppure anche, se ical (quello GPL) esistesse ancora, di quanto identica (a parte il colore dei widget) fosse la schermata rispetto a ical apple.Comunque il copyright sulle interfacce è una delle cose più ignominiose di questo mondo. Se si potesse fare sempre, ci vorrebbe poco per la microsoft a far proibire le scrollbar e i pulsanti fuori da windows.
          • Anonimo scrive:
            Re: Vergogna apple
            - Scritto da: Piratone



            Penso che per xtunes, piu che il nome e'

            stata l'interfaccia a far incazzare Apple,

            era sputata a iTunes...

            Ti stupiresti di quanti programmi apple sono
            identici a equivalenti fatti da altri però
            loro stanno zitti. Oppure anche, se ical
            (quello GPL) esistesse ancora, di quanto
            identica (a parte il colore dei widget)
            fosse la schermata rispetto a ical apple.

            Comunque il copyright sulle interfacce è una
            delle cose più ignominiose di questo mondo.
            Se si potesse fare sempre, ci vorrebbe poco
            per la microsoft a far proibire le scrollbar
            e i pulsanti fuori da windows.ical era sotto BSD, era software veramente libero.
          • Anonimo scrive:
            Re: Vergogna apple

            ical era sotto BSD, era software veramente
            libero.Posto che io non ne sono sicuro, dovrei rispolverare la potato, mi fido sulla parola che sia BSD, ma non ho capito una cosa:se pensi che il software GPL sia software non veramente libero perchè lo usi? Se ho capito male spiegati, perchè mi spaventa questa tua affermazione.
          • Anonimo scrive:
            Re: Vergogna apple
            - Scritto da: Piratone



            ical era sotto BSD, era software veramente

            libero.

            Posto che io non ne sono sicuro, dovrei
            rispolverare la potato, mi fido sulla parola
            che sia BSD, ma non ho capito una cosa:

            se pensi che il software GPL sia software
            non veramente libero perchè lo usi? Se ho
            capito male spiegati, perchè mi spaventa
            questa tua affermazione.Io uso software sotto GPL, sotto BSD, sotto EULA, sotto licenza Uganda.Uso il software in base al software, non in base alla licenza.Se faccio io è BSD.
          • Anonimo scrive:
            Re: Vergogna apple

            Se faccio io è BSD.E se vedi uno che - ti sputtana facendo vedere un exploit- ti corregge il bug ma non ti dice nè qual'è il bug nè come ha fatto a correggerlo- vende il tuo programma, corretto, guadagnandoci sopra ma impedendo a te di fatto di trarne alcun giovamentoTu in quel caso che te ne fai della licenza BSD? Con la GPL questo non potrebbe accadere. La gpl non è stata pensata, come dice pogoboy, per darti una finta libertà, ma per garantire esattamente gli stessi diritti a chiunque lavori ad un programma ed a chiunque lo riceva.
          • Anonimo scrive:
            Re: Vergogna apple
            - Scritto da: Piratone


            Se faccio io è BSD.

            E se vedi uno che

            - ti sputtana facendo vedere un exploit

            - ti corregge il bug ma non ti dice nè
            qual'è il bug nè come ha fatto a correggerlo

            - vende il tuo programma, corretto,
            guadagnandoci sopra ma impedendo a te di
            fatto di trarne alcun giovamentoLa licenza lo permette, quindi non c'è problema.
            Tu in quel caso che te ne fai della licenza
            BSD? Con la GPL questo non potrebbe
            accadere. Non ci faccio nulla come non ci faccio nulla con la GPL. E' facilmente aggirabile, ma impone delle limitazioni all'utilizzo (e il presunto 'libero' va a farsi friggere)
            La gpl non è stata pensata, come dice
            pogoboy, per darti una finta libertà, ma per
            garantire esattamente gli stessi diritti a
            chiunque lavori ad un programma ed a
            chiunque lo riceva. Non mi importa più di tanto. Preferisco, se l'intenzione è quella di profurre software libero, lasciare la gente libera di fare ciò che crede.Per me la GPL è abusatissima ormai, io la userei solo per gcc, kernel linux e pochissimo altroCiao
  • Anonimo scrive:
    Spot ritirato... perche' falso
    E' stato scoperto che era tutta una bufala. Montata ad arte da Microsoft.
  • Anonimo scrive:
    Non e' OSX, ma le applicazioni.
    Sinceramente OSX non mi ha soddisfatto piu' di tanto: l'idea di usare un sistema *nix come base e' ottima, ma l'implementeazione lascia un po a desiderare...Le cose che mi convincono meno del nuovo OS Apple sono infatti quelle introdotte dalla stessa Apple sul core *nix. Aqua non mi piace, non mi dite che ci si puo' lavorare comodamente come su KDE o Gnome (e Windows...). Sara' anche molto bella ma cercare di gestire 10 programmi/applicazioni contemporaneamente e' una tortura...Software come openoffice girano sotto Xfree, e quindi in genere preferisco usarli direttamente dalla partizione Linux: piu' veloce.Di bello ci sono le applicazioni: Photoshop e compagnia che girano con una shell bash a fianco non sono male...Morale: la rivoluzione l'hanno fatta le software house che hanno portato Photoshop e compagnia sotto *nix --
    OS X, ma perche' cavolo non le portano sotto Linux, almeno per Red Hat!Per lo meno MOL (l'emulatore MAC per Linux su PPC) funziona bene, e qui si che ci si diverte...Saluti,
    • Anonimo scrive:
      Re: Non e' OSX, ma le applicazioni.
      - Scritto da: eaman
      Sinceramente OSX non mi ha soddisfatto piu'
      di tanto: l'idea di usare un sistema *nix
      come base e' ottima, ma l'implementeazione
      lascia un po a desiderare...Non so se è ottima o meno ma la base non è Unix.
      Le cose che mi convincono meno del nuovo OS
      Apple sono infatti quelle introdotte dalla
      stessa Apple sul core *nix.Non c'è un core *nix.
      Aqua non mi
      piace, non mi dite che ci si puo' lavorare
      comodamente come su KDE o Gnome (e
      Windows...).Io te lo dico invece. I gusti sono gusti ovviamente, ma Aqua è, tra le tante cose, l'interfaccia che ha ispirato Gnome.
      Sara' anche molto bella ma
      cercare di gestire 10 programmi/applicazioni
      contemporaneamente e' una tortura...Io mi trovo bene.
      Software come openoffice girano sotto Xfree,
      e quindi in genere preferisco usarli
      direttamente dalla partizione Linux: piu'
      veloce.Ovvio che sia più veloce :-) Cmq OO ora esce anche per Mac OS X.
      Di bello ci sono le applicazioni: Photoshop
      e compagnia che girano con una shell bash a
      fianco non sono male...
      Morale: la rivoluzione l'hanno fatta le
      software house che hanno portato Photoshop e
      compagnia sotto *nix --
      OS X, ma perche'
      cavolo non le portano sotto Linux, almeno
      per Red Hat!a) Sono stupidib) Un porting sotto Mac OS X è più vantaggioso e semplice da fare, sia a livello di OS che di Hardware.A te la scelta :p
      Per lo meno MOL (l'emulatore MAC per Linux
      su PPC) funziona bene, e qui si che ci si
      diverte...Io vado allegramente di Fink.Figata pazzesca.
      Saluti,Ciao !
      • Anonimo scrive:
        Re: Non e' OSX, ma le applicazioni.


        Io te lo dico invece. I gusti sono gusti
        ovviamente, ma Aqua è, tra le tante cose,
        l'interfaccia che ha ispirato Gnome.Guarda gsam che certe volte le spari ^__^ Il progetto gnome è nato nell'agosto 97 e non è cambiato molto in termini di look and feel dell'interfaccia. http://primates.helixcode.com/~miguel/gnome-history.htmlCasomai ci sono i temi simili ad aqua. Casomai gnome, ispirato vagamente da next, ha ispirato aqua (col pannello in verticale francamente la schermata senza usarlo non si distingue).
        Io mi trovo bene.Prova una combinazione di viewport e virtual workspace in sawfish/gnome1.4 (debian), è più comodo indubbiamente. Purtroppo in gnome2 hanno tolto i viewport, ma restano i virtual workspace in linux che sono una comodità spaventosa se uniti ad un pager con le anteprime. E kde3 non mi sembra inferiore a nessun altro desk, mi sembra semplicemente un lavoro ben fatto :)

        Morale: la rivoluzione l'hanno fatta le

        software house che hanno portato
        Photoshop e

        compagnia sotto *nix --
        OS X, ma perche'

        cavolo non le portano sotto Linux, almeno

        per Red Hat!

        a) Sono stupidigrande! Sono d'accordo
        b) Un porting sotto Mac OS X è più
        vantaggioso e semplice da fare, sia a
        livello di OS che di Hardware.
        A te la scelta :p
        Ma dai che non è vero. Se hanno un codice che compila SIA su win/intel che su unix/ppc sicuramente riescono a compilarlo sotto linux/intel e linux/ppc, nonchè sotto freebsd ecc. Avranno una ragione per non farlo, credo principalmente accordi commerciali. Tanto tutti quelli che hanno davvero bisogno di photoshop sono costretti a comprare la licenza perchè lo usano al lavoro, e così sono costretti anche a comprare la licenza di win (oppure ... beh la licenza di osx è inglobata nel costo del mac quindi...)

        Per lo meno MOL (l'emulatore MAC per Linux

        su PPC) funziona bene, e qui si che ci si

        diverte...

        Io vado allegramente di Fink.
        Figata pazzesca.
        Interessante. Come va il server X?Ciao belli, ogni tanto qualcuno rilassato su questi forum!
        • Anonimo scrive:
          Re: Non e' OSX, ma le applicazioni.
          - Scritto da: Piratone



          Io te lo dico invece. I gusti sono gusti

          ovviamente, ma Aqua è, tra le tante cose,

          l'interfaccia che ha ispirato Gnome.

          Guarda gsam che certe volte le spari ^__^ Il
          progetto gnome è nato nell'agosto 97 e non è
          cambiato molto in termini di look and feel
          dell'interfaccia.

          http://primates.helixcode.com/~miguel/gnome-h

          Casomai ci sono i temi simili ad aqua.
          Casomai gnome, ispirato vagamente da next,
          ha ispirato aqua (col pannello in verticale
          francamente la schermata senza usarlo non si
          distingue).Ho parlato erroneamente di aqua, dovevo parlare di macintosh.E sono parole di De Icaza, non mie.

          Io mi trovo bene.

          Prova una combinazione di viewport e virtual
          workspace in sawfish/gnome1.4 (debian), è
          più comodo indubbiamente. Purtroppo in
          gnome2 hanno tolto i viewport, ma restano i
          virtual workspace in linux che sono una
          comodità spaventosa se uniti ad un pager con
          le anteprime. E kde3 non mi sembra inferiore
          a nessun altro desk, mi sembra semplicemente
          un lavoro ben fatto :)Kde è bello graficamente, ma non confondiamo la merda con il cioccolato.Gnome è decisamente superiore a Kde, e finchè non ci lavori non te ne accorgi. La matrice di Kde è, ovviamente, Windows, e si vede lontano miglia. Peccato che l'interfaccia di Windows sia meglio di quella di Kde.Verranno tolti anche i Virtual Workspace, non preoccuparti.


          Morale: la rivoluzione l'hanno fatta le


          software house che hanno portato

          Photoshop e


          compagnia sotto *nix --
          OS X, ma
          perche'


          cavolo non le portano sotto Linux,
          almeno


          per Red Hat!




          a) Sono stupidi

          grande! Sono d'accordo


          b) Un porting sotto Mac OS X è più

          vantaggioso e semplice da fare, sia a

          livello di OS che di Hardware.

          A te la scelta :p



          Ma dai che non è vero. Se hanno un codice
          che compila SIA su win/intel che su unix/ppc
          sicuramente riescono a compilarlo sotto
          linux/intel e linux/ppc, nonchè sotto
          freebsd ecc. Avranno una ragione per non
          farlo, credo principalmente accordi
          commerciali. Tanto tutti quelli che hanno
          davvero bisogno di photoshop sono costretti
          a comprare la licenza perchè lo usano al
          lavoro, e così sono costretti anche a
          comprare la licenza di win (oppure ... beh
          la licenza di osx è inglobata nel costo del
          mac quindi...)Non saprei, ho provato apt-get install photoshop ma mi dava come dipendenze Carbon e Cocoa (cose così al momento linux se le sogna di notte)


          Per lo meno MOL (l'emulatore MAC per
          Linux


          su PPC) funziona bene, e qui si che ci
          si


          diverte...



          Io vado allegramente di Fink.

          Figata pazzesca.



          Interessante. Come va il server X?Rompe i maroni, ma pian piano ci si arriva.
          Ciao belli, ogni tanto qualcuno rilassato su
          questi forum!Yep. Ciao !
          • Anonimo scrive:
            Re: Non e' OSX, ma le applicazioni.

            Kde è bello graficamente, ma non confondiamo
            la merda con il cioccolato.
            Gnome è decisamente superiore a Kde, e
            finchè non ci lavori non te ne accorgi.Guarda che io ci passo le giornate qua davanti, ed ho usato sia gnome che kde abbastanza a lungo. Nautilus è forse più bello di konqueror, ma in generale secondo me l'integrazione migliore di tutto si ha in kde.Io però preferisco di gran lunga gnome ^____^
            La
            matrice di Kde è, ovviamente, Windows, e si
            vede lontano miglia. Peccato che
            l'interfaccia di Windows sia meglio di
            quella di Kde.Puah! Quando vado sotto win per giocare ci skizzo per tutte le cose che mancano sotto win e che kde ha... Piratone
        • Anonimo scrive:
          Re: Non e' OSX, ma le applicazioni.
          - Scritto da: Piratone





          Io te lo dico invece. I gusti sono gusti

          ovviamente, ma Aqua è, tra le tante cose,

          l'interfaccia che ha ispirato Gnome.

          Guarda gsam che certe volte le spari ^__^ Il
          progetto gnome è nato nell'agosto 97 e non è
          cambiato molto in termini di look and feel
          dell'interfaccia.

          http://primates.helixcode.com/~miguel/gnome-h

          Casomai ci sono i temi simili ad aqua.
          Casomai gnome, ispirato vagamente da next,
          ha ispirato aqua (col pannello in verticale
          francamente la schermata senza usarlo non si
          distingue).


          Io mi trovo bene.

          Prova una combinazione di viewport e virtual
          workspace in sawfish/gnome1.4 (debian), è
          più comodo indubbiamente. Purtroppo in
          gnome2 hanno tolto i viewport, ma restano i
          virtual workspace in linux che sono una
          comodità spaventosa se uniti ad un pager con
          le anteprime. E kde3 non mi sembra inferiore
          a nessun altro desk, mi sembra semplicemente
          un lavoro ben fatto :)



          Morale: la rivoluzione l'hanno fatta le


          software house che hanno portato

          Photoshop e


          compagnia sotto *nix --
          OS X, ma
          perche'


          cavolo non le portano sotto Linux,
          almeno


          per Red Hat!




          a) Sono stupidi

          grande! Sono d'accordo


          b) Un porting sotto Mac OS X è più

          vantaggioso e semplice da fare, sia a

          livello di OS che di Hardware.

