Satispay: un euro su due, tre pagamenti su quattro

Satispay cresce del 110% anno su anno sulla scia di pagamenti cashless non-NFC triplicati rispetto al 2018, in attesa dei dati di inizio 2020.
Satispay cresce del 110% anno su anno sulla scia di pagamenti cashless non-NFC triplicati rispetto al 2018, in attesa dei dati di inizio 2020.

Un euro ogni due euro di spesa, tre pagamenti ogni quattro pagamenti effettuati: sono questi i dati rilevati dall’Osservatorio Innovative Payments del Politecnico di Milano relativamente all’incidenza di Satispay nei pagamenti digitali non-NFC durante il 2019. Il dato è ovviamente eclatante e reso ancor più importante nella prospettiva della successiva evoluzione che il mercato ha vissuto a partire da inizio 2020.

Sempre più cashless

Il contesto è mutato fortemente: il pagamento cashless è ora preferibile per evitare contatti, per mantenere le distanze sociali e per ridurre le occasioni di prelievo in banca o al bancomat. Circola quindi meno contante perché diminuiscono gli acquisti e ci si concentra maggiormente su sistemi digitali, con questi ultimi che vedevano aumentare il transato già fino a triplicare rispetto al 2018. Complessivamente i pagamenti in digitale sono pari nel 2019 a 1,83 miliardi di euro:

di questi il volume transato attraverso sistemi non NFC (che quindi non sono collegati al modello tradizionale delle carte di credito come quelli offerti da Big Tech e produttori di hardware), è pari a 380 milioni di euro. Di questi, circa il 50% è passato da Satispay attraverso un numero di pagamenti pari a 12,5 milioni, che rappresentano il 74% del numero dei pagamenti totali del segmento non NFC

La crescita del gruppo nell’anno è del 110%, in attesa dei dati che potrà riconsegnare questo primo eccezionale trimestre del 2020, quando ogni abitudine di consumo è stata sconvolta e dove la penetrazione dei sistemi di pagamento digitale sta vivendo con ogni probabilità un picco senza precedenti.

I numeri sono importanti ma ancora di più lo sono i valori e le caratteristiche di semplicità, trasparenza, convenienza e indipendenza su cui Satispay fonda e si è presentata al mercato fin dal 2015. Sono questi gli elementi che in questa difficile fase ci stanno permettendo di portare un grande valore aggiunto ai negozianti con il nuovo servizio “Consegna e Ritiro” e ai cittadini in difficoltà con la distribuzione in alcuni comuni dei buoni spesa, senza contare la raccolta fondi a favore della Protezione Civile che ha superato il milione di euro nel nostro servizio Donazioni. Ogni giorno ci diciamo che Satispay deve sempre tendere a rendere il mondo migliore e questi sono esempi chiarissimi di quello che intendiamo e di cui andiamo fieri

Alberto Dalmasso, co-founder e CEO di Satispay,

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

15 04 2020
Link copiato negli appunti