Sony: no a un'altra guerra dei DVD

Per evitare una nuova guerra tra formati DVD, Sony, che promuove Blu-ray, si è detta disposta ad aprire un dialogo con i promotori dello standard rivale HD DVD. Ma ci sono le premesse?


Tokyo (Giappone) – “Prima di farci la guerra, parliamone”. Questa la sostanza del messaggio che Sony ha voluto lanciare ai promotori dello standard HD DVD, un formato che si pone in diretta competizione con la tecnologia Blu-ray abbracciata dal colosso giapponese.

“Nell’ottica di fornire ai consumatori il miglior servizio, un formato è meglio di due”, ha affermato Yukinori Kawauchi, general manager del Video Group di Sony. “Per tale motivo siamo aperti alla discussione”.

Ma Kawauchi ha ammesso che, al momento, non c’è alcuna proposta concreta per avvicinare le posizioni, e soprattutto le tecnologie, delle diverse fazioni in “lotta”.

Ammesso che Sony voglia effettivamente assumersi il ruolo di mediatrice, il compito di unire i due attuali formati DVD di nuova generazione in un solo standard appare ai più decisamente utopistico: non solo gli interessi in gioco sono enormi, e ognuna delle due parti in causa può già vantare l’appoggio di alcuni colossi di Hollywood, ma le tecnologie sono assai diverse fra loro. Assai di più di quanto lo siano, ad esempio, quelle alla base dei formati rivali DVD-R/RW e DVD+R/RW.

Il consorzio delle aziende che promuovono Blu-ray comprende, oltre a Sony, Hitachi, LG Electronics, Matsushita, Pioneer, Philips, Samsung, Sharp, e Thomson. HD DVD viene invece promosso dal DVD Forum e si basa su specifiche originariamente sviluppate da NEC e Toshiba con il nome di Advanced Optical Disc. La tecnologia alla base di Blu-ray è più complessa e sofisticata, ma permette di raggiungere capacità teoriche superiori ai 500 GB per singolo disco. Al contrario, HD DVD punta meno sulla capacità massima di storage e più sulla compatibilità con l’attuale tecnologia DVD a laser rosso.

Con i dischi Blu-ray da 25 GB già sul mercato, e con quelli da 50 GB sulla linea di partenza, di recente Sony ha anticipato di essere al lavoro su supporti da 200 GB: una capacità che verrà raggiunta con l’adozione di 8 layer. I supporti HD DVD hanno invece un taglio, al momento, di 25 GB.

Alla fine di novembre cinque fra i più grandi studios americani hanno pubblicamente abbracciato lo standard HD DVD. Blu-ray può invece vantare l’appoggio di Buena Vista Home Entertainment, del gruppo Disney, e di Studio MGM e Sony Pictures, che sono però entrambe del gruppo Sony (che spinge, come detto, Blu-ray).

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Re: mandrake un mare di sw, xp scatola v
    uhm... dunque, se la ms include nel suo sistema un lettore multimediale e un browser, allora è concorrenza sleale, se non include niente, allora vi arrabbiate comunque, ma perché ho il sospetto che aprite bocca solo per dargli fiato?
    • Anonimo scrive:
      Re: mandrake un mare di sw, xp scatola v
      - Scritto da: Anonimo
      uhm... dunque, se la ms include nel suo sistema
      un lettore multimediale e un browser, allora è
      concorrenza sleale, se non include niente, allora
      vi arrabbiate comunque, ma perché ho il sospetto
      che aprite bocca solo per dargli fiato?
      Si chiamo invidia :)
  • Anonimo scrive:
    cerco una distro linux
    che sia piccola da scaricare (uno-max 2 CD). Esiste una distro facile e che occupi poco spazio?
    • Anonimo scrive:
      Re: cerco una distro linux
      - Scritto da: Anonimo
      che sia piccola da scaricare (uno-max 2 CD).
      Esiste una distro facile e che occupi poco spazio?Direi che ubuntu va bene.Il massimo è la netinstall di debian, installazione minimale con una iso di circa 150Mb e poi il resto te lo prendi tu dai repository, quello che ti serve con la scelta dei pacchetti.Ovvio che in questo caso però dovresti avere una adsl, per aggiornare in tempi accettabili.In caso contrario, i bei pacconi da 3 cd in edicola forse sono la scelta migliore, così hai da scaricare il meno possibile.
    • Anonimo scrive:
      Cerco una distro facile: SUSE 9.3!!!!!
      - Scritto da: Anonimo
      che sia piccola da scaricare (uno-max 2 CD).
      Esiste una distro facile e che occupi poco spazio?Prova con l' ottima e facilissima (anche per quanto riguarda gli aggiornamenti) SUSE Linux 9.3 live dvd:http://distrowatch.com/?newsid=02555#0 http://www.suseitalia.org/modules/news/article.php?storyid=139 P.S. Tra un mese circa molto probabilmente la troverai anche in edicola....
  • Anonimo scrive:
    Re: mandrake un mare di sw, xp scatola v
    ecco un altro trollaro di Microsoft.
    • Anonimo scrive:
      Re: mandrake un mare di sw, xp scatola v
      - Scritto da: Anonimo
      ecco un altro trollaro di Microsoft.http://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=965785&tid=965290&p=2#965785ecco la dimostrazione di quel che dicevo alla fine di questo postparlare con i fan linux è impossibile, si incappa sempre nel saputello di turno
      • Anonimo scrive:
        Re: mandrake un mare di sw, xp scatola v
        - Scritto da: Anonimo
        parlare con i fan linux è impossibile, si incappa
        sempre nel saputello di turnoFammi capire, tu dai del malato mentale a qualcuno e poi hai anche il coraggio di offenderti quando, ovviamente, ti viene risposto per le rime?Come volevasi dimostrare, parlare con i trolletti è inutile.Bye, Luca
        • Anonimo scrive:
          Re: mandrake un mare di sw, xp scatola v
          - Scritto da: Segfault
          - Scritto da: Anonimo

          parlare con i fan linux è impossibile, si
          incappa

          sempre nel saputello di turno

          Fammi capire, tu dai del malato mentale a
          qualcuno e poi hai anche il coraggio di
          offenderti quando, ovviamente, ti viene risposto
          per le rime?

          Come volevasi dimostrare, parlare con i trolletti
          è inutile.

          Bye,
          LucaNo, caro Luca, non hai capito.Rileggiti bene quello che ho scritto.
          • Anonimo scrive:
            Re: mandrake un mare di sw, xp scatola v
            - Scritto da: Anonimo
            No, caro Luca, non hai capito.
            Rileggiti bene quello che ho scritto.Invece ho capito benissimo, caro Trolletto.Bye, Luca
          • Anonimo scrive:
            Re: mandrake un mare di sw, xp scatola v
            - Scritto da: Segfault
            - Scritto da: Anonimo

            No, caro Luca, non hai capito.

            Rileggiti bene quello che ho scritto.

            Invece ho capito benissimo, caro Trolletto.

            Bye,
            Lucacapisci sempre tutto al volo tuquello che insinuava che ci dovevano essere motivi SERI per usare win era l'autore del thread, non ioal che io, visto l'evidente tono del post, mi sono chiesto se per caso per lui fossero l'infermità mentale del winuser, ed ho poi motivato con un link il motivo per cui uso winil tutto senza dare del troll a nessuno, e nemmeno del malato mentale a nessuno, cosa che ai linuxari non riesce propriosiam tutti troll qui, tranne te naturalmente, solo che ti confondi un po' troppo spessohttp://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=965993&tid=965366&p=1#965993stammi beneadios
  • Anonimo scrive:
    Re: ale', linux in spagna: 10.000 deskto
    e vedrai che continuera' ad espandersi :-)Queste sono le notizie che voglio sentire.Del resto tutti i giorni vedo da parte di professionisti e utenti (non utonti) una migrazione verso *un* sistema operativo decente.Saluti
  • Anonimo scrive:
    comprensibili preoccupazioni winers
    Nesssuno, proprio nessuno, è disposto apensare che devono essere persi posti dilavoro in aziende efficenti a causa dell'ossa danno di programmatori, tecnici, etc.Faccio pero notare che esistono delle priorità.La pa non può affidare la sua struttura informaticaa un'unica azienda, tra l'altro condannata perabuso di posizione monopolista, sul sw dellaquale non ha nessun controllo. Ecco perchétante pa stanno migrando a software a codiceaperto, per elementari ragioni di sicurezza, enon sarà certo il c.d. shared source che rallenterà questa tendenza. Un paese moderno ha bisogno di promuovere lo sviluppo di un'industria informatica nello stessomodo in cui avveniva cent'anni fa con l'industriaautomobilistica. Non si può pensare di azzerarequalsiasi possibilità di sviluppo del settore perfavorire, ancora, il monopolio di una multinazionaleQuest'industria, che in europa conta milioni di piccolee medie aziende, deve crescere, creare posti dilavoro, tecnologie indipendenti, non essere schiacciatadefinitivamente per gli interessi di alcune grandi corporation extra-europee e dei loro monopoli.Cosi si comportano tutti, in tutto il mondo, com'èovvio che sia: a nessuno piace rimanere semplicecompratore e l'Europa ha le risorse per produrree promuoverle è un dovere a tutti i livelli.Questo, mentre fino a pochi anni fa eraquasi impensabile, ora si può fare grazie al swaperto di cui l'Europa è già grande produttrice.Se si pensa alla migrazione di decine di migliaia di macchine, qual'è avvenuta in citta come Vienna esta per avvenire a Monaco, difficilmente si può sostenere che non vengono creati posti di lavoroe non si sviluppano aziende locali. Ci sarà sicuramente un ricambio di fornitori, ma è ovvio che saranno più i posti creati. Installazioni,personalizzazioni, manutenzione, formazione, progettazione, tutto è in mano a personale internoe ad aziende locali: sistema operativo, suite per ufficio,insomma strumenti di base, gia ora non sono sviluppati con risorse locali, e il risparmio è dunquecompleto e non pregiudica l'occupazione, anzi laespande. Il risultato è che queste amministrazioniavranno creato occupazione locale e avranno realizzato un'infrastruttura sicura sulla quale hannoun controllo diretto.Quanto all'Italia, secondo me i tecnici windows non hanno a breve termine molto da preoccuparsi. Siamomolto indietro rispetto a paesi come la germania.La percentuale d'uso di windows in italia è ancorabulgara, la piu elevata al mondo, piu di quella neglistessi usa. In germania apache è usato al 91%, IIS al 6%, in Italia il primo al 49 il secondo al 47,tanto per fare un es. Tuttavia, se restiamoin Europa, e questo è tutto da vedere, visto che negliultimi anni abbiamo fatto molto per andare control'Europa, che ora non credo sia disposta a perdonarcigranché, specie lo sforamento dei parametri di debitoancorché allargati, beh, la tendenza generale è perlo sviluppo di tecnologie indipendenti basate su sistemiaperti, come succede ormai in mezzo mondo, cina,giappone e brasile inclusi. Quindi, nella migliore dellaipotesi (italia che riesce a rimanere in europa) è probabile che si segua questa tendenza europea.Spero di non aprire flame.Se ho detto sciocchezze, fatemelo notare concontroargomenti.Ciao
    • Anonimo scrive:
      Re: comprensibili preoccupazioni winers

      La pa non può affidare la sua struttura
      informatica
      a un'unica azienda, tra l'altro condannata per
      abuso di posizione monopolista, sul sw della
      quale non ha nessun controllo. Ecco perché
      tante pa stanno migrando a software a codice
      aperto, per elementari ragioni di sicurezza, e
      non sarà certo il c.d. shared source che
      rallenterà questa tendenza.

      Un paese moderno ha bisogno di promuovere
      lo sviluppo di un'industria informatica nello
      stesso
      modo in cui avveniva cent'anni fa con l'industria
      automobilistica. Non si può pensare di azzerare
      qualsiasi possibilità di sviluppo del settore per
      favorire, ancora, il monopolio di una
      multinazionale
      Quest'industria, che in europa conta milioni di
      piccole
      e medie aziende, deve crescere, creare posti di
      lavoro, tecnologie indipendenti, non essere
      schiacciata
      definitivamente per gli interessi di alcune
      grandi
      corporation extra-europee e dei loro monopoli.
      Cosi si comportano tutti, in tutto il mondo, com'è
      ovvio che sia: a nessuno piace rimanere semplice
      compratore e l'Europa ha le risorse per produrre
      e promuoverle è un dovere a tutti i livelli.
      Questo, mentre fino a pochi anni fa era
      quasi impensabile, ora si può fare grazie al sw
      aperto di cui l'Europa è già grande produttrice.

      Se si pensa alla migrazione di decine di migliaia
      di
      macchine, qual'è avvenuta in citta come Vienna e
      sta per avvenire a Monaco, difficilmente si può
      sostenere che non vengono creati posti di lavoro
      e non si sviluppano aziende locali. Ci sarà
      sicuramente un ricambio di fornitori, ma è ovvio
      che saranno più i posti creati. Installazioni,
      personalizzazioni, manutenzione, formazione,
      progettazione, tutto è in mano a personale interno
      e ad aziende locali: sistema operativo, suite per
      ufficio,
      insomma strumenti di base, gia ora non sono
      sviluppati con risorse locali, e il risparmio è
      dunque
      completo e non pregiudica l'occupazione, anzi la
      espande. Il risultato è che queste amministrazioni
      avranno creato occupazione locale e avranno
      realizzato un'infrastruttura sicura sulla quale
      hanno
      un controllo diretto.

      Quanto all'Italia, secondo me i tecnici windows
      non
      hanno a breve termine molto da preoccuparsi. Siamo
      molto indietro rispetto a paesi come la germania.
      La percentuale d'uso di windows in italia è ancora
      bulgara, la piu elevata al mondo, piu di quella
      negli
      stessi usa. In germania apache è usato al 91%,
      IIS al 6%
      91%!!!!Uno schifo per chi odia i monopoli, veramenteuna percentuale d'uso bulgara, la più elevata del mondo., in Italia il primo al 49 il secondo al
      47,
      tanto per fare un es. Tuttavia, se restiamo
      in Europa, e questo è tutto da vedere, visto che
      negli
      ultimi anni abbiamo fatto molto per andare contro
      l'Europa, che ora non credo sia disposta a
      perdonarci
      granché, specie lo sforamento dei parametri di
      debito
      ancorché allargati, beh, la tendenza generale è
      per
      lo sviluppo di tecnologie indipendenti basate su
      sistemi
      aperti, come succede ormai in mezzo mondo, cina,
      giappone e brasile inclusi. Quindi, nella
      migliore della
      ipotesi (italia che riesce a rimanere in europa)
      è probabile che si segua questa tendenza europea.

      Spero di non aprire flame.
      Se ho detto sciocchezze, fatemelo notare con
      controargomenti.

      Ciao
      Ti dichiari contro i monopoli e lodi la germania per un91%. Fai te.
      • Opera scrive:
        Re: comprensibili preoccupazioni winers
        e subito arriva il troll a quanto pare.
      • Anonimo scrive:
        Re: comprensibili preoccupazioni winers
        - Scritto da: Anonimo
        Ti dichiari contro i monopoli e lodi la germania
        per un
        91%. Fai te.Ci sono due cose che non ti sono chiare:1) Il concetto di Monopolio2) Il concetto di QuotareBye, Luca
        • Anonimo scrive:
          Re: comprensibili preoccupazioni winers

          Ci sono due cose che non ti sono chiare:
          1) Il concetto di Monopolio
          2) Il concetto di Quotare

          Bye,
          Luca
          Molto costruttivo.
  • bugybugy scrive:
    Re: Mandriva in Brasile Debian a Monaco
    Oh mio dio!!!Cosa hai fatto...hai osato citare un fonte vere a propria ai winlooser più accaniti!!Senz'altro ora sarai ricoperto di insulti, senza nessuna tematica di replica tecnica se non che io sviluppo directx e in linux non posso, io adoro VBsrcipt e JScript e tutto il resto è cacca...Ogni OS ha il suo ramo applicativo, non ci vedo nulla di male...sono io il primo a riconoscere che sotto alcuni particolari aspetti la scelta di una piattaforma Windows based può essere vantaggiosa, ma proprio non capisco questo muro di gomma per cui le alternative sono schifezze!! Secondo molti, mi pare di capire, un software va pagato, preso ESCLUSIVAMENTE black box, inseriti degli input e poi arrivare a degli output...C'è qualcuno che la pensa differentemente? fa niente, è un povero cannaiolo da centro sociale, cantinaro, linaro rozzo appestato....Mah, proprio non capisco!
    • Anonimo scrive:
      calunniare non basta più...

      Neanche io questa voglio di far lavorare
      la gente gratisTra tutti i sistemisti e programmatoriLinux che conosco, nessuno, proprio nessuno, lavora gratis.Alcuni di loro mantengono pacchetti debian,impegno di alcune ore alla settimana, altripartecipano allo sviluppo di pacchetti debian,(altri ancora sono piuttosto disimpegnati, forsea torto), ma in cambio di questo tutto sommato piccoloimpegno possono proporre ai loro clienti un interosistema a costo zero o personalizzazioni sullabase di pacchetti gratuiti fatte con strumentigratuiti. Secondo te questo è lavoraregratis ? Forse non hai ancora capito cos'è l'oss:una collaborazione a livello mondiale tra addettiai lavori per sviluppare strumenti di lavoroliberamente utilizzabili senza essere nelle manidelle grandi aziende. Nessuno credeva che unametolodogia del genere potesse funzionare. Oratutti sono costretti a ricredersi e molti sono prontia calunniare il duro lavoro di collaborazione fattoper anni da persone che volevano crearsi la propriapiattaforma professionale. Mi dispiace, calunniare nonbasta, bisogna essere competitivi.
  • Anonimo scrive:
    Mandriva LE 2005
    Auguri ! :-)
  • Anonimo scrive:
    Re: mandrake un mare di sw ridondante
    va a lavura accattone, che devi pagare lelicenze
  • Anonimo scrive:
    Il nuovo so del Brasile, Mandriva
    Mandriva, ex Conectiva, è il nuovo sistemaoperativo del Brasile. Mandrake, ottima distrodesktop, più Conectiva, ottima distro orientataalla rete. La concorrenza, il giustamente battezzatoXP Edizione per Pezzenti, che offre la bellezza di tre task concorrenti, fa davvero schifo. Solo mentimalate potevano inventarsi un simile obbrobrio.Che schifo. Alla faccia del digital divide ! Un sistemaoperativo tagliato su misura per ghettizzare.Forse pero andrebbe bene per qualche trolleggianteitaliota che circola da queste parti.
    • Anonimo scrive:
      Re: Il nuovo so del Brasile, Mandriva
      - Scritto da: Anonimo
      Mandriva, ex Conectiva, è il nuovo sistema
      operativo del Brasile. Mandrake, ottima distro
      desktop, più Conectiva, ottima distro orientata
      alla rete.ottimo, è la notizia che aspettavo da mesi.Un link?
      • Anonimo scrive:
        Re: Il nuovo so del Brasile, Mandriva
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        Mandriva, ex Conectiva, è il nuovo sistema

        operativo del Brasile. Mandrake, ottima distro

        desktop, più Conectiva, ottima distro orientata

        alla rete.

        ottimo, è la notizia che aspettavo da mesi.
        Un link?Un link su cosa? La notizia dell'acquisizione da parte di Mandrake di Conectiva? Sono certo che se metti su google queste due parole ne trovi a bizzeffe.Bye, Luca
        • Anonimo scrive:
          Re: Il nuovo so del Brasile, Mandriva
          - Scritto da: Segfault

          - Scritto da: Anonimo



          - Scritto da: Anonimo


          Mandriva, ex Conectiva, è il nuovo sistema


          operativo del Brasile. Mandrake, ottima distro


          desktop, più Conectiva, ottima distro
          orientata


          alla rete.



          ottimo, è la notizia che aspettavo da mesi.

          Un link?

          Un link su cosa? La notizia dell'acquisizione da
          parte di Mandrake di Conectiva? Sono certo che se
          metti su google queste due parole ne trovi a
          bizzeffe.Perchè perdere tempo su un motore di ricerca quando basta leggere l'articolo ?
          • Anonimo scrive:
            Re: Il nuovo so del Brasile, Mandriva
            - Scritto da: Anonimo
            Perchè perdere tempo su un motore di ricerca
            quando basta leggere l'articolo ?Allora, a parte che il link è già presente nell'articolo stesso (e porta ad un altro articolo di PI sullo stesso argomento)... perché dovrei farti il lavoro (che è già semplice di suo) io? O ritieni che io sia più bravo ad usare google di te?Bye, Luca
          • Anonimo scrive:
            Re: Il nuovo so del Brasile, Mandriva
            - Scritto da: Segfault

            - Scritto da: Anonimo

            Perchè perdere tempo su un motore di ricerca

            quando basta leggere l'articolo ?

            Allora, a parte che il link è già presente
            nell'articolo stesso (e porta ad un altro
            articolo di PI sullo stesso argomento)... perché
            dovrei farti il lavoro (che è già semplice di
            suo) io? O ritieni che io sia più bravo ad usare
            google di te?Appunto... era quello che intendevo io... (non sono stato io a fare la domanda...)
          • Anonimo scrive:
            Re: Il nuovo so del Brasile, Mandriva
            - Scritto da: Anonimo
            Appunto... era quello che intendevo io... (non
            sono stato io a fare la domanda...)Ah ok, avevo capito una cosa diversa, scusa.Ciao, Luca
          • Anonimo scrive:
            Re: Il nuovo so del Brasile, Mandriva
            - Scritto da: Segfault
            - Scritto da: Anonimo

            Appunto... era quello che intendevo io... (non

            sono stato io a fare la domanda...)