          A te la scelta :p



          Ma dai che non è vero. Se hanno un codice
          che compila SIA su win/intel che su unix/ppc
          sicuramente riescono a compilarlo sotto
          linux/intel e linux/ppc, nonchè sotto
          freebsd ecc. Avranno una ragione per non
          farlo, credo principalmente accordi
          commerciali. Tanto tutti quelli che hanno
          davvero bisogno di photoshop sono costretti
          a comprare la licenza perchè lo usano al
          lavoro, e così sono costretti anche a
          comprare la licenza di win (oppure ... beh
          la licenza di osx è inglobata nel costo del
          mac quindi...)



          Per lo meno MOL (l'emulatore MAC per
          Linux


          su PPC) funziona bene, e qui si che ci
          si


          diverte...



          Io vado allegramente di Fink.

          Figata pazzesca.



          Interessante. Come va il server X?

          Ciao belli, ogni tanto qualcuno rilassato su
          questi forum!Caro Piratone, arisemo alle solite, meglio questo? Meglio quello? BohVuoi i virtual Desktop su OSX, CodeTek Virtual Desktop é in grado di genetare 100 desktop virtuali (lo so che non lo hai tirato te in ballo questo discorso), ma un OS non é solo questo. Personalmente per molte cose io preferisco Linux, per lo spirito con cui viene sviluppato, per la possibilità di controllo che si ha andando ad agire direttamente sui file di configurazione, ed altro. Ma per contro sappiamo che gli mancano molte cose per competere nel mercato consumer. Gli mancano quelle cosette tipo ca**atelle multimediali integrate, applicazioni consumer famose (tipo MS Office e similari), plug and play "avanzato" per le periferiche esterne (Tipo X o XP che appena vede una stampante di cui ha i driver te la installa e non ti chiede nemmeno se la vuoi), supporto robusto per alcuni tipi di interfacce particolari tipo FireWire, oltre ad una buona azione di marketing, che purtroppo ha sempre la sua importanza.Dalla parte degli sviluppatori c'è alle volte confusione sulle librerie grafiche a cui appoggiarsi, e per quelli che sviluppano consumer commerciale c'è la domanda: può un utente che usa un sistema free desiderare di comprare un'applicazione o cercherà di arrangiarsi con quello che ha a disposizione?Dopo questo tritello di parole confuse che lascio ai posteri, la mia unica certezza è che mi piace Linux, posso usare XP per più di due minuti senza farmi venire l'orticaria, ma amo il Mac. Forse un giorno riuscirò a disintossicarmi, ma per or non c'é scampo.Ultimo appunto, grandi onori a tutti i membri attivi della comunità open source, con maggiore riguardo per coloro che gli hanno dato i natali, ci state dando l'opportunità di non essere assoggettati ad un unico sistema.Grazie
          • Anonimo scrive:
            Re: Non e' OSX, ma le applicazioni.

            Caro Piratone, arisemo alle solite, meglio
            questo? Meglio quello? BohNo, guarda che io rispondo, non propongo. Quando leggo "linux non può fare questo" oppure "l'interfaccia di linux è peggiore" ti mostro che linux lo può fare (se lo può fare, per esempio non può far girare photoshop), oppure che l'interfaccia di linux ha punti di forza fondamentali.Si può aggiungere un programma esterno che gestisce i workspace (NON I VIEWPORTS, PERO', che sono quello a cui mi riferivo, e di cui personalmente non riesco a fare a meno). Risposta tipica di un utente mac ad osservazioni come questa:"ma è un programma esterno, non è integrato nell'interfaccia".Questo è quantomai vero con l'applicazione di cui tu parli: puoi fare in modo di cambiare desk avvicinando il mouse al bordo dello schermo? PUOI AVERLA INOLTRE SENZA PAGARLA A PARTE?Quindi i viewports non sono parte dell'interfaccia osx, e neanche i desktop (sono 2 cose diverse).Ora, questo non vuol dire che linux sia migliore o peggiore, solo che anche l'interfaccia osx, tanto decantata, ha delle grosse scomodità, e anche l'interfaccia linux, che molti pensano non esistere, ha caratteristiche di comodità impagabile, che non ci sono su osx.Questo è il punto,non cosa sia migliore o peggiore. Di solito mi limito a rispondere al fud su linux con dei fatti, e per questo spesso vengo dato per attaccabrighe, per fissato ecc.
      • Anonimo scrive:
        Re: Non e' OSX, ma le applicazioni.
        - Scritto da: gsam


        - Scritto da: eaman

        Sinceramente OSX non mi ha soddisfatto
        piu'

        di tanto: l'idea di usare un sistema *nix

        come base e' ottima, ma l'implementeazione

        lascia un po a desiderare...

        Non so se è ottima o meno ma la base non è
        Unix.Be' parliamone...Non intendo dire che e' unix of curse, infatti ho scritto *nix: intendo diro che ci girano le gcc, le applicazioni di base GNU, e che quindi si puo' compilare un software "linux" sotto osx.Che il kernel sia diverso e' vero: ho dovuto mettere uno slot da 512mb di ram per far funzionare decentemente osx mentre linux girava bene con solo 128 mb...


        Le cose che mi convincono meno del nuovo
        OS

        Apple sono infatti quelle introdotte dalla

        stessa Apple sul core *nix.

        Non c'è un core *nix.Diciamo che c'e' una base gnu/ *nix,ti convince di piu' ?


        Aqua non mi

        piace, non mi dite che ci si puo' lavorare

        comodamente come su KDE o Gnome (e

        Windows...).

        Io te lo dico invece. I gusti sono gusti
        ovviamente, ma Aqua è, tra le tante cose,
        l'interfaccia che ha ispirato Gnome.Sono daccordo che e' questione di abitudine, comunque i virtual desktop e la kasbar di kde ti danno uno spazio di lavoro molto piu' gestibile (IMO).


        Sara' anche molto bella ma

        cercare di gestire 10
        programmi/applicazioni

        contemporaneamente e' una tortura...

        Io mi trovo bene.Sono contento per te :-), molti invece si lamentano...


        Software come openoffice girano sotto
        Xfree,

        e quindi in genere preferisco usarli

        direttamente dalla partizione Linux: piu'

        veloce.

        Ovvio che sia più veloce :-) Cmq OO ora esce
        anche per Mac OS X.Si ma io mi riferisco anche agli altri: AbiWord, Bluefish, pgaccess, lyx, ecc...Il bello di linux e' che gira su archittetture differenti: ad esempio debian gira su 11 architetture. Io uso openoffice su intel, ppc e altre avendo lo stesso IDENTICO software (...): se apple mi cambia i widget grafici e costringe gli sviluppatori a fare delle nuove versioni del software questa "visione" va a farsi benedire...E' un po come se si facessero la loro implementaione del TCP/IP !


        Di bello ci sono le applicazioni:
        Photoshop

        e compagnia che girano con una shell bash
        a

        fianco non sono male...

        Morale: la rivoluzione l'hanno fatta le

        software house che hanno portato
        Photoshop e

        compagnia sotto *nix --
        OS X, ma perche'

        cavolo non le portano sotto Linux, almeno

        per Red Hat!

        a) Sono stupidi
        b) Un porting sotto Mac OS X è più
        vantaggioso e semplice da fare, sia a
        livello di OS che di Hardware.
        A te la scelta :pSecondo me il problema principale e' LSB:non si puo' ancora fare una release per linux che funzioni su tutte le distro. Non prendiamocela solo con le softwarehouse...


        Per lo meno MOL (l'emulatore MAC per Linux

        su PPC) funziona bene, e qui si che ci si

        diverte...

        Io vado allegramente di Fink.
        Figata pazzesca.Anch'io all'inizio, poi sono passato a MOL e mi trovo meglio: http://maconlinux.org/sshots.html


        Saluti,

        Ciao !Saluti a te, se vuoi provare MOL ti consiglio Debian: e' piu' semplice su PPC che su x86.Have fun!
        • Anonimo scrive:
          Re: Non e' OSX, ma le applicazioni.

          Che il kernel sia diverso e' vero: ho dovuto
          mettere uno slot da 512mb di ram per far
          funzionare decentemente osx mentre linux
          girava bene con solo 128 mb...Ma che ca**o ci fai col computer ;)) !! Cmq un microkernel come mach è di solito migliore in termini di occupazione di risorse di linux che è cresciuto un po' random ... occorre vedere poi che applicazioni usi, con icewm ho lavorato per un bel po' di tempo (emacs e ghc) con un portatile con 16 mb di ram. Naturalmente era tutto ridotto all'osso, però ci lavoravo.
          • Anonimo scrive:
            Re: Non e' OSX, ma le applicazioni.
            Faccio un due in uno così non devo fare 2 post ;)- Scritto da: Piratone


            Che il kernel sia diverso e' vero: ho
            dovuto

            mettere uno slot da 512mb di ram per far

            funzionare decentemente osx mentre linux

            girava bene con solo 128 mb...

            Ma che ca**o ci fai col computer ;)) !!

            Cmq un microkernel come mach è di solito
            migliore in termini di occupazione di
            risorse di linux che è cresciuto un po'
            random ... occorre vedere poi che
            applicazioni usi, con icewm ho lavorato per
            un bel po' di tempo (emacs e ghc) con un
            portatile con 16 mb di ram. Naturalmente era
            tutto ridotto all'osso, però ci lavoravo.Nope.Un Microkernel occupa *nettamente* più risorse di un kernel monolitico ed è per quello che ha giustamente messo più ram.L'unica cosa che si può dire di Mac OS X è che è prematuro come richieste hardware.Ma sicuramente il futuro è quello: che poi sia Hurd (seeeeee :DDD) o OpenBeOS è indifferente.
          • Anonimo scrive:
            Re: Non e' OSX, ma le applicazioni.
            - Scritto da: Piratone


            Che il kernel sia diverso e' vero: ho
            dovuto

            mettere uno slot da 512mb di ram per far

            funzionare decentemente osx mentre linux

            girava bene con solo 128 mb...

            Ma che ca**o ci fai col computer ;)) !! Be', intanto il mio ibook ha solo 2 slot per la ram, quindi potendone mettere solo uno ho preferito metterci tutto quello che regge una volta sola :-) (dinn da 512mb compatibile col powerbook: chissa che un giorno divento ricco :-)Poi ci faccio le peggio cose: grafica, editing video (a livello basilare... con 15Gb di HD...).Comununque anche con le applicazioni di base erano di una lentezza travolgente. Suppongo che per un utilizzo normale 128 + 256 dovrebbero bastare.Saluti, eaman
          • Anonimo scrive:
            Re: Non e' OSX, ma le applicazioni.

            Poi ci faccio le peggio cose: grafica,
            editing video (a livello basilare... con
            15Gb di HD...).
            Comununque anche con le applicazioni di base
            erano di una lentezza travolgente. Suppongo
            che per un utilizzo normale 128 + 256
            dovrebbero bastare.Azz... e poi parlate male di winxp! :)
          • Anonimo scrive:
            Re: Non e' OSX, ma le applicazioni.
            - Scritto da: Piratone



            Poi ci faccio le peggio cose: grafica,

            editing video (a livello basilare... con

            15Gb di HD...).

            Comununque anche con le applicazioni di
            base

            erano di una lentezza travolgente.
            Suppongo

            che per un utilizzo normale 128 + 256

            dovrebbero bastare.

            Azz... e poi parlate male di winxp! :)E' risaputo che i Mac vogliano un sacco di RAM...In effetti c'e' da stupirsi che ti vendano una macchina con 128Mb di ram e OS X.saluti, eaman
        • Anonimo scrive:
          Re: Non e' OSX, ma le applicazioni.
          Ti stagliuzzo un po' non offenderti.- Scritto da: eaman


          - Scritto da: gsam
          Be' parliamone...
          Non intendo dire che e' unix of curse,
          infatti ho scritto *nix: intendo diro che ci
          girano le gcc, le applicazioni di base GNU,
          e che quindi si puo' compilare un software
          "linux" sotto osx.GCC gira anche su uindous e non tutte le applicazioni Linux compilano, dipende da come sono scritte ;)
          Che il kernel sia diverso e' vero: ho dovuto
          mettere uno slot da 512mb di ram per far
          funzionare decentemente osx mentre linux
          girava bene con solo 128 mb...Il kernel è più avanzato oltre che diverso, chiede più risorse ovviamente (non 512 mb però, quelli te li ha sukati OS X ;)

          Non c'è un core *nix.
          Diciamo che c'e' una base gnu/ *nix,
          ti convince di piu' ?Nope. Se vuoi parlare in questi termini Unix è un'applicazione (e si, Mac OS X è uno Unix), non una base.


          Aqua non mi


          piace, non mi dite che ci si puo'
          lavorare


          comodamente come su KDE o Gnome (e


          Windows...).



          Io te lo dico invece. I gusti sono gusti

          ovviamente, ma Aqua è, tra le tante cose,

          l'interfaccia che ha ispirato Gnome.
          Sono daccordo che e' questione di abitudine,
          comunque i virtual desktop e la kasbar di
          kde ti danno uno spazio di lavoro molto piu'
          gestibile (IMO).Li ho sempre trovati scomodi.


          Sara' anche molto bella ma


          cercare di gestire 10

          programmi/applicazioni


          contemporaneamente e' una tortura...



          Io mi trovo bene.

          Sono contento per te :-), molti invece si
          lamentano...La gente si lamenta per tutto, poi reintalla ogni 6 mesi.


          Software come openoffice girano sotto

          Xfree,


          e quindi in genere preferisco usarli


          direttamente dalla partizione Linux:
          piu'


          veloce.



          Ovvio che sia più veloce :-) Cmq OO ora
          esce

          anche per Mac OS X.

          Si ma io mi riferisco anche agli altri:
          AbiWord, Bluefish, pgaccess, lyx, ecc...
          Il bello di linux e' che gira su
          archittetture differenti: ad esempio debian
          gira su 11 architetture. Io uso openoffice
          su intel, ppc e altre avendo lo stesso
          IDENTICO software (...): se apple mi cambia
          i widget grafici e costringe gli
          sviluppatori a fare delle nuove versioni del
          software questa "visione" va a farsi
          benedire...
          E' un po come se si facessero la loro
          implementaione del TCP/IP !Beh, io credo che non cambieranno più per un buon decennio. Ora è tempo di switch, ma in un annetto le cose si aggiustano.


          Di bello ci sono le applicazioni:

          Photoshop


          e compagnia che girano con una shell
          bash

          a


          fianco non sono male...


          Morale: la rivoluzione l'hanno fatta le


          software house che hanno portato

          Photoshop e


          compagnia sotto *nix --
          OS X, ma
          perche'


          cavolo non le portano sotto Linux,
          almeno


          per Red Hat!



          a) Sono stupidi

          b) Un porting sotto Mac OS X è più

          vantaggioso e semplice da fare, sia a

          livello di OS che di Hardware.

          A te la scelta :p

          Secondo me il problema principale e' LSB:
          non si puo' ancora fare una release per
          linux che funzioni su tutte le distro.
          Non prendiamocela solo con le
          softwarehouse...Ehm, no, secondo me il problema è che Linux non permette sufficienti guadagni per una release (parliamo di riscrivere da 0).LSB è un punto di vista, di Red hat precisamente.


          Per lo meno MOL (l'emulatore MAC per
          Linux


          su PPC) funziona bene, e qui si che ci
          si


          diverte...



          Io vado allegramente di Fink.

          Figata pazzesca.

