Sì, sono stato adottato da un provider

Il lettore che aveva sognato di venir adottato da un provider dopo molti anni di servizi inefficienti e di rimbalzi tra flat, dial-up, ISDN e ADSL è stato effettivamente... adottato. Il suo racconto
Il lettore che aveva sognato di venir adottato da un provider dopo molti anni di servizi inefficienti e di rimbalzi tra flat, dial-up, ISDN e ADSL è stato effettivamente... adottato. Il suo racconto


Roma – Riceviamo e volentieri pubblichiamo la lettera con cui Domenico Ferrara, lettore di Punto Informatico di vecchia data, ci ha comunicato l’avvenuta “adozione” da parte di un provider italiano, da lui stesso auspicata in una gustosa lettera pubblicata di recente dal quotidiano telematico

Complimenti e ringraziamenti a Punto Informatico, a MC-link e ai tanti lettori che mi hanno compreso e incoraggiato. Nella mia lettera sono stato un po’ duretto nel dire la mia verità, ma dovevo. Sapevo anche che delle eccezioni dovevano pur esistere, anche se non ne ero a conoscenza.

All’inizio degli anni ’90, ho seguito con attenzione la crescita di MC-link e se non mi ricordo male ho anche avuto delle relazioni all’inizio, quando già c’erano delle giovani menti (anche personaggi nordeeuropei di rilievo) di tutto rispetto e molto aperte all’innovazione tecnologica. La differenza con i concorrenti l’ho intuita fino da allora. Si vedeva chiaramente. I prezzi pero’ per un certo tempo non sono stati alla mia portata.(Oggi dopo una visita al sito di MC-link ho constatato che le differenze sono aumentate ulteriormente, in meglio).

Mai avrei pensato pero’ di essere adottato sul serio.
Sono molto contento soprattutto per il gesto. Questo mi auguravo principalmente, e poi… la sorpresa per “l’offerta di buona volontà” che ritengo veramente degna e “adottiva” per un Provider italiano… grazie.

In più, mi rallegro di essermi trovato di fronte ad un Marketing di qualità. La testa conta sempre, come si sa, per carità, ma il buono lo si riscontra quando alla ricetta viene aggiunto un pizzico di creatività, una spolverata di passione e qualche grammo di cuore. E questo non lo si trova nei manuali delle “giovani marmotte”, ma nelle persone, solamente.

Questo conta per una organizzazione commerciale, dal mio personale punto di vista, più che il riempirsi la bocca di Plus e Benefit seduti ad un tavolo da meeting aziendale, mentre si decidono le sorti degli utenti.

Bastava leggere con attenzione la mia lettera a PI: chi si fosse “connesso” tra le righe avrebbe capito che non si trattava di uno sterile piagnisteo di un impotente, ma un appello a coloro che non si sentono uguali agli
altri… a venire alla luce e a trasformare il negativo in una opportunità.

Bene, è successo. C’è ancora spazio per l’ottimismo.

Accetto dunque con entusiasmo di entrare a far parte della schiera degli utenti di MC-link, augurandomi che tutto vada per il meglio in modo da rilassarmi come merito, tra le braccia sensibili e affettuose del “mio” ISP.

cordiali saluti
Mimmo Ferrara
(Napoli)

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

23 03 2006
Link copiato negli appunti