            Ah ok, avevo capito una cosa diversa, scusa.

            Ciao,
            Luca
            Tranquillo rispondere prima di leggere è normale.
        • Anonimo scrive:
          Re: Il nuovo so del Brasile, Mandriva
          - Scritto da: Segfault

          - Scritto da: Anonimo



          - Scritto da: Anonimo


          Mandriva, ex Conectiva, è il nuovo sistema


          operativo del Brasile. Mandrake, ottima distro


          desktop, più Conectiva, ottima distro
          orientata


          alla rete.



          ottimo, è la notizia che aspettavo da mesi.

          Un link?

          Un link su cosa? La notizia dell'acquisizione da
          parte di Mandrake di Conectiva? no, sul riconoscimento ottenuto da Mandriva quale SO ufficiale brasiliano
  • Anonimo scrive:
    Installazione semplicissima !! GRANDE !!
    Eccezzionale ! Non avrei mai creduto che potesseessere cosi facile installare linux, o un sistema ingenerale. In 20 minuti tutto installato e configurato,adsl compresa, su un sempron 2400+.Openoffice, firefox, thunderbird, kontact, gimp, k3b, e tantissimi altri programmi gia pronti: incredibile !Per fare lo stesso con XP ci si mettono 3 ore e si ha un terzo di roba pagata carissima !!Non ho parole ! GRANDE !!!
    • Anonimo scrive:
      Re: Installazione semplicissima !! GRANDE !!
      - Scritto da: Anonimo
      Eccezzionale ! Non avrei mai creduto che potesse
      essere cosi facile installare linux, o un sistema
      in
      generale. In 20 minuti tutto installato e
      configurato,peccato che la scheda video va a carbone e il modem non fungerà mai
      adsl compresa, su un sempron 2400+.
      Openoffice, firefox, thunderbird, kontact, gimp,
      k3b, e
      tantissimi altri programmi gia pronti:
      incredibile !incredibile sti linari, oramai rasentate il ridicoloperò devo ammeterlo, mi fate anche un po' tenerezza... in fondo siete ancora tutti degli adolescenti
      Per fare lo stesso con XP ci si mettono 3 ore
      e si ha un terzo di roba pagata carissima !!ok, e ora che ci fai con tutta quella merda inutile?
      Non ho parole ! GRANDE !!!nemmeno io
      • Anonimo scrive:
        Re: Installazione semplicissima !! GRANDE !!

        ok, e ora che ci fai con tutta quella merda inutile?come disse il papa alla tua mamma nel momentodel lieto evento neonatale
      • Anonimo scrive:
        Re: Installazione semplicissima !! GRANDE !!
        Come perdere tempo a rispondere a messaggi palesemente stupidi:
        peccato che la scheda video va a carbone e il
        modem non fungerà maiIl modem funge e se e' ethernet ci vogliono 3 click.La scheda video funge, l'ho testata con tuxracer, quindi funge.

        adsl compresa, su un sempron 2400+.

        Openoffice, firefox, thunderbird, kontact, gimp,

        k3b, e

        tantissimi altri programmi gia pronti:

        incredibile !

        incredibile sti linari, oramai rasentate il
        ridicoloRidicolo trovare gran parte dello scibile nella distro scaricata e pronto, se uno vuole, per essere installato insieme alla distro stessa con risparmio incredibile di tempo? Non ci si crede vero? Indovina perche' e' cosi' difficile crederlo senza averlo mai provato.
        però devo ammeterlo, mi fate anche un po'
        tenerezza... in fondo siete ancora tutti degli
        adolescentiHai presente Il fanciullino, di Giovanni Pascoli.

        Per fare lo stesso con XP ci si mettono 3 ore

        e si ha un terzo di roba pagata carissima !!

        ok, e ora che ci fai con tutta quella m*a
        inutile?Perche' con quella inutile di w$ che hai pagato che ci fai? Personalmente io amo la natura incontaminata dove il silicio scivola tra le dita perdendosi nel vento e non ci sono troll che postano volgarita' per sfogare la loro insicurezza e i loro complessi d'inferiorita' nei confronti della semplice voglia di curiosita' altrui.

        Non ho parole ! GRANDE !!!

        nemmeno ioSi e' letto.
    • Anonimo scrive:
      Re: Installazione semplicissima !! GRANDE !!
      i linari si stupiscono con l'installazione dell'OS. Meraviglia. Con 20 minuti installato l'OS, il browser ed il programma di videoscrittura. ASSURDO. Ecco quello che fanno i linari: passano il tempo ad installare distro, poi non sanno cosa farci e ne installano un'altra. Poi si lamentano che gli diciamo che passano il tempo a ricompilare il kernel, forse la cosa più corrette è dire passano il tempo ad installare le distro
      • Anonimo scrive:
        Re: Installazione semplicissima !! GRAND

        passano il tempo ad installare distroQuando avrai finalmente un sistema serioche ti permette di aggiornare da una releasealla successiva, per es da 2000 a xp mentre stai lavorando come al solito, con un semplice comando, rendendo tangibile il concetto di "installo una volta per tutte", come succede con debian, beh, potrai dire di non badare al sistemaoperativo. Per ora devi continuare a formattare,riformattare, servicspaccare, etc.Sei rimasto indietro ragazzo. Ho degli uptime dimesi sui desktop: ma tu sai cos'è l'uptime ?
      • Anonimo scrive:
        Re: Installazione semplicissima !! GRAND
        e chi ti dice che i linari fanno solo quello?forse perche' i tuoi compagni di classe all'asilo nido fanno cosi'?mi spiace informarti che non sono quelli i linari ma gente che sta iniziando ad imparare e che presto ne sapra' 10 volte quanto ne sai tu e ad un prezzo come dire ... nullo.
  • Anonimo scrive:
    mandrake, un'alternativa allo scrocco
    Tra un paio di settimane sui mirror di mandrake mandriva sarà disponibilela download edition di mandriva, insiemeai pacchetti contrib e jpackage. Esiste poila repository plf per completezza.A quel punto si avranno una decina di gigadi pacchetti disponibili (il triplo di installabile)legalmente, senza costi d'acquisto, senza compierereati, senza sbattimenti di licenze, senza pericolidi beccarsi in rete trojan virus et all.Invito tutti gli utenti in cerca di alternative o semplicementecuriosi a provare questa alternativa allo scrocco e all'illegalità. La facilità e velocità di installazione e configurazione di mandrake è proverbiale. In mezzorasi ha un sistema completo configurato con un front endsemplicissimo che guida passo passo l'utente. Chi ha provato a installare win9x con le sue decine direboot, o anche xp, rimarrà sorpreso di quanto possa essere semplice e veloce l'installazione di linux. L'unica cosa delicata è il ridimensionamento della partizione di win9x/xp: metteteci un po di attenzione.Per il resto gli step sono quanto di piu intuitivo.Provare per credere.
    • Anonimo scrive:
      Re: mandrake, pappa per lameroni
      - Scritto da: Anonimo
      Provare per credere.ci credo, ci credo...
    • Anonimo scrive:
      Re: mandrake, un'alternativa allo scrocco

      A quel punto si avranno una decina di giga
      di pacchetti disponibili (il triplo di
      installabile)
      legalmente, senza costi d'acquisto, senza compiere
      reati, senza sbattimenti di licenze, senza
      pericoli...Confermo, due link tra i tanti:http://www.mandrakeusers.org/easyurpmi/index.php?language=it&user%5Bvers%5D=10.1+official&user%5Barch%5D=i586#secondhttp://easyurpmi.zarb.org/index.php?language=it&user%5Bvers%5D=10.1+official&user%5Barch%5D=i586&minor=1#secondCerto che sei si conosce solo w$ e' difficile da credere. Sicuramente questa ragione basterebbe perche' chi guadagna solo con le licenze non sarebbe disposto a parlarne in nessun modo, come biasimarlo?
  • Anonimo scrive:
    A che serve Linux?
    Voglio avere delle risposte sensate dai "guri linari".
    • Anonimo scrive:
      Re: A che serve Linux?
      - Scritto da: Anonimo
      Voglio avere delle risposte sensate dai "guri
      linari".Mio nonno, che non era un guru linux ma una persona di buon senso, ti avrebbe risposto che "l'erba voglio non cresce neanche nel giardino del re".Cmq, che vuoi dire con "a che serve"? Perchè, windows a cosa ti serve?Navighi, leggi la posta, chatti, ascolti/vedi musica/video, programmi...? Sono tutte cose che fai con windows, con linux, con osx e con qualsiasi altro sistema operativo che abbia una serie di applicativi abbastanza ampia.
      • Anonimo scrive:
        Re: A che serve Linux?
        - Scritto da: Anonimo
        Navighi, leggi la posta, chatti, ascolti/vedi
        musica/video, programmi...? Sono tutte cose che
        fai con windows, con linux, con osx e con
        qualsiasi altro sistema operativo che abbia una
        serie di applicativi abbastanza ampia.ok, anche con il cellulare puoi fare tutto cio'...l'autore del post si riferiva sicuramente ad applicazioni professionali... queste sconosciute :-)
        • Anonimo scrive:
          Re: A che serve Linux?
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo


          Navighi, leggi la posta, chatti, ascolti/vedi

          musica/video, programmi...? Sono tutte cose che

          fai con windows, con linux, con osx e con

          qualsiasi altro sistema operativo che abbia una

          serie di applicativi abbastanza ampia.

          ok, anche con il cellulare puoi fare tutto cio'...

          l'autore del post si riferiva sicuramente ad
          applicazioni professionali... queste sconosciuteA lavoro uso spesso il client email, mentre a casa mi diletto a cazzeggiare con codici FEM... Allora quale è l'applicazione professionale ?!?!?
        • Anonimo scrive:
          Re: A che serve Linux?
          - Scritto da: Anonimo
          - Scritto da: Anonimo


          Navighi, leggi la posta, chatti, ascolti/vedi


          musica/video, programmi...? Sono tutte cose
          che


          fai con windows, con linux, con osx e con


          qualsiasi altro sistema operativo che abbia
          una


          serie di applicativi abbastanza ampia.



          ok, anche con il cellulare puoi fare tutto
          cio'...

          Un pò scomodo, immagino...


          l'autore del post si riferiva sicuramente ad

          applicazioni professionali... queste sconosciute

          :-)

          Ne dubito... ma cmq anche "applicazioni
          professionali" è un campo vasto...

          Multimediale? Forse le applicazioni sono ancora
          poche, ma con linux ci hanno fatto Shrek...
          proprio così schifo non farà.questa è una delle tante bufale che girano nelle cantine negli ultimi tempiinfatti linux è stato usato nell'80% delle macchina solo come server di file system, semplicemente per via della sua strana fama di software "sicuro"...come quando dicevano che leonardo di caprio ha dovuto imparare a usare linux per far affondare il titatic...
          • Anonimo scrive:
            Re: A che serve Linux?
            - Scritto da: Anonimo

            Multimediale? Forse le applicazioni sono ancora

            poche, ma con linux ci hanno fatto Shrek...

            proprio così schifo non farà.

            questa è una delle tante bufale che girano nelle
            cantine negli ultimi tempi

            infatti linux è stato usato nell'80% delle
            macchina solo come server di file system,
            semplicemente per via della sua strana fama di
            software "sicuro"...Portami un link, grazie. Altrimenti penso continuerò a credere a quello che si dice nelle cantine, visto che non è mai stato smentito.http://www.vnunet.com/news/1156282
            come quando dicevano che leonardo di caprio ha
            dovuto imparare a usare linux per far affondare
            il titatic...?!? Anche per il titanic hanno usato linux, ma Di Caprio probabilmente usa la playstation...
    • Anonimo scrive:
      Re: A che serve Linux?
      - Scritto da: Anonimo
      Voglio avere delle risposte sensate dai "guri
      linari".io con linux ci configuro il browser con le estensioni di firefox e poi uso anche irc con la shell linux è stabile ed ha il kernel open source mudulare con i drivers in codice sorgente in gpl e poi con linux puoi istallare tante distro ed hai la libertà nello spirito dell'open source!(linux)
    • Anonimo scrive:
      Re: A che serve Linux?
      da utondo windozzaro, ti dico che linux serve per utilizzare il pc al livello più approfondito possibile. Non ti piace la barra di windows come funziona? La cambi, la cancelli, la riscrivi te.Non ti piace come windows gestisce una cosa, la modifichi.In sintesi è questo. Tra i vantaggi hai poi l'OS gratis ed il software gratis. Come svantaggi aumenta notevolmente l'utilizzo dell'OS (installazione software e driver, riconoscimento periferiche, impostazione dell'OS). Per vedere un vero vantaggio devi essere un programmatore ed avere pratica di certi meccanismi (per far funzionare la roba devi a volte ricompilare il software).Ultima nota: su linux ci sono pochissimi giochi e pochissimo software, specie quelle professionale, ma troverai surrogati con meno features che forse potrebbero bastarti
      • Anonimo scrive:
        Re: A che serve Linux?
        - Scritto da: Anonimo
        da utondo windozzaro, ti dico che linux serve per
        utilizzare il pc al livello più approfondito
        possibile. Non ti piace la barra di windows come
        funziona? La cambi, la cancelli, la riscrivi te.questo già lo puoi fare anche con windows... se solo tu fossi un mezzo calzino di programmatore
        Non ti piace come windows gestisce una cosa, la
        modifichi.molte cose in windows sono concesse in licenza d'uso... che c'è di tanto volgare in cio?non ti piace un'applicazione? Te la fai da te, anche sotto windows

        In sintesi è questo. Tra i vantaggi hai poi l'OS
        gratis ed il software gratis.finchè dura... è fortuna
        Come svantaggi
        aumenta notevolmente l'utilizzo dell'OS
        (installazione software e driver, riconoscimento
        periferiche, impostazione dell'OS).

        Per vedere un vero vantaggio devi essere un
        programmatore ed avere pratica di certi
        meccanismi (per far funzionare la roba devi a
        volte ricompilare il software).anche sotto windows puoi compilare, lo sapevi? ;-)

        Ultima nota: su linux ci sono pochissimi giochi e
        pochissimo software, specie quelle professionale,
        ma troverai surrogati con meno features che forse
        potrebbero bastartichi si accontenta gode... cos....
        • Anonimo scrive:
          Re: A che serve Linux?

          questo già lo puoi fare anche con windows... se
          solo tu fossi un mezzo calzino di programmatorenon posso modificare proprio tutto, la barra è l'esempio banale, con i fogli di stile si può fare, lo so.
          non ti piace un'applicazione? Te la fai da te,
          anche sotto windowsapplicazione, non prendere windows e rimontarlo
          finchè dura... è fortunagià
          anche sotto windows puoi compilare, lo sapevi? ;-)certo, ma non l'OS, e poi in windows non serve quasi mai
          chi si accontenta gode... cos....ma io non mi contento per niente.
          • Anonimo scrive:
            Re: A che serve Linux?
            - Scritto da: Anonimo

            questo già lo puoi fare anche con windows... se

            solo tu fossi un mezzo calzino di programmatore
            non posso modificare proprio tutto, la barra è
            l'esempio banale, con i fogli di stile si può
            fare, lo so.


            non ti piace un'applicazione? Te la fai da te,

            anche sotto windows
            applicazione, non prendere windows e rimontarlo


            finchè dura... è fortuna
            già


            anche sotto windows puoi compilare, lo sapevi?
            ;-)
            certo, ma non l'OS, e poi in windows non serve
            quasi maima riesci a capire che windows è concesso in licenza e che se ti danno i sorgenti dell'OS manderebbero a farsi fottere 20 anni di lavoro e 60 mila programmatori in tutto il mondo?no, tu vuoi i sorgenti e basta... inizia a farteli tu


            chi si accontenta gode... cos....
            ma io non mi contento per niente.
          • Anonimo scrive:
            Re: A che serve Linux?
            forse non ci siamo capiti.Io sono contro l'open source, non regalerei mai i miei sorgenti.Stavo solo spiegando al tizio il perchè la gente parla tanto di linux
      • Anonimo scrive:
        Re: A che serve Linux?
        a far parlare quelli come te
    • Anonimo scrive:
      Re: A che serve Linux?
      - Scritto da: Anonimo
      Voglio avere delle risposte sensate dai "guri
      linari".Io lo uso per ricompilare il kernel. Sempre meglio che usare Windows per scrostare i virus...
      • Anonimo scrive:
        Re: A che serve Linux?
        complimenti che utilizzo, come possedere un'auto per passare il tempo a cambiare le candele
        • Anonimo scrive:
          Re: A che serve Linux?
          - Scritto da: Anonimo
          complimenti che utilizzo, come possedere un'auto
          per passare il tempo a cambiare le candeleOk, se ti qualifichi come utonto windozzaro poi non e' che si possano pretendere risposte sensate, neanche da te.Io utilizzo la Mia Mandrake ora Mandriva per fare tutto cio' che mi viene in mente, ho cominciato con w$, quindi so' cos'e' un utonto, lo ero anch'io, e anche se ho imparato molto non sono un esperto di niente.Uso mandrake come computer di casa, che ti devo dire, se sai cercare trovi i programmi che ti servono per fare tutto cio' che fai con w$, sono tutti elencati e basta mettere una crocetta per installarli. Se non ti basta installi un emulatore, tipo vmware o uno free, in cui installare w$ per vedere i siti fatti solo per m$, se sei indeciso lasci la partizione di w$ e lo usi quando pensi che cio' sia necessario, io all'inizio avevo fatto cosi' ma con mandrake non ho veramente piu' avuto bisogno ne' voglia di usarlo. Se invece preferisci w$, ok, secondo me quella corporation non si comporta bene neanche con i suoi utenti e fa del male al mondo, ma io non guadagno con le loro licenze vendute ai clienti, quindi per me e' facile riconoscerlo. Tu scegli, quello che a me ha insegnato linux e' che non si deve essere per forza passivi davanti ad un comp, si possono limitare le proprie scelte volontariamente o accrescerle liberamente.(linux)
          • Anonimo scrive:
            Re: A che serve Linux?
            - Scritto da: Anonimo
            - Scritto da: Anonimo

            complimenti che utilizzo, come possedere un'auto

            per passare il tempo a cambiare le candele
            Ok, se ti qualifichi come utonto windozzaro poi
            non e' che si possano pretendere risposte
            sensate, neanche da te.
            Io utilizzo la Mia Mandrake ora Mandriva per fare
            tutto cio' che mi viene in mente, ho cominciato
            con w$, quindi so' cos'e' un utonto, lo ero
            anch'io, e anche se ho imparato molto non sono un
            esperto di niente.e io che ho installato più di una volta questo pinguino del cazzo, credi che sia uscito pure me dalla disgraziata condizione utontica? :-DCerto che voi linari ne fumerete di roba nelle cantine...
          • Anonimo scrive:
            Re: A che serve Linux?
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo
            e io che ho installato più di una volta questo
            pinguino del cazzo, credi che sia uscito pure me
            dalla disgraziata condizione utontica? :-D

            Certo che voi linari ne fumerete di roba nelle
            cantine...
            AHAHAHAHAHAHAHAHAHA :D
          • Anonimo scrive:
            Re: A che serve Linux?
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo


            complimenti che utilizzo, come possedere
            un'auto


            per passare il tempo a cambiare le candele

            Ok, se ti qualifichi come utonto windozzaro poi

            non e' che si possano pretendere risposte

            sensate, neanche da te.