          Anch'io all'inizio, poi sono passato a MOL e
          mi trovo meglio:
          http://maconlinux.org/sshots.htmlSotto.


          Saluti,



          Ciao !
          Saluti a te, se vuoi provare MOL ti
          consiglio Debian: e' piu' semplice su PPC
          che su x86.
          Have fun!Ho già debian su x86. Mi interessa la questione porting non emulazione :)Ciao,
          • Anonimo scrive:
            Re: Non e' OSX, ma le applicazioni.
            - Scritto da: gsam
            Ti stagliuzzo un po' non offenderti.Non mi offendo, taglio anch'io perche questo thread si allunga a dismisura...
            GCC gira anche su uindous e non tutte le
            applicazioni Linux compilano, dipende da
            come sono scritte ;)
            Hai ragione, infatti alcuni sorgenti hanno dei problemi.Diciamo che Apple punta molto sulla possibilita' di integrare software tipicamente *nix sul suo OS X.
            Il kernel è più avanzato oltre che diverso,
            chiede più risorse ovviamente (non 512 mb
            però, quelli te li ha sukati OS X ;)He si'! Non mi sento di confrontare i due kernel, ma il risultato pratico (quindi con OS X) e' che il mio ibook con 128Mb ram sotto OS X era piuttosto impedito; con linux girava bene.



            Non c'è un core *nix.


            Diciamo che c'e' una base gnu/ *nix,

            ti convince di piu' ?

            Nope. Se vuoi parlare in questi termini Unix
            è un'applicazione (e si, Mac OS X è uno
            Unix), non una base.Mi puoi precisare meglio? Evidentemente faccio un po' di confusione...




            Aqua non mi piace,...

            comunque i virtual desktop e la kasbar di

            kde ti danno uno spazio di lavoro molto
            piu'

            gestibile (IMO).

            Li ho sempre trovati scomodi.A oguno il suo, e' bello poter scegliere.Quello che mi ha colpito e' l'usabilitá di aqua: Apple é da sembre all'avanguardia in questo campo, applicazioni come imovie ne sono un esempio. Purtroppo non sono rimasto soddisfatto di aqua: perquanto semplice e immediato da principio alla lunga lo trovo poco usabile da un punto di vista "avanzato".




            Software come openoffice girano
            sotto Xfree,....
            Beh, io credo che non cambieranno più per un
            buon decennio. Ora è tempo di switch, ma in
            un annetto le cose si aggiustano.Certamente OS X é il futuro di apple, e il fatto che ci giri agevolmente xfree e' comunque una garanzia.

            Secondo me il problema principale e' LSB:

            non si puo' ancora fare una release per

            linux che funzioni su tutte le distro.

            Non prendiamocela solo con le

            softwarehouse...

            Ehm, no, secondo me il problema è che Linux
            non permette sufficienti guadagni per una
            release (parliamo di riscrivere da 0).
            LSB è un punto di vista, di Red hat
            precisamente.Io non uso Red Hat ma Debian (...), la cito come piú diffusa. Il problema e' che se anche Adobe rilasciasse Photoshop per linux dovrebbe farne varie versioni per varie distro, e continui aggiornamenti per seguire l'evoluzione delle varie distro.Questo non e' sicuramente un incentivo per loro.Se photoshop e' disponibile per OS X magari parte del codice per linux potrebbe essere riutilizzato, a parte l'interfaccia grafica.
            Ho già debian su x86. Mi interessa la
            questione porting non emulazione :)
            Ciao,Se cerchi un portatile allora dai un occhio a un Apple, il porting di linux su ppc e' un bel progetto.Saluti, eaman
          • Anonimo scrive:
            Re: Non e' OSX, ma le applicazioni.
            - Scritto da: eaman
            Hai ragione, infatti alcuni sorgenti hanno
            dei problemi.Si, ovviamente quelli che si appoggiano specificatamente a Linux.
            Diciamo che Apple punta molto sulla
            possibilita' di integrare software
            tipicamente *nix sul suo OS X.Il software *nix c'è tutto, la cosa peggiore che può capitare è un veloce tune ai sorgenti (almeno finora...)
            He si'! Non mi sento di confrontare i due
            kernel, ma il risultato pratico (quindi con
            OS X) e' che il mio ibook con 128Mb ram
            sotto OS X era piuttosto impedito; con linux
            girava bene.Appunto. Hanno richieste un po' esose.
            Mi puoi precisare meglio? Evidentemente
            faccio un po' di confusione...Unix (BSD) viene implementato con una macchina virtuale, cioè un'interfaccia al microkernel.Presente Java ? (molto più o meno).
            Io non uso Red Hat ma Debian (...), la cito
            come piú diffusa. Il problema e' che se
            anche Adobe rilasciasse Photoshop per linux
            dovrebbe farne varie versioni per varie
            distro, e continui aggiornamenti per seguire
            l'evoluzione delle varie distro.
            Questo non e' sicuramente un incentivo per
            loro.Questa è una credenza comune e sinceramente non so bene da dove venga.Linux ha delle variabili di sistema che permettono di scazzare pochissimo sulla configurazione e su cosa c'è e cosa non c'è. Una versione va bene per tutte le distro.
            Se photoshop e' disponibile per OS X magari
            parte del codice per linux potrebbe essere
            riutilizzato, a parte l'interfaccia grafica.Molto poco IMHO. Non più di quello che è riutilizzabile della versione Windows.Ciao.
          • Anonimo scrive:
            Re: Non e' OSX, ma le applicazioni.
            - Scritto da: gsam
            - Scritto da: eaman

            Mi puoi precisare meglio? Evidentemente

            faccio un po' di confusione...

            Unix (BSD) viene implementato con una
            macchina virtuale, cioè un'interfaccia al
            microkernel.
            Presente Java ? (molto più o meno).Grazie, penso di aver capito la direzione.Qualcosa di simile all'implementazione dell'architettura x86 sui chip crusoe di transmeta pero' non a livello della cpu ma del microkernel (vedro' di documentarmi meglio sui siti ufficiali; intanto grazie).


            Io non uso Red Hat ma Debian (...), la
            cito

            come piú diffusa. Il problema e' che se

            anche Adobe rilasciasse Photoshop per
            linux

            dovrebbe farne varie versioni per varie

            distro, e continui aggiornamenti per
            seguire

            l'evoluzione delle varie distro.

            Questo non e' sicuramente un incentivo per

            loro.

            Questa è una credenza comune e sinceramente
            non so bene da dove venga.
            Linux ha delle variabili di sistema che
            permettono di scazzare pochissimo sulla
            configurazione e su cosa c'è e cosa non c'è.
            Una versione va bene per tutte le distro.He, a me l'avevano sempre raccontata in questo modo... Ma in pratica come funziona? Un sistema di gestione dei pacchetti (dpkg o rpm) gestisce le dipendenze, e volendolo utilizzare si devono rilasciare due release diverse (dpkg e rpm), in oltre mi sembra che alcuni *.rpm siano dipendenti dalla distribuzione e a volte anche dalla release della stessa. Intendi dire che si potrebbe rilasciare i software in un *.tar.gz binario che si occupi autonomamente di gestire dipendenze e librerie, o fornire il codice sorgente che vada poi configurato per il sistema in fase di precompilazione? Il *tar.gz mi sembra ridondante e non alla portata di tutti gli sviluppatori, i sorgenti non adatti al software propetario (AFAIK).


            Se photoshop e' disponibile per OS X
            magari

            parte del codice per linux potrebbe essere

            riutilizzato, a parte l'interfaccia
            grafica.

            Molto poco IMHO. Non più di quello che è
            riutilizzabile della versione Windows.

            Ciao.Almeno con OS X abbiamo visto che, se conviene alla software house, il porting verso altri OS simili a linux e' realizzabile. Avendo dovuto rimettere le mani sui sorgenti per passare a OS X speriamo almeno che parte del lavoro di progettazione del codice si riutilizzabile, e che abbiano lavorato su tool per la conversione e gestine del codice principale meglio organizzati per i porting. Del resto anche le prossime release di Photoshop andranno scitte per Windows e OS X: spero per loro che si siano organizzati!Time will tell...Saluti e grazie delle spiegazioni, eaman
          • Anonimo scrive:
            Re: Non e' OSX, ma le applicazioni.
            - Scritto da: eaman

            Unix (BSD) viene implementato con una

            macchina virtuale, cioè un'interfaccia al

            microkernel.

            Presente Java ? (molto più o meno).
            Grazie, penso di aver capito la direzione.
            Qualcosa di simile all'implementazione
            dell'architettura x86 sui chip crusoe di
            transmeta pero' non a livello della cpu ma
            del microkernel (vedro' di documentarmi
            meglio sui siti ufficiali; intanto grazie).Esattamente così, ma a livello software, e le VM sono diverse e a più strati.
            Questa è una credenza comune e
            sinceramente

            non so bene da dove venga.

            Linux ha delle variabili di sistema che

            permettono di scazzare pochissimo sulla

            configurazione e su cosa c'è e cosa non
            c'è.

            Una versione va bene per tutte le distro.
            He, a me l'avevano sempre raccontata in
            questo modo... Ma in pratica come funziona?
            Un sistema di gestione dei pacchetti (dpkg o
            rpm) gestisce le dipendenze, e volendolo
            utilizzare si devono rilasciare due release
            diverse (dpkg e rpm), in oltre mi sembra che
            alcuni *.rpm siano dipendenti dalla
            distribuzione e a volte anche dalla release
            della stessa. Intendi dire che si potrebbe
            rilasciare i software in un *.tar.gz binario
            che si occupi autonomamente di gestire
            dipendenze e librerie, o fornire il codice
            sorgente che vada poi configurato per il
            sistema in fase di precompilazione? Il
            *tar.gz mi sembra ridondante e non alla
            portata di tutti gli sviluppatori, i
            sorgenti non adatti al software propetario
            (AFAIK).Se non ci sono i sorgenti puoi già iniziare a scordarti un .deb ufficiale :pGli RPM AFAIK non sono dipendenti dalla distribuzione, semplicemente sono ottimizzati per la distribuzione (che a sua volta può essere ottimizzata per l'architettura).Lasciando perdere i sistemi di pacchettizzazione vari perchè non rilasciare un cavolo di installer che non fa altro che installarsi in una directory in /usr/local ? Non è così difficile, mi sembra che gli esempi siano svariati (Java, OpenOffice, tutto il software commerciale su Linux).E' possibile anche localizzarlo (se uno non ha le locales scazzate).E' possibile su tutti i sistemi operativi, perchè per Linux deve essere diverso ? Tra l'altro c'è anche la possibilità di installare in ~/, è una soluzione sicura anche se un po' sporca.Ho appena comprato Komodo e si installa così, con un tar.gz e l'installer fatto in Python (roba di 10 minuti).


            Se photoshop e' disponibile per OS X

            magari


            parte del codice per linux potrebbe
            essere


            riutilizzato, a parte l'interfaccia

            grafica.



            Molto poco IMHO. Non più di quello che è

            riutilizzabile della versione Windows.



            Ciao.
            Almeno con OS X abbiamo visto che, se
            conviene alla software house, il porting
            verso altri OS simili a linux e'
            realizzabile. Avendo dovuto rimettere le
            mani sui sorgenti per passare a OS X
            speriamo almeno che parte del lavoro di
            progettazione del codice si riutilizzabile,
            e che abbiano lavorato su tool per la
            conversione e gestine del codice principale
            meglio organizzati per i porting. Del resto
            anche le prossime release di Photoshop
            andranno scitte per Windows e OS X: spero
            per loro che si siano organizzati!
            Time will tell...Beh, Photoshop è nato su MacOS dal poco che ne so. Dovrebbe utilizzare soprattutto Carbon quindi non è che abbiano fatto 'sto gran porting.
            Saluti e grazie delle spiegazioni,
            eaman
          • Anonimo scrive:
            Re: Non e' OSX, ma le applicazioni.
            - Scritto da: gsam
            - Scritto da: eaman

            Questa è una credenza comune e

            sinceramente


            non so bene da dove venga.


            Linux ha delle variabili di sistema che


            permettono di scazzare pochissimo sulla


            configurazione e su cosa c'è e cosa non

            c'è.


            Una versione va bene per tutte le
            distro.

            He, a me l'avevano sempre raccontata in

            questo modo... Ma in pratica come
            funziona?

            Un sistema di gestione dei pacchetti
            (dpkg o

            rpm) gestisce le dipendenze, e volendolo

            utilizzare si devono rilasciare due
            release

            diverse (dpkg e rpm), in oltre mi sembra
            che

            alcuni *.rpm siano dipendenti dalla

            distribuzione e a volte anche dalla
            release

            della stessa. Intendi dire che si potrebbe

            rilasciare i software in un *.tar.gz
            binario

            che si occupi autonomamente di gestire

            dipendenze e librerie, o fornire il codice

            sorgente che vada poi configurato per il

            sistema in fase di precompilazione? Il

            *tar.gz mi sembra ridondante e non alla

            portata di tutti gli sviluppatori, i

            sorgenti non adatti al software propetario

            (AFAIK).

            Se non ci sono i sorgenti puoi già iniziare
            a scordarti un .deb ufficiale :p
            Gli RPM AFAIK non sono dipendenti dalla
            distribuzione, semplicemente sono
            ottimizzati per la distribuzione (che a sua
            volta può essere ottimizzata per
            l'architettura).Purtroppo ci sono RPM che girano peresempio su Red Hat e non su Mandrake (o Slackware) con tutte le diverse combinazioni...Ingenere dicono che un pacchetto e' "certificato" per la distro X release Y, e la x e' generalmento Red Hat :-(
            Lasciando perdere i sistemi di
            pacchettizzazione vari perchè non rilasciare
            un cavolo di installer che non fa altro che
            installarsi in una directory in /usr/local ?
            Non è così difficile, mi sembra che gli
            esempi siano svariati (Java, OpenOffice,
            tutto il software commerciale su Linux).
            E' possibile anche localizzarlo (se uno non
            ha le locales scazzate).
            E' possibile su tutti i sistemi operativi,
            perchè per Linux deve essere diverso ? Tra
            l'altro c'è anche la possibilità di
            installare in ~/, è una soluzione sicura
            anche se un po' sporca.
            Ho appena comprato Komodo e si installa
            così, con un tar.gz e l'installer fatto in
            Python (roba di 10 minuti).Anch'io ho installato alcuni software in questo modo. Il problema sono le librerie condivise: o questi installer si tirano dietro le loro librerie "statiche" oppure si devono appoggiare su quelle "dinamiche" gia' presenti nel sistema, e qui comincia la poesia che le varie distro fanno delle librerie e dei loro nomi. Queste inoltre cambiano molto infretta con conseguenti problemi di incompatibilita'.Con le librerie statiche si va sul sicuro (fino a un certo punto) pero' il sistema diventa ridondante e frammentato. E' la soluzione attuale e funziona, pero' e' un passo indietro verso sistemi come windows rispetto a una distribuzione come Debian.Piu' che altro penso alla facilita' di aggiornamento e di installazione di debian: se tutti i singoli software diventano isole separate dal sistema si perdono queste funzionalita' e si mette a rischio la stabilita' di questo utilizzando sempre piu' software. Un conto e far funzionare un solo software sotto un os, farne coesistere a centinaia e' piu' complicato e sarebbe bello che ci si basasse un "gestore di pacchetti", se no mi ritrovo come su windows che il software x va in conflitto col software y.Poi bisogna vedere come una software house interpreta gli aggiornamenti: lavorando con pacchetti potrei avere un sistema globalmente aggiornato e non singoli software che restano indietro rispetto ad altri per funzionalita' condivise. Se il mio editor di XML si tira dietro il suo validatore che e' diverso da quello che uso sul server web o usa implementazioni XSLT autonome... Magari non e' un problema di tutti i software, ma per alcuni si dovrebbero comunque seguire degli standard e mantenere il coordinamento tra i software, cosa che ad es. dpkg riesce a gestire e alla quale mi spiacerebbe rinunciare.




