Smartbook con la S maiuscola

L'azienda tedesca omonima difende il suo marchio registrato da ogni forma di volgarizzazione. Arrivando a dichiarare guerra a siti e blogger

Roma – Continua la battaglia legale tedesca a difesa del marchio smartbook : dopo aver avuto riconoscimento dei suoi diritti da parte di un tribunale circa l’utilizzo del termine, e la conseguente condanna subita da Qualcomm diffidata dall’utilizzare il marchio legittimamente registrato, la titolare Smartbook AG attacca blogger e riviste di tutto il mondo. Starebbero utilizzando impropriamente il termine per definire una via di mezzo fra uno smartphone e un netbook.

La prima lettera di diffida è arrivata a netbooknews , con riferimento al suo sito tedesco. Ma EE Times ha già fatto sparire qualsiasi riferimento alla parola: è stato eliminato anche un articolo che parlava proprio dell’argomento di cui rimane solo una traccia nella ricerca (che però non porta a nulla).

L’azienda tedesca sembra che stia cercando di far propria l’esperienza di Psion, la società che riteneva di detenere legittimamente l’esclusiva sul termine registrato “netbook”: alla fine ha trovato un accordo con Intel e “netbook” rimane un termine di uso comune . Non è riuscita, in pratica, a difendere il suo marchio effettivamente registrato dalla volgarizzazione: l’eventualità cioè che un termine registrato diventi denominazione generica di un prodotto o servizio, perdendo così la sua capacità distintiva e determinando la decadenza del marchio.

Smartbook AG si prepara così al suo esordio internazionale , da un lato espandendo la sua esportazione e dall’altro estendendo la registrazione del marchio, che infatti è già stato depositato presso l’Organizzazione Mondiale della Proprietà Intellettuale. Con l’intenzione dichiarata di voler concedere in licenza il marchio Smartbook a chi è pronto a sedersi al tavolo delle trattative.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • pippuz scrive:
    interrogativo inquietante
    Ammesso e non conXXXXX che gli sms siano veri, sarebbe da capire chi, come e perché ha intercettato gli utenti. Una risposta banale e superficialotta potrebbe essere Echelon (o parenti stretti), ma in questo caso la vedo difficile che passino notizie a quelli di wiki leaks...idee?
    • Riccardo scrive:
      Re: interrogativo inquietante
      No macchè!E' tutto in chiaro...Leggendo l'articolo inglese si capisce tutto. Spiegano pure come hanno fatto ad intercettarli.Sono messaggi non criptati trasmetti via onde radio che chiunque con 3 euro di materiale può intercettare.Un po come i vecchi telefoni cellulare TACS.
      • uranio scrive:
        Re: interrogativo inquietante
        Più semplicemente saranno i backup che qualche impiegato ha messo in rete.
        • poiuy scrive:
          Re: interrogativo inquietante
          - Scritto da: uranio
          Più semplicemente saranno i backup che qualche
          impiegato ha messo in
          rete.Considerando che tutti i nostri SMS sono per legge conservati un po' di anni, direi che la tua è l'ipotesi più sensata...
          • A s d f scrive:
            Re: interrogativo inquietante
            - Scritto da: poiuy
            - Scritto da: uranio

            Più semplicemente saranno i backup che qualche

            impiegato ha messo in

            rete.
            Considerando che tutti i nostri SMS sono per
            legge conservati un po' di anni, direi che la tua
            è l'ipotesi più
            sensata...FIGO! Posso riciclarmi i messaggi che mandavo alla mia ex?
          • pazzo scrive:
            Re: interrogativo inquietante
            - Scritto da: A s d f
            - Scritto da: poiuy

            - Scritto da: uranio


            Più semplicemente saranno i backup che qualche


            impiegato ha messo in


            rete.

            Considerando che tutti i nostri SMS sono per

            legge conservati un po' di anni, direi che la
            tua

            è l'ipotesi più

            sensata...

            FIGO!
            Posso riciclarmi i messaggi che mandavo alla mia
            ex?Non dirmi che ci hai creduto (geek)
          • poiuy scrive:
            Re: interrogativo inquietante
            http://punto-informatico.it/1028066/PI/Commenti/data-retention-ora-italia-che-fara.aspx
          • poiuy scrive:
            Re: interrogativo inquietante
            http://www.civile.it/interneT/visual.php?num=68159
          • Ymmhaks scrive:
            Re: interrogativo inquietante
            La data retention a cui fai riferimento si riferisce ai dati del traffico, non al contenuto del traffico!
          • poiuy scrive:
            Re: interrogativo inquietante
            Vero.Ero convinto che per gli sms mantenessero il testo (e wikileaks ha appena dimostrato che viene fatto), ma la legge non lo impone.Pardon, errore mio...
          • zidagar scrive:
            Re: interrogativo inquietante
            Non è detto che vengano conservati, e tantomeno che i gestori di allora abbiano conservato tutti quei messaggi.È invece molto più probabile che i dati siano stati sniffati dato che la rete utilizzata non era molto affidabile, un po' come GSM.Fatto sta che attorno all'11 Settembre c'è molta nebbia...troppa..
      • Funz scrive:
        Re: interrogativo inquietante
        - Scritto da: Riccardo
        No macchè!
        E' tutto in chiaro...
        Leggendo l'articolo inglese si capisce tutto.
        Spiegano pure come hanno fatto ad
        intercettarli.
        Sono messaggi non criptati trasmetti via onde
        radio che chiunque con 3 euro di materiale può
        intercettare.
        Un po come i vecchi telefoni cellulare TACS.Ok sappiamo come, ma vorremmo sapere chi, perchè, per quanto tempo.
    • DarkOne scrive:
      Re: interrogativo inquietante
      - Scritto da: pippuz
      Ammesso e non conXXXXX che gli sms siano veri,
      sarebbe da capire chi, come e perché ha
      intercettato gli utenti. Una risposta banale e
      superficialotta potrebbe essere Echelon (o
      parenti stretti), ma in questo caso la vedo
      difficile che passino notizie a quelli di wiki
      leaks...idee?Ma qui ci siamo tutti scordati di Echelon? Forse in pochi l'hanno letto, ma il famigerato servizio di spionaggio esisteva davvero e ne è stata comandata la distruzione di tutte le registrazioni (non mi va di cercare links, l'ho letto su repubblica qualche mese fa).La notizia è passata talmente tanto in sordina che solo pochi giornali l'hanno pubblicato e in TV, guarda un pò, non se ne è proprio sentito parlare.Tutto ciò per dire che non penso sia assurdo ritenere che stessero monitorando e registrando anche negli USA tutto di tutti, visto che comunque ce l'hanno a vizietto peggio dei nostrani...
      • pippuz scrive:
        Re: interrogativo inquietante

        Ma qui ci siamo tutti scordati di Echelon? a me pare di averlo scritto, Echelon... solo non mi convince che possa esserci un legame (e l'interesse) con wiki leaks...
  • pippuz scrive:
    per la redazione
    Se si utilizza una sigla per dare un riferimento dell'orario degli avvenimenti, che almeno questa sia corretta, altrimenti meglio non metterla. Le ore indicate non sono, come scritto, GMT (Greenwich Mean Time), ma bensì ora locale (di NY, naturalmente, ovverosia GMT -5).
  • poggi scrive:
    commento
    no comment
Chiudi i commenti