            Io utilizzo la Mia Mandrake ora Mandriva per
            fare

            tutto cio' che mi viene in mente, ho cominciato

            con w$, quindi so' cos'e' un utonto, lo ero

            anch'io, e anche se ho imparato molto non sono
            un

            esperto di niente.

            e io che ho installato più di una volta questo
            pinguino del cazzo, credi che sia uscito pure me
            dalla disgraziata condizione utontica? :-DLinux spesso aiuta, ma non sempre... ovviamente esistono i casi disperati...
          • Anonimo scrive:
            Ora gli utonti sono i Winuser...
            - Scritto da: Anonimo

            Ok, se ti qualifichi come utonto windozzaro poi
            non e' che si possano pretendere risposte
            sensate, neanche da te.
            Io utilizzo la Mia Mandrake ora Mandriva per fare
            tutto cio' che mi viene in mente, ho cominciato
            con w$, quindi so' cos'e' un utonto, lo ero
            anch'io, e anche se ho imparato molto non sono un
            esperto di niente.
            Uso mandrake come computer di casa, che ti devo
            dire, se sai cercare trovi i programmi che ti
            servono per fare tutto cio' che fai con w$, sono
            tutti elencati e basta mettere una crocetta per
            installarli.
            Se non ti basta installi un emulatore, tipo
            vmware o uno free, in cui installare w$ per
            vedere i siti fatti solo per m$, se sei indeciso
            lasci la partizione di w$ e lo usi quando pensi
            che cio' sia necessario, io all'inizio avevo
            fatto cosi' ma con mandrake non ho veramente piu'
            avuto bisogno ne' voglia di usarlo.
            Se invece preferisci w$, ok, secondo me quella
            corporation non si comporta bene neanche con i
            suoi utenti e fa del male al mondo, ma io non
            guadagno con le loro licenze vendute ai clienti,
            quindi per me e' facile riconoscerlo.
            Tu scegli, quello che a me ha insegnato linux e'
            che non si deve essere per forza passivi davanti
            ad un comp, si possono limitare le proprie scelte
            volontariamente o accrescerle liberamente.
            (linux)Mai sentite delle simili corbellerie. Solo i LinUser hanno il "privilegio" di non essere chiamati utonti?Non uso il pinguinazzo, ma sono operatore su Mainframe (AS400) e ti assicuro che ci si fa un mazzo colossale a mantenere il sistema con quasi 500 utenti collegati, a programmare in RPG, ecc.Secondo me rollate troppe canne nei centri sociali (guarda il sito del Leoncavallo con quale linguaggio è stato sviluppato e su quale server lo ospita...)
        • Anonimo scrive:
          Re: A che serve Linux?
          - Scritto da: Anonimo
          complimenti che utilizzo, come possedere un'auto
          per passare il tempo a cambiare le candeleHai mai provato a guardare il vocabolario sotto la voce 'sarcasmo' ?
    • Anonimo scrive:
      Re: A che serve Linux?
      A fare un numero impressionante di cose. Domande più specifiche?
    • Anonimo scrive:
      Re: A che serve Linux?
      per lavorare, per imparare, per accendere il cervello.Leggere i vostri messaggi mi rende felice, perche' mi rendo conto che ci sono piu' incapaci di quanto immaginavo (ovvio che non faccio riferimento a me ... per evitare eventuali battutine trollare).Trolla pure ... forse e' l'unica cosa che sei in grado di fare e bene.Toglimi una curiosita:e' per questo motivo che utilizzi Windows?
      • Anonimo scrive:
        Re: A che serve Linux?
        - Scritto da: Anonimo
        per lavorare, per imparare, per accendere il
        cervello.
        Leggere i vostri messaggi mi rende felice,
        perche' mi rendo conto che ci sono piu' incapaci
        di quanto immaginavo (ovvio che non faccio
        riferimento a me ... per evitare eventuali
        battutine trollare).
        Trolla pure ... forse e' l'unica cosa che sei in
        grado di fare e bene.
        Toglimi una curiosita:
        e' per questo motivo che utilizzi Windows?Uso Windows perchè produco e lavoro, mentre voi linari smanettate e smanettere a vita, nerds!!!
        • Anonimo scrive:
          Re: A che serve Linux?
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo

          per lavorare, per imparare, per accendere il

          cervello.

          Leggere i vostri messaggi mi rende felice,

          perche' mi rendo conto che ci sono piu' incapaci

          di quanto immaginavo (ovvio che non faccio

          riferimento a me ... per evitare eventuali

          battutine trollare).

          Trolla pure ... forse e' l'unica cosa che sei in

          grado di fare e bene.

          Toglimi una curiosita:

          e' per questo motivo che utilizzi Windows?

          Uso Windows perchè produco e lavoro, mentre voi
          linari smanettate e smanettere a vita, nerds!!!Il tuo lavoro è quello di scrostare virus ?
          • Anonimo scrive:
            Re: A che serve Linux?
            mah, non vorrei intromettermi nei vostri litigi,io non vedo virus da almeno un anno, windows ha soprasseduto per troppo tempo sul tema della sicurezza, ora col sp2 io non posso lamentarmimai un crash, mai dovuto riavviare il pc, ed ora sono 6 mesi, credo. e nemmeno quando ho preso virus non ho mai perso un dato, come insegnano i sostenitori di linux si deve usare anche un po' di intelligenza (vedi fare backup, per esempio, che mi è servito anche quando si è rotto l'HD)certo, ci vuole un antiviru, decente, qualche programmino per la sicurezza, ma ti assicuro che oggi come oggi l'ultimo dei miei pensieri è proprio la sicurezzase mi dici che in passato windows ha fatto cagare ti do ragione, ma ora sono argomenti che reggono poco (spero, tocchiamoci i maramei)ad ogni modo io, come penso un sacco di gente, di win non posso fare a meno per motivi professionali, dove li trovo software compatibili per accedere a PLC, azionamenti, touch panel e via dicendo ? I produttori li rilasciano solo per windows, quindi, già che ce l'ho installato e già che lo devo usare, lo uso per navigare, per ascoltare musica ecc., sinceramente non ho voglia di installare due SO se quello che già uso non mi sta dando problemirisposte pacate, grazie, non ho offeso nessuno(non me ne vogliate, ma quando si parla bene di windows c'è da stare attenti)
          • Anonimo scrive:
            Re: A che serve Linux?

            mah, non vorrei intromettermi nei vostri litigi,piu' che litigi sono cretinate e istigazioni dette da utonti pro microsoft
            io non vedo virus da almeno un anno, windows ha
            soprasseduto per troppo tempo sul tema della
            sicurezza, ora col sp2 io non posso lamentarmi
            mai un crash, mai dovuto riavviare il pc, ed ora
            sono 6 mesi, credo. e nemmeno quando ho preso
            virus non ho mai perso un dato, come insegnano i
            sostenitori di linux si deve usare anche un po'
            di intelligenza (vedi fare backup, per esempio,
            che mi è servito anche quando si è rotto l'HD)
            non saprei confermarti la cosa anche perche' ho smesso di usare Windows da un pezzo.Se ti puo' far piacere comunque ho linux in varie postazioni e non ho problemi ne di avere antivirus, ne antidialer o spyware o scemenze varie.Su linux un antivirus e' praticamente inutile.
            certo, ci vuole un antiviru, decente, qualche
            programmino per la sicurezza, ma ti assicuro che
            oggi come oggi l'ultimo dei miei pensieri è
            proprio la sicurezza
            ...
            I produttori li rilasciano solo per
            windows, quindi, già che ce l'ho installato e già
            che lo devo usare, lo uso per navigare, per
            ascoltare musica ecc., sinceramente non ho voglia
            di installare due SO se quello che già uso non mi
            sta dando problemi
            supponi che i produttori (pro microsoft) inizino a fare software per linux oltre che giochi o altre scemenze varie.Rimarresti a Windows? (soprattutto se Windows si dovesse pagare obbligatoriamente e non si potesse piu' piratare?)
            risposte pacate, grazie, non ho offeso nessuno
            (non me ne vogliate, ma quando si parla bene di
            windows c'è da stare attenti)quelli di cui bisogna stare attenti sono quelli che iniziano i loro discorsi (autovotandosi) dicendo:"linari cantinari comunisti cannati"Purtroppo parlare con gli ignoranti (non tu) e' solo tempo perso.
          • Anonimo scrive:
            Re: A che serve Linux?
            fatto sta che ora usare linux per me non avrebbe senso, se non per soddisfare la curiositàmi fanno piacere comunque le notizie che linux sta prendendo piede e venga scelto in massa (10000 in spagna, 14000 in germania), non tanto perchè mi stia a cuore linux, ma perchè costringerà i competitor a migliorare, con vantaggio di tuttiio ho solo cinque PC in azienda, il costo delle licenze di windows sono veramente una sciocchezza rispetto per esempio all'investimento dovuto in macchine utensili, quindi il fatto di pagare windows non mi da fastidio, a me preme che il SO venga migliorato continuamente e in assenza di un concorrente questo nel mercato reale non avvieneben venga linux, anche se mi sembra di non capirci niente, nel senso che ci sono un sacco di distribuzioni, di personalizzazioni da fare, di aggiornamenti da scaricare (ti lascio immaginare che bello con la dial-up)win mi da l'impressione dell'automobile che tu compri, accendi e vailinux invece richiede che tu sappia mettere le mani nel motore, e questo a molti utenti, me compreso, non vasono un po' pigro ?
          • Anonimo scrive:
            Re: A che serve Linux?

            Se ti puo' far piacere comunque ho linux in varie
            postazioni e non ho problemi ne di avere
            antivirus, ne antidialer o spyware o scemenze
            varie.
            Su linux un antivirus e' praticamente inutile.vedo però nei vari siti specializzati in Linux che esistono dei programmi antivirus ed altre applicazioni per la sicurezza, come stanno effettivamente le cose ?
          • Anonimo scrive:
            Re: A che serve Linux?
            - Scritto da: Anonimo
            mah, non vorrei intromettermi nei vostri litigi,Intromettiti pure, che ce ne è anche per te... ;)
            io non vedo virus da almeno un anno, windows haSe è per questo neppure chi usa Linux passa la giornata a compilare, ma puntualmente esce il furbone di turno...
            soprasseduto per troppo tempo sul tema della
            sicurezza, ora col sp2 io non posso lamentarmiWindows è insicuro di suo e soprattutto è insicuro per come viene configurato di default. Con sp2 è stato fatto qualche cosa ma francamente è troppo poco e troppo tardi....
            certo, ci vuole un antiviru, decente, qualche
            programmino per la sicurezza, ma ti assicuro che
            oggi come oggi l'ultimo dei miei pensieri è
            proprio la sicurezzaL'antivirus occupa spazio su disco (e quello ormai è il meno...), spazio in RAM, tempo di CPU, va aggiornato e, nel caso tu non ne utilizzi uno free, costa. Il tutto solo perchè qualcuno ha deciso di non impegnarsi meglio nel fare un sistema operativo più robusto. Qualcuno non sta a pensarci troppo, ma per altri non è una cosa molto positiva...
            se mi dici che in passato windows ha fatto cagare
            ti do ragione, ma ora sono argomenti che reggono
            poco (spero, tocchiamoci i maramei)Vedi, molti sono passati a Linux in passato... e ora di certo non tornano indietro... Molti continuano comunque a passarci tutt'oggi: la sicurezza e la stabilità è tanto, ma non è di certo tutto. E i vantaggi di Linux a mio avviso sono anche altri.
            ad ogni modo io, come penso un sacco di gente, di
            win non posso fare a meno per motivi
            professionali, dove li trovo software compatibili
            per accedere a PLC, azionamenti, touch panel e
            via dicendo ? I produttori li rilasciano solo per
            windows, quindi, già che ce l'ho installato e già
            che lo devo usare, lo uso per navigare, per
            ascoltare musica ecc., sinceramente non ho voglia
            di installare due SO se quello che già uso non mi
            sta dando problemiQuesta invece è un'ottima argomentazione. Direi la migliore... Ma il fatto che in alcuni casi ci siano delle carenze negli applicativi disponibili per Linux e nel supporto ad alcune periferiche non vuol dire che sia sempre così. Anzi a dire il vero spesso a me è capitato il contrario. A questo punto l'unica cosa da dire è che ciascuno sceglie il sistema operativo in base alle proprie esigenze. Dovrebbe essere una cosa ovvia e scontata, ma invece per molti non è così...
            risposte pacate, grazie, non ho offeso nessuno
            (non me ne vogliate, ma quando si parla bene di
            windows c'è da stare attenti)Prova a usare Linux. Ti accorgerai che i problemi reali di Linux sono nulla di fronte agli ostacoli che cercano di metterti davanti (a partire dai s.o. preinstallati fino a finire ai brevetti sw, ai mal di pancia di SCO , ai siti IE only, ai protocolli proprietari, ai balletti di Ballmer e al FUD dei suoi colleghi, ecc. ecc.). La sera ti metti a leggere qualche notizia su PI e ti senti dare del 'cantinaro', 'linaro', 'comunsta', ecc. ecc. da qualcuno che, ti accorgi, spesso non è in grado di andare oltre a qualche colpo di click. Ovvio che alla fine qualche 'utonto' vola spontaneo...
          • bugybugy scrive:
            Re: A che serve Linux?
            - Scritto da: Anonimo
            mah, non vorrei intromettermi nei vostri litigi,
            io non vedo virus da almeno un anno, windows ha
            soprasseduto per troppo tempo sul tema della
            sicurezza, ora col sp2 io non posso lamentarmi
            mai un crash, mai dovuto riavviare il pc, ed ora
            sono 6 mesi, credo. Ma dai, perchè non diciamo le cose come stanno?!?!Ti dico solo una cosa...in XP Sp1 il famoso "ping of death" non funzionava, prova ora su un XP Sp2 e dimmi!!!Questa è la sicurezza che M$ ci offre? FAVOLOSO!!!
        • Anonimo scrive:
          Re: A che serve Linux?
          Dalla tua risposta e' piu' che sufficiente a confermare cio' che pensavo.Io continuo a stare con linux o unix.Continua ad usare il tuo bel Windows e buon divertimento.
          • Anonimo scrive:
            Linux serve a:
            Linux serve a:http://stmsat.altervista.org/blog.php?id=4257ef4daae84
          • Anonimo scrive:
            Re: Linux serve a:
            - Scritto da: Anonimo
            Linux serve a:
            http://stmsat.altervista.org/blog.php?id=4257ef4dahttp://flightlinux.gsfc.nasa.gov/
  • Anonimo scrive:
    si parla dell'OS, ma i software?
    che linux sia più stabile ci posso anche credere (anche se a me con windows XP onestamente il problema della stabilità non so neanche cosa sia). Ammetto che non ha problemi di virus (la gente dice che in futuro con la diffusione..., ora ne ha di meno punto, domani si vedrà) e soprattutto che non costa nulla (anche l'hardware, basta un cesso di pc per farlo andare). Ok, mi installo il mio bel linux, ci metto più tempo (ce ne vuole, lo so, non sempre tutte le periferiche partono al volo e se sei sfortunato non partono proprio). Ora ho il mio bel linux pronto, veloce, stabile, senza problemi. Ed ora?Cosa ci faccio ora? Questo è il problema. Alla fine la maggior parte degli utenti linux passa il tempo ad usare l'OS. Cose che l'utente neanche cita. "ci sento la musica, ci navigo su internet e scrivo i documenti con open office". Cosa c'è di straordinario. Con windows non devo pensare all'OS. Chi ha windows non ci pensa proprio all'OS. Io gioco, scrivo documenti, programmo (c++ per chi è pronto a darmi del vbinaro). Con le interfacce di oggi spesso non mi preoccupo neanche dei programmi, altro che concentrarsi sull'OS. Mi conviene passare a linux? A me serve solo qualcosa che faccia girare i miei programmi.Dai miei amici che usano linux alla fine vedo come si vantano della loro capacità di sentire mp3 su linux, di navigare su internet, di usare un compilatore java da console. Io faccio vedere loro come uso gli shader 3.0 di directX per creare effetti di displacement mapping sulle mesh, come suddivido una struttura geometrica in bsp e quad tree, come eseguo un intersect tra poligoni suddividendoli in celle convesse. Sono un utonto windows? Si, sono un utonto. Preferisco impazzire su cose che mi danno risultati pratici. Alla fine far partire la scheda video non mi emoziona. Finchè linux non diventa più pratico di windows non mi conviene, quando accadrà fatemi un fischio, io sarò il primo a buttare le licenze di windows dalla finestra perchè in quel caso dirò: perchè usare windows quando con linux faccio le stesse cose in meno tempo?
    • Anonimo scrive:
      Re: si parla dell'OS, ma i software?
      - Scritto da: Anonimo
      Cosa ci faccio ora? Questo è il problema. Alla
      fine la maggior parte degli utenti linux passa il
      tempo ad usare l'OS. Cose che l'utente neanche
      cita. "ci sento la musica, ci navigo su internet
      e scrivo i documenti con open office". Beh, è per dire... è il 90% dell'attivita' di chi con il pc non ci lavora specificatamente su qualcosa...Che cosa fa l'utente windows medio? Ascolta/masterizza musica (oltre che fare p2p), naviga, legge la posta, scrive documenti con Office...
      o faccio vedere
      loro come uso gli shader 3.0 di directX per
      creare effetti di displacement mapping sulle
      mesh, come suddivido una struttura geometrica in
      bsp e quad tree, come eseguo un intersect tra
      poligoni suddividendoli in celle convesse. Certo che sei un pò prevenuto a prendere come pietra di paragone le directX, che sono solo per piattaforma Microsoft...Con linux di linguaggi di programmazione ne hai quanti ne vuoi, anche con IDE comodi.
      • Anonimo scrive:
        Re: si parla dell'OS, ma i software?
        vabbè, te le faccio in openGL (la 2.0 ha portato parecchi miglioramenti), ma alla fine che mi cambia? Ci sono Ide comodi? Comodi quanto VS dove faccio il debugging degli shader?Per gli utonti windows più scarsi hai detto che è il 90% dell'utenza. Il 30% di questi però ci gioca anche, linux non è terra di giochi. Molti utonti si dilettano con i cd nelle edicole, con le enciclopedie multimediali, con i giochini magari scemi, ma che gli li divertono (ne ho visto uno sugli identikit molto simpatico una volta). Un' utenza domestica non vede in linux una alternativa vera perchè li frena, questo fa in modo che questi utenti, quando andranno a lavorare troveranno più comodo windows che per questo porta con se più software e più comodità. Non capisco perchè linux si sia così frammentato, non bastavano 3 distro? Professionale, semplice ed embedded? Se tutto lo sforzo diviso nelle centinaia di distro fossero stati concentrati solamente su queste 3 sarebbe stato meglio
    • Anonimo scrive:
      Re: si parla dell'OS, ma i software?
      - Scritto da: Anonimo...
      perchè usare windows quando con linux faccio le
      stesse cose in meno tempo?Io con Linux faccio le stesse cose in meno tempo. Anzi faccio più cose. E, cosa non da poco, senza bisogno di violare alcuna licenza. Però questa è la mia opinione, altri potrebbero avere esigenze diverse, e soprattutto riconosco a tutti il diritto di usare quello che preferiscono. Quindi non aspettarti mai alcun fischio. Almeno da me... Quindi usa pure quello che ti pare, ma francamente il tuo discorso mi sembra un po' prevenuto...
      • Anonimo scrive:
        Re: si parla dell'OS, ma i software?
        Dimmi come, mi interessa. In particolare come velocizzi le installazioni, le configurazioni, cosa fai di particolare, che strategie adottare per la configurazione delle periferiche e cosa utilizzi (se fai le stesse cose dimmi in OGL l'equivalente dell'hlsl e se c'è il supporto per il displacement, ed il debugging per gli shader OGL "non ti dico il nome altrimenti ti risolvo la prima domanda" ?)Non vorrei che alla fine semplicemente scrivi codice per console (la vostra shell) , quello che io facevo al liceo quando sui pc avevamo msdos ed usavamo il pascal.
        • Anonimo scrive:
          Re: si parla dell'OS, ma i software?
          - Scritto da: Anonimo
          Dimmi come, mi interessa.
          In particolare come velocizzi le installazioni,
          le configurazioni, cosa fai di particolare, che
          strategie adottare per la configurazione delle
          periferiche e cosa utilizzi (se fai le stesse
          cose dimmi in OGL l'equivalente dell'hlsl e se
          c'è il supporto per il displacement, ed il
          debugging per gli shader OGL "non ti dico il nome
          altrimenti ti risolvo la prima domanda" ?)
          Non vorrei che alla fine semplicemente scrivi
          codice per console (la vostra shell) , quello che
          io facevo al liceo quando sui pc avevamo msdos ed
          usavamo il pascal.Open GL & DirectX o terminale testuale... un po' limitata come visione, non pensi che in mezzo ci possa anche essere altro ?
          • Anonimo scrive:
            Re: si parla dell'OS, ma i software?
            su linux c'è tanto di generale e nulla di specifico. Io programma in grafica, e sono limitato, un mio amico adora la modellazione 3D e rimane fregato perchè molti tool utili non ci sono (tutti i software nvidia e ati ad esempio, convertitori etc). Insomma, ti limita perchè i software sono spesso molto blandi. La cosa divertente è che dal lato OS si inizia da windows per poi adoperare linux, mentre per i software si inizia da quelli open di linux per passare a quelli professionali di windows. Io parlo della computer grafica perchè uso quella, sento gente che si lamenta per altri settori ma finchè non lo vedo con i miei occhi non ci credo. Come pretendete che la gente faccia di più col proprio pc quando è proprio l'OS a metterli in difficoltà? Sento la gente che critica programmi come vb6. VB è invece oro per i principianti perchè subito realizzano cose pratiche e non le solite hello world su linea di comando. Successivamente poi approfondiranno il discorso con altri linguaggi migliori. In questo modo invece l'utente alle prime armi quando vedrà tante difficoltà si arrenderà perchè se alla fine non ci vedi nulla di pratico in quello che fai è normale, lasci. Questo è come il problema della scuola: tanta teoria e nessuna applicazione pratica, e lo studente impara ad odiare ad esempio matematica e fisica, materie che da quando programmo adoro e studio per conto mio perchè ci vedo applicazioni pratiche
    • Anonimo scrive:
      Re: si parla dell'OS, ma i software?
      io uso linux mandrake semplicemente per il fatto che ci posso lavorare tranquillamente.I bug vengono corretti con una rapidita' maggiore che quella con cui succede con windows, le installazioni sono semplici e veloci (urpmi lo scarica lo installa e mi risolve le dipendenze con un comando).Le periferiche (salvo oramai rari casi come winmodem o periferiche molto economiche e poco diffuse) vengono riconosciute ottimamente e io non devo poi stare a uscire pazzo per configurarle, fa tutto lui.Ci posso lavorare in santa pace senza avere la fobia che l'OS per qualche strano motivo possa schiantarsi o darmi messaggi di errore del tipo "Explorer ha eseguito un operazione etc".Xp e' un gruviera anche perche' e' il piu' bersagliato e basta un virus perche' tutto vadia a farsi friggere...L'os e' meno pesante e richiede meno RAM per funzionare che equiparata con gli stessi programmi su windows (confrontando lo stesso programma per win e per linux su linux gira con meno risorse) consentendomi di avere un sistema piu' leggero e di fare girare piu' programmi.Tra una versione e l'altra di windows spesso per fare girare la successiva devi avere un pc con risorse molto piu' esigenti e non tutti hanno le possibilita' e la voglia di dover cambiare un PC perche' la nuova versione del programma di posta aggiornata e con meno bachi richiede l'ultima versione dell'OS soprattutto per molti utenti che usano il pc per fare le solite cose.Linux ti da' delle scelte, windows ti impone delle scelte.Linux secondo me rimane un ottima scelta per lavorare da meno scocciature.Da quando uso linux mi stresso di meno che con windows... Quando qualcosa non va con linux, cercando in rete so dove andare a toccare, quale file di configurazione eventualmente devo riconfigurare, con windows spesso devi reinstallare l'OS perche' se qualcosa e' andato storto non ci puoi fare niente.Per tutto questo uso linux.Che poi non funzionino tutti i software che si trovano in edicola o i giochi o le enciclopedie hai ragione.. Pero' a meno per mia esperienza.. le enciclopedie multimediali con internet sono inutili basta imparare a cercare, i giochi preferisco giocarli su console (mi costa meno).Questo comunque rimane un punto a sfavore ma e' una lacuna che si puo' colmare.. d'altronde anche chi compra un mac e' soggetto alla stessa cosa.ciauzP.S: non voglio imporre niente ti ho detto le mie motivazioni
    • Anonimo scrive:
      Re: si parla dell'OS, ma i software?