            Se photoshop e' disponibile per OS X


            magari



            parte del codice per linux potrebbe

            essere



            riutilizzato, a parte l'interfaccia


            grafica.





            Molto poco IMHO. Non più di quello che
            è


            riutilizzabile della versione Windows.





            Ciao.

            Almeno con OS X abbiamo visto che, se

            conviene alla software house, il porting

            verso altri OS simili a linux e'

            realizzabile. Avendo dovuto rimettere le

            mani sui sorgenti per passare a OS X

            speriamo almeno che parte del lavoro di

            progettazione del codice si
            riutilizzabile,

            e che abbiano lavorato su tool per la

            conversione e gestine del codice
            principale

            meglio organizzati per i porting. Del
            resto

            anche le prossime release di Photoshop

            andranno scitte per Windows e OS X: spero

            per loro che si siano organizzati!

            Time will tell...

            Beh, Photoshop è nato su MacOS dal poco che
            ne so. Dovrebbe utilizzare soprattutto
            Carbon quindi non è che abbiano fatto 'sto
            gran porting.Si', Adobe era una delle candidate piu' adatte per portare i suoi software su Apple, pero' (ad es.) anche Macromedia ha portato tutta la suite MX.Rinnovo i saluti / |


            Saluti e grazie delle spiegazioni,

            eaman
          • Anonimo scrive:
            Re: Non e' OSX, ma le applicazioni.
            - Scritto da: eaman
            Purtroppo ci sono RPM che girano peresempio
            su Red Hat e non su Mandrake (o Slackware)
            con tutte le diverse combinazioni...Lo so. Dovrei controllare ma presumo che sia anche perchè ad esempio Mandrake è ottimizzata per Pentium. RPM è RPM da quel che so.
            Anch'io ho installato alcuni software in
            questo modo. Il problema sono le librerie
            condivise: o questi installer si tirano
            dietro le loro librerie "statiche" oppure si
            devono appoggiare su quelle "dinamiche" gia'
            presenti nel sistema, e qui comincia la
            poesia che le varie distro fanno delle
            librerie e dei loro nomi. Queste inoltre
            cambiano molto infretta con conseguenti
            problemi di incompatibilita'.Le shared libraries dovrebbero essere retrocompatibili, non ci dovrebbero essere problemi.Un sistema Linux è *comunque* ridondante per il fatto che, solitamente, si hanno 40 librerie differenti che fanno la stessa identica cosa, ma un po' diversa.
            cut

            Si', Adobe era una delle candidate piu'
            adatte per portare i suoi software su Apple,
            pero' (ad es.) anche Macromedia ha portato
            tutta la suite MX.
            Rinnovo i saluti /Adobe ha fatto un porting, ma su Windows ;)
          • Anonimo scrive:
            Re: Non e' OSX, ma le applicazioni.

            Lasciando perdere i sistemi di
            pacchettizzazione vari perchè non rilasciare
            un cavolo di installer che non fa altro che
            installarsi in una directory in /usr/local ?
            Non è così difficile, mi sembra che gli
            esempi siano svariati (Java, OpenOffice,
            tutto il software commerciale su Linux).
            E' possibile anche localizzarlo (se uno non
            ha le locales scazzate).apt-cache show alien(alien -i nomepacchetto)
          • Anonimo scrive:
            Re: Non e' OSX, ma le applicazioni.
            Si conosco alien, ma non risolve completamente il problema della distribuzione di pacchetti tra differenti distro/release.Piuttosto ci mette una pezza.Saluti, eaman
          • Anonimo scrive:
            Re: Non e' OSX, ma le applicazioni.
            Ragazzi siete tutti fuori strada quando pensate che il porting di PhotoShop da Mac OS 9 a Mac OS X significhi che si può portare facilmente anche sotto linux. Il porting è stato realizzando grazie a carbon che sono una riscrittura sotto X delle api di Mac OS 9 quindi il lavoro che è stato fatto è stato qualche semplice adattamento.Sono le applicazioni che girano sotto cocoa che sono facilmente portabili su altri sistemi unix come è vero anche il contrario. Questo non vale invece per tutte le applicazioni costruite su Carbon. Apple ha dovuto inventarsi un sistema del genere proprio perchè le grosse aziende tipo Adobe e Microsoft non volevano riscrivere da zero il codice sotto cocoa.
          • Anonimo scrive:
            Re: Non e' OSX, ma le applicazioni.
            Quello che pensavo io è che se hanno fatto la prima volta il passaggio da macos9 a win o viceversa, lo possono fare anche per linux, se hanno interesse.Il fatto è che a loro conviene di più così.
          • Anonimo scrive:
            Re: Non e' OSX, ma le applicazioni.
            Be è chiaro che se vogliono farlo possono, il punto è che richiede un lavoro bello lungo e lo faranno solo se gli conviene economicamente.
          • Anonimo scrive:
            Re: Non e' OSX, ma le applicazioni.

            Unix (BSD) viene implementato con una
            macchina virtuale, cioè un'interfaccia al
            microkernel.
            Presente Java ? (molto più o meno).Beh, detta così fa pensare ad una pesante emulazione. Java simula un processore, una VM simula solo le chiamate di sistema, e potenzialmente può essere anche più veloce dell'"originale" (vedi wine/windows, ci sono programmi, che usano poche funzioni di MFC, che riescono ad essere più veloci da wine che da windows, per come sono implementate (male) le syscalls in win32).
          • Anonimo scrive:
            Re: Non e' OSX, ma le applicazioni.

            Io non uso Red Hat ma Debian (...), la cito
            come piú diffusa. Il problema e' che se
            anche Adobe rilasciasse Photoshop per linux
            dovrebbe farne varie versioni per varie
            distro, e continui aggiornamenti per seguire
            l'evoluzione delle varie distro.
            Questo non e' sicuramente un incentivo per
            loro.Cazz*** mostruosa. Dimostrazione ennesima che tutto quello che si dice in giro su linux è fud, e che la gente di solito parla di linux senza sapere quello che dice. Infatti, la stessa adobe rilascia senza problemi acroread per linux.Ci sono una buona decina (sigh) di giochi per linux, che c'è mathematica per linux? Tutti questi programmi sono indipendenti dalla distribuzione.Anche mozilla scaricato dal sito, per citare un programma opensource, oppure openoffice, sono "multidistribuzione", scaricati in forma binaria.Come fanno? Per capirlo bisogna capire qual'è di preciso il problema a cui ti riferivi.
          • Anonimo scrive:
            Re: Non e' OSX, ma le applicazioni.
            - Scritto da: Piratone



            Io non uso Red Hat ma Debian (...), la
            cito

            come piú diffusa. Il problema e' che se

            anche Adobe rilasciasse Photoshop per
            linux

            dovrebbe farne varie versioni per varie

            distro, e continui aggiornamenti per
            seguire

            l'evoluzione delle varie distro.

            Questo non e' sicuramente un incentivo per

            loro.

            Cazz*** mostruosa. Dimostrazione ennesima
            che tutto quello che si dice in giro su
            linux è fud, e che la gente di solito parla
            di linux senza sapere quello che dice.Ne so fin al punto dove riesco a far arrivare la macchina che ho davanti... E di tanto in tanto "sbaglio" per poi trovare soluzini migliori.
            Infatti, la stessa adobe rilascia senza
            problemi acroread per linux.

            Ci sono una buona decina (sigh) di giochi
            per linux, che c'è mathematica per linux?
            Tutti questi programmi sono indipendenti
            dalla distribuzione.Fino a un certo punto, e spesso comunque devi fare link simbolici a librerie o scaricarti nuove librerie (sempre che tu lo possa fare). Oppure non funzionano punto.

            Anche mozilla scaricato dal sito, per citare
            un programma opensource, oppure openoffice,
            sono "multidistribuzione", scaricati in
            forma binaria.OK, ma poi come gestisci l'aggiornamento di mozilla se ti scarichi il binario? Come duplico la stessa macchina con gli stessi software su altre 20?E poi che mozilla funziona, far funzionare il software originale del mio UPS certificato per Red Hat 6.x e' una bella battaglia...

            Come fanno? Per capirlo bisogna capire
            qual'è di preciso il problema a cui ti
            riferivi.Il problema IMHO e' che ci vorrebbe uno standard di pacchettizzazione, uno standard su dove il file di tipo x deve essere messo nel filesystem, implementazione standard delle librerie.Qualcosa di simile a quella che era l'idea iniziale di LSB.Have fun, eaman
          • Anonimo scrive:
            Re: Non e' OSX, ma le applicazioni.
            Il fatto che tu non sappia le cose come stanno non cambia il punto che non devi diffondere altro FUD oltre al troppo che già gira su linux.Riassumo tanto siamo in due nella discussione: chi vuole distribuire software proprietario e chiuso, lo può fare distribuendo gli eseguibili e le librerie della versione adatta, utilizzando uno script che imposta opportunamente la variabile LD_LIBRARY_PATH per caricarle. E' così che fa openoffice, che pure non è chiuso. Così si duplicano le librerie distruggendo il concetto stesso di libreria condivisa.D'altra parte, poichè è giusto che ogni distribuzione scelga quale versione di ogni libreria vuole includere, e non sempre le librerie sono backward compatibile e naturalmente non sono mai forward compatible ;), il modo di mettere un programma correttamente in una distribuzione utilizzando le sue librerie condivise è ricompilare. Questo distrugge il concetto di closed source.In conclusione: closed e dynamic linking sono abbastanza incompatibili.Però uno potrebbe opinare che per quei pochi programmi closed si può fare un eccezione e duplicare le librerie.Come fai ad aggiornare openoffice? Così come aggiorni gli altri pacchetti, cioè pacchettizzandolo apposta per le distribuzioni, ovvio solo i soft opensource.Per standardizzare il tutto, bisogna convincere troppe teste a fare le stesse scelte, spesso incompatibili.
    • Anonimo scrive:
      Re: Non e' OSX, ma le applicazioni.
      - Scritto da: eaman
      Morale: la rivoluzione l'hanno fatta le
      software house che hanno portato Photoshop e
      compagnia sotto *nix --
      OS X, ma perche'
      cavolo non le portano sotto Linux, almeno
      per Red Hat!Perchè se no apple e M$ fanno bancarotta :)Probabilmente cè "certa" gente che "offre" la possibilità di "non sentire" l'esigenza di andare sul mercato linux... a buon intenditor poche parole :)
      • Anonimo scrive:
        Re: Non e' OSX, ma le applicazioni.
        Pienamente d'accordo. Se i professionisti della grafica, che in fondo hanno solo bisogno di e-mail e photoshop, potessero risparmiare quel mezzo milione di licenze a macchina (nonchè avere un hardware che lavora meglio, perchè risparmia ram e hard disk che con XP se ne vanno a donnine) probabilente lo farebbero.Allora la adobe, la m$ e la apple che ti fanno? Un bell'accordo di autosostenimento!
        • Anonimo scrive:
          Re: Non e' OSX, ma le applicazioni.
          Si, ma l'nvidia e le altre case rilasciano i sorgenti ?Sai vero che i moduli binari non funzioneranno più con i nuovi kernel vero ?
          • Anonimo scrive:
            Re: Non e' OSX, ma le applicazioni.
            - Scritto da: gsam
            Si, ma l'nvidia e le altre case rilasciano i
            sorgenti ?no e non è necessario. fanno bene.
            Sai vero che i moduli binari non
            funzioneranno più con i nuovi kernel vero ?non so ma di sicuro troveranno una soluzione, cè già molta gente che ne ha bisogno, tanto da dare una mano al mercato (primi quelli che si preoccupano di comperare HW supportato da linux).
        • Anonimo scrive:
          Re: Non e' OSX, ma le applicazioni.
          - Scritto da: Piratone
          Ha risposto numero28 che è più esperto di
          me, ma guarda che anche se ci fossero schede
          video professionali supportate solo in win,
          questo semplicemente confermerebbe il mio
          ragionamento.

          Cmq c'è una classe particolare di
          professionisti della grafica che può usare
          anche linux, la stessa che usa maya, e
          quindi delle schede video di buona qualità
          ci devono essere.Maya, softimage, houdini, tutti i proprietari tipo I-Sculpt e ultimo ma non meno importante blender.Sia il più piccolo che il più grande di questi programmi necessita ASSOLUTAMENTE di una scheda video che accelleri l'OpenGL se non ci si limita a disegnare un cubo ovviamente :))il mercato CAD va a braccetto (per non dire incatenato) al mercato delle schede video professionali.ciao pira :)))
    • Anonimo scrive:
      Re: Non e' OSX, ma le applicazioni.
      - Scritto da: eaman
      Sinceramente OSX non mi ha soddisfatto piu'
      di tanto: l'idea di usare un sistema *nix
      come base e' ottima, ma l'implementeazione
      lascia un po a desiderare...Mi piacerebbe sapere che versione hai provato, visto che dalla prima alla attuale ci sono parecchie differenze
      Le cose che mi convincono meno del nuovo OS
      Apple sono infatti quelle introdotte dalla
      stessa Apple sul core *nix. Aqua non mi
      piace, non mi dite che ci si puo' lavorare
      comodamente come su KDE o Gnome (e
      Windows...). Sara' anche molto bella ma
      cercare di gestire 10 programmi/applicazioni
      contemporaneamente e' una tortura...Perché? Io non ho alcun problema.Detto così poi non significa nulla, ti posso rigirare la frase in mille modi:"non mi dire che con UinDOS riesci a lavorare comodamente come su un Mac... trovare la locazione coerente di un settaggio è un impresa, anche se forse chi lo usa costantemente ha la mente ormai condizionata nella stessa maniera contorta"
      Software come openoffice girano sotto Xfree,
      e quindi in genere preferisco usarli
      direttamente dalla partizione Linux: piu'
      veloce.Se devi fare solo quello si, ma se devi "anche" far girare qualcos'altro sotto X no (visto che tu tieni sempre aperte decine di applicazioni...)
      Morale: la rivoluzione l'hanno fatta le
      software house che hanno portato Photoshop e
      compagnia sotto *nix --
      OS X, ma perche'
      cavolo non le portano sotto Linux, almeno
      per Red Hat!Perchè con OSX avevano gli strumenti per convertire le applicazioni già esistenti con poco sforzo.
      • Anonimo scrive:
        Re: Non e' OSX, ma le applicazioni.

