Seagate bussa alla porta del mercato SSD

Il leader mondiale degli hard disk fa il suo ingresso nel mercato dei dischi a stato solido. Per il momento ha deciso di proporre drive di classe enterprise
Il leader mondiale degli hard disk fa il suo ingresso nel mercato dei dischi a stato solido. Per il momento ha deciso di proporre drive di classe enterprise

Con una mossa preannunciata da lungo tempo, Seagate ha debuttato sul mercato dei dischi a stato solido. Lo ha fatto lanciando Pulsar , la sua prima serie di SSD dedicata al mercato enterprise e, in modo particolare, ai server.

Seagate Pulsar “L’unità SSD Pulsar è stata progettata per soddisfare i requisiti di prestazioni, alimentazione, dimensioni e affidabilità dei produttori OEM per applicazioni server generiche e blade di classe enterprise”, si legge sul sito di Seagate.

Disponibili con capacità compresa fra 50 e 200 GB, gli SSD Pulsar hanno un formato di 2,5 pollici, utilizzano memorie NAND flash di tipo SLC (Single-Level Cell) e adottano un’interfaccia SATA 3Gbps con supporto a NCQ e funzione Trim. Le massime velocità di trasferimento dati sequenziali dichiarate da Seagate sono di 240 MB/s in lettura e di 200 MB/s in scrittura.

Ma il dato relativo alle performance che più interessa alle aziende è quello relativo al numero di operazione di input/output che un dispositivo di storage è in grado di gestire in secondo (IOPS): a tal proposito le specifiche dei Pulsar riportano 30mila IOPS in lettura e 25mila IOPS in scrittura. Come fa notare Ars Technica , il valore relativo alle operazioni in lettura è molto vicino a quello dell’X25M di Intel (35mila IOPS), mentre il valore in scrittura è decisamente superiore a quello fornito dall’unità di Intel (8600 IOPS). Ars giustifica questa differenza con il fatto che gli SSD di Intel utilizzano le più economiche e lente memorie MLC (Multi-Level Cell).

I Pulsar forniscono poi una tecnologia che protegge i dati da eventuali interruzioni dell’alimentazione: ciò consente agli utenti di avvalersi della cache in scrittura senza temere perdite accidentali dei dati in caso di black-out.

Attualmente Seagate vende i propri SSD esclusivamente agli OEM, ma non esclude la possibilità, in futuro, di introdurre tali drive anche sul mercato retail.

Alessandro Del Rosso

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Link copiato negli appunti