      Finchè linux non diventa più pratico di windows
      non mi conviene, quando accadrà fatemi un
      fischio, io sarò il primo a buttare le licenze di
      windows dalla finestra perchè in quel caso dirò:
      perchè usare windows quando con linux faccio le
      stesse cose in meno tempo?Bhè in fondo non hai tutti i torti, però non hai nemmeno tutte le ragioni.Diciamo che dipende da quello che vuoi fare con il computer.Con Linux hai visibilità (non solo nel codice ma anche nel metodo) su tutti i livelli del sistema operativo. Puoi affrontarlo superficialmente o in profondità, come più ti aggrada.Io ho programmato per anni in entrambi i sistemi e ho lavorato con entrambi seguendone l'evoluzione. L'impressione è che con XP l'accesso ai livelli più bassi sia sempre più complesso, non tanto per la mancanza di codice ma perchè a mano a mano che ti inoltri l'informazione diventa sempre più riservata, mentre con Linux hai tutto lì pronto, completo e documentato.Fino a 5/6 anni fa il problema su Linux era il contrario cioè avevi accesso solo al livello basso del sistema e non a quello più alto dell'usabilità, mentre con Win le inferfacce erano semplici e immediate.Il punto è che mentre il secondo sta convergendo verso l'usabilita (driver a parte che "a volte", solo a volte non si trovano, l'usabilità di KDE è più vicina a quella di MAC OS che a XP... prova per credere) , il primo si stia richiudendo sempre di più verso logiche closed che è un percorso regressivo per un sistema che favorisce quindi la disinformazione informatica.
      • Anonimo scrive:
        Re: si parla dell'OS, ma i software?
        alla fine mi dici che fai col pc quello che io odio: usare l'OS.Nel totale dell'utenza mondiale quante persone in percentuale faranno:uso banale (giochi, videoscrittura, gestione del sistema ad alto livello per driver, settaggi dello schermo e delle schede, installazione, disinstallazione...)uso avanzato (programmazione di software, utilizzo di programmi di creazione avanzati)uso avanzatissimo (modifica del sistema operativo)Con windows mi è preclusa l'ultima cosa ma, onestamente, a cosa mi serve? L'informatica è vastissima e perdere tempo sul settaggio dell'OS mi sembra una perdita di tempo per moltissime situazioni. Il problema di linux è questo: vuole obbligare l'utente ad approfondire le proprie conoscenze del pc e nel 99% dei casi non solo non serve, ma addirittura è un danno perchè per installare un software già devi mettere in testa il problema delle dipendenze. Installai del software sotto mandrake, ogni volta mi chiedeva delle dipendenze e senza problemi scaricavo e gliele davo, per poi installare il programma. Io ci riesco perchè so cosa significa. Il ragazzino di 10 anni, l'avvocato che deve installare un software, la casalinga di Rovigo, loro cosa farebbero?
        • bugybugy scrive:
          Re: si parla dell'OS, ma i software?
          - Scritto da: Anonimo
          Il problema di linux è questo: vuole obbligare
          l'utente ad approfondire le proprie conoscenze
          del pc e nel 99% dei casi non solo non serve, ma
          addirittura è un danno Secondo me stai dicendo una cosa terribilmente inesatta!!Approfondire come un OS funziona serve e non poco per scrivere codice migliore, ottimizzando l'utilizzo delle risorse...non sai quante bestie ci sono che programmano NON tenendo MAI in considerazione l'ottimizzazione delle risorse!!
          Il ragazzino di 10 anni,
          l'avvocato che deve installare un software, la
          casalinga di Rovigo, loro cosa farebbero?Meglio, così al posto di insegnare office a scuola si insegnano i veri fondamenti di informatica, le basi essenziali!!Oggi come oggi i ragazzi sono molto svegli e più predisposti delle generazioni precedenti nell'apprendimento, quindi cosa succede: su 20 ore di insegnamento office in cui il professore spiega a livello becero, loro apprendono subito e il 50% lo perdono chiaccherando o facendo altro...te lo dico per esperienza diretta...
    • Anonimo scrive:
      sei un troll o cosa ?
      tu stai parlando di cose che non conoscio conosci superficialmente. se per i tuoi usi, mi sembra legati a programmazione di directx,o roba del genere, linux non va bene, usa altroper il resto fai di tutta l'erba un fascio in un modoche ti pone quasi a livello di trolleggiote ne accorgi vero ?Poniamo pero un paio di punti fermi:--l'installazione e la configurazionedi linux, mandrake per es, è di gran lunga più semplice e veloce di quella di xp (mezzora pertutto il sistema, so più applicazioni)--le periferiche le sceglierai supportate--la facilità d'uso di un linux tipo mandrake è elevataSolo osx è attualmente superiore a un linux recenteApplicazioni ce ne sono a centinaia di migliaia. Setra queste non ce ne sono che soddisfano i tuoi usiinstalla (se puoi) osx, ma windows è sempre da evitare in quanto sistema con il peggior rapporto costo/qualità
      • Anonimo scrive:
        Re: sei un troll o cosa ?

        Poniamo pero un paio di punti fermi:
        --l'installazione e la configurazione
        di linux, mandrake per es, è di gran lunga più
        semplice e veloce di quella di xp (mezzora per
        tutto il sistema, so più applicazioni)(più semplice di XP?, avanti, avanti, avanti, la cosa più complicata è mettere la password?, per il tempo uno l'installazione ogni quanto la deve fare, io al massimo una volta l'anno).
        --le periferiche le sceglierai supportatequesto non è un pregio, in pratica se ora voglio passare a linux c'è rischio di dover buttare delle periferiche
        --la facilità d'uso di un linux tipo mandrake è
        elevataminore di windows,
        Applicazioni ce ne sono a centinaia di migliaia.contro le decine di milioni di windows
        Se
        tra queste non ce ne sono che soddisfano i tuoi
        usi
        installa (se puoi) osx,Per la serie, tutto ma non windows, ma windows è sempre da
        evitare in quanto sistema con il peggior rapporto
        costo/qualitàno, windows è il sistema più odiato perchè proprietà dell'azienda più potente del mondo contro cui si è soliti sparare infamità. Il trollaggio lo fai te, io ti dico delle cose e tu inventi. Perchè ha il peggior rapporto qualità prezzo. Offre molte cose che gli altri non offrono. Ora rispondetemi onestamente: perchè odiate Microsoft. E' una moda o cosa? A me pare lo sport nazionale su questo forum. Alla fine poi le persone competenti non le trovo mai visto che da anni leggo solo per linux il fatto che è stabile e veloce. Come se il pc fosse solo il sistema operativo e non quello che il sistema operativo permette di fare. Un'automobile non è il mezzo, ma quello che mi permette di fare. Potrei comprarmi un elicottero, come mezzo è migliore, evita il traffico, parcheggio sulle case. Ma è un mezzo che la gente userebbe per uscire con gli amici? Linux rimane un OS, windows invece è un sistema attorno a cui si gira. Per questo windows vince. 3 distro, il resto dedicatevi al software, solo così convincerete la gente a passare a linux. Alla gente che il kernel sia più stabile non gliene frega nulla, ma se per installare la fotocamera devono andare su un forum a cercare aiuto allora vedi come si arrabbiano
        • Anonimo scrive:
          Re: sei un troll o cosa ?
          - Scritto da: Anonimo
          Noi quando eravate infangati in sasser/blaster e
          quantaltro eravamo li ad osservare non abbiamo
          bisogno ne di firewall ne di antivirus e se un
          domani ce ne sarà bisogno non potranno mai fare
          danni consistenti eventuali virus/malware

          Vedo gente che per navigare in internet su
          windows deve avere 1 programma anti spyware, un
          ativirus , un firewall e altre protezioni varie
          che anche se correttamente configurate a volte
          non bastano. Ehm, attento, il firewall ti serve eccome su linuxNeanche io uso antivirus su linux (li trovo totalmente inutili, anche se ne esistono) ma il firewall ti serve eccome, e infatti c'è (iptables, poi ci sono interfaccie friendly tipo guarddog)
          • Anonimo scrive:
            Re: sei un troll o cosa ?
            senti magari serve ma io non devo avere una lan per la quale serve per forza iptables sicchè a sistema completamente libero ad internet in data odierna dopo 2 anni mai avuto problemi.
          • francescor82 scrive:
            Re: sei un troll o cosa ?

            Ehm, attento, il firewall ti serve eccome su linux

            Neanche io uso antivirus su linux (li trovo
            totalmente inutili, anche se ne esistono) ma il
            firewall ti serve eccome, e infatti c'è
            (iptables, poi ci sono interfaccie friendly tipo
            guarddog)Perché dici "eccome"? Io navigo in Internet con GNU/Linux da anni e mai avuto un problema. Basta solo stare attenti ai servizi che sono aperti (SSH, FTP eccetera) ma almeno con GNU/Linux è sempre possibile sapere cosa è aperto e cosa no.
        • pippo75 scrive:
          Re: sei un troll o cosa ?
          - Scritto da: Anonimo

          Poniamo pero un paio di punti fermi:

          --l'installazione e la configurazione

          di linux, mandrake per es, è di gran lunga più

          semplice e veloce di quella di xp (mezzora per

          tutto il sistema, so più applicazioni)
          (più semplice di XP?, avanti, avanti, avanti, la
          cosa più complicata è mettere la password?, per
          il tempo uno l'installazione ogni quanto la deve
          fare, io al massimo una volta l'anno).il piu' facile forse e' dovuto al fatto che assieme a linux (in questo caso mandrake) viene installato anche un set molto vasto di applicazioni, cosa che con windows non viene (pensa se assieme a windows venissero inclusi come opzione non obbligatoria MSOffice e VisualStudio :-) ).

          --le periferiche le sceglierai supportate
          questo non è un pregio, in pratica se ora voglio
          passare a linux c'è rischio di dover buttare
          delle periferichepurtroppo in alcuni casi e' cosi :-(.per fortuna sembra che le cose stiano cambiando :-)
          ma windows è sempre da

          evitare in quanto sistema con il peggior
          rapporto

          costo/qualità
          no, windows è il sistema più odiato perchè
          proprietà dell'azienda più potente del mondo
          contro cui si è soliti sparare infamità. Il
          trollaggio lo fai te, io ti dico delle cose e tu
          inventi. Perchè ha il peggior rapporto qualità
          prezzo. Offre molte cose che gli altri non
          offrono. sono un winaro e posso dirti che il piu' grosso problema di windows e' la sicurezza (con internet il problema e' molto piu' altro rispetto a prima)
          Alla gente che il kernel sia più stabile non
          gliene frega nulla, ma se per installare la
          fotocamera devono andare su un forum a cercare
          aiuto allora vedi come si arrabbianonon direi proprio, magari non direttamente ma indirettamente (e non solo il kernel, anzi)le vulnerabilità possono rallentarti il sistema (installando ad insaputa programmi di vario tipo come virus e simili).cambiarti i dati della connessione (sono famosi i dialer), sempre a tua insaputa.inviare messaggi in automatico (c'e' un programma che fino a qualche tempo fa era famoso, spero sia migliorato).Riavviarti il PC (Blaster ne ha riavviati molti).Ignorare la privacy. MediaPlayer cosa fa quando ogni volta tenta di collegarsi ad internet, personalmente non mi interessa se billy vuole sapere la muscia che ascolto o il film, se proprio vuole lo invito a casa mia, cosi ascoltiamo qualche disco.Fortuna che per uso privato Firewall e Antivirus sono gratis.Secondo te un utente medio riesce ad installare una macchina fotografica su PC? Se windows la vede al primo colpo si, ma in caso contrario?ciaop.s. messaggio per billi cancelli, se passi stasera almeno porta le bibite (una analcolica), grazie.
        • Anonimo scrive:
          Re: sei un troll o cosa ?

          Per questo windows vince. Windows vince ? Ma dove ?Ma se sta perdendo pezzi e nazionigiorno dopo giorno. Mi sa che tu seirimasto un po indietro. Vincerà ancoraqui, in italia, terzo mondo, dove ha lepercentuali più elevate in assoluto a livellouniversale per l'incultura generalizzata dell'utenzamedia.Windows è perdente perché ha un rapportocosto/qualità che è di gran lunga il più scadenteche ci sia e in più, per stare sul mercato,agisce con metodi da monopolista (per i qualiè stato condannato pressoché dappertutto)Non l'ho condannata io la ms, non è unaquestione di odio ma di fatti.Abbiamo bisogno di una struttura informaticatrasparente e controllabile, in quanto tutte leinformazioni ormai passano di li. L'unico modoper assicurare questo minimo requisito è usaresw a codice aperto, come fanno gia da tempo tuttigli enti per i quali la sicurezza è un must, per i qualiwindows, come sw, semplicemente neppure esiste.Per questo le amministrazioni del nord-europa stannopiano piano migrando a linux: sicurezza, trasparenza, economia, efficenza, stabilità, facilità d'uso (si, se usiun quinto del tempo impiegato a imparare win, per imparare linux, è facile), etc.Occorre pensare che si ha bisogno di un'industriainformatica indipendente, che crei tecnologie e posti di lavoro, non un monopolio di una multi-nazionale che blocchi qualsiasi sviluppo locale.Se città come monaco, vienna, etc, hanno la PA sulinux, come puoi sostenere che non ci sono programmi ? Se non puoi farne a meno, poi,usa windows, ma non tirare fuori storie di odio oaltri sentimentalismi.
          • Anonimo scrive:
            Re: sei un troll o cosa ?
            - Scritto da: Anonimo

            Per questo windows vince.
            Windows vince ? Ma dove ?
            Ma se sta perdendo pezzi e nazioni
            giorno dopo giorno. Mi sa che tu sei
            rimasto un po indietro. Vincerà ancora
            qui, in italia, terzo mondo, dove ha le
            percentuali più elevate in assoluto a livello
            universale per l'incultura generalizzata
            dell'utenza
            media.
            Meno male, spero non si dirà più che ha il monopolio.
    • Anonimo scrive:
      chiedilo ai tedeschi: 14000 lin a monaco
      non c'è altro da aggiungere:se in un paese molto piu avanzato del nsintere organizzazioni governative e intereamministrazionei di grandi citta come monaco,vienna, etc, ovvero realtà di gran lunga piùevolute della ns, passano a linux, forse qualcheapplicazione esisteChiedi a monaco o a vienna, ti sarà dato
      • Anonimo scrive:
        Re: chiedilo ai tedeschi: 14000 lin a monaco
        Solo politica. Linux è una corrente principalmente politica. Il problema è che le aziende europee solo ora si sono svegliete e cercano di buttarsi nel mondo dell'informatica. Solo che non riescono a superare microsoft ed allora la sabotano, passando a linux. Documentati, e vedrai che la decisione di passare a linux non è data da esperti, ma dai politici che di linux non capiscono nulla. Questi leggono solo gratis, contro l'america. Tempo fa ho letto che a RomaTre (università di Roma), hanno bandito la coca cola per "maltrattamenti che farebbero ai lavoratori". In pratica non si riesce a battere l'America? Allora si boicottano i loro prodotti e l'unico modo per farlo è con la politica. Date ad ogni ufficio libertà di scelta e vediamo impiegati e responsabili cosa ne pensano. Quando l'europa avrà un pò di hardware sufficiente si inventerà qualcosa contro l'hardware americano e giapponese. Linux dovrebbe essere bandito dalla politica perchè alla fine il discorso di tutti i linari è lo stesso: non uso software di una azienda che fa monopolio. Se questo non significa scegliere solo in base alla politica non so cosa è (dimostrato dal fatto che i linari quando gli dici i "pregi" di linux si arrabbiano invece di argomentare)
        • Anonimo scrive:
          Re: chiedilo ai tedeschi: 14000 lin a mo

          Allora si boicottano i loro prodotti Quindi dici che stiamo facendo comegli americani che difendono la propriaindustria a tutti i costi ? (vedi caso sonydei giorni scorsi). Può darsi, ma io nonla vedo così: siamo ancora meno cinici.L'europa per es ha firmato il protocollodi Kioto, gli usa no, perché la loro industriaapplicando misure anti-inquinamento diventerebbe un po meno competitiva(e gia un americano consuma energiacome due europei). No tutto sommatoloro sono ancora molto più cinici e smaliziati di noi.Non c'è nessuna ragione, sai,per cui in Europa non si debba sviluppare un'industria informatica come avviene intutto il mondo. Che siamo, i piu scemi ?Sto filoamericanismo e antieuropeismo non lo capisco: io non sono cosi nazionalista, mapiù pragmatico. L'industria informatica èstrategica e occorre promuoverla per produrreposti di lavoro e tecnologia: non si puo compraretutto e basta, è andata cosi per cinquant'anninon è una cambiale per l'eternità.
        • Anonimo scrive:
          Re: chiedilo ai tedeschi: 14000 lin a mo

          Questi leggono solo gratis, contro l'americaAttenzione, il concetto di monopolio è giuridiconon politico. MS è stata condannata per abusodi posizione monopolistica dai giudici americani,europei, e altri.Ti faccio presente che l'europa ha conflitti diinteresse con gli usa pressoche su tutto, alivello di competizione economica. Sarebbe orache si favorisse l'industria informatica europeacome gli usa fanno con le loro industrie.Abbiamo bisogno di posti di lavoro, non di robaccia costosa che possiamo fare da soli
          non uso software di una azienda che fa
          monopolio.Ancora, veramente sei incorreggibile. E' ovvioche non bisogna permettere che si creino monopoliO tu vorresti poter scegliere una macchina soladel colore che vuoi purché sia una panda nera.Evitare accuratamente i prodotti di qualsiasi aziendache operi nell'illegalità non è una decisione politicama un comportamento civile. Siamo in un paeseliberale non in un totalitarismo dove o mangi unaminestra o salti dalla finestra (non so per quanto,ma entro certi limiti per ora c'è un po di scelta)
        • Anonimo scrive:
          Re: chiedilo ai tedeschi: 14000 lin a mo

          Questi leggono solo gratis, contro l'america.Si sta parlando della germania, cumpàO credi che tutti abbiano i criteri di sceltadei compagnucci tuoi. Certo che sei ignorantecome una capra, non sai neppure leggere.
        • Anonimo scrive:
          Re: chiedilo ai tedeschi: 14000 lin a mo