        L'iMac che usa mia moglie lo ha pagato
        1.600.000 Lire con stampante e scanner HP,
        mouse con rotella e tastiera "qzerty":
        irrinunciabile per chi tocca tastiere da
        vent'anni e NON è americano...Due anni dopo che è uscito, cioè quando con 1.600.000 lire ci compravi un athlon con monitor sony 17'' ?Guarda che non lo dico per cattiveria, ma il mac è sempre costato più dell'equivalente pc. Tutte le volte che su questi forum qualcuno ha sostenuto che questo non fosse vero ed ha sparato un prezzo diverso è poi venuto fuori che si trattava di un prezzo senza iva o peggio ancora in dollari direttamente dal sito americano.A quale imac o emac ti riferisci comprato con 1.600.000 lire e quando? Comunque ne approfitto per fare una precisazione su una cosa che col mac non si può fare: aggiungere una scheda tv e guardarsi il telegiornale in un angolo mentre si lavora, o usare il computer come videoregistratore digitale
        • Anonimo scrive:
          Re: Non e' OSX, ma le applicazioni.
          - Scritto da: Piratone



          L'iMac che usa mia moglie lo ha pagato

          1.600.000 Lire con stampante e scanner
          HP,

          mouse con rotella e tastiera "qzerty":

          irrinunciabile per chi tocca tastiere da

          vent'anni e NON è americano...

          Due anni dopo che è uscito, cioè quando con
          1.600.000 lire ci compravi un athlon con
          monitor sony 17'' ?E secondo te mia moglie si sarebbe messa un cassone grigio sulla scrivania? L'iMac va considerato come un "portabile" e come tale costa. Prova a spostare dalla scrivania dello studio alla cucina (si...) un athlon con mon da 17" per leggerci le ricette. L'iMac ha la maniglia e un solo cavo da collegare: l'alimentazione...e poi si può guardare senza farsi venire la depressione da grigiore:)))

          Guarda che non lo dico per cattiveria, ma il
          mac è sempre costato più dell'equivalente
          pc. Tutte le volte che su questi forum
          qualcuno ha sostenuto che questo non fosse
          vero ed ha sparato un prezzo diverso è poi
          venuto fuori che si trattava di un prezzo
          senza iva o peggio ancora in dollari
          direttamente dal sito americano.

          A quale imac o emac ti riferisci comprato
          con 1.600.000 lire e quando? Dicembre 2000, iva compresa, in Italia, da Vobis; la tastiera "qzerty" in America non sanno nemmeno che esiste. E con soli 350MHz, 128MB di ram e 8MB di ram video ci gira Jaguar (e bene) nonostante le più pessimistiche previsioni (non ci credevo neanche io). Con la versione precedente (Puma) si faceva fatica anche ad accenderlo...:) Poi ho acquistato la licenza familiare di Jaguar che permette l'utilizzo su cinque macchine diverse pagando molto meno di una sola copia di XP...

          Comunque ne approfitto per fare una
          precisazione su una cosa che col mac non si
          può fare: aggiungere una scheda tv e
          guardarsi il telegiornale in un angolo
          mentre si lavora, o usare il computer come
          videoregistratore digitaleScusa ma che lavoro fai se intanto puoi guardare il TG? A parte il fatto che è come lamentarsi che un frigorifero non riesce a scongelare o gratinare un pollo....mai sentito parlare di interfacce esterne? Se solo tu potessi poggiare le mani su un powerbook G4 non useresti più nient'altro, e sto evitando di esagerare. Io stesso ho difficoltà a tornare al G4 desktop dopo aver "lavorato" sul Titanium, perché checché se ne dica, una buona GUI è importante per lavorare bene ma è altrettanto importante il feeling che può dare una macchina con la quale convivere diverse ore al giorno. Personalmente soffrirei se fossi costretto a lavorare con una macchina che non mi fa sentire a mio agio, sotto qualunque punto di vista.
          • Anonimo scrive:
            Re: Non e' OSX, ma le applicazioni.
            - Scritto da: zioX
            E secondo te mia moglie si sarebbe messa un
            cassone grigio sulla scrivania? L'iMac va
            considerato come un "portabile" e come tale
            costa. Prova a spostare dalla scrivania
            dello studio alla cucina (si...) un athlon
            con mon da 17" per leggerci le ricette.
            L'iMac ha la maniglia e un solo cavo da
            collegare: l'alimentazione...e poi si può
            guardare senza farsi venire la depressione
            da grigiore:)))magari è una features che vale per te e ad altri non importa, per cui tu sei incentivato a prenderlo "anche" per questo motivo ma per moltissimi potrebbe essere una inutilità anche se il prezzo che pagano loro è lo stesso che paghi te...
            Dicembre 2000, iva compresa, in Italia, da
            Vobis; la tastiera "qzerty" in America non
            sanno nemmeno che esiste. E con soli 350MHz,
            128MB di ram e 8MB di ram video ci gira
            Jaguar (e bene) nonostante le più
            pessimistiche previsioni (non ci credevo
            neanche io). Con la versione precedente
            (Puma) si faceva fatica anche ad
            accenderlo...:) Poi ho acquistato la licenza
            familiare di Jaguar che permette l'utilizzo
            su cinque macchine diverse pagando molto
            meno di una sola copia di XP...io ho messo winXP su un P3@500 di 3 anni fa e gira meglio che windows duemila sul celeron 850 del mio compare :) non ci credevo nemmeno io... credo che sia Apple che M$ stiano lavorando entrambi a fare OS migliori dopo l'avvento di linux :) bene, tutto di guadagnato...
            "lavorato" sul Titanium, perché checché se
            ne dica, una buona GUI è importante per
            lavorare bene ma è altrettanto importante il
            feeling che può dare una macchina con la
            quale convivere diverse ore al giorno.
            Personalmente soffrirei se fossi costretto a
            lavorare con una macchina che non mi fa
            sentire a mio agio, sotto qualunque punto di
            vista.in virtù di questa teoria si potrebbe dare ragione anche a quelli che dicono che come windowsXP non cè nulla e che col mac si trovano male no? :)la mia no è una critica, dico solo che alla fine è più l'abitudine che non la reale qualità delle cose a dare alito alle opinioni :)
          • Anonimo scrive:
            Re: Non e' OSX, ma le applicazioni.
            - Scritto da: Piratone
            Sempre il mio amico che poi si è comprato il
            nuovo mac per poter avere la firewire,la firewire la stanno implementando onboard nelle MoBo di alcune marche (tipo le leadtek) quindi le troveremo prestissimo nei PC come standard....
            Hmmm. Non avrei più la mia bella scheda tv
            però, e dovrei smettere di giocare a ut2003
            nel tempo libero :PPoi pira, come gira su linux ?io devo ancora provarlo ma sto rimettendo su la LinuxBox perchè l'ho praticamente sostituita per intero da INTEL (SMP) ad AMD...
            Comunque i powerbook g4 mi piacciono molto,
            li considero fra i migliori portatili,
            seriamente. Soprattutto non riscaldano
            troppo.e durano un bel po di ore, circa il doppio rispetto ai laptop, ma toshiba (mi pare) ci sta mettendo una pezza...
          • Anonimo scrive:
            Re: Non e' OSX, ma le applicazioni.

            oi pira, come gira su linux ?
            io devo ancora provarlo ma sto rimettendo su
            la LinuxBox perchè l'ho praticamente
            sostituita per intero da INTEL (SMP) ad
            AMD...Così come anche "return to castle wolfenstein", con le nvidia ut2003 fa un 30% in più a parità di settaggi rispetto alla versione windows. Almeno sul mio "modesto" athlon 1.4ghz con 256mb di ram ddr ;)))RTCW per la cronaca con il suddetto e la geforce2 mx400, a 1024x768, su linux, fa 60 fotogrammi al secondo fissi, fa impressione a guardarlo, sembra un dvd ;))
          • Anonimo scrive:
            Re: Non e' OSX, ma le applicazioni.
            - Scritto da: Piratone
            Così come anche "return to castle
            wolfenstein", con le nvidia ut2003 fa un 30%
            in più a parità di settaggi rispetto alla
            versione windows. Almeno sul mio "modesto"
            athlon 1.4ghz con 256mb di ram ddr ;)))AZZO !!! credevo meno... bene spero tu abbia ragione e spero lo faccia anche con le ATI almeno mi tengo la 7500 per un altro bel po e metto la geffo4 Ti sul doppio athlone per lavorare...mi basta funzionino UT, UT2003 e RTCW :)
            RTCW per la cronaca con il suddetto e la
            geforce2 mx400, a 1024x768, su linux, fa 60
            fotogrammi al secondo fissi, fa impressione
            a guardarlo, sembra un dvd ;))ehehehe.... bene bene mi fa piacere sta cosa :)
          • Anonimo scrive:
            Re: Non e' OSX, ma le applicazioni.

            Il punto è che se prendi un iMac neanche
            pensi a metterci una cosa così. Da studente
            anch'io mi sono dovuto "arrangiare" (e non
            sai quanto) ma adesso il vhs e il dvd me li
            posso permettere senza tanti patemi e senza
            smanacciare - smanettare è un'altra cosa -
            nel pc...Eh ho capito, ma una scheda tv non è "smanettare". Neanche una dvb. La videoregistrazione digitale è più comoda di quella "tradizionale". Comunque la mia intenzione era solo mostrare che non solo le comuni credenze su quello che dal mac si può fare e da linux no (vedi masterizzazione dvd e editing firewire) sono false, ma addirittura che cose abbastanza simili (registrazione dvb (=satellitare) e editing successivo) con i bellissimi imac non si possono fare.Quindi esistono cose che su linux con un assemblato si fanno comodamente e con un imac ultimo grido, costato almeno il doppio, non si fanno.
            Hai equivocato, o mi sono spiegato male: per
            interfacce esterne intendo quegli
            "apparecchietti" che ti consentono di
            connettere audio e video a usb o firewire.
            Comunque la scheda tv non si può mettere in
            un iMac, non nel "mac" in generale. iMac è
            solo un modello non l'unico Mac.
            Beh, gli ultimissimi imac (quelli con masterizzatore e monitor lcd) mi sembrano un po'piccoli per metterci una scheda pci, e poi non avresti il driver.
            Capisco che all'università i soldi siano
            solo un miraggio ma un floppy esterno costa
            una fesseria...Si ma poi per prendere l'imac dalla maniglia devi prima disconnettere il floppy.E poi che c'entra: quelli erano computer venduti senza assolutamente la possibilità di prendere un documento e portarlo a casa di un amico, se non connettendosi entrambi ad internet. Ed erano usciti nel 98, quando internet non era la realtà che è adesso.Su dai, anche allora tutti giuravano eterna fedeltà e sostenevano che "la mancanza di floppy è una feature", ma a me pareva una trollata il solo fatto di aver messo in vendita una cosa del genere (infatti dopo hanno rimediato mettendo i masterizzatori).
            Personalmente non uso più floppy da
            parecchio prima che Apple li togliesse di
            mezzo perché sia su Mac che su Windows me ne
            servivano tre per averne buono uno:)))
            Neanche io, ma sono connesso con una flat. Se devo prendere un documento da casa di uno dei miei tanti amici senza connessione ad internet e senza masterizzatore (pc acquistato solo per studiarci, davvero!) sono contento di avere un floppy integrato nel case e di non dover avere una periferica esterna per questa cazz*ta.

            Comunque i powerbook g4 mi piacciono
            molto,

            li considero fra i migliori portatili,

            seriamente. Soprattutto non riscaldano

            troppo.



            E qui hai detto la fesseria. Mi sa che per
            colpa del Titanium sto diventando feticista
            ma posso assicurarti che scalda eccome:
            d'inverno lo uso sulle gambe al posto del
            plaid.Ah, non l'ho detta io. Sono talmente tanti mesi che i dannati PI-macluser (tu non lo sei, ma ho appena deciso di adottare questo termine per indicare 5 particolari persone di questi forum) mi dicono così che ho fatto la cazz*ta di crederci.La ragione principale per cui uso poco il mio laptop è che mi rompe i cogli*ni che scalda. A quel punto non comprerei neanche un g4, ma piuttosto un bel sony vaio col transmeta crusoe. Che ci sono anche dei modelli particolarmente "cool" esteticamente. :)
            Sono daccordo al 100%
            Quindi mi capisci se dico che "ho bisogno"
            di lavorare con qualcosa che mi faccia stare
            a mio agio: per te sono i viewport (ma anche
            i virtual desktop non sono male) per me è
            una macchina che non mi costringa a non
            guardarla anche fuori dello schermo...:) Comunque guarda che esistono anche molti pc senza case, giusto per la cronaca. Hanno all'incirca le stesse limitazioni e gli stessi pregi estetici/volumetrici (mi si passi il termine) di un mac. Ed esistono i monitor lcd anche per i pc :)
            Lo
            so, potrai pensareche è un discorso da
            utonto feticista ma come dicono a genova:
            "c'è a chi piace la torta di riso e a chi
            piace prenderlo nel..."Ihih. Devo dirla agli utenti win (che di solito la prendono nel...)
        • Anonimo scrive:
          Re: Non e' OSX, ma le applicazioni.

          Comunque ne approfitto per fare una
          precisazione su una cosa che col mac non si
          può fare: aggiungere una scheda tv e
          guardarsi il telegiornale in un angolo
          mentre si lavora, o usare il computer come
          videoregistratore digitaleMa chi de la detta sta cavolata ci sono schede e apparecchi esterni che insieme a quello che dici te ti fanno sentire anche la radio. A parte questo io ho visto i mondiali del 98 su un PowerMac 8600 a cui ho semplicemente collegato un'antenna portatile e tutto questo senza nessuna scheda aggiuntiva.
          • Anonimo scrive:
            Re: Non e' OSX, ma le applicazioni.
            - Scritto da: Stone

            Comunque ne approfitto per fare una

            precisazione su una cosa che col mac non
            si

            può fare: aggiungere una scheda tv e

            guardarsi il telegiornale in un angolo

            mentre si lavora, o usare il computer come

            videoregistratore digitale

            Ma chi de la detta sta cavolata ci sono
            schede e apparecchi esterni che insieme a
            quello che dici te ti fanno sentire anche la
            radio.Anche la mia scheda video ti fa sentire la radio, ti fa vedere il teletext (con la cache delle pagine è anche piuttosto comodo, sempre ammesso che se ne senta l'utilità se si ha una connessione adsl :PP ), e l'ho pagata 129'000 lire, con telecomando (!). Prima che si parta a dire cazz*te, la qualità del video è la stessa di tutte le schede tv (infatti il chip di decodifica è bt878).Quanto costa l'apparecchio esterno per mettere le schede PCI nell'imac supercool? A parte questo io ho visto i mondiali
            del 98 su un PowerMac 8600 a cui ho
            semplicemente collegato un'antenna portatile
            e tutto questo senza nessuna scheda
            aggiuntiva.Non ho capito, dove hai inserito la presa dell'antenna?
          • Anonimo scrive:
            Re: Non e' OSX, ma le applicazioni.
            - Scritto da: Piratone


            - Scritto da: Stone


            Comunque ne approfitto per fare una


            precisazione su una cosa che col mac
            non

            si


            può fare: aggiungere una scheda tv e


            guardarsi il telegiornale in un angolo


            mentre si lavora, o usare il computer
            come


            videoregistratore digitale



            Ma chi de la detta sta cavolata ci sono

            schede e apparecchi esterni che insieme a

            quello che dici te ti fanno sentire anche
            la

            radio.

            Anche la mia scheda video ti fa sentire la
            radio, ti fa vedere il teletext (con la
            cache delle pagine è anche piuttosto comodo,
            sempre ammesso che se ne senta l'utilità se
            si ha una connessione adsl :PP ), e l'ho
            pagata 129'000 lire, con telecomando (!).
            Prima che si parta a dire cazz*te, la
            qualità del video è la stessa di tutte le
            schede tv (infatti il chip di decodifica è
            bt878).

