Sandbox regolamentare: Banca d'Italia, laboratorio Fintech

Sandbox regolamentare: Banca d'Italia, laboratorio Fintech

La Banca d'Italia intende costruire una sandbox entro la quale consentire al mondo di Fintech di sperimentare l'innovazione in ambito bancario.
La Banca d'Italia intende costruire una sandbox entro la quale consentire al mondo di Fintech di sperimentare l'innovazione in ambito bancario.

La Banca d'Italia ha pubblicato un avviso relativo ad un progetto destinato ad essere avviato all'inizio del prossimo anno: “La prima finestra temporale per presentare i progetti innovativi legati alla Sandbox regolamentare si chiuderà il 15 gennaio 2022“. Ma di cosa si tratta?

La sandbox regolamentare è un ambiente controllato dove intermediari vigilati e operatori del settore FinTech possono testareper un periodo di tempo limitatoprodotti e servizi tecnologicamente innovativi nel settore bancario, finanziario e assicurativo. La sperimentazione avverrà in costante dialogo con le autorità di vigilanza (Banca d'Italia, CONSOB e IVASS), potendo eventualmente beneficiare di un regime semplificato transitorio.

Innovazione nella sandbox

L'idea è estremamente interessante. Alla luce della difficoltà di far dialogare due ambiti che parlano lingue differenti, ma la cui coesistenza è fondamentale per l'economia e per l'innovazione dei suoi meccanismi, la Banca d'Italia ha voluto sostanzialmente creare un'area protetta e vigilata entro la quale consentire la sperimentazione di nuovi modelli, prodotti o progetti:

Attraverso lo strumento della sandbox, si persegue l'obiettivo di sostenere la crescita e l'evoluzione del mercato italiano grazie all'introduzione di modelli innovativi nel settore bancario, finanziario e assicurativo garantendo, al contempo, adeguati livelli di tutela dei consumatori e di concorrenza, preservando la stabilità finanziaria. Allo stesso tempo, le autorità responsabili per la regolamentazione potranno osservare le dinamiche dello sviluppo tecnologico e individuare gli interventi normativi più opportuni ed efficaci per agevolare lo sviluppo del FinTech, contenendo già in avvio la diffusione di potenziali nuovi rischi. Tramite la partecipazione alla sandbox, gli operatori possono testare prodotti e servizi innovativi in costante dialogo e confronto con le autorità di vigilanza, anche richiedendo eventuali deroghe normative nella fase di sperimentazione.

Il 15 gennaio si chiude la prima finestra di opportunità. Su questa pagina sono presenti tutte le indicazioni utili per quanti intendano accedere alla sandbox e far propria questa occasione. Pochi, ma chiari, i requisiti necessari:

  • l'attività è significativamente innovativa;
  • per le modalità con cui è prospettata richiede la deroga a norme emanate dalle autorità di vigilanza oppure per gli elementi di novità necessita di sperimentazione ed esame congiunto con l'autorità;
  • apporta valore aggiunto agli utenti finali, all'efficienza del sistema finanziario, etc.;
  • è in uno stato sufficientemente avanzato per la sperimentazione;
  • è sostenibile dal punto di vista economico e finanziario o comunque gode di copertura finanziaria adeguata.
Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

28 12 2021
Link copiato negli appunti