          Solo politica. Linux è una corrente
          principalmente politica. ma ti rendi conto di cosa stai scrivendo? Linux e' semplicemente un SO fatto da appassionati ed e' partito anni fa da uno studente Universitario che ha applicato cio' che ha studiato e l'ha reso disponibile a tutti.Se poi e' cresciuto ed ha mantenuto questa filosofia (un sistema di tutti che cresce col contributo di tutti) la politica non centra per nulla.
          Il problema è che le aziende europee solo ora si
          sono svegliete e cercano di buttarsi nel mondo
          dell'informatica.le aziende europee con i personaggi "windowsiani" che ci sono su questo forum possono continuare a fare sonni tranquilli.
          Solo che non riescono a
          superare microsoft ed allora la sabotano,
          passando a linux.ma cosa dirai mai ... ma ti rendi conto? superare Microsoft in cosa? a quantitativo di soldi e potere che un'azienda ha? qui non e' un discorso di qualita' (microsoft sarebbe straperdente) ma di marketing e di come un'azienda riesce ad intortare la gente (tu ne sei un esempio) o a distruggere i potenziali concorrenti (e ce ne sono tanti di esempi reali...)
          Documentati, e vedrai che la
          decisione di passare a linux non è data da
          esperti, ma dai politici che di linux non
          capiscono nulla. tu che ti sei documentato ... illuminaci.
          Questi leggono solo gratis, contro l'america.
          Tempo fa ho letto che a RomaTre (università di
          Roma), hanno bandito la coca cola per
          "maltrattamenti che farebbero ai lavoratori". se la cosa fosse vera (il maltrattamento dei lavoratori) mi sembra piu' che ovvio boicottare l'azienda o i lavoratori secondo te dovrebbero essere maltrattati?Ma chi sei un digerente Microsoft?
          In pratica non si riesce a battere l'America?filoamericano incallito... non ci vedo nulla di male, ma stai uscendo fuori tema.
          Allora si boicottano i loro prodotti e l'unico
          modo per farlo è con la politica.Un po' come sta facendo Microsoft in Europa in tante questioni comprese i brevetti sul software? sai come si e' comportata la commissione europea?Ma finitela che vi contraddite da soli.
          Date ad ogni
          ufficio libertà di scelta e vediamo impiegati e
          responsabili cosa ne pensano.Io ho lavorato e lavoro per alcuni enti pubblici, una volta avviati non hanno alcun problema ad utilizzare linux o openoffice. (Se la cosa ti puo' far piacere, nei ritagli di tempo, pur di diffondere linux ed avviare la gente lavoro anche gratis :-) )
          Quando l'europa
          avrà un pò di hardware sufficiente si inventerà
          qualcosa contro l'hardware americano e
          giapponese. mi sembra di stare a rispondere ad un bambino.
          Linux dovrebbe essere bandito dalla politica
          perchè alla fine il discorso di tutti i linari è
          lo stesso: non uso software di una azienda che fa
          monopolio.i monopoli secondo te sono una cosa giusta? io ho smesso di usare Microsoft semplicemente perche' ritengo Linux migliore (e di gran lunga).
          Se questo non significa scegliere solo
          in base alla politica non so cosa è (dimostrato
          dal fatto che i linari quando gli dici i "pregi"
          di linux si arrabbiano invece di argomentare)
          "linari" ... sempre questi termini da bambini trollari.Ma smettila.Saluti.
        • Anonimo scrive:
          Re: chiedilo ai tedeschi: 14000 lin a mo
          - Scritto da: Anonimo...
          monopolio. Se questo non significa scegliere solo
          in base alla politica non so cosa è (dimostrato...Sono tante le cose che non sai... e la politica è proprio l'ultima di esse...
    • Anonimo scrive:
      Re: si parla dell'OS, ma i software?
      Può sembrare strano, ma personalmente Windows non lo so usare. E non lo dico per fare il "saputello" smanettone. Ma davvero NON lo so usare! Windows di base non fornisce *nulla* e non riconosce nessun filesystem che non sia ntfs/fat. In windows non esiste il concetto di multiboot. Non ho idea di come si faccia a mettere su un firewall (non ditemi che il SO non prevede il firewalling perché mi sembra assurdo!). Non riesco ad attivare l'IP masquerading quando in linux basta uno script da due linee di codice. Ho sentito parlare di programmi. Parliamone. Windows (sempre di base, la versione da 300 euro e rotti) non fornisce alcun tipo di programma che vada al di là del patetico paint (non so a cosa possa servire) e dell'inutilizzabile notepad. Non fornisce alcun tipo di server (web, ftp, ssh). Non esiste un programma per monitorare il traffico in ingresso e in uscita. Non riesco neanche a tener traccia delle porte aperte. Le condivisioni tra computer remoti non sono trasparenti (volevo convertire un video in una partizione condivisa ma il programma che utilizzo mi dice che lo devo copiare nel filesystem locale, ma perché?). Insomma, Windows proprio non riesco ad usarlo. Io resto con la mia Slack.
      • Anonimo scrive:
        Re: si parla dell'OS, ma i software?

        In windows non esiste il concetto di multiboot."C:boot.ini": editalo
        Non ho idea di come si faccia a mettere su un
        firewall (non ditemi che il SO non prevede il
        firewalling perché mi sembra assurdo!).puoi inpostare dei filtri TCP direttamente su NIC oppure "configurare" Windows Firewall (personal firewall) bastano due click :) Non fornisce alcun tipo di server (web, ftp, ssh).IIS (ftp, http, news, mail), per ssh ti devi arrangiare con un demone esterno
        Non esiste un programma per monitorare il
        traffico in ingresso e in uscitanetmon
        Non riesco neanche a tener traccia delle porte apertenetstat...devo continuare ?(linux) (win)
    • MiFAn scrive:
      Autocad gira sotto linux ?
      E' una curiosità personale, io uso il pc quasi esclusivamente per disegnare, qualcuno di voi sa se Autocad gira sotto Linux ?Oppure se c'è un programma compatibile (che generi dwg) per Linux ?
      • Anonimo scrive:
        Re: Autocad gira sotto linux ?
        http://www.ribbonsoft.com/qcad.html ad esempio
      • Anonimo scrive:
        no, usa osx, costa meno vale di piu
        Per ora esistono alternative a basso costocome Varicad, che puoi provare in demo,ma non essendo del settore non possovalutarlo.
    • Anonimo scrive:
      Re: si parla dell'OS, ma i software?
      - Scritto da: Anonimo
      Io faccio vedere
      loro come uso gli shader 3.0 di directX per
      creare effetti di displacement mapping sulle
      mesh, come suddivido una struttura geometrica in
      bsp e quad tree, come eseguo un intersect tra
      poligoni suddividendoli in celle convesse.non sono esperto di grafica 3d ma da quello cheso le Opengl 1.4 forniscono lo shading language che ti permette di fare la stessa cosa senza usarele directx 9.0 ad ogni modo su linux puoi scrivere grafica 3d usandopython. e che dire poi di blender ? in mezzora ho fatto un trailer di 10 secondi a 4kdi un pianeta che esplode..... (se vuoi ti passo il file400 MB )ora te la fo io una domanda che programmi usi per il video editing su windows ?io su linux ho lives che lavora in realtime una vera e propria stazione di montaggio :)
      • Anonimo scrive:
        Re: si parla dell'OS, ma i software?

        non sono esperto di grafica 3d ma da quello che
        so le Opengl 1.4 forniscono lo shading language
        che ti permette di fare la stessa cosa senza usare
        le directx 9.0 la 1.4 no, la 2.0 forse. 1.4 ha lo shading ancora in assembler, la 2.0 finalmente GLSL. OGL è molto più limitato, o meglio, puoi fare le stesse cose ma devi lavorarci di più dato che non ci sono molte classi utility al suo interno (esempio la precomputed radiant transfer integrata).
        ad ogni modo su linux puoi scrivere grafica 3d
        usando
        python. e che dire poi di blender ? python c'è anche in windows, blender anche e non è certo al livello di Maya (che c'è anche sotto linux), di 3D StudioMax o softimage (senza dimenticare molti programmi simpatici come poser per fare i modelli di persone o bryce per i paesaggi).
        in mezzora ho fatto un trailer di 10 secondi a 4k
        di un pianeta che esplode..... (se vuoi ti passo
        il file
        400 MB )e che ci vuole, con 3dstudio max crei una sfera, la mappi, aggiungi un modificatore di esplosioni. Effetto motion blur + un emettitore di particelle al centro per dare l'effetto di destriti, una struttura per effetti volumetrici (non mi ricordo il nome preciso ora), a cui aggiungi un effetto fuoco che imposti come fireball. Comunque non sono un esperto di modellazione. Comunque 400 mb per 10 secondi sono un pò troppi, anche di qualità elevattissima bastano pochi mega.
        ora te la fo io una domanda
        che programmi usi per il video editing su windows
        ?non sono un esperto, so che ci sono parecchi come il pinnacle studio.
        io su linux ho lives che lavora in realtime una
        vera e propria stazione di montaggio :)non mi pare superiore a programmi presenti già su windows.Quello che citi su linux è già presente su windows ed in molti casi su windows c'è di meglio. Salvo rari casi windows supera linux (qui il confronto andrebbe fatto con mac, il vero re per l'editing video). Forse puoi dirmi, ma io non spendo nulla. Solo su questo ti dò ragione, motivo per cui mi conviene continuare a rimanere sotto windows dove gli utenti sono abituati a pagare il software (diciamo molte persone, non tutte). Sotto linux dove si è abituati a trovare tutto gratis è più difficile proporre un prodotto, anche se valido. L'unica è la realizzazione di software specifico per aziende ma il prodotto da scaffale, quello per cui se hai fortuna, riesci a fare bei soldi allora me lo scordo. Puntanto a mettermi in proprio come programmatore di videogiochi sotto linux farei la fame dato che la gente vorrebbe i miei giochi gratis.
  • Anonimo scrive:
    per certi piu adatta win pezzent edition
    la limitatezza mentale di certi individui aiquali in eta scolare è stato formattato ilcervello e installato wincess è tale chepreferirebbero pagare win pezzent editioned eseguire tre task (il loro limite superiorein termini di elaborazione psicologica)piuttosto che avere a che fare con un sistemaserio. In realtà scroccano tutto e bisognerebbecostringerli a pagare ex lege: il giorno dopobutterebbero via, questi scrocconi, il loroosannato win pezzent
  • Anonimo scrive:
    mandrake, grande desktop, altro che win
    Anche se uso ubuntu/debian, ho iniziatocinque anni fa con mdk e devo dire checome distro desktop resta insuperata.Un'installazione su macchina media prendemezzora per 3-4 giga di sw (tutto quello dicui si ha bisogno e anche molto di più) afronte delle 3 4 ore necessarie per installarexp, office, etc,etc.La configurazione è di una facilità incredibile,dal tool di partizionamento del disco, che crea e ridimensiona un nr imprecisato di filesystem (e che gli utenti win si sognano - devonoscroccare partition magic o simili in un secondotempo), ai vari tool per periferiche di rete etc.In termini di facilità e velocità di installazione,xp al confronto è un vero cesso, per non parlaredella serie win9x che fa piangere in greco.Ripeto, l'installazione completa di tutto prendeun quinto del tempo necessario a installare il soloxp, senza null'altro. E' più facile di windows, più efficente, più stabile,più curata graficamente, etc. Una volta installata, con il sistema delle repositories(altra cosa che gli utenti winscroc si sognano) hoa disposizione circa 9 giga di pacchetti (quindi il doppio o il triplo in termini di installabile) da gestirecon un semplice front-end grafico o da linea comandocon urpmi. In pratica per installare il programmafirefox devo solo fare: urpmi mozilla-firefoxe il sistema si occupa di tuttoTutto questo nella piena legalità e senza scroccaresw, ne compiere reati penali.Consiglio a tutti quelli che iniziano ad usare linux(che buttano nel cesso quella ciofeca di xp perche vogliono un sistema serio)di cominciare da mandrake/driva o ubuntuCiao
    • Anonimo scrive:
      Re: mandrake, grande desktop, altro che
      - Scritto da: Anonimo
      Anche se uso ubuntu/debian, ho iniziato
      cinque anni fa con mdk e devo dire che
      come distro desktop resta insuperata.
      Un'installazione su macchina media prende
      mezzora per 3-4 giga di sw (tutto quello di
      cui si ha bisogno e anche molto di più) a
      fronte delle 3 4 ore necessarie per installare
      xp, office, etc,etc.
      La configurazione è di una facilità incredibile,
      dal tool di partizionamento del disco, che
      crea e ridimensiona un nr imprecisato di file
      system (e che gli utenti win si sognano - devono
      scroccare partition magic o simili in un secondo
      tempo), ai vari tool per periferiche di rete etc.
      In termini di facilità e velocità di
      installazione,Anche io usavo la mdk, ma con la 10.2 mi sembra che siano un po' scesi di qualità, ho provato una suse 9.2 e devo dire che configura il sistema mooooolto meglio, solo che mi sembra un pelino più lento il sistema con la suse.
      • Anonimo scrive:
        Re: mandrake, grande desktop, altro che

        Anche io usavo la mdk, ma con la 10.2 mi sembra
        che siano un po' scesi di qualità, ho provato una
        suse 9.2 e devo dire che configura il sistema
        mooooolto meglio, solo che mi sembra un pelino
        più lento il sistema con la suse.
        Cioè usi il pc per installare le distro.
        • Anonimo scrive:
          Re: mandrake, grande desktop, altro che
          - Scritto da: Anonimo

          Anche io usavo la mdk, ma con la 10.2 mi sembra

          che siano un po' scesi di qualità, ho provato una

          suse 9.2 e devo dire che configura il sistema

          mooooolto meglio, solo che mi sembra un pelino

          più lento il sistema con la suse.
          Cioè usi il pc per installare le distro.Mbhe ? Uno si copia la home ed ha di nuovo la sua utenza, che problema c'e' a provare per un po' una distribuzione o un'altra. Poi ci sono le live da CD.
          • Anonimo scrive:
            Re: mandrake, grande desktop, altro che



            Anche io usavo la mdk, ma con la 10.2 mi
            sembra


            che siano un po' scesi di qualità, ho provato
            una


            suse 9.2 e devo dire che configura il sistema


            mooooolto meglio, solo che mi sembra un pelino


            più lento il sistema con la suse.


            Cioè usi il pc per installare le distro.

            Mbhe ? Uno si copia la home ed ha di nuovo la
            sua utenza, che problema c'e' a provare per un
            po' una distribuzione o un'altra. Poi ci sono le
            live da CD.Io uso la mandrake 10.1 aggiornata e farcita di prog vari, alcuni li uso spesso :) ma e' veramente comoda riguardo la facilita', anche la suse e' curata graficamente anche più di mdk ma preferisco la seconda. Il fatto di poter formattare la partizione dove ci sono i programmi e lasciare invece intatta quella dove c'e' lo spazio utente e' una comodita' e una sicurezza che non c'e' in w$%.
        • Anonimo scrive:
          Re: mandrake, grande desktop, altro che

          Cioè usi il pc per installare le distro.Perlomeno non devo riformattarlo tuttele settimane come succede a te
      • Anonimo scrive:
        Re: mandrake, grande desktop, altro che
        - Scritto da: Anonimo
        Anche io usavo la mdk, ma con la 10.2 mi sembra
        che siano un po' scesi di qualità,La 10.2?Bye, Luca
        • Anonimo scrive:
          Re: mandrake, grande desktop, altro che
          - Scritto da: Segfault
          - Scritto da: Anonimo


          Anche io usavo la mdk, ma con la 10.2 mi sembra

          che siano un po' scesi di qualità,

          La 10.2?

          Bye,
          LucaPardon, la 10.1 official, la 10.1 community andava meglio, ho dovuto prendere poi pezzi della 10.2 devel per far funzionare tutto sul portatile, la suse 9.2 invece ha configurato il portatile in un modo meraviglioso come mai la mdk ha fatto. Comunque al di là dei miei problemi di hw la mdk l'ho usata per molto tempo e ne sono rimasto soddisfatto, proverò anche la mandriva ovviamente, per ora però passo a suse
  • Anonimo scrive:
    mah....
    voglio bene alla vecchia mandrake, in effetti è stato un buon passaggio da windows a linux. Ma adesso che uso slackware direi che il confronto proprio non regge...
    • Anonimo scrive:
      Re: mah....
      scusami,ma non si possono confrontare.stai parlando di strutture totalmente differenti. io (debian)non mi trovo con slack perchè non è quello che voglio.io non voglio sbattimenti,e amo apt-get..cosa c'è di più bello di apt-get install amarok :Dehi,non dco che slck è brutta..ma non puoi confrontare mdk e slack troppo diverse :D
    • Anonimo scrive:
      Re: mah.... eppure l'hai usata, vero?
      - Scritto da: Anonimo
      voglio bene alla vecchia mandrake, in effetti è
      stato un buon passaggio da windows a linux. Ma
      adesso che uso slackware direi che il confronto
      proprio non regge...Appunto, è stato un buon passaggio.Ma infatti il ruolo della MDK è proprio quello, "svezzare" gli utenti poco pratici di linux. In questo è la migliore.Tutti la criticano perchè è per "niubbi", eppure sotto sotto molti ci sono passati all'inizio... me compreso, che oggi con debian non tornerei mai indietro.Devi considerare però che c'è un sacco di gente che al livello di slack e debian non ci vuole o può arrivare e quindi si ferma a mdk, sta bene così.
      • Anonimo scrive:
        Re: mah.... eppure l'hai usata, vero?

        Tutti la criticano perchè è per "niubbi", eppure
        sotto sotto molti ci sono passati all'inizio...
        me compreso, che oggi con debian non tornerei mai
        indietro.

        Devi considerare però che c'è un sacco di gente
        che al livello di slack e debian non ci vuole o
        può arrivare e quindi si ferma a mdk, sta bene
        così.Io non capisco, cos'e' che non fa la mandrake e invece fanno slack e debian? Si tratta di linux con "piccole" variazioni o sbaglio? Avete mai sentito parlare di "lsb" ? E' piu' facile installare mandrake graficamente, ma se uno vuole si monta le partizioni da solo lo stesso. Perche' e' piu' facile installarla allora e' per niubbi? Se sai amministrare il tuo sistema puoi renderlo performante lo stesso, o no?mdk (linux)
        • bugybugy scrive:
          Re: mah.... eppure l'hai usata, vero?
          - Scritto da: Anonimo

          Io non capisco, cos'e' che non fa la mandrake e
          invece fanno slack e debian?
          Si tratta di linux con "piccole" variazioni o
          sbaglio? Avete mai sentito parlare di "lsb" ?
          E' piu' facile installare mandrake graficamente,
          ma se uno vuole si monta le partizioni da solo lo
          stesso. Perche' e' piu' facile installarla allora
          e' per niubbi?
          Se sai amministrare il tuo sistema puoi renderlo
          performante lo stesso, o no?
          mdk (linux)Il problema risiede più che altro su macchine critiche, come server di produzione oppure pc sui quali si richiede un certo tipo di sicurezza...Ti faccio un esempio, metto una machcina in dmz a farmi da web e mail server, su cui magari girano due dbms; per essa esigo la massima sicurezza e stabilità, se per esempio metto una woody, mi tengo buoni gli aggiornamenti dai soli repository di sicurezza ho la certezza di:1) Avere una distro completamente customizzata partendo da zero, senza avere l'imposizione di installare tutto il software base+sistemi grafici che distro come mandrake danno di default; (mai provato a togliere le gui da una mandrake??!)come tu sai, più software metti su una macchina e più alzi la probabilità di avere bachi.2) Ho la possibilita, in slack e gentoo di compilare da zero, in debian di usare apt con i sorgenti e poi compilarli (sempre con apt), di aver software compilato sul mio hardware e non usare sw di binari generici x863) Supporto ufficiale e non, per debian e slack riguardo operazini critiche in determinati ambiti ne trovi dappertutto; se cerchi qualcuno che (per esempio) abbia scritto un howto riguardo quella particolare configurazione per usare la tua bellissima Hauppauge WinTV PVR usando ivtv, è molto più improbabile trovare utenti mandrake...poi che hanno inventato l'assistenza a pagamento è un altro discorso...spero tu abbia capito il mio esempio generico...
        • Anonimo scrive:
          Re: mah.... eppure l'hai usata, vero?
          - Scritto da: Anonimo

          Tutti la criticano perchè è per "niubbi", eppure

          sotto sotto molti ci sono passati all'inizio...

          me compreso, che oggi con debian non tornerei
          mai

          indietro.



          Devi considerare però che c'è un sacco di gente

          che al livello di slack e debian non ci vuole o

          può arrivare e quindi si ferma a mdk, sta bene

          così.