            Quanto costa l'apparecchio esterno per
            mettere le schede PCI nell'imac supercool?

            A parte questo io ho visto i mondiali

            del 98 su un PowerMac 8600 a cui ho

            semplicemente collegato un'antenna
            portatile

            e tutto questo senza nessuna scheda

            aggiuntiva.

            Non ho capito, dove hai inserito la presa
            dell'antenna?All'epoca diversi modelli Apple avevano la scheda TV integrata, poi visto che a nessuno fregava niente li hanno tolti dal listino. C'era addirittura un modello che si chiamava "TV"...
          • Anonimo scrive:
            Re: Non e' OSX, ma le applicazioni.


            All'epoca diversi modelli Apple avevano la
            scheda TV integrata, poi visto che a nessuno
            fregava niente li hanno tolti dal listino.
            C'era addirittura un modello che si chiamava
            "TV"...Quindi attualmente se voglio una scheda tv essendo in minoranza non la metto, se non con un box esterno. Neanche del resto una scheda dvb (che pure, se uno ha la parabola, è una cosa eccezionale (registri i film, li editi, li salvi tutto in digitale)).Beh, queste sono cose che con un pc e linux si possono fare, farle con un mac non si può.Qualcuno ha detto che si possono comprare apparecchi esterni... beh si, ma poi diventa poco trasportabile, in fondo un case mid-tower non è così ingombrante, se poi consideri tutte le periferiche che ci stanno all'interno può essere pure comodo.Insomma, pare proprio che vengano fuori anche tante debolezze del mac, e non solo una schiacciante superiorità. Il che non vuol dire che il mac sia un catorcio, solo è una scelta, non la scelta migliore. Ho un deja-vu fortissimo. Mah. Sarà che dormo poco :)
          • Anonimo scrive:
            Re: Non e' OSX, ma le applicazioni.
            - Scritto da: Piratone
            una scelta, non la scelta migliore. Ho un
            deja-vu fortissimo. Mah. Sarà che dormo poco
            :)stessi sintomi... mi ricorda qualcosa :)
          • Anonimo scrive:
            Re: Non e' OSX, ma le applicazioni.
            - Scritto da: Piratone
            Quindi attualmente se voglio una scheda tv
            essendo in minoranza non la metto, se non
            con un box esterno. Neanche del resto una
            scheda dvb (che pure, se uno ha la parabola,
            è una cosa eccezionale (registri i film, li
            editi, li salvi tutto in digitale)).Se hai un iMac non lo puoi fare, se hai un G4 si.Non esistono solo iMac...La filosofia che sta dietro ad un iMac e': ho tutto quel che mi serve o servira' dentro una semisfera di 27 cm, ho un solo cavo da attaccare (vabbe', c'e' anche la tastiera e il mouse), non mi frega un caxxo di sapere come funziona un PC e cosa c'e' dentro, basta che funzioni!Ah! che sia anche bello da vedere, mi raccomando!Ora, se uno si compra un iMac, non si lamenti poi che non puo' metterci la scheda TV interna !E moltissima gente vuole un PC cosi, infatti anche in campo Wintel ci sono gli all in one poco espandibili, o sbaglio?E sbaglio se dico che costano di piu di un assemblato dalle stesse caratteristiche?Ciao
          • Anonimo scrive:
            Re: Non e' OSX, ma le applicazioni.
            - Scritto da: ferbo
            La filosofia che sta dietro ad un iMac e':
            ho tutto quel che mi serve o servira' dentro
            una semisfera di 27 cm, ho un solo cavo da
            attaccare (vabbe', c'e' anche la tastiera e
            il mouse), non mi frega un caxxo di sapere
            come funziona un PC e cosa c'e' dentro,
            basta che funzioni!Si ma quando uno lo dice di windows cè sempre qualcuno a dire "si ma come architettura fa schifo..." e allora mettetevi d'accordo.PS.: ci tengo a precisare che se dev'essere nel mio interesse difendere un OS, di sicuro non è windows....
            Ah! che sia anche bello da vedere, mi
            raccomando!Essere belli a vedersi non implica che il non essere belli diminuisca la qualità di una macchina che come prima cosa è uno strumento di lavoro, quindi è irrilevante.
            Ora, se uno si compra un iMac, non si
            lamenti poi che non puo' metterci la scheda
            TV interna !
            E moltissima gente vuole un PC cosi, infatti
            anche in campo Wintel ci sono gli all in one
            poco espandibili, o sbaglio?ci sono ma non serve essere poweruser per evitarli ed evitare di prendere un cesso :)
            E sbaglio se dico che costano di piu di un
            assemblato dalle stesse caratteristiche?Gli iMac? costano di più anche per le periferische che montano, se è vera la storia che hanno l'HW dei portatili.
          • Anonimo scrive:
            Re: Non e' OSX, ma le applicazioni.
            - Scritto da: Numero28
            Si ma quando uno lo dice di windows cè
            sempre qualcuno a dire "si ma come
            architettura fa schifo..." e allora
            mettetevi d'accordo.Non stavo parlando di OS, ma dell'insieme HW+OSNon essendo programmatore non posso certo parlarti di architettura di un OS !
            Essere belli a vedersi non implica che il
            non essere belli diminuisca la qualità di
            una macchina che come prima cosa è uno
            strumento di lavoro, quindi è irrilevante.Per te, io stavo solo cercando di spiegare cosa c'e' dietro ad un PC come iMac, e per molti non e' irrilevante!
            ci sono ma non serve essere poweruser per
            evitarli ed evitare di prendere un cesso :)Eppure c'e' chi li compra !
            Gli iMac? costano di più anche per le
            periferische che montano, se è vera la
            storia che hanno l'HW dei portatili.Intendevo gli all in one Wintel......Comunque cosa vuoi che ci stia in una semisfera di 27 dico ventisette cm ? (e' il nuovo iMac)Hanno dovuto fare un bel lavoro di ingegnerizzazione per infilarci dentro tutto quel che c'e'!Ciao
          • Anonimo scrive:
            Re: Non e' OSX, ma le applicazioni.
            - Scritto da: ferbo
            Non stavo parlando di OS, ma dell'insieme
            HW+OS
            Non essendo programmatore non posso certo
            parlarti di architettura di un OS !mi riferivo ai molti che putroppo lo fanno :
            Per te, io stavo solo cercando di spiegare
            cosa c'e' dietro ad un PC come iMac, e per
            molti non e' irrilevante!mettevo in risalto il fenomeno di "mac è + bello" tipico di molti mentre si sa che alla fine è lo strumento che conta veramente...
            Eppure c'e' chi li compra !ehehehe ho fermato mio nonno per un pelo !! :)
            Intendevo gli all in one Wintel......
            Comunque cosa vuoi che ci stia in una
            semisfera di 27 dico ventisette cm ? (e' il
            nuovo iMac)
            Hanno dovuto fare un bel lavoro di
            ingegnerizzazione per infilarci dentro tutto
            quel che c'e'!hanno semplicemente infilato dentro tutte quelle cosine miniaturizzate (e costose) dei portatili, speriamo almeno che l'HD non sia troppo vicino alla CPU :)
          • Anonimo scrive:
            Re: Non e' OSX, ma le applicazioni.

            Se hai un iMac non lo puoi fare, se hai un
            G4 si.
            Non esistono solo iMac..Stavo mostrando a chi mi ha detto "tutto quello che puoi fare con un pc con linux, lo puoi fare con un iMac, ma non è vero il viceversa", che se mai è vero solo il viceversa.E credo di averlo fatto bene. .
            La filosofia che sta dietro ad un iMac e':
            ho tutto quel che mi serve o servira' dentro
            una semisfera di 27 cm, ho un solo cavo da
            attaccare (vabbe', c'e' anche la tastiera e
            il mouse), non mi frega un caxxo di sapere
            come funziona un PC e cosa c'e' dentro,
            basta che funzioni!Ma che credi che non lo sappia? Leggi sopra.
            Ah! che sia anche bello da vedere, mi
            raccomando!
            Ora, se uno si compra un iMac, non si
            lamenti poi che non puo' metterci la scheda
            TV interna !No ma immancabilmente ti dice che lui col suo mac può fare cose che tu neanche ti sogni, perso fra i fili del case e i blocchi del sistema.A me sto discorso sta sulle balle e quando lo trovo replico.io posso vedere la tv su un pc pagato la metà di un imac. Questo con un imac non si può fare.
            E moltissima gente vuole un PC cosi, infatti
            anche in campo Wintel ci sono gli all in one
            poco espandibili, o sbaglio?
            E sbaglio se dico che costano di piu di un
            assemblato dalle stesse caratteristiche?
            No anzi, e li criticherei alla stessa maniera se uno venisse a dirmi che può fare cose che io con l'assemblato non posso fare.Ma nota che non lo direbbero mai perchè sanno che non è vero, invece troppi utenti di un imac non si vogliono render conto.Ma poi chi se ne frega? ^___^
            CiaoCiao bello! Hai poi messo su debian?
      • Anonimo scrive:
        Re: Non e' OSX, ma le applicazioni.
        - Scritto da: Numero28
        PS.: Se cè qualcuno che condiziona la gente
        è stato jobs che ha convinto migliaia di
        adepti ad usare il suo Computer
        incompatibile col resto del mondo.Vedo che ti stai dando al trolleggio folle!Incompatibile con cosa??Con Win? Vero, non posso installare Win.Ma tutto cio che e' standard e' perfettamente utilizzabile!Parli di apertura mentale, ma come leggi "Mac" parti all'attacco senza neanche renderti conto di cosa scrivi!Ciao
        • Anonimo scrive:
          Re: Non e' OSX, ma le applicazioni.
          - Scritto da: ferbo
          Vedo che ti stai dando al trolleggio folle!
          Incompatibile con cosa??
          Con Win? Vero, non posso installare Win.
          Ma tutto cio che e' standard e'
          perfettamente utilizzabile!
          Parli di apertura mentale, ma come leggi
          "Mac" parti all'attacco senza neanche
          renderti conto di cosa scrivi!
          Ciaoassolutamente no, se ti vai a rileggere wualche mio post puoi notare cosa penso del mac in quanto tale, ma alcune cose non le reggo, specialmente chi trolleggia e accusa di trolleggiare.
          • Anonimo scrive:
            Re: Non e' OSX, ma le applicazioni.
            - Scritto da: Numero28
            assolutamente no, se ti vai a rileggere
            wualche mio post puoi notare cosa penso del
            mac in quanto tale, ma alcune cose non le
            reggo, specialmente chi trolleggia e accusa
            di trolleggiare.Ho letto i tuoi post con gsam, sistemista e programmatore, che cercava di spiegarti alcune cose riguardanti quel che per lui e'importante in un OS e tu che ribattevi con cose tipo "la grafica..., il 3D...".Ho anche notato che fino a quando gsam postava parlando di Linux non hai mai avuto discussioni con lui, come ha scritto la parola "Mac" sei partito all'attacco, negando anche cio che, a meno che tu non sia del campo, potresti anche non aver approfondito o non sapere.Non mi sognerei mai di dire ad un programmatore che mi parla con cognizione di causa di un OS che dice caxxate perche' "il 3d lo faccio meglio con Win!"ma potrei anche sbagliarmi!Ciao
          • Anonimo scrive:
            Re: Non e' OSX, ma le applicazioni.
            Sei evidentemente un troll (tra l'altro usi Debian, quindi troll doppio).Ciao :D
          • Anonimo scrive:
            Re: Non e' OSX, ma le applicazioni.
            - Scritto da: gsam
            Sei evidentemente un troll (tra l'altro usi
            Debian, quindi troll doppio).

            Ciao :DA dir la verita' sono un Mac user che da poco si e' montato un pc e sta provando a installarci Linux per curiosita' e per imparare qualcosa.Ho provato Debian, con qualche problema ( e' stato piu semplice installarla sull'iBook) e Mandrake 8.2.Sto ancora maledicendo il negoziante che quando gli ho chiesto un modem mi ha venduto un winmodem conexant e la mia ignoranza in materia poiche' i driver li ho anche recuperati ma non riesco ad installarli....sigh :(Ora sto scaricando Mandrake 9 poiche' ho letto che supporta sia il chipset nvidia nforce della mia scheda madre che i winmodem conexant, o almeno credo! :)Quindi non penso di essere un troll!Ho sempre usato Mac e Win (piu Mac che Win) e mi rode non poter provare MacOS X sul mio vecchio iBook.Quindi vorrei provare un OS *nix.Quindi mi da fastidio leggere critiche gratuite ad una piattaforma che, nel bene o nel male, i suoi pregi li ha.Non penso che questo significhi trollare, o no? :)ciao :)
          • Anonimo scrive:
            Re: Non e' OSX, ma le applicazioni.

            Ora sto scaricando Mandrake 9 poiche' ho
            letto che supporta sia il chipset nvidia
            nforce della mia scheda madre che i winmodem
            conexant, o almeno credo! :)Va anche su Debian. Perchè non hai chiesto sulla Mailing List ? Anche il chipset nvidia, il cui driver puoi tranquillamente aptgettare.
            Quindi non penso di essere un troll!Savo scherzando.
            Ho sempre usato Mac e Win (piu Mac che Win)
            e mi rode non poter provare MacOS X sul mio
            vecchio iBook.
            Quindi vorrei provare un OS *nix.
            Quindi mi da fastidio leggere critiche
            gratuite ad una piattaforma che, nel bene o
            nel male, i suoi pregi li ha.Certa gente è semplicemente in guerra.Ignora e vivrai felice, a meno che tu non voglia ridere un po'.
            Non penso che questo significhi trollare, o
            no? :)

            ciao :)Ciao.
          • Anonimo scrive:
            Re: Non e' OSX, ma le applicazioni.
            - Scritto da: gsam
            Va anche su Debian. Perchè non hai chiesto
            sulla Mailing List ? Anche il chipset
            nvidia, il cui driver puoi tranquillamente
            aptgettare.Penso un po la solita "paura" di rompere le balle con domande magari stupide....Comunque mi sono iscritto...


            Quindi non penso di essere un troll!

