Samsung, truccati i test energetici sui televisori?

Il colosso sudcoreano avrebbe impiegato un sistema per alterare i risultati dei suoi televisori durante i test della UE sull'efficienza energetica. Un giochetto non dissimile da quello della Volkswagen? Tutto falso, risponde il produttore

Roma – Stando a quanto sostiene il Guardian , i televisori prodotti da Samsung sarebbero dotati di un “defeat device” pensato per modificare il consumo energetico dei dispositivi durante i test di laboratorio, un comportamento illegale che viene messo a confronto diretto con a quanto già emerso su Volkswagen nel caso delle emissioni fuori norma negli USA .

Stando a uno studio non ancora reso pubblico di ComplainTV , dice il quotidiano britannico, alcuni TV-set di Samsung contengono un funzionalità chiamata “motion lighting”, pensata per ridurre la luminosità del display nelle scene video concitate: a un livello di luminosità inferiore corrisponde un minor consumo di energia elettrica. I nuovi test evidenziano però come la funzionalità di motion lighting non si attivi in scenari di utilizzo “reali”, fatto che avrebbe come conseguenza un consumo energetico superiore a quello verificato nei laboratori e il potenziale intervento (commerciale e non) da parte dell’Unione Europea.

ComplainTV è solita pubblicare i risultati dei test sui livelli di efficienza energetica dei TV-set venduti nella UE senza però fornire indicazioni sui marchi controllati, mentre nella ricerca del database dell’organizzazione Samsung risulta essere perfettamente in conformità con i parametri di “ecoefficienza” stabiliti dalle autorità di Bruxelles.

Prevedibilmente, la risposta ufficiale del colosso asiatico alle accuse lanciate dalle pagine Web del Guardian rifiuta categoricamente la presenza di defeat device all’interno dei suoi televisori: motion lighting è una funzionalità attiva di default indipendentemente dall’uso o meno nei test di laboratorio, spiega Samsung, e si disabilita in automatico nel caso in cui l’utente modifichi la configurazione del display.

Si tratta quindi della proverbiale tempesta in un bicchiere d’acqua? Samsung ci tiene a dirsi irata per il paragone con le emissioni truccate delle auto Volkswagen, ma anche la corporation coreana non è nuova all’uso di “trucchi” per fare bella figura nei test di laboratorio come nel caso dei benchmark sui gadget mobile di qualche anno fa.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Funz scrive:
    Follia
    Avevo preso in considerazione Asus per il prossimo smartphone, e gli ho preso due tablet, principalmente per l'ottimo rapporto qualità/prezzo.Se adesso li imbottiscono di spazzatura MS, sicuramente la qualità calerà e il prezzo salirà.Arrivederci Asus, a quando ricomincerai a proporre prodotti buoni....
  • lorenzo scrive:
    Basta che siano disinstallabili ...
    come da oggetto ( e si spera senza permessi di root ) ... altrimenti sara' altra zavorra che si mangia memoria per nulla .
Chiudi i commenti