          Io non capisco, cos'e' che non fa la mandrake e
          invece fanno slack e debian?
          Si tratta di linux con "piccole" variazioni o
          sbaglio? Avete mai sentito parlare di "lsb" ?
          E' piu' facile installare mandrake graficamente,
          ma se uno vuole si monta le partizioni da solo lo
          stesso. Perche' e' piu' facile installarla allora
          e' per niubbi?
          Se sai amministrare il tuo sistema puoi renderlo
          performante lo stesso, o no?
          mdk (linux)c'è da dire che ad esempio la Debian ha un ramo stable con software parecchio datato=molto testato= ridotta probabilità che dia problemi ecc ecc... proprio ciò che ci vuole per i server. Mdk è decisamente meglio per chi vuole pacchetti più aggiornati ... in definitiva, Mdk e Debian vanno benissimo entrambi, si sceglie l'una o l'altra in base alle proprie necessità. Io le ho insallate tutte e 2 sul mio pc ... :D :D
          • Anonimo scrive:
            Re: mah.... eppure l'hai usata, vero?

            c'è da dire che ad esempio la Debian ha un ramo
            stable con software parecchio datato=molto
            testato= ridotta probabilità che dia problemi ecc
            ecc... proprio ciò che ci vuole per i server. Mdk
            è decisamente meglio per chi vuole pacchetti più
            aggiornati ... in definitiva, Mdk e Debian vanno
            benissimo entrambi, si sceglie l'una o l'altra in
            base alle proprie necessità. Io le ho insallate
            tutte e 2 sul mio pc ... :D :DBoh, io uso la mdk come desktop, per uso domestico, ci faccio tutto cio' che mi serve, cioe' navigare ( ho un modem alice usb/ethernet, uso la porta ethernet configurata con tre click del mouse ) , masterizzare ( K3b e' perfino piu' facile e veloce di nero ), giocare, scrivere e stampare, e p2p. Altre distro le ho provate ma non comode come la mdk ( suse a parte ) .Per i server ho visto solo red hat installata in qualche studio. Ma sul sito mandriva ci sono diverse soluzioni anche per i server. I ragazzi tra i 16 e i 20 anni che io conosco usano per la maggior parte slack e gentoo e sono bravissimi nel configurare il tutto. Io preferisco la mdk, secondo me e' piu' didattica per i nuovi utenti linux, anche se loro sono del parere contrario, dipende cosa si intende per " didattico " e per " utente ".mdk (linux)
  • Anonimo scrive:
    Mah...se continua così..
    saranno le società di distro che uccideranno linux.Troppe le distro in giro, troppe le differenze tra una e l'altra.Ho provato per l'ennesima volta a passare a linux (Fedora core 3)e non ha riconosciuto sk sonora, modem e sk firewire.La casa della sk sonora ha rilasciato i driver solo per: suse 9.1 e redhat, quella del modem: mandrake, suse e debian, quella della scheda firewire: suse, redhat, mandrake.A questo punto vuol dire che devo scegliere il SO in base all'hardware che ho installato !!!! Assurdo.Credo che le case hardware si stanno impegnando per supportare linux, ma se continuano ad uscire tutte queste versioni rimangono spiazzate sia loro che gli utenti finali.
    • Anonimo scrive:
      Re: Mah...se continua così..
      - Scritto da: Anonimo
      saranno le società di distro che uccideranno
      linux.come dire: saranno le società di distribuzione dell'acqua minerale a distruggere tutte le molecole dell'H2O
      Troppe le distro in giro, troppe le differenze
      tra una e l'altra.come dire: troppe le acque minerali in giro, troppe le differenze tra un'acqua minerale e l'altra
    • awerellwv scrive:
      Re: Mah...se continua così..
      - Scritto da: Anonimo
      saranno le società di distro che uccideranno
      linux.
      Troppe le distro in giro, troppe le differenze
      tra una e l'altra.mai sentito parlare di LSB? linux standard base? Ogni distro ha le sue peculiarita' ma tutte devono avere una base in comune per la gestione delle configurazioni - dati - utenti - etcetetra; Una gerarchia comune per le installazioni di software e il resto... p.s. il + grosso vantaggio di linux stesso e' che posso (puoi anche tu) metterci dentro il software che piu' ti aggrada, in che modo, e soprattutto come renderlo unico con una tua personalizzazione di esso... con 1 unico cd di Debian e uan connessioen di rete (e un po' di intelligenza) posso creare tutta (dai server ai client) l'infrastruttura necessaria per la mia rete. dimmi te se non e' flessibilita' questa...

      Ho provato per l'ennesima volta a passare a linux
      (Fedora core 3)e non ha riconosciuto sk sonora,
      modem e sk firewire.
      La casa della sk sonora ha rilasciato i driver
      solo per: suse 9.1 e redhat, quella del modem:
      mandrake, suse e debian, quella della scheda
      firewire: suse, redhat, mandrake.ti sei risposto da solo.. Suse va benissimo per te... dato che supporta tutto l'hardware che hai elencato...
      A questo punto vuol dire che devo scegliere il SO
      in base all'hardware che ho installato !!!!
      Assurdo.Assurdo invece che si sia arrivati ad una situazione simile dove le hardware house rilasciano driver solo per windows... Questo e' da carcerazione. Gli sviluppatori del kernel vorrebbero supportare tutto l'hardware mondiale (per evitare scomodi driver esterni) solo che le case hardware non rilasciano le specifiche di connessione al proprio hardware... facendo in modo che rilascino i driver proprietari solo per "X" distribuzione, impedendo de facto l'untente a limitare la propria scelta. Questo e' assurdo...
      Credo che le case hardware si stanno impegnando
      per supportare linux, ma se continuano ad uscire
      tutte queste versioni rimangono spiazzate sia
      loro che gli utenti finali. Invece e' buona parte delle hardware house che limitano tale processo non rilasciando le specifiche del loro hardware agli sviluppatori... basta vedere l'incubo dell'installazione delle schede grafiche nVidia oppure ATI... se nvidia hai il driver proprietario e morta li... se lo vuoi accetto software non open sul tuo sistema.. su ati che in precedenza rilasciava le specifiche hai driver che funziano fino a certi modelli, ora le rilascia con il contagoccie, e si ha la situazione confusionaria dove i driver nel kernel funziano fino al modello ATI tale, dal modello tale+1 sei "costretto" a installare driver proprietari... (solo in formato rpm con delle problematiche enormi per chi usa distro basate su debian o slackware)
      • Anonimo scrive:
        Re: Mah...se continua così..
        dal modello tale+1 sei "costretto" a installare driver proprietari... (solo in formato rpm con delle problematiche enormi per chi usa distro basate su debian o slackwareah perchè funzionano con gli rpm ? ? sarà,io ho tirato porchi a catena anche su suse (e non te dico con debian)
        • awerellwv scrive:
          Re: Mah...se continua così..
          - Scritto da: Anonimo
          dal modello tale+1 sei "costretto" a installare
          driver proprietari... (solo in formato rpm con
          delle problematiche enormi per chi usa distro
          basate su debian o slackware

          ah perchè funzionano con gli rpm ? ? sarà,io ho
          tirato porchi a catena anche su suse (e non te
          dico con debian)quel tale + 1 (aka ati 9600XT) su suse ho trovato dei driver particolari in 2 files che funzionavano in parte... 2D perfetto 3D nisba... e quindi nulla da fare... invece su debian ho trovati una guida su playlinux http://www.playlinux.net/modules/AMS/article.php?storyid=16e sembrano funzionare anche se ancora non ho provato un singolo gioco 3d ...spero che ti sia d'aiuto..
    • Anonimo scrive:
      Re: Mah...se continua così..
      - Scritto da: Anonimo
      saranno le società di distro che uccideranno
      linux.
      Troppe le distro in giro, troppe le differenze
      tra una e l'altra.Non la vedo così... comunque sono punti di vista...
      Ho provato per l'ennesima volta a passare a linux
      (Fedora core 3)e non ha riconosciuto sk sonora,
      modem e sk firewire.Passi per il modem (56k o ADSL che sia), ma francamente scheda audio e scheda firewire devi averle cercate con il lanternino...
      La casa della sk sonora ha rilasciato i driver
      solo per: suse 9.1 e redhat, quella del modem:
      mandrake, suse e debian, quella della scheda
      firewire: suse, redhat, mandrake.sk sonora: accertati che non sia già supportata nativamente da ALSA, in caso positivo non hai bisogno di alcun driversk firewire: accertati che non sia già supportata nativamente dal kernel, in caso positivo non hai bisogno di alcun drivermodem: 56k su seriale o ADSL su eth non hanno bisogno di alcun driver. Altrimenti accertati che non esista un binario non pacchettizzato. In ogni modo forse il pacchetto per Mdk lo riesci ad installare anche su FC3
      A questo punto vuol dire che devo scegliere il SO
      in base all'hardware che ho installato !!!!
      Assurdo.Infatti. Semmai è il contrario... Comunque non ho mai trovato una scheda audio o una scheda firewire non supportate nativamente...
      Credo che le case hardware si stanno impegnando
      per supportare linux, ma se continuano ad uscire
      tutte queste versioni rimangono spiazzate sia
      loro che gli utenti finali. Le case hw se proprio non vogliono divulgare le specifiche o fornire driver open source almeno potrebbero fornire driver closed non pacchettizzati...
    • Anonimo scrive:
      Re: Mah...se continua così..
      - Scritto da: Anonimo
      saranno le società di distro che uccideranno
      linux.
      Troppe le distro in giro, troppe le differenze
      tra una e l'altra.

      Ho provato per l'ennesima volta a passare a linux
      (Fedora core 3)e non ha riconosciuto sk sonora,
      modem e sk firewire.
      La casa della sk sonora ha rilasciato i driver
      solo per: suse 9.1 e redhat, quella del modem:
      mandrake, suse e debian, quella della scheda
      firewire: suse, redhat, mandrake.

      A questo punto vuol dire che devo scegliere il SO
      in base all'hardware che ho installato !!!!
      Assurdo.

      Credo che le case hardware si stanno impegnando
      per supportare linux, ma se continuano ad uscire
      tutte queste versioni rimangono spiazzate sia
      loro che gli utenti finali.
      E' questa la troiata colossale di Linzozz
      • Anonimo scrive:
        Re: Mah...se continua così..
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        saranno le società di distro che uccideranno

        linux.

        Troppe le distro in giro, troppe le differenze

        tra una e l'altra.



        Ho provato per l'ennesima volta a passare a
        linux

        (Fedora core 3)e non ha riconosciuto sk sonora,

        modem e sk firewire.

        La casa della sk sonora ha rilasciato i driver

        solo per: suse 9.1 e redhat, quella del modem:

        mandrake, suse e debian, quella della scheda

        firewire: suse, redhat, mandrake.



        A questo punto vuol dire che devo scegliere il
        SO

        in base all'hardware che ho installato !!!!

        Assurdo.



        Credo che le case hardware si stanno impegnando

        per supportare linux, ma se continuano ad uscire

        tutte queste versioni rimangono spiazzate sia

        loro che gli utenti finali.



        E' questa la troiata colossale di LinzozzLa troiata colossale e' che le case rilasciano i driverin maniera solo binaria, per cui e' chiaro chefunzionano solo con alcune distro e con le altreno. Non solo, ma dopo 2 o 3 mesi, in seguitoad aggiornamenti di kernel o X non funzionerannopiu' nemmeno con le distro per i quali erano previsti.Se le case produttrici di hardware rilasciasseroi sorgenti invece di farsi le pippe mentali con le IP,sicuramente TUTTE le distro includerebbero i driver.Non solo ma funzionerebbero su tutte learchitetture: non dimentichiamo che linux non c'e'solo per X86, ma anche per X86-64, PPC, Sparc, etc.
    • Anonimo scrive:
      Re: Mah...se continua così..
      Strano... c'è gente che con linux ci fa tutto come su windows...http://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=964625&tid=964185&p=1#964625
    • Anonimo scrive:
      Re: Mah... ma li leggete gli articoli?
      - Scritto da: Anonimo
      saranno le società di distro che uccideranno
      linux.
      Troppe le distro in giro, troppe le differenze
      tra una e l'altra.Appunto, visto che si sono fuse due distribuzioni dovresti essere contento.Se si fossero fuse vattelapescalinux e pincopallinolinux lo capirei il discorso, ma stiamo parlando di mdk, tutti o quasi gli ultimi arrivati a linux passano di lì.Perciò sti discorsi "troppe distro inutili" non lo capisco proprio...
  • Anonimo scrive:
    Quale idiota pagherebbe mai una distro?
    Mettiamo per un attimo la discutibile qualità, utilità e attualità dei software gratuiti in gpl...E si, vorrei proprio vedere le facce di chi si collega al sito di queste società per sganciare un bel po' di euri e avere in cambio qualcosa che inevitabilmente è già disponibile gratuitamente presso i siti dei vari muli open source domenicali...Cioè... se proprio voglio dare soldi a qualcuno, preferisco andare su sourgeforce e fare un po' di elemosin... ehm... donazioni da quelle parti con paypal...ma mai mai !!!
    • Anonimo scrive:
      Re: Quale idiota pagherebbe mai una dist
      - Scritto da: Anonimo
      Mettiamo per un attimo la discutibile qualità,
      utilità e attualità dei software gratuiti in
      gpl...
      E si, vorrei proprio vedere le facce di chi si
      collega al sito di queste società per sganciare
      un bel po' di euri e avere in cambio qualcosa che
      inevitabilmente è già disponibile gratuitamente
      presso i siti dei vari muli open source
      domenicali...
      Cioè... se proprio voglio dare soldi a qualcuno,
      preferisco andare su sourgeforce e fare un po' di
      elemosin... ehm... donazioni da quelle parti con
      paypal...

      ma mai mai !!!perche' sei un povero scroccone imbecille, che pretende che tutto gli sia dovuto e che non debba mai e poi mai dare nulla in cambio.
      • Anonimo scrive:
        Re: Quale idiota pagherebbe mai una dist
        - Scritto da: Anonimo
        - Scritto da: Anonimo

        Mettiamo per un attimo la discutibile qualità,

        utilità e attualità dei software gratuiti in

        gpl...


        E si, vorrei proprio vedere le facce di chi si

        collega al sito di queste società per sganciare

        un bel po' di euri e avere in cambio qualcosa
        che

        inevitabilmente è già disponibile gratuitamente

        presso i siti dei vari muli open source

        domenicali...


        Cioè... se proprio voglio dare soldi a qualcuno,

        preferisco andare su sourgeforce e fare un po'
        di

        elemosin... ehm... donazioni da quelle parti con

        paypal...



        ma mai mai !!!

        perche' sei un povero scroccone imbecille, che
        pretende che tutto gli sia dovuto e che non debba
        mai e poi mai dare nulla in cambio.se qui c'è uno scroccone, quella è mandrake... o come caspita la chiamano... (un po' tutte le distro direi) che sfrutta i muli a costo zero per sfornare distro carissime e inutili
    • Anonimo scrive:
      Re: Quale idiota pagherebbe mai una dist
      - Scritto da: Anonimo
      Mettiamo per un attimo la discutibile qualità,
      utilità e attualità dei software gratuiti in
      gpl...

      E si, vorrei proprio vedere le facce di chi si
      collega al sito di queste società per sganciare
      un bel po' di euri e avere in cambio qualcosa che
      inevitabilmente è già disponibile gratuitamente
      presso i siti dei vari muli open source
      domenicali...Mai sfiorata l'idea che quello che gli stai pagando non sia software GPL ?

      Cioè... se proprio voglio dare soldi a qualcuno,
      preferisco andare su sourgeforce e fare un po' di
      elemosin... ehm... donazioni da quelle parti con
      paypal...

      ma mai mai !!!vorrai dire mai mai mai leggere sulla home come mai te la fanno pagare ... troppo sforzo leggere e capire vero ?mah ...
    • Anonimo scrive:
      Re: Quale idiota pagherebbe mai una dist
      Quale idiota pagherebbe un bel po' di soldi per avere prodotti come Windows e MSOffice, quando esistono dei corrispettivi open e free (non nel senso di gratuito)?Di come uno spende i suoi soldi a te che ti frega??In tutta onestà il tuo Win lo hai pagato, o lo hai masterizzato??Gente che compra le distribuzioni o che fa donazioni esistono, stanne certo.
    • Trin scrive:
      Re: Quale idiota pagherebbe mai una dist
      Eccomi.E più di una volta, quindi recidivo.Ho qui la suse 9.2 e attendo la 9.3Altre domande?
      • Anonimo scrive:
        Re: Quale idiota pagherebbe mai una dist
        - Scritto da: Trin
        Eccomi.
        E più di una volta, quindi recidivo.
        Ho qui la suse 9.2 e attendo la 9.3

        Altre domande?però ti sei mai chiesto se è giusto che i programmatori di suse debbano guadagnare 600 euro al mese a cottimo, mentre il ceo di novell va in giro con la Porche?
        • pippo75 scrive:
          Re: Quale idiota pagherebbe mai una dist

          però ti sei mai chiesto se è giusto che i
          programmatori di suse debbano guadagnare 600 euro
          al mese a cottimo, mentre il ceo di novell va in
          giro con la Porche?vengono pagati 600euro al mese oppure a cottimo? vuoi dire che tutti i messi fanno lo stesso quantitativo di lavoro?anche il settore delle calzature paga di piu'.ciao
          • Anonimo scrive:
            Re: Quale idiota pagherebbe mai una dist
            - Scritto da: pippo75

            vengono pagati 600euro al mese oppure a cottimo?mediamente si arriva a 500-600 mensili... ovviamente a cottimosono le realtà (quelle vere) del mondo open source, solo se le accetti capirai perchè molte aziende furbe e senza scrupoli stanno abbracciando l'open source
        • Trin scrive:
          Re: Quale idiota pagherebbe mai una dist
          - Scritto da: Anonimo
          però ti sei mai chiesto se è giusto che i
          programmatori di suse debbano guadagnare 600 euro
          al mese a cottimo, mentre il ceo di novell va in
          giro con la Porche?Non credo sia giusto almeno quanto non credo sia vero (a parte che il CEO di Novell gira in porsche, ma me ne frego il giusto).
    • Anonimo scrive:
      Re: Quale idiota pagherebbe mai una dist
      TI sei mai chiesto perche' si paga? sai com'e' ... dentro ci sono dei manuali e hai un anno di supporto telefonico ma questo mi raccomando escludilo ...winaro troll
    • Anonimo scrive:
      Re: Quale idiota pagherebbe mai una distro?
      vedo che ti pagano a cottimo per dire stronzate, ma ci sono altri modi piu' redditizzi per vivere
      • Anonimo scrive:
        Re: Quale idiota pagherebbe mai una distro?
        - Scritto da: Anonimo
        vedo che ti pagano a cottimo per dire stronzate,E pensa che il suo capo... altro che Porsche...
    • Anonimo scrive:
      Re: Quale idiota pagherebbe mai una dist
      - Scritto da: Anonimo
      Mettiamo per un attimo la discutibile qualità,
      utilità e attualità dei software gratuiti in
      gpl...mandrake da upgrade e fix quasi quotidiani
      E si, vorrei proprio vedere le facce di chi si
      collega al sito di queste società per sganciare
      un bel po' di euri e avere in cambio qualcosa che
      inevitabilmente è già disponibile gratuitamente
      presso i siti dei vari muli open source
      domenicali...vedo che non sai di cosa parli, dato che non hai mai dato un'occhiata al sito di mandrakepagando si può avere la versione discovery , la powerpack o la powerpack+. rispetto alla versione download ci sono1) driver proprietari. utili con alcune schede grafiche2) più programmi: adobe reader i plugin per flash e java. ovviamente più si paga più cose ci sono3) supporto per un'anno
      Cioè... se proprio voglio dare soldi a qualcuno,
      preferisco andare su sourgeforce e fare un po' di
      elemosin... ehm... donazioni da quelle parti con
      paypal...con i miei soldi faccio quello che mi pare. con i tuoi, vatti a comprare quache scatola di microsoft se proprio ti piace-
      • Anonimo scrive:
        Re: Quale idiota pagherebbe mai una dist
        -
        vedo che non sai di cosa parli, dato che non hai
        mai dato un'occhiata al sito di mandrake

        pagando si può avere la versione discovery , la
        powerpack o la powerpack+.
        rispetto alla versione download ci sono

        1) driver proprietari. utili con alcune schede
        grafiche
        2) più programmi: adobe reader i plugin per flash
        e java. ovviamente più si paga più cose ci sono
        3) supporto per un'annoUso slackware e i driver propietari me li scarico dal sito del produttore dell'hardware vedi Nvidia.Java me lo scarico da sun adobe reader da adobe e il tutto e' gratis!Idem per i vari plugin.
        con i miei soldi faccio quello che mi pare. con i
        tuoi, vatti a comprare quache scatola di
        microsoft se proprio ti piace-Senza sourceForge e simili Mandrake non potrebbe esistere quindi preferirei sponsorizzare qualche hacker.L'unica cosa che giustificva il prezzo e' il servizio cliente di cui non ho mai avuto bisogno.Quini W le distro OPEN
    • francescor82 scrive:
      Re: Quale idiota pagherebbe mai una dist
      Che troll. :-D
      Mettiamo per un attimo la discutibile qualità,
      utilità e attualità dei software gratuiti in
      gpl...Gioia, GPL non è sinonimo di gratis! Ma chi ve le insegna, queste cose???
      E si, vorrei proprio vedere le facce di chi si
      collega al sito di queste società per sganciare
      un bel po' di euri e avere in cambio qualcosa che
      inevitabilmente è già disponibile gratuitamente
      presso i siti dei vari muli open source
      domenicali...C'è gente che paga, tranquillo. Inoltre mi viene il sospetto che invece tu non abbia mai pagato le tue copie di Windows, dì la verità. ;-)
      Cioè... se proprio voglio dare soldi a qualcuno,
      preferisco andare su sourgeforce e fare un po' di
      elemosin... ehm... donazioni da quelle parti con
      paypal...Il fatto che la maggior parte delle distro "che costano" ti offrano anche assistenza, manuali, driver supplementari e altro non ti dice niente?E poi chi ti obbliga a prendere una distro a pagamento? Usa Ubuntu, che non ti fa pagare neanche le spese di spedizione del CD a casa.
      ma mai mai !!!Ma peggio per te!
      • Anonimo scrive:
        Re: Quale idiota pagherebbe mai una dist

        Gioia, GPL non è sinonimo di gratis! Ma chi ve le
        insegna, queste cose???Non sono sinonimi ma inevitabilmente il software GNU/GPL è gratuito (ed opensource, e liberamente modificabile e redistribuibile sotto la stessa licenza, ecc. ecc. ecc.)
        • francescor82 scrive:
          Re: Quale idiota pagherebbe mai una dist


          Gioia, GPL non è sinonimo di gratis! Ma chi ve
          le

          insegna, queste cose???