            Savo scherzando.Uh! ok, scusa.. :)
            Certa gente è semplicemente in guerra.
            Ignora e vivrai felice, a meno che tu non
            voglia ridere un po'.Gia, mi sa che e' proprio cosi!Ciao
          • Anonimo scrive:
            Re: Non e' OSX, ma le applicazioni.
            - Scritto da: ferbo
            Ho letto i tuoi post con gsam, sistemista e
            programmatore, che cercava di spiegarti
            alcune cose riguardanti quel che per lui
            e'importante in un OS e tu che ribattevi con
            cose tipo "la grafica..., il 3D...".
            Ho anche notato che fino a quando gsam
            postava parlando di Linux non hai mai avuto
            discussioni con lui, come ha scritto la
            parola "Mac" sei partito all'attacco,
            negando anche cio che, a meno che tu non sia
            del campo, potresti anche non aver
            approfondito o non sapere.
            Non mi sognerei mai di dire ad un
            programmatore che mi parla con cognizione di
            causa di un OS che dice caxxate perche' "il
            3d lo faccio meglio con Win!"
            ma potrei anche sbagliarmi!non mi sembra di aver parlato solo di 3D, quello è per eccellenza il campo in cui il mac ha esordito di recente dove ha dimostrato che allo stato attuale delle cose, il mac per il 3D è una vergogna totale, l'ho preso come esempio per farti capire che i tempi cambiano...Per quanto riguarda i post non mi riferivo a quelli con Gsam ma altre cose in passato nei vari topic del mac/apple.Per quanto riguarda la storia di linux, se pensi davvero che io abbia parlato di 3D, cosa pensi abbia fatto lui parlando di programmazione ?mi sembra evidente che fra i due è lui ad avermi voluto trascinare nel SUO campo per cercare di bastonarmi solo perchè fondamentalista...ripeto, non tifo per nessuno, uso windows e linux e ho usato anche mac, conosco pro e contro di tutti e tre e con estrema convinzione dico quello che penso, poi qualche imprecisione ci sta, non sono mica piero angela, ma a differenza di qualcun'altro mi sembrache i miei errori li ammetto...PS.: Cmq "cercare di spiegare" è differente dal trattare le persone come lui ha trattato me, specialmente dove dice che sono il ragazzetto 16enne che usa parole cool ecc... non ho potuto fare altro che riderci su e chiudere, in fin dei cnti non è ne il primo ne sarà l'ultimo sborone anti M$ di questo forum...(ancora più assurdo il fatto che mi accomuni a ziobill hehehehehe....)
          • Anonimo scrive:
            Per la precisione...
            Ho fatto l'esempio della qualità del 3D sul mac quando ho esordito dicendo queste cose:- Scritto da: Numero28

            - Scritto da: gsam

            scientifiche, security. Anche applicazioni

            multimediali nonostante le puttanate di

            ZioBill, ma al momento non sono

            disponibili

            per l'utente finale, solo per le grandi

            aziende (i.e. Industrial Light and Magic

            blablabla)

            Gente come la ILM e tutti gli altri usano
            programmi che usiamo "tutti" come maya e
            softimage che se li vuoi te li puoi
            comperare anche per linux. Per quanto
            riguarda I-Sculpt, beh nemmeno con
            windows3000 potresti averlo dato che è roba
            proprietaria...
            beh vorrà dire che yoda me lo disegno col
            3dsmax e lo faccio meglio di loro :PPP

            PS.: Alla dreamworks usano Photoshop sotto
            vmware.


            Per te no, al momento.

            Potresti passare a Mac OS X e faresti un

            grande affare, ma Linux per te (per i dati

            che mi hai dato) non va bene.

            un bell'affare spendendo una fortuna in una
            macchina che gli permette di usare cubase
            tanto bene quanto sotto windows? mi sembra
            inutile...e lui ha risposto a tutto questo con:
            La macchina è migliore, il sistema operativo
            anche. Le periferiche anche.[...]Gli ho spiegato che ha detto una imprecisione sulla storia del 3D e da li mi sono ricollegato alla storia che il mac ora come ora non è lontanamente paragonabile al PC (per i motivi che abbiamo ampiamente dibattuto) e dopo, la guerra...Puoi rimanere comunque della tua opinione, non cè nessunissimo problema ma non mi sembra che la situazione verta troppo a favore di Gsam...PS.: Il mio tono dopo la prima risposta è decisamente pacifico e ho anche ironizzato su yoda mi sembra, quindi non mi sembra di averlo attaccato perchè come vedo MAC vedo rosso...(il che non è vero ovviamente)saluti.
          • Anonimo scrive:
            Re: Per la precisione...
            - Scritto da: Numero28
            PS.: Il mio tono dopo la prima risposta è
            decisamente pacifico e ho anche ironizzato
            su yoda mi sembra, quindi non mi sembra di
            averlo attaccato perchè come vedo MAC vedo
            rosso...
            (il che non è vero ovviamente)

            saluti.Bah, probabilmente mi sono sbagliato, quel che dico non e' mica legge !Ho solo avuto questa sensazione !Ciao :)
          • Anonimo scrive:
            Re: Per la precisione...
            - Scritto da: ferbo
            Bah, probabilmente mi sono sbagliato, quel
            che dico non e' mica legge !
            Ho solo avuto questa sensazione !

            Ciao :)OK, ciao :)
      • Anonimo scrive:
        Re: Non e' OSX, ma le applicazioni.
        - Scritto da: eaman

        Mi piacerebbe sapere che versione hai

        provato, visto che dalla prima alla attuale

        ci sono parecchie differenze
        Ho ancora quella precedenti a Jaguar, si
        chiama Puma? Dipende se hai una 10.0.x, o una 10.1.xAnche qui le differenze sono notevoli.
        Non sono ancora passato a
        jaguar perche:
        1)Mi risulta che quartz extreme non sfrutti
        la mia scheda video :-(Il 10.2 aggiunge anche molto altro
        2)Ho avuto altro da fare, nel senso che mi
        scoccia spendere per un OS che ho comprato
        da pochi mesi e che non dovrebbe spingere al
        limite il mio hardware (ibook)Se l'hai preso da poco puoi averlo a poco.

        Perché? Io non ho alcun problema.

        Detto così poi non significa nulla, ti

        posso

        rigirare la frase in mille modi:

        "non mi dire che con UinDOS riesci a

        lavorare comodamente come su un Mac...

        trovare la locazione coerente di un

        settaggio è un impresa, anche se forse chi

        lo usa costantemente ha la mente ormai

        condizionata nella stessa maniera

        contorta"
        L'idea e che per aprire una shell ci metteva
        un 15 secondi, per passare da
        un'applicazione a un'altra un fracco di
        tempo. Aprire un preciso file con
        DreamWeaver avendo 10 pagine aperte una
        tortura.Troppa poca RAM... scommetto che sei a 128MBE cmq non sono certo lavori da farsi "professionalmente" con un iBook

        Perchè con OSX avevano gli strumenti per

        convertire le applicazioni già esistenti

        con poco sforzo.


        Che ne facciano un altro di sforzo allora ;-)Proabbikmente hanno fatto i loro conti e stabilito ch enon gli conviene.
        Io pagherei per DreamWeaver su linux.Probabilmente saresti l'unico o uno dei pochiciao
  • Anonimo scrive:
    Ci provano in tutti i modi...
    a dire, guardate che figo, e in più ci potete fare quello che ci fate con linux.Si, ma quello che faccio con linux, lo posso fare ora su un assemblato bandone, e lo potrò fare su un apple da salotto se un giorno sfondato di soldi decidessi di averne uno.
    • Anonimo scrive:
      Re: Ci provano in tutti i modi...
      - Scritto da: Figo? No thanks
      Si, ma quello che faccio con linux, lo posso
      fare ora su un assemblato bandone...Daccordo, ma non ci puoi fare quello che ci fai con un mac.Non rispondermi che non è vero, perché tanto è inutile che ne discutiamo sulla base delle tue supposizioni che dubito siano state messe alla prova lavorando _seriamente_ su di un mac con su OSX.
    • Anonimo scrive:
      Re: Ci provano in tutti i modi...
      Ma non è che ci provano.E' tecnicamente interessante per qualcuno abituato a Linux, a prescindere dal prezzo. Poi ognuno si fa i suoi conti e sono anche fatti suoi no ?Ciao.
    • Anonimo scrive:
      Re: Ci provano in tutti i modi...
      - Scritto da: Figo? No thanks
      a dire, guardate che figo, e in più ci
      potete fare quello che ci fate con linux.

      Si, ma quello che faccio con linux, lo posso
      fare ora su un assemblato bandone, ...sul quale però non ci puoi fare quello che fai normalemnte su un Mac
    • Anonimo scrive:
      Re: Ci provano in tutti i modi...
      pezzente....
    • Anonimo scrive:
      Re: Ci provano in tutti i modi...
      - Scritto da: Figo? No thanks
      a dire, guardate che figo, e in più ci
      potete fare quello che ci fate con linux.
      Si, ma quello che faccio con linux, lo posso
      fare ora su un assemblato bandone, e lo
      potrò fare su un apple da salotto se un
      giorno sfondato di soldi decidessi di averne
      uno.Si vabbé.Adesso però asciugati la bava va'...
    • Anonimo scrive:
      Prima che mi parliate di LCD
      Guardate che con "comprare un monitor lcd o un hard disk più grande e comodo" non volevo dire che i mac non hanno lcd, volevo dire "un lcd più grande e comodo o un hard disk più grande e comodo".Infatti, un buon lcd 19'' costa in più di un 17'' un po' meno di quanto un mac costa più dell'equivalente pc (con una buona distribuzione linux sopra). Beh, permettetemi, preferisco la funzionalità e la comodità all'estetica. E poi dai, che è più figo un lcd 19'' che un mac :))E ripeto, spiegatemi quali cose si possono fare con macosx che linux non può fare, però prima verificate che su linux non si possano fare, se no poi ci fate brutta figura.
      • Anonimo scrive:
        Re: Cosa si può fare con OSX...
        - Scritto da: Figo no, fighissimo
        Guardate che con "comprare un monitor lcd o
        un hard disk più grande e comodo" non volevo
        dire che i mac non hanno lcd, volevo dire
        "un lcd più grande e comodo o un hard disk
        più grande e comodo".

        Infatti, un buon lcd 19'' costa in più di un
        17'' un po' meno di quanto un mac costa più
        dell'equivalente pc (con una buona
        distribuzione linux sopra). Beh,
        permettetemi, preferisco la funzionalità e
        la comodità all'estetica. E poi dai, che è
        più figo un lcd 19'' che un mac :))

        E ripeto, spiegatemi quali cose si possono
        fare con macosx che linux non può fare, però
        prima verificate che su linux non si possano
        fare, se no poi ci fate brutta figura.Non mi sembra, correggetemi se sbaglio, che sotto Linux puoi compiere queste operazioni in pochi secondi:Acquisto una videocamera digitale (cok ok si può fare anche sotto Linux.. :) )Riprendo un tramontoCollego alla porta FireWire la videocameraApro iMovie e mi scarico il filmatoInizio a montarmi il video facendo dei semplici tagli, aggiunte di effetti, titoli etcetc...Masterizzare con ul click il tutto in formato QuickTime o Divx...Mickey
        • Anonimo scrive:
          Re: Cosa si può fare con OSX...

          Non mi sembra, correggetemi se sbaglio, che
          sotto Linux puoi compiere queste operazioni
          in pochi secondi:
          Acquisto una videocamera digitale (cok ok si
          può fare anche sotto Linux.. :) )
          Riprendo un tramonto
          Collego alla porta FireWire la videocamera
          Apro iMovie e mi scarico il filmato
          Inizio a montarmi il video facendo dei
          semplici tagli, aggiunte di effetti, titoli
          etcetc...
          Masterizzare con ul click il tutto in
          formato QuickTime o Divx...
          MickeySbagli di gran lunga, ma veramente di gran lunga. Cosa ti porta a dire che con linux non si può fare, di sicuro non l'esperienza perchè se no sapresti che si può fare.Firewire e IEEE1394 sono totalmente standard, ci sono i programmi per fare tutto, non hanno un nome figo come iMovie ma in compenso sono GPL.C'è kino per l'editing di sorgenti firewire, mencoder per la codifica in qualunque formato video, e sono solo due esempi. Con una debian, è questione di scrivere apt-get install kino.Ah, anche per masterizzare, ci sono tonnellate di interfacce grafiche per linux eh, non è che devi mandare i comandi scsi a mano col tastierino numerico...Ma perchè tutti si ostinano a credere che "con linux è difficile" e "con linux non si può fare", ma non hanno MAI provato linux, parlano solo per sentito dire?Rispondimi tu.
    • Anonimo scrive:
      Re: Ci provano in tutti i modi...
      - Scritto da: Figo? No thanks
      a dire, guardate che figo, e in più ci
      potete fare quello che ci fate con linux.

      Si, ma quello che faccio con linux, lo posso
      fare ora su un assemblato bandone, e lo
      potrò fare su un apple da salotto se un
      giorno sfondato di soldi decidessi di averne
      uno.il tuo è un concetto semplice che molti non capiscono.... o non vogliono capire ? :)
    • Anonimo scrive:
      Re: Ci provano in tutti i modi...
      - Scritto da: Figo? No thanks
      a dire, guardate che figo, e in più ci
      potete fare quello che ci fate con linux.

      Si, ma quello che faccio con linux, lo posso
      fare ora su un assemblato bandone, e lo
      potrò fare su un apple da salotto se un
      giorno sfondato di soldi decidessi di averne
      uno.
      Qui sbagli.Per avere un Mac non è necessario essere sfondato di soldi ma essere convinti del Mac.Scommetto che con i soldi che spendi per le sigarette o birre ne comperi 4 di mac in un anno.
      • Anonimo scrive:
        Re: Ci provano in tutti i modi...
        - Scritto da: Divertito
        Qui sbagli.
        Per avere un Mac non è necessario essere
        sfondato di soldi ma essere convinti del
        Mac.

        Scommetto che con i soldi che spendi per le
        sigarette o birre ne comperi 4 di mac in un
        anno.Falso, altrimenti non avrei un Mac ;)))
        • Anonimo scrive:
          Re: Ci provano in tutti i modi...
          - Scritto da: gsam
          - Scritto da: Divertito

          Qui sbagli.

          Per avere un Mac non è necessario essere

          sfondato di soldi ma essere convinti del

          Mac.



          Scommetto che con i soldi che spendi per
          le

          sigarette o birre ne comperi 4 di mac in
          un

          anno.

          Falso, altrimenti non avrei un Mac ;)))Questa non l'ho capita....
          • Anonimo scrive:
            Re: Ci provano in tutti i modi...
            - Scritto da: zioX


            - Scritto da: gsam

            - Scritto da: Divertito


            Qui sbagli.


            Per avere un Mac non è necessario
            essere


            sfondato di soldi ma essere convinti
            del


            Mac.





            Scommetto che con i soldi che spendi
            per

            le


            sigarette o birre ne comperi 4 di mac
            in

            un


            anno.



            Falso, altrimenti non avrei un Mac ;)))



            Questa non l'ho capita....Per comprare un PM G4 professional modello base ci voglio circa 2000 euro ? Se ne compri 4 ti servono 8000 euro, se spendi 8000 euro l'anno in sigarette e birre forse campi poco e non fai in tempo a convertire i soldi in acquisto di materiale informatico.Dovrebbe essere questa la spiegazione della battuta
      • Anonimo scrive:
        Re: Ci provano in tutti i modi...
        - Scritto da: Divertito
        Qui sbagli.
        Per avere un Mac non è necessario essere
        sfondato di soldi ma essere convinti del
        Mac.Anche quelli che hanno dirottato gli aerei sulle twin towers non erano pazzi, non a caso li chiamano estremisti.E ne erano convinti :)
        Scommetto che con i soldi che spendi per le
        sigarette o birre ne comperi 4 di mac in un
        anno.Ma sarebbe un sacrificio, un pc con 800 euro te lo prendi e fumi e ti fai anche le striscie se vuoi :)
      • Anonimo scrive:
        Re: Ci provano in tutti i modi...

        Scommetto che con i soldi che spendi per le
        sigarette o birre ne comperi 4 di mac in un
        anno.Ma te sei scemo, guarda che non fumo, e anche bevendo una birra da 2 euro al giorno (tipo faxe da un litro... slurp :)) ) che mi farebbe un male cane avrei a fine anno meno di 500 euro.^__^
        • Anonimo scrive:
          Devo imparare a contare
          Uahhaha non so più contare, va beh. E meno male che bevo poco.
          Ma te sei scemo, guarda che non fumo, e
          anche bevendo una birra da 2 euro al giorno
          (tipo faxe da un litro... slurp :)) ) che mi
          farebbe un male cane avrei a fine anno meno
          di 500 euro.

