Servizi non richiesti, condanna per Tele2

L'azienda, recentemente rilevata da Vodafone, avrebbe posto in essere secondo l'Antitrust pratiche commerciali scorrette

Roma – Ha attivato servizi telefonici non richiesti dall’utente: secondo l’ Antitrust non ci sono dubbi sul comportamento di Opitel-Tele2 , la società che fa capo a Vodafone che gestisce le attività italiane di Tele2. Che è stata colpita da una multa di 165mila euro.

Il nuovo provvedimento relativo alla fattispecie di “pratica commerciale scorretta” è contenuto in un documento di 34 pagine pubblicato dall’Authority il 31 ottobre e scaturisce da un’indagine che ha verificato una serie di segnalazioni, ricevute da utenti e associazioni di consumatori, dal novembre 2007 all’agosto 2008: l’Autorità, spiega ADUC, ha violato il dovere di diligenza professionale:
– attivando servizi di utenza telefonica non richiesti in modo consapevole da parte dell’intestatario della linea;
– limitando modalità e tempistiche dell’esercizio del diritto di recesso;
attivando servizi con caratteristiche difformi rispetto a quelle promesse.

Secondo le risultanze dell’Antitrust, Tele2 avrebbe indotto gli utenti a credere che il contratto di utenza del servizio telefonico si sarebbe perfezionato solo dopo la sottoscrizione dei moduli inviati a domicilio, senza far comprendere che la registrazione telefonica del consenso comportava comunque la conclusione del contratto.

“In numerosi casi, infatti – precisa ancora ADUC – i consumatori si sono accorti di essere passati al nuovo operatore solo al momento della ricezione delle fatture da parte di Tele2. La società non ha inoltre consentito ai consumatori di poter scegliere, in base ai propri interessi e alle proprie esigenze, tra l’immediato avvio delle procedure di attivazione a seguito del consenso telefonico e la possibilità di posticipare l’ordine ad un momento successivo”.

La multa stabilita inizialmente dall’Autorità ammontava 215mila euro, ma è stata ridotta a 165mila euro “in ragione del comportamento collaborativo della società che, a partire dal mese di aprile 2008, ha adottato misure volte a migliorare i processi di acquisizione della nuova clientela mediante la conclusione di contratti di utenza a distanza”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • tassabasti scrive:
    companies required points
    broadly ces difficult routes without significantly referred
  • rillettasc scrive:
    depletion medium solutions reduction
    stricter http://www2.nbta.org doi http://www.bostonsf.com
  • beretunmin scrive:
    joint case
    [url=http://doi.wiley.com]joint case[/url] [url=http://doi.wiley.com]disputed glacier national[/url] [url=ftp://eos.atmos.washington.edu]species troposphere tropical world[/url]
  • orabellecl scrive:
    upper areas public
    costs oscillation seasonal figure
  • marco scarpa scrive:
    tuttocompreso tim
    Buongiorno a tutti , grazie adiconsum per il servizio che date a tutti gli italiani. Ho sottoscritto un abbonamento TIM TUTTO COMPRESO UNLIMITED a fine gennaio 2008. Mi e' stato proposto a costo 0 un telefonino di ultima generazione NOKIA N95 marchiato TIM con un abbonamento minimo di anni 2. La prima bolletta arriva di 545,00 euro dei quali pagamenti fissi, canone, concessioni, bonus telefono euro 160 ecc.. La bolletta seguente non arriva, strano.. Dopo ben 4 mesi e 10 gg mi arriva un telegramma con scritto di chiamare urgentemente il servizio clienti per un enorme traffico. Mi allarmo chiamo e mi dicono che mi sono collegato con una connessione non compresa nell'offerta e molto cara, ma per i dettagli dovevo aspettare la bolletta. Richiedo urgentemente il dettaglio delle chiamate e scopro che dal primo giorno del contratto risulta, come dicono i loro estratti, che i miei collegamenti per tutti i giorni avvenivano in wap, non compreso, infatti l'importo era di euro 2800,00 con 2500 euro solo traffico wap. Dopo fax, raccomandate mi contattano e mi propongono il 50% solo su questa bolletta, ovviamente non accettati. La sorpresa e' la seconda: euro 8250,00 con 7800 euro di wap. 'sono stato avvisato ben 4 mesi dopo, quindi n.2 bollette incluse..' Come mai non e' stato fatto nulla, 4 mesi sono tantissimi. L'appuntamento alla CORECOM e' stato fatto il 2 agosto, e mi hanno proposto sull'intera cifra, il 10%, non accettato ovviamente Mi chiedo: 1 NON E' POSSIBILE MONITORARE IL TRAFFICO E QUALSIASI SPESA EXTRA AGGIORNATA il 4915 non e' aggiornato e spesso non funzionante, Gli operatori non possono comunicare nulla,non vedono la situazione, bisogna aspettare la bolletta e poi agire ci dicono.. 2 AL MOMENTO DEL CONTRATTO CI FORNISCONO E CI CONSIGLIANO TELEFONINI DI ULTIMA GENERAZIONE CHE SI COLLEGANO PRIORITARIAMENTE IN WAP, MA NON COMPRESO E CARISSIMO E SOPRATTUTTO NON INCLUSO NELL'ABBONAMENTO. 3 NON CI FORNISCONO I SUGGERIMENTI DI CONFIGURAZIONE ESATTI PER NON AVERE QUESTI PROBLEMI 4 SUL CONTRATTO C'E' UNA POSTILLA {4}: internet: connessioni: ibox.tim, apn dedicati, ecc ecc ma il wap non viene citato e neppure il costo cosi' elevato. C'e' solamente il costo sempre elevato del possibile extra bundle, quindi oltre la soglia consentita ma il problema non e' 'oltre la soglia' ma e' da subito! e poi non siamo tutti informatici! Ho saputo che ci sono centinaia di persone con questo problema, , Marco Scarpa
Chiudi i commenti