          Non sono sinonimi ma inevitabilmente il software
          GNU/GPL è gratuito (ed opensource, e liberamente
          modificabile e redistribuibile sotto la stessa
          licenza, ecc. ecc. ecc.)Ma non è vero! Non è INEVITABILMENTE gratuito. Le prime due fonti di spesa che mi vengono in mente sono i costi per il supporto fisico su cui fornire il sorgente (la GPL prevede che, se l'utente vuole il sorgente, il fornitore può farsi rimborsare le spese della spedizione o chiedere un contributo se l'utente preferisce scaricarlo) e il supporto tecnico, come aiuti via telefono o un incaricato che viene a casa e ti installa il programma. Ma sicuramente GPL non è sinonimo di gratuito.Quanto alla licenza, è vero, un codice sotto GPL deve rimanere GPL, anche dopo modifiche, e anche se diventa parte di un nuovo software (Dovrebbe funzionare così: se tu scrivi un programma in cui usi una libreria licenziata con GPL, devi lasciare la libreria con GPL anche se la modifichi, mentre puoi mettere il tuo codice sotto la licenza che preferisci). Quindi se l'autore ti impone di redistribuire il codice tu non puoi sottrarti; d'altra parte se l'autore del software usa una licenza chiusa e non vuole darti il codice, non è obbligato, e se tu vuoi modificare un codice GPL ma non rendere pubblici i cambiamenti... semplicemente non usi il codice GPL e te lo scrivi da solo. :-D
          • pippo75 scrive:
            Re: Quale idiota pagherebbe mai una dist


            Ma non è vero! Non è INEVITABILMENTE gratuito. Le
            prime due fonti di spesa che mi vengono in mente
            sono i costi per il supporto fisico su cui
            fornire il sorgente (la GPL prevede che, se
            l'utente vuole il sorgente, il fornitore può
            farsi rimborsare le spese della spedizione o
            chiedere un contributo se l'utente preferisce
            scaricarlo) e il supporto tecnico, come aiuti via
            telefono o un incaricato che viene a casa e ti
            installa il programma. Ma sicuramente GPL non è
            sinonimo di gratuito.
            ma poco ci manca, come dici tu quello che paghi e' il supporto (sia materiale che di persone) non il soft.(se non ho capito male) La GPL dice che chi compra un programma ne ha tutti i diritti, compreso quello di regalarlo a tutti (al limite ci mettiamo in 10 persone e poi lo mettiamo su internet).ciao
          • francescor82 scrive:
            Re: Quale idiota pagherebbe mai una dist

            ma poco ci manca, come dici tu quello che paghi
            e' il supporto (sia materiale che di persone) non
            il soft.Sbagli anche qui, e ti porto subito l'esempio: http://www.xchat.org/windows/XChat è un software OpenSource, ma come dice nelle FAQ fare il porting per Windows è complesso, quindi se vuoi l'exe per Windows devi pagare 20$ una volta, e poi riceverai anche gli aggiornamenti.In questo caso non stai pagando il supporto ma il prodotto, sottoforma di binario per Windows.Comunque ti dò ragione, "poco ci manca": solo che qualcosa manca lo stesso, quindi non sono sinonimi. ;-)
            (se non ho capito male) La GPL dice che chi
            compra un programma ne ha tutti i diritti,
            compreso quello di regalarlo a tutti (al limite
            ci mettiamo in 10 persone e poi lo mettiamo su
            internet).Purchè rispetti la licenza GPL sì. Dopo che l'hai comprato lo puoi regalare se vuoi.Comunque hai appena usato "GPL" e "compra il programma" nella stessa frase... Intendevi "compra il supporto", oppure ammetti che si può comprare effettivamente il programma? :-D

            ciao
          • francescor82 scrive:
            Re: Quale idiota pagherebbe mai una dist

            questo non lo so, mi diresti un elenco di ditte
            che hanno rilasciato i loro prodotti GPL , pero'

            - prodotti non nati da qualche volontario come
            Gimp

            - prodotti non di punta, come openoffice, non per
            la qualità ma per il fatto che Sun vende
            sopratutto HW.Neanch'io so risponderti, ma mi sembra che stiamo solo girando intorno all'argomento. Il fatto è che non puoi sostenere che GPL è automaticamente sinonimo di gratuito, e in generale non intende esserlo. Copio da http://www.gnu.org/copyleft/gpl.html:When we speak of free software, we are referring to freedom, not price. Our General Public Licenses are designed to make sure that you have the freedom to distribute copies of free software (and charge for this service if you wish), that you receive source code or can get it if you want it, that you can change the software or use pieces of it in new free programs; and that you know you can do these things.Ma credo che questo lo sapessi già. Quindi sostenere che GPL significa gratis è sbagliato a priori. Poi, se le aziende o i volontari preferiscono vendere solo l'assistenza e farsi mandare una cartolina dagli utenti perché pensano di non riuscire a vendere il prodotto in sé, è qualcosa che va al di là della licenza: potrebbero tranquillamente rilasciare il programma come Freeware se volessero regalarlo. IMHO lo rilasciano invece sotto GPL per una precisa scelta, quella di favorire la diffusione e lo sviluppo del loro codice e allo stesso tempo proteggerlo da chi volesse modificarlo e appropriarsene (come invece permette a licenza BSD).
          • Anonimo scrive:
            Re: Quale idiota pagherebbe mai una dist

            Ma non è vero! Non è INEVITABILMENTE gratuito. Le
            prime due fonti di spesa che mi vengono in mente
            sono i costi per il supporto fisico su cui
            fornire il sorgente (la GPL prevede che, se
            l'utente vuole il sorgente, il fornitore può
            farsi rimborsare le spese della spedizione o
            chiedere un contributo se l'utente preferisce
            scaricarlo) e il supporto tecnico, come aiuti via
            telefono o un incaricato che viene a casa e ti
            installa il programma. Ma sicuramente GPL non è
            sinonimo di gratuito.Anche le noccioline che prendi gratis al bar sono state prodotte e hanno comportato costi... ma per "l'utente finale" sono gratuite.
            Quanto alla licenza, è vero, un codice sotto GPL
            deve rimanere GPL, anche dopo modifiche, e anche
            se diventa parte di un nuovo software (Dovrebbe
            funzionare così: se tu scrivi un programma in cui
            usi una libreria licenziata con GPL, devi
            lasciare la libreria con GPL anche se la
            modifichi, mentre puoi mettere il tuo codice
            sotto la licenza che preferisci). Quindi se
            l'autore ti impone di redistribuire il codice tu
            non puoi sottrarti; d'altra parte se l'autore del
            software usa una licenza chiusa e non vuole darti
            il codice, non è obbligato, e se tu vuoi
            modificare un codice GPL ma non rendere pubblici
            i cambiamenti... semplicemente non usi il codice
            GPL e te lo scrivi da solo. :-DE quindi? :D
          • francescor82 scrive:
            Re: Quale idiota pagherebbe mai una dist

            Anche le noccioline che prendi gratis al bar sono
            state prodotte e hanno comportato costi... ma per
            "l'utente finale" sono gratuite.L'utente finale non è l'unico nella catena di produzione e consumo delle noccioline, così come non lo è nel ciclo di produzione del software.GPL non significa gratuito, punto. Che ci vada vicino o meno è un altro discorso, ma non sono sinonimi.
            E quindi? :DRispondevo a quello che diceva l'autore del post precedente riguardo alle licenze.
          • Anonimo scrive:
            Re: Quale idiota pagherebbe mai una dist

            L'utente finale non è l'unico nella catena di
            produzione e consumo delle noccioline, così come
            non lo è nel ciclo di produzione del software.
            GPL non significa gratuito, punto. Che ci vada
            vicino o meno è un altro discorso, ma non sono
            sinonimi.E chi ha mai detto che siano sinonimi? Guarda che ragionando così NULLA è gratuito perchè tutto comporta sforzi di produzione. Il dato di fatto è che l'utente finale na la facoltà di usuifruire di qualsiasi software GNU/GPL GRATUITAMENTE ;-)
          • francescor82 scrive:
            Re: Quale idiota pagherebbe mai una dist


            L'utente finale non è l'unico nella catena di

            produzione e consumo delle noccioline, così come

            non lo è nel ciclo di produzione del software.

            GPL non significa gratuito, punto. Che ci vada

            vicino o meno è un altro discorso, ma non sono

            sinonimi.

            E chi ha mai detto che siano sinonimi?Quoto dal post che ha fatto l'anonimo prima di me: Anche le noccioline che prendi gratis al bar sono state prodotte e hanno comportato costi... ma per "l'utente finale" sono gratuite. Qualcuno ha portato questo esempio, e mi sembra che chiaramente volesse dire che sono sinonimi (anche dal contesto). Purtroppo siete entrambi anonimi e quindi non posso sapere se l'ha detto la stessa persona, ma io stavo comunque rispondendo.
            Guarda che
            ragionando così NULLA è gratuito perchè tutto
            comporta sforzi di produzione. Il dato di fatto è
            che l'utente finale na la facoltà di usuifruire
            di qualsiasi software GNU/GPL GRATUITAMENTE ;-)Ripeto, l'utente finale non è l'unico anello del ciclo di vita del software, per quanto ovviamente sia forse quello principale in quanto un software senza utenti non ha molta ragione di esistere.
    • Anonimo scrive:
      Re: Quale idiota pagherebbe mai una distro?
      - Scritto da: AnonimoMa pensa... io invece mi sentirei un idiota a pagare per quella schifezza di sistema operativo chiamato "finestre"...
      • Anonimo scrive:
        Re: Quale idiota pagherebbe mai una distro?
        - Scritto da: Anonimo

        Ma pensa... io invece mi sentirei un idiota a
        pagare per quella schifezza di sistema operativo
        chiamato "finestre"...


        Allora lo sei già senza saperlo :D
        • Anonimo scrive:
          Re: Quale idiota pagherebbe mai una distro?
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo



          Ma pensa... io invece mi sentirei un idiota a

          pagare per quella schifezza di sistema operativo

          chiamato "finestre"...







          Allora lo sei già senza saperlo :DNo. So benissimo di non esserlo... :-p
    • Anonimo scrive:
      Re: Quale idiota pagherebbe mai una distro?
      - Scritto da: Anonimo
      Mettiamo per un attimo la discutibile qualità,
      utilità e attualità dei software gratuiti in
      gpl...

      E si, vorrei proprio vedere le facce di chi si
      collega al sito di queste società per sganciare
      un bel po' di euri e avere in cambio qualcosa che
      inevitabilmente è già disponibile gratuitamente
      presso i siti dei vari muli open source
      domenicali...

      Cioè... se proprio voglio dare soldi a qualcuno,
      preferisco andare su sourgeforce e fare un po' di
      elemosin... ehm... donazioni da quelle parti con
      paypal...

      ma mai mai !!!Bisogna essere proprio dei pirla :D
    • Anonimo scrive:
      Re: Quale idiota pagherebbe mai una dist
      ma vai a cagare pirla!
    • barbanera scrive:
      mac os, collegamento sul desktop
      Eccomi :) Sono uno degli idioti di cui parli.Di solito quando apprezzo il lavoro di una persona, contraccambio con il vile denaro.Un lavoro ben fatto và ripagato. Poi tu sei libero di scaricarlo gratuitamente, io voglio la scatola con i manuali e il DVD originale.
    • Anonimo scrive:
      Re: Quale idiota pagherebbe mai una dist

      Mettiamo per un attimo la discutibile qualità,
      utilità e attualità dei software gratuiti in
      gpl...C'è software GNU/GPL valido come software commerciale valido... come software commerciale vomitevole e software GNU/GPL vomitevole (vedi phpBB eh eh).
      E si, vorrei proprio vedere le facce di chi si
      collega al sito di queste società per sganciare
      un bel po' di euri e avere in cambio qualcosa che
      inevitabilmente è già disponibile gratuitamente
      presso i siti dei vari muli open source
      domenicali...Forse perchè nelle distribuzioni commerciali è incluso anche software proprietario non gratuito, che dici?
      Cioè... se proprio voglio dare soldi a qualcuno,
      preferisco andare su sourgeforce e fare un po' di
      elemosin... ehm... donazioni da quelle parti con
      paypal...Condivido... effettivamente aggrapparsi allo strascico "GNU/GPL" (diciamocelo... è questo che ha reso celebre Linux più che la sua reale qualità - e con questo non dico non sia una buona soluzione, dico solo che ce ne sono altre altrettanto valide - ), emblema di Linux, per vendere distribuzioni commerciali, non è proprio il massimo... anche io preferirei fare donazioni su paypal ;-)
      • francescor82 scrive:
        Re: Quale idiota pagherebbe mai una dist

        C'è software GNU/GPL valido come software
        commerciale valido... come software commerciale
        vomitevole e software GNU/GPL vomitevole (vedi
        phpBB eh eh).Non conosco phpBB ma in generale ti dò ragione, esiste software buono e software cattivo sia per l'Open che per il Closed source.
        Forse perchè nelle distribuzioni commerciali è
        incluso anche software proprietario non gratuito,
        che dici?[CUT]
        Condivido... effettivamente aggrapparsi allo
        strascico "GNU/GPL" (diciamocelo... è questo che
        ha reso celebre Linux più che la sua reale
        qualità - e con questo non dico non sia una buona
        soluzione, dico solo che ce ne sono altre
        altrettanto valide - ), emblema di Linux, per
        vendere distribuzioni commerciali, non è proprio
        il massimo... anche io preferirei fare donazioni
        su paypal ;-)Magari non ti sto comprendendo io, ma non sei in contraddizione con te stesso? Se c'è software proprietario non gratuito è naturale che esistano distribuzioni che te lo forniscano a pagamento e altre che non te lo forniscono e rimangono "non commerciali".E al di là del software proprietario, le versioni commerciali di molte distribuzioni forniscono anche assistenza e altri servizi.
        • Anonimo scrive:
          Re: Quale idiota pagherebbe mai una dist

          Magari non ti sto comprendendo io, ma non sei in
          contraddizione con te stesso? Se c'è software
          proprietario non gratuito è naturale che esistano
          distribuzioni che te lo forniscano a pagamento e
          altre che non te lo forniscono e rimangono "non
          commerciali".

          E al di là del software proprietario, le versioni
          commerciali di molte distribuzioni forniscono
          anche assistenza e altri servizi.La contraddizione non è mia, ma è insita in questo genere di prodotti: unire obiettivi commerciali ad un sistema operativo votato e trascinato dalla GNU/GPL.
          • francescor82 scrive:
            Re: Quale idiota pagherebbe mai una dist

            La contraddizione non è mia, ma è insita in
            questo genere di prodotti: unire obiettivi
            commerciali ad un sistema operativo votato e
            trascinato dalla GNU/GPL.Come ho già risposto ad altri in questo thread, GPL non è sinonimo di gratuito, ma consente la vendita dei prodotti. Non ci vedo poi tanta contraddizione.
          • Anonimo scrive:
            Re: Quale idiota pagherebbe mai una dist

            Come ho già risposto ad altri in questo thread,
            GPL non è sinonimo di gratuito, ma consente la
            vendita dei prodotti. Non ci vedo poi tanta
            contraddizione.E' solo un artifizio per racimolare soldi, con i source liberamente disponibili è possibile ottenere gratuitamente qualsiasi software GNU/GPL. Se poi lo vuoi comperare per sostenere il progetto è una tua scelta, ma questo esula dallo scopo insito nella licenza.
          • francescor82 scrive:
            Re: Quale idiota pagherebbe mai una dist

            E' solo un artifizio per racimolare soldi, con i
            source liberamente disponibili è possibile
            ottenere gratuitamente qualsiasi software
            GNU/GPL. Se poi lo vuoi comperare per sostenere
            il progetto è una tua scelta, ma questo esula
            dallo scopo insito nella licenza.Infatti lo scopo della licenza è quello di permettere la libera diffusione del software, chi ha mai sostenuto il contrario?Ma una prova che, pure con i sorgenti gratuiti, un software GPL può costare, la trovi a http://www.xchat.org/windows/
    • Anonimo scrive:
      Re: Quale idiota pagherebbe mai una dist

      Mettiamo per un attimo la discutibile qualità,
      utilità e attualità dei software gratuiti in
      gpl...
      discutibile? i software di Microsoft secondo te sono di qualita'? ma finitela di star qui a trollare ma non avete altro da fare?
      E si, vorrei proprio vedere le facce di chi si
      collega al sito di queste società per sganciare
      un bel po' di euri e avere in cambio qualcosa che
      inevitabilmente è già disponibile gratuitamente
      presso i siti dei vari muli open source
      domenicali...Domenicali? ma chi ti credi di essere? solo perche' utilizzi Windows nessuno ti da il diritto di dare del "domenicali" a persone che non lo usano e che non conosci e di cui non conosci nemmeno il percorso formativo. Fare un sistema operativo con tutto quello che ci gira attorno (per chi sa cosa sia) non e' roba da programmatori domenicali. Secondo te lo e'? perche' non cambi mestiere ti rendi conto che di questo non hai capito nulla? no? ... mi spiace per te.
      Cioè... se proprio voglio dare soldi a qualcuno,
      preferisco andare su sourgeforce e fare un po' di
      elemosin... ehm... donazioni da quelle parti con
      paypal...elemosina? mi sa che tu hai una visione un po' contorta del mondo.Ma se c'e' molta gente (me compreso) a cui piace fare software sia per lavoro che per passione e prova gusto nel condividere proprie conoscenze o lavori con altri cosa c'e' di male?Ti ruba forse il lavoro perche' il software prodotto dall'opensorciaro (come lo chiamate voi) e' qualitativamente migliore del vostro? (e conosco per lavoro chi sono i veri programmatori domenicali: col passare del tempo tendo ad associarli a persone che la pensano come te... avete tutti la stessa testa ... e vi caratterizza un'ignoranza mai vista prima ... il bello e' che nemmeno ve ne accorgete. Vi riempite la bocca di paroloni che nemmeno conoscete).Mi sa che sto perdendo tempo: l'Italia e' famosa per la fuga di cervelli. Cosi' come lo e' per la scarsita e l'ignoranza di chi opera in questo settore. Probabilmente ho risposto ad un bambino che si crede di essere un esperto solo perche' sa fare dei copia incolla. Continua cosi' ... e' il miglior augurio che ti posso fare.
      • Anonimo scrive:
        Re: Quale idiota pagherebbe mai una dist
        - Scritto da: Anonimo

        discutibile? i software di Microsoft secondo te
        sono di qualita'? ma finitela di star qui a
        trollare ma non avete altro da fare?Ecco il primo troll domenicale :D

        Domenicali? ma chi ti credi di essere? solo
        perche' utilizzi Windows nessuno ti da il diritto
        di dare del "domenicali" a persone che non lo
        usano e che non conosci e di cui non conosci
        nemmeno il percorso formativo. Fare un sistema
        operativo con tutto quello che ci gira attorno
        (per chi sa cosa sia) non e' roba da
        programmatori domenicali. Secondo te lo e'?
        perche' non cambi mestiere ti rendi conto che di
        questo non hai capito nulla? no? ... mi spiace
        per te.E' roba per programmatori seri che voi linari non lo siete. Solo perchè ricompilare il kernel o scrivete una struct vi bagnate le mutande.
        elemosina? mi sa che tu hai una visione un po'
        contorta del mondo.
        Ma se c'e' molta gente (me compreso) a cui piace
        fare software sia per lavoro che per passione e
        prova gusto nel condividere proprie conoscenze o
        lavori con altri cosa c'e' di male?
        Ti ruba forse il lavoro perche' il software
        prodotto dall'opensorciaro (come lo chiamate voi)
        e' qualitativamente migliore del vostro? (e
        conosco per lavoro chi sono i veri programmatori
        domenicali: col passare del tempo tendo ad
        associarli a persone che la pensano come te...
        avete tutti la stessa testa ... e vi caratterizza
        un'ignoranza mai vista prima ... il bello e' che
        nemmeno ve ne accorgete. Vi riempite la bocca di
        paroloni che nemmeno conoscete).Ecco: lavorate per la gloria :D
        Mi sa che sto perdendo tempo: l'Italia e' famosa
        per la fuga di cervelli. Cosi' come lo e' per la
        scarsita e l'ignoranza di chi opera in questo
        settore. Probabilmente ho risposto ad un bambino
        che si crede di essere un esperto solo perche' sa
        fare dei copia incolla.
        Continua cosi' ... e' il miglior augurio che ti
        posso fare.L' Italia è famosa x la fuga di cervelli perchè non offre nulla :D
    • Anonimo scrive:
      Re: Quale idiota pagherebbe mai una dist
      ma chi ti credi di essere per dare dell'idiota ad altre persone che non la pensano come te?Quanti anni hai?
      • Anonimo scrive:
        *** TROLL DETECTED ***
        - Scritto da: Anonimo
        ma chi ti credi di essere per dare dell'idiota ad
        altre persone che non la pensano come te?
        Quanti anni hai?Don't feed the troll
    • Anonimo scrive:
      SOLO UN PIRLA PAGHEREBBE QUEL PATTUME
      - Scritto da: Anonimo
      Mettiamo per un attimo la discutibile qualità,
      utilità e attualità dei software gratuiti in
      gpl...
      Molto discutibile :D
  • Anonimo scrive:
    Precisazione su KPDF
    Punto informatico scive: "KDE 3.3.2 (con alcune applicazioni tratte dalla nuova versione 3.4, tra cui kpdf)..."Forse dovreste un attimo rendervi conto che KPDF è già in KDE 3.3.2 e che questa nuova distribuzione non prende KPDF e lo mette apposta dentro. Già è lì. Io uso KDE dalla versione 2.0, quindi queste cose le so. Comunque è bello leggere il vostro quotidiano elettronico. :-)
    • doppiaemme scrive:
      Re: Precisazione su KPDF
      Sì però il kpdf della 3.3.2 non ha funzionalità fondamentali tipo la ricerca all'interno del file. Probabilmente quello della 3.4 invece è più "completo".Ciao
    • la redazione scrive:
      Re: Precisazione su KPDF
      Con "tratto" intendiamo dire che hanno per l'appunto preso la versione di kpdf che c'è in KDE 3.4 e lo hanno messo in KDE 3.3.2. Forse la frase è poco chiara ;-)Ciau!- Scritto da: Anonimo
      Punto informatico scive: "KDE 3.3.2 (con alcune
      applicazioni tratte dalla nuova versione 3.4, tra
      cui kpdf)..."
      Forse dovreste un attimo rendervi conto che KPDF
      è già in KDE 3.3.2 e che questa nuova
      distribuzione non prende KPDF e lo mette apposta
      dentro. Già è lì. Io uso KDE dalla versione 2.0,
      quindi queste cose le so. Comunque è bello
      leggere il vostro quotidiano elettronico. :-)
  • Anonimo scrive:
    Altra distro inutile...
    No comment :-(((((
    • Anonimo scrive:
      Re: Altra distro inutile...
      - Scritto da: Anonimo
      No comment :-(((((Di inutile vedo solo la scatola cranica messa come orpello in cima al tuo collo, ma desolatamente vuota...
      • Anonimo scrive:
        Re: Altra distro inutile...
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        No comment :-(((((

        Di inutile vedo solo la scatola cranica messa
        come orpello in cima al tuo collo, ma
        desolatamente vuota...Di inutile vedo solo chi ti ha messo la mondo
        • Anonimo scrive:
          Re: Altra distro inutile...
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo



          - Scritto da: Anonimo


          No comment :-(((((



          Di inutile vedo solo la scatola cranica messa

          come orpello in cima al tuo collo, ma

          desolatamente vuota...