          ^__^
    • Anonimo scrive:
      Re: Risposta collettiva
      m'ero dimenticato di risponderti: in gnome il menu del piede si sposta come tutte le cose del pannello: col tasto centrale. Lo puoi anche togliere se non ti piace.CiaoFigo svegliarsi presto ;)
      • Anonimo scrive:
        Re: Risposta collettiva
        Hai cannato piede. Probabilmente l'hai segato dopo 32 secondi come tutti quelli che conosco, dato che era solo una rottura di balle. Mi stai parlando del ponte ;)Te lo dico io, non si sposta. :)
    • Anonimo scrive:
      Re: Risposta collettiva
      - Scritto da: Piratone solidale :PP
      Prendiamo invece i primi iMac. Nn avevano la
      porta firewire e non gli si poteva
      aggiungere. Ho un amico religioso del mac,
      che dopo aver acquistato l'imac prima serie
      (pagandolo uno sproposito rispetto alle
      funzionalità che offriva), ha comprato un
      altro computer perchè non poteva aggiungere
      una porta firewire (100mila lire, su pci,
      aggiungibile anche su un pentium).Piratone, Firewire e' di Apple, quando i primi mac montavano Firewire nel "mondo PC" non si sapeva neanche cosa fosse!Ora puoi montarla anche su un pentium, all'epoca del primo iMac era impossibile !Questo non toglie che gli iMac siano poco espandibili (Ram e HD, niente di piu)Ciao
      • Anonimo scrive:
        Re: Risposta collettiva
        - Scritto da: ferbo
        Piratone, Firewire e' di Apple, quando i
        primi mac montavano Firewire nel "mondo PC"
        non si sapeva neanche cosa fosse!
        Ora puoi montarla anche su un pentium,
        all'epoca del primo iMac era impossibile !
        Questo non toglie che gli iMac siano poco
        espandibili (Ram e HD, niente di piu)Ferbo, il punto è: la apple ha venduto i primi mac ai tempi dei k6-2. Il pentium esisteva da tre anni. La apple sapeva che stava per uscire firewire ma ne ha approfittato per poter vendere subito dopo gli imac anche i computer "di fascia alta" che avevano il firewire.La maggiore flessibilità dell'architettura di un pc, sempre criticata da chi usa un mac (che poi di solito non può neanche installarsi una scheda tv) ha permesso a pc usciti due anni prima del firewire di montare queste porte, invece sulle macchine costruite dalla stessa casa che ha inventato il firewire questo non è stato possibile.A me pare un esempio calzante di come la politica apple sia stata sempre "decidiamo noi quello che compri e ti convinciamo anche che sia giusto così".Non puoi negare l'evidenza che il fatto che il pc lo si possa aprire e modificare con relativa facilità (nonchè con una buona dose di slot pci liberi) lo renda molto più flessibile.
        • Anonimo scrive:
          Re: Risposta collettiva
          - Scritto da: Piratone
          La apple sapeva che stava per uscire
          firewire ma ne ha approfittato per poter
          vendere subito dopo gli imac anche i
          computer "di fascia alta" che avevano il
          firewire.Diciamo che all'uscita dei primi iMac (ed iBook, il mio l'ho preso "al volo" e manca firewire...sigh) ancora non erano pronti ad implementarlo... ;)
          La maggiore flessibilità dell'architettura
          di un pc, sempre criticata da chi usa un mac
          (che poi di solito non può neanche
          installarsi una scheda tv) ha permesso a pc
          usciti due anni prima del firewire di
          montare queste porte, invece sulle macchine
          costruite dalla stessa casa che ha inventato
          il firewire questo non è stato possibile.Vero sui Mac di fascia base, iMac ed iBook e sui portatili, ma vero
          A me pare un esempio calzante di come la
          politica apple sia stata sempre "decidiamo
          noi quello che compri e ti convinciamo anche
          che sia giusto così".Unica politica che la Apple puo' portare avanti senza rischiare il fallimento, nessuno si ricorda che "botta" stava per prendere con l'idea dei cloni Mac ??
          Non puoi negare l'evidenza che il fatto che
          il pc lo si possa aprire e modificare con
          relativa facilità (nonchè con una buona dose
          di slot pci liberi) lo renda molto più
          flessibile.Vero, ne ho una sempre aperto a casa, ma dico che lo faccio per migliorare il raffreddamento dell'athlon, se no la mia ragazza si incaxxa...;) Ciao
          • Anonimo scrive:
            Re: Risposta collettiva

            Vero, ne ho una sempre aperto a casa, ma
            dico che lo faccio per migliorare il
            raffreddamento dell'athlon, se no la mia
            ragazza si incaxxa...;) Azz... tre mesi fa ancora non avevi nulla e già sei allo stadio "smanetto per vivere" :)))
      • Anonimo scrive:
        Re: Risposta collettiva
        - Scritto da: ferbo
        Piratone, Firewire e' di Apple, quando i
        primi mac montavano Firewire nel "mondo PC"
        non si sapeva neanche cosa fosse!Forse perchè non indispensabile...Magari c'erano alternative.
    • Anonimo scrive:
      Re: Risposta collettiva
      - Scritto da: Piratone solidale :PP
      Bella questa. Anche su linux è così. Infatti
      firewire è uno standard che viene
      autoriconosciuto in fase di installazione, i
      programmi per l'editing ci sono, l'uscita tvCinelerra, non è PRO ma è molto bello e completo.Filmgimp, usato anche in Harry Potter, Dr. Dolittle 2, The Grinch, Stuart Little, Planet of the Apes e altri...:)
      per rimetterlo su nastro, beh, non mi sembra
      una scoperta apple, e non è una cosa che va
      in qualche modo configurata: se ce l'hai
      funziona. Ti posso dar ragione che ci sono
      schede video assolutamente non supportate da
      linux, e quindi niente uscita tv, ma è colpa
      di chi le produce (non hanno il driver
      neanche per mac, se proprio vogliamo dirla
      tutta).

      Le geforce per esempio sono ottimamente
      supportate.e vanno molto meglio rispetto a win... ho sentito di gente che ha riesumato vecchie TNT2 per giocare :)
      Cosa vuol dire? Anche da winXP si configura
      tutto in maniera intuitiva, non per questo
      winXP è un buon sistema. Nonostante tutto ammetto che WinXP è organizzato benissimo, hanno fatto un bel saltone ad essere sinceri, strano, non hanno copiato il mac!!!! :P
      Ad ogni modo, nonostante la maggiore libertà
      di scelta dell'hardware che c'è nel mondo
      PC, ci sono distribuizioni linux, come la
      SUSE, che autoriconoscono l'hardware.
      Funzionano, provale.Anche a me RedHat non ha mai dato problemi su questo, sempre andato tutto a tonfo :)saluti
      • Anonimo scrive:
        Re: Risposta collettiva
        - Scritto da: Numero28 solidale :)
        Nonostante tutto ammetto che WinXP è
        organizzato benissimo, hanno fatto un bel
        saltone ad essere sinceri, strano, non hanno
        copiato il mac!!!! :POvvero ? In che modo Mac OS X è organizzato peggio di Windows XP ? Ciò ovviamente significa che anche Linux è organizzato peggio di Windows XP.O ho capito male ?

        Ad ogni modo, nonostante la maggiore
        libertà

        di scelta dell'hardware che c'è nel mondo

        PC, ci sono distribuizioni linux, come la

        SUSE, che autoriconoscono l'hardware.

        Funzionano, provale.

        Anche a me RedHat non ha mai dato problemi
        su questo, sempre andato tutto a tonfo :)Verissimo ! (a molti non ha nemmeno partizionato l'hard disk correttamente, a me per esempio, a Pirata* mi pare, una ricerca su icoli e se ne trovani svariati altri).
        • Anonimo scrive:
          Re: Risposta collettiva
          - Scritto da: gsam
          Ovvero ? In che modo Mac OS X è organizzato
          peggio di Windows XP ? Ciò ovviamente
          significa che anche Linux è organizzato
          peggio di Windows XP.
          O ho capito male ?Ho detto semplicemente che WinXP è organizzato molto meglio rispetto ai vecchi windows.
          Verissimo ! (a molti non ha nemmeno
          partizionato l'hard disk correttamente, a me
          per esempio, a Pirata* mi pare, una ricerca
          su icoli e se ne trovani svariati altri).che ti devo dire, avrò avuto culo...ne ho installete diverse, mai un problema...
        • Anonimo scrive:
          Re: Risposta collettiva

          Verissimo ! (a molti non ha nemmeno
          partizionato l'hard disk correttamente, a me
          per esempio, a Pirata* mi pare, una ricerca
          su icoli e se ne trovani svariati altri).Le mie opinioni e le mie esperienze sulla redhat sono note e sono terribilmente negative. In facoltà abbiamo la redhat 7.2 con 128mb di ram, di una lentezza tale da far credere che win2k ci girerebbe meglio ;) Ora devo andare a lezione ciao!
    • Anonimo scrive:
      Re: Risposta collettiva
      - Scritto da: Piratone solidale :PP
      cuttone


      La prima invece è basata solo su una

      considerazione di costo iniziale dell'hw
      che

      non dà nessuna indicazione reale

      sull'effettiva convenienza che si potrebbe

      avere in molti campi usando un Mac
      piuttosto

      che altri sistemi.



      Neanche tu la dai. Non fate altro che
      ripetere questa frase, senza spiegare quale
      veramente sia questa effettiva convenienza.
      Finora tutto verte sul Un computer Intel in un anno si trova con il valore dimezzato (se va bene).Un mac no.
      • Anonimo scrive:
        Re: Risposta collettiva
        - Scritto da: gsam
        Un computer Intel in un anno si trova con il
        valore dimezzato (se va bene).
        Un mac no.Perchè in un anno esce una CPU X86 che va il doppio di quella dell'anno passato, sul mac no.Non è una critica.PS.: Uso photoshop su un P2@350 di 5 anni fa e ancora mi da delle piccole soddisfazioni, quindi non si è costretti ad avere per forza i modelli di punta se non se ne necessita, ma intanto ci sono.
        • Anonimo scrive:
          Re: Risposta collettiva
          - Scritto da: Numero28


          - Scritto da: gsam

          Un computer Intel in un anno si trova con
          il

          valore dimezzato (se va bene).

          Un mac no.

          Perchè in un anno esce una CPU X86 che va il
          doppio di quella dell'anno passato, sul mac
          no.
          Non è una critica.

          PS.: Uso photoshop su un P2@350 di 5 anni fa
          e ancora mi da delle piccole soddisfazioni,
          quindi non si è costretti ad avere per forza
          i modelli di punta se non se ne necessita,
          ma intanto ci sono.Photoshop 7.0? No, vabbè , sarà il 3.0 ma questo gira bene anche sui ppc 7100@80 (si, ottanta).Una volta per tutte, gentilmente, qualcuno riesce a spiegarmi come si fa ad usare Photoshop su Windows che non ha il ColorSync? Come fate a mandare in stampa o a video (broadcast), azzeccando i colori a fortuna?
          • Anonimo scrive:
            Re: Risposta collettiva
            - Scritto da: zioX
            Photoshop 7.0? No, vabbè , sarà il 3.0 ma
            questo gira bene anche sui ppc 7100@80 (si,
            ottanta).5.0 e 6.0 e vanno molto bene...
            Una volta per tutte, gentilmente, qualcuno
            riesce a spiegarmi come si fa ad usare
            Photoshop su Windows che non ha il
            ColorSync? Come fate a mandare in stampa o a
            video (broadcast), azzeccando i colori a
            fortuna?sorry lavoro per il web/video non per la stampa, anche se con il profilo del mio sony ho fatto dei lavori che in stampa sono venuti perfetti, e ammetto che un po sarà stato anche culo, non so, usando il profilo ICC funziona bene....
        • Anonimo scrive:
          Re: Risposta collettiva
          - Scritto da: Numero28


          - Scritto da: gsam

          Un computer Intel in un anno si trova con
          il

          valore dimezzato (se va bene).

          Un mac no.

          Perchè in un anno esce una CPU X86 che va il
          doppio di quella dell'anno passato, sul mac
          no.
          Non è una critica.Non è nemmeno un pregio. Anzi, uno deve correre dietro alla CPU, anche perche le applicazioni più recenti ovviamente si adattano.Cmq i nuovi G4 rispetto ai vecchi sono il triplo più veloci, ma un vecchio G4 usato ha ancora un bel valore.
          PS.: Uso photoshop su un P2@350 di 5 anni fa
          e ancora mi da delle piccole soddisfazioni,
          quindi non si è costretti ad avere per forza
          i modelli di punta se non se ne necessita,
          ma intanto ci sono.Uso Linux su un 286 e anche lui mi da delle belle soddisfazioni. Ciò non significa che sia veramente usabile e produttivo.
          • Anonimo scrive:
            Re: Risposta collettiva
            - Scritto da: gsam
            Non è nemmeno un pregio. Anzi, uno deve
            correre dietro alla CPU, anche perche le
            applicazioni più recenti ovviamente si
            adattano.Succede lo stesso per MAC cmq dato che le features dei programmi sono più pese ma anche molto più potenti.Non per parlare ancora di 3D ma una delle teorie del 3D è che anche se gli anni passano il tempo per renderare un certo frame sarà sempre uguale...
            Cmq i nuovi G4 rispetto ai vecchi sono il
            triplo più veloci, ma un vecchio G4 usato ha
            ancora un bel valore.certo, succede anche nel campo X86, è solo una questione proporzionale...
            Uso Linux su un 286 e anche lui mi da delle
            belle soddisfazioni. Ciò non significa che
            sia veramente usabile e produttivo.mai detto questo, anche se con quel 350 ci faccio roba PRO se voglio.c'ho lavoranto anche in A3 a 300DPI quando facevo gli sfondi per una rivista...
          • Anonimo scrive:
            Re: Risposta collettiva

            Non è nemmeno un pregio. Anzi, uno deve
            correre dietro alla CPU, anche perche le
            applicazioni più recenti ovviamente si
            adattano.Ma dove? Pc di 5 anni fa possono essere usati con openoffice e mozilla con assoluta naturalezza.
            Cmq i nuovi G4 rispetto ai vecchi sono il
            triplo più veloci, ma un vecchio G4 usato ha
            ancora un bel valore.
            Si come no. Un bell'imac col monitor da 15 pollici "usami e diventa cieco".
      • Anonimo scrive:
        Re: Risposta collettiva

        Un computer Intel in un anno si trova con il
        valore dimezzato (se va bene).Non è assolutamente vero. Se usi linux e lo usi come usi un mac (non giochi), non è vero.Se usi win è terribilmente vero, infatti è fatto apposta.
        Un mac no.Quindi OSX con quartz extreme o come si chiama non farmelo andare a cercare gira anche su un imac con 64 mb di ram comprato due anni fa?E senza quartz extreme?E se tu decidessi di giocarci?
  • Anonimo scrive:
    GNUStep
    Non mi pare sia stato perseguitato da Apple, eppure è un clone libero di OpenStep/Cocoa.
Chiudi i commenti