          Di inutile vedo solo chi ti ha messo la mondoQuello che vedi tu non fa testo, viste le considerazioni del mio post precedente...
          • Anonimo scrive:
            Re: Altra distro inutile...
            - Scritto da: Anonimo

            Quello che vedi tu non fa testo, viste le
            considerazioni del mio post precedente...Ha parlato il sig. sapientone. Torna nei centri sociali a spararti canne, comunista! :D
          • Anonimo scrive:
            Re: Altra distro inutile...
            - Scritto da: Anonimo

            Ha parlato il sig. sapientone. Torna nei centri
            sociali a spararti canne, comunista! :DMi intrometto: W L'ITALIA BERLUSCONIANA DOVE TUTTI QUELLI CHE NON LA PENSANO COME TE SONO COMUNISTI E ANARKICI !!!!
          • Anonimo scrive:
            Re: Altra distro inutile...
            - Scritto da: Anonimo

            W L'ITALIA BERLUSCONIANA DOVE TUTTI QUELLI CHE
            NON LA PENSANO COME TE SONO COMUNISTI E ANARKICI
            !!!!Si scrive "anarchici", ignorante
          • Anonimo scrive:
            Re: Altra distro inutile...
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo



            Quello che vedi tu non fa testo, viste le

            considerazioni del mio post precedente...

            Ha parlato il sig. sapientone. Torna nei centri
            sociali a spararti canne, comunista! :DVediamo... sono di destra... non ho mai messo piede in un centro sociale... l'unica canna che ho mai preso in mano è quella da pesca, ma da allora sono passati molti anni... Si direi che la tua brava figura continui imperterrito a farla...
        • Anonimo scrive:
          Re: Altra distro inutile...
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo



          - Scritto da: Anonimo


          No comment :-(((((



          Di inutile vedo solo la scatola cranica messa

          come orpello in cima al tuo collo, ma

          desolatamente vuota...

          Di inutile vedo solo chi ti ha messo la mondoTaci, che ha ragione da vendere. Sei un eccellente esemplare di stupidità e ignoranza, hai un futuro come politico, o dirigente.
    • Anonimo scrive:
      Re: Altra distro davvero UTILE
      - Scritto da: Anonimo
      No comment :-(((((infatti.Ci sono cose che sono inutili ad alcuni, ma utilissimi ad altriEsempio: che cosa se ne fa una scimmia di un libro?La Mandrake è stata la prima distro che ha dato una chance agli utenti Windows di provare _altro_.Mi pare che continuino a andare sul binario giustoDa parte mia continuerò a seguirli, a consigliarne l'uso e a installarla ai miei clienti quando possibile.Le scimmie (o i galoppini del monopolio) continueranno a trovarla inutile (o dannosa per i loro interessi)
      • Anonimo scrive:
        Re: Altra distro davvero UTILE
        - Scritto da: Anonimo

        Ci sono cose che sono inutili ad alcuni, ma
        utilissimi ad altriInfatti

        Esempio: che cosa se ne fa una scimmia di un
        libro?Sei la scimmia? :D

        La Mandrake è stata la prima distro che ha dato
        una chance agli utenti Windows di provare
        _altro_.Funziona male. Prodotto per studenti ed universitari smanettoni

        Mi pare che continuino a andare sul binario giusto
        L' importante è essere convinti :D
        Da parte mia continuerò a seguirli, a
        consigliarne l'uso e a installarla ai miei
        clienti quando possibile.

        Le scimmie (o i galoppini del monopolio)
        continueranno a trovarla inutile (o dannosa per i
        loro interessi)
        bla,bla,bla... :D
        • DarKStaR scrive:
          Re: Altra distro davvero UTILE
          dont feed the monkey...quella che ha scritto l'ultimo post prima di questo ;-)
        • Anonimo scrive:
          Re: Altra distro davvero UTILE
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo



          Ci sono cose che sono inutili ad alcuni, ma

          utilissimi ad altri

          Infatti



          Esempio: che cosa se ne fa una scimmia di un

          libro?

          Sei la scimmia? :Dattento: _questa_è_ proprio una domanda da scimmia

          La Mandrake è stata la prima distro che ha dato

          una chance agli utenti Windows di provare

          _altro_.

          Funziona male.certo ...per le scimmie
          Prodotto per studenti ed
          universitari smanettonilo installo quotidianamente ai miei clienti

          Mi pare che continuino a andare sul binario
          giusto



          L' importante è essere convinti :Dcerto: ognuno abbia le proprie convinzioni in relazione all'utilità deglistrumenti che trova. Le scimmie, ad esempio...


          Da parte mia continuerò a seguirli, a

          consigliarne l'uso e a installarla ai miei

          clienti quando possibile.



          Le scimmie (o i galoppini del monopolio)

          continueranno a trovarla inutile (o dannosa per
          i

          loro interessi)



          bla,bla,bla... :Dattento: _questa_è_ una classica risposta da scimmia
          • Anonimo scrive:
            Re: Altra distro davvero UTILE
            - Scritto da: Anonimo

            attento: _questa_è_ una classica risposta da
            scimmiaSe lo capisci significa che sei una scimmia :D
          • awerellwv scrive:
            Re: Altra distro davvero UTILE
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo



            attento: _questa_è_ una classica risposta da

            scimmia

            Se lo capisci significa che sei una scimmia :Dtratto dalle leggi di murphy "Mai mettersi a discutere con uno stupido, gli altri potrebbero non notare la differenza"
    • Anonimo scrive:
      Re: Altra distro inutile...
      - Scritto da: Anonimo
      No comment :-(((((sei ignorante come una bestia
    • Anonimo scrive:
      Re: Altra distro inutile...
      brutto non avere nient'altro da fare vero ? :-)
    • Anonimo scrive:
      Re:Non hai capito una cippa...
      - Scritto da: Anonimo
      No comment :-(((((E leggeteveli gli articoli, prima di postare!Non è una *ENNESIMA* distro, è la mandrake che si è fusa con Conectiva, e mi concederai che se c'è una distro che ha peso sul desktop, quella è la mdk!Fosse la solita distro basata su questo e ques'altro ti darei ragione, ma i numeri dicono che mdk è la distro più usata.Quindi tutt'altro che inutile
      • Anonimo scrive:
        A Linux distribution is like a Religion!
        A Linux distribution is like a Religion!!!If you've ever tried to suggest to another person that his or her choice of a distro might not be the best, then you know what I mean.Currently, there are a total of 386 Linux distributions and 9 BSD distributions in the database. Of these distributions, 50 have been officially discontinued...http://distrowatch.com/stats.php
      • Anonimo scrive:
        Re:Non hai capito una cippa...
        - Scritto da: Anonimo
        - Scritto da: Anonimo

        No comment :-(((((

        E leggeteveli gli articoli, prima di postare!

        Non è una *ENNESIMA* distro, è la mandrake che si
        è fusa con Conectiva, e mi concederai che se c'è
        una distro che ha peso sul desktop, quella è la
        mdk!

        Fosse la solita distro basata su questo e
        ques'altro ti darei ragione, ma i numeri dicono
        che mdk è la distro più usata.

        Quindi tutt'altro che inutileVedi, gli idioti sono sempre li a criticare del fatto che ci sono troppe distro e che dovrebbero diminuirne il numero... poi due distro si accorpano e gli idioti continuano a lamentarsi... cosa vuoi che ti dica...
    • Anonimo scrive:
      mandriva, distro del brasile
      inutile sara la tua xp pezzent editionmandriva (mandrake + conectiva) èla distro ufficiale della PA brasiliana,un paese alcune volte più grande dell'italia e tecnologicamente più avanzatonel settore informatico di quanto non losia questavedi un po tu chi è inutile, trollonesiete finiti
      • Anonimo scrive:
        Sei un coglione
        - Scritto da: Anonimo
        inutile sara la tua xp pezzent edition
        mandriva (mandrake + conectiva) è
        la distro ufficiale della PA brasiliana,
        un paese alcune volte più grande dell'
        italia e tecnologicamente più avanzato
        nel settore informatico di quanto non lo
        sia questa

        vedi un po tu chi è inutile, trollone
        siete finitiCVD
    • Anonimo scrive:
      bravo trollone gnurant !!
      piu stupido della terra che pesti
    • Anonimo scrive:
      Re: Altra distro inutile...
      - Scritto da: Anonimo
      No comment :-(((((Di che parli? Guarda che è una fusione fra due grosse distro, non della nascita di una nuova distro.Bye, Luca
  • matcion scrive:
    curiosità
    Perdonatemi, ma non c'entra una mazza con Mandriva....Esiste una distro di una società italiana? Non ne ho mai sentito parlare, credo.
    • Anonimo scrive:
      Re: curiosità
      - Scritto da: matcion
      Perdonatemi, ma non c'entra una mazza con
      Mandriva....
      Esiste una distro di una società italiana? Non ne
      ho mai sentito parlare, credo.Le prime che mi vengono in mente...http://www.qilinux.ithttp://knopils.linux.ithttp://www.madeinlinux.it
      • Anonimo scrive:
        Re: curiosità
        - Scritto da: Anonimo

        Le prime che mi vengono in mente...

        http://www.qilinux.it
        http://knopils.linux.it
        http://www.madeinlinux.ithai appena nominato tre cadaveri
      • AlphaC scrive:
        Re: curiosità
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: matcion

        Perdonatemi, ma non c'entra una mazza con

        Mandriva....

        Esiste una distro di una società italiana? Non
        ne

        ho mai sentito parlare, credo.

        Le prime che mi vengono in mente...

        http://www.qilinux.ite' una distro con soluzioni niente male LDAP e avvio contemporaneo dei servizi, ma il supporto è nullo
        http://knopils.linux.itnon ha più senso visto che non viene tenuta al passo con knoppix, io avevo fatto una cosa simile con documentazione integrata per dei corsi che tenevo, in maniera tale da poter far provare linux a casa, con documentazione senza dover configurare dei modem per andare in internet a cercare aiuto.se a qualcuno interessasse knoppit.lugasti.it/lugat/ Non e' assolutamente aggiornata, ma contiene LDZ ADIL ed altro consultabili da kde.L'unica distro che in parte italiana è Debian visto che gli sviluppatori sono distribuiti sul globo
    • francescor82 scrive:
      Re: curiosità

      Perdonatemi, ma non c'entra una mazza con
      Mandriva....
      Esiste una distro di una società italiana? Non ne
      ho mai sentito parlare, credo.La prima che mi viene in mente è KnopILS, che in realtà è basata pesantemente su Knoppix (tedesca).Cercando un po' in Internet ho trovato Netwosix, orientata per server.Al momento non ne trovo altre però. :-(
    • Anonimo scrive:
      Re: curiosità
      - Scritto da: matcion
      Perdonatemi, ma non c'entra una mazza con
      Mandriva....
      Esiste una distro di una società italiana? Non ne
      ho mai sentito parlare, credo.http://www.foxlinux.org/Non l'ho mai provata, però...Credo che sia basata su Fedora (redHat).Saluti...................Enrico (linux) (c64)
      • Anonimo scrive:
        Re: curiosità
        Provata!E' ancora in "beta", ma l'ho trovata molto buona soprattutto per chi si avvicina a linux. davvero ben fatta.
    • Anonimo scrive:
      Re: curiosità
      www.mediainlinux.orgorientata per il multimedialewww.madeinlinux.org mi pare sia stata abbandonata e ora facciano solo consulenza (è sparito anche il sito)
    • Anonimo scrive:
      Re: curiosità
      http://www.dynebolic.org/
    • Anonimo scrive:
      Le distro LINUX italiane sono:
      Le distribuzioni LINUX italiane sono 13:dynebolic eduKnoppixFoX LinuxFreeSBIEknopILS Linux Live Game ProjectMediainlinuxMoviX Netwosix O-Net QiLinuxSTUX GNU/Linux FTOSX Desktophttp://distrowatch.com/dwres.php?resource=origin#italyIo comunque ti consiglio -per imparare- le distro Live:(http://distrowatch.com)http://www.livecdlist.com http://www.livecdnews.com http://www.livecdforums.com Oggi 15 aprile 2005 le distro piu' buone ed aggiornate sono:KANOTIX 2005-02KNOPPIX 3.8.1Kubuntu 5.04P.S."A Linux distribution is like a religion.If you've ever tried to suggest to another person that his or her choice of a distro might not be the best, then you know what I mean.Currently, there are a total of 386 Linux distributions and 9 BSD distributions in the database. Of these distributions, 50 have been officially discontinued..."
  • Anonimo scrive:
    Possibile crearsi distro personalizzata?
    Ciao,vorrei sapere se esiste online un tool per creare una distro GNU/Linux personalizzata su misura.Pensavo ad un sito dove spuntare caselle di scelta relative ai vari pacchetti che mi interessano ottenendo alla fine della procedura o direttamente una Iso bootabile da scaricare o il download dei singoli pacchetti con un'agglomerante per renderli una Iso bootabile..Scusatemi nel caso avessi detto qualche boiata ma sono abbastanza ignorante in materia,mi rimetto a voi per soddisfare questa mia curiosità.P.s.: ho provato Fedora Core 3,basata su Rpm, dove in fase d'installazione è possibile scegliere cosa installare e cosa no,ma col fatto delle dipendenze dei pacchetti si finisce col dover installare quasi il doppio della roba selezionata;ho usato Knoppix ma non ho ben capito se anche i pacchetti che usa questa mitica distro si basano sulle dipendenze,in caso negativo per l'idea di prima questo sarebbe il tipo di pacchetto da usare ;)Ciao!http://valeriogiunta.blogspot.com/
    • Anonimo scrive:
      Re: Possibile crearsi distro personalizz
      - Scritto da: casteredandblue
      Ciao,
      vorrei sapere se esiste online un tool per creare
      una distro GNU/Linux personalizzata su misura.
      Pensavo ad un sito dove spuntare caselle di
      scelta relative ai vari pacchetti che mi
      interessano ottenendo alla fine della procedura o
      direttamente una Iso bootabile da scaricare o il
      download dei singoli pacchetti con
      un'agglomerante per renderli una Iso bootabile..Allora... come intendi tu, temo proprio di no. Una distro è più della scelta dei singoli pacchetti, se pensi alle differenze tra una debian o una gentoo o una redhat based (mdk, fedora) vedi che non è la sola scelta dei pacchetti.In confidenza, con qualsiasi distro (o quasi) puoi, almeno teoricamente, scegliere quali pacchetti installare o quali no.
      P.s.: ho provato Fedora Core 3,basata su Rpm,
      dove in fase d'installazione è possibile
      scegliere cosa installare e cosa no,ma col fatto
      delle dipendenze dei pacchetti si finisce col
      dover installare quasi il doppio della roba
      selezionata;Eheh ma questo è inevitabile! Se la tua applicazione ha bisogno delle librerie png o gtk o tiff o vattelapesca, devi averle o nisbaNo librerie, no party
      ho usato Knoppix ma non ho ben capito se anche i
      pacchetti che usa questa mitica distro si basano
      sulle dipendenze,in caso negativo per l'idea di
      prima questo sarebbe il tipo di pacchetto da
      usare ;)Knoppix è un'altro paio di maniche ed è già più facile da personalizzare.Se poi ti piace il "custom" dai un occhiata a Morphix, una distro basata su Knoppix ma modulare, ancora più semplice da modificare
      • Anonimo scrive:
        Re: Possibile crearsi distro personalizz
        Ti ringrazio,sei stato chiarissimo!Ps: ad ogni modo Knoppix è sì nata come distro live-cd però installandola sull'hard disk devo dire che non sfigura,anzi!Ed oltre a questo è grandiosa per il data recovery e in generale per risolvere problemi gravi quando il s.o. è danneggiato,se rileggi qualche mio vecchio post di quando avevo problemi con l'hard disk t'accorgerai che è in grado di resuscitare i morti :DGrazie per lo scambio d'opinioni e le delucidazioni,ciao!
      • Shu scrive:
        Re: Possibile crearsi distro personalizz
        - Scritto da: Anonimo

        :) Ok però non mi è andato giù il fatto di dover

        installare per via delle dipendenze un server
        per

        la posta e Samba client e server (non ricordo
        per

        soddisfare cosa in particolare,sorry) ,programmi

        che proprio non mi servivano (o magari erano

        necessari per qualcosa che usavo ma essendo in

        background non me ne sono accorto,questo non lo

        so ma non credo).

        Guarda su questo hai ragione. Un esempio,
        installando mysql su debian ti installa
        automaticamente anche un MTA (you have new
        mail...) anche se non vuoi. Il binario è stato
        compilato con quella dipendenza.L'MTA e` richiesto dalle specifiche di Unix. Se non si vuole installare qualcosa di pesante, si puo` mettere nullmailer o simili.Il fatto e` che il sistema e` multiutente, quindi MySQL non puo` aprire una finestra sullo schermo di root (e se non e` loggato? O se e` loggato in remoto? O se non ha X aperto?), quindi l'unico modo che ha per informarlo di qualcosa e` mandargli un'e-mail.Nullmailer e simili risolvono il problema permettendo di mandare posta solo agli utenti locali, che e` quello che serve ai server, e non fanno da server SMTP completo.Per samba il discorso e` leggermente diverso. Probabilmente e` stato installato Lisa (di KDE) o un programma simile, che non fa altro che permetterti di vedere le share remote e di condividere le directory. L'unico modo per farlo (in rete MS) e` usare Samba, quindi lo installa perche` gli serve.In generale ci sono distribuzioni che impacchettano in maniera granulare e altre in maniera grossolana. La Debian e` molto granulare, per esempio, e di un software riesce a fare anche 6-7 pacchetti (o di piu`), mentre la SuSE, l'ultima volta che l'ho provata, era molto "mega-pacchetto con tutto dentro" per semplificare l'installazione. Per esempio, in Debian c'erano i pacchetti samba, smbclient, swat, smbfs, samba-doc, mentre in SuSE c'era un unico pacchetto samba che conteneva tutto.La differenza tra le distro e` in questo e nel sistema di installazione e di gestione dei pacchetti, oltre che, naturalmente, nella forma di distribuzione (repository, CD, DVD, Club, ...)
    • Anonimo scrive:
      Re: Possibile crearsi distro personalizz
      Una cosa interessante ma dedicata ad un'utenza un po' esperta è linux from scratch, ovvero linux da zero. L'idea è partire dal kernel nudo e poi compilarsi ogni singolo pacchetto. Qui c'è una guida in italiano che fornisce un punto di riferimento sul come procedere:http://it.tldp.org/lfs/Più personalizzata di così! :-)
    • TeX scrive:
      Re: Possibile crearsi distro personalizzata?
      - Scritto da: casteredandblue
      Ciao,
      vorrei sapere se esiste online un tool per creare
      una distro GNU/Linux personalizzata su misura.Crearsi una distro personalizzata ovviamente è possibile, ma non è poi così semplice...Ad ogni modo Sotto Debian, ma forse anche con altre distribuzioni, esiste un tool che ti permette di creare abbastanza facilmente un cd live a partire da un'installazione su hd. Ovvio che non deve essere troppo grossa, diciamo che deve limitarsi a poco più di un giga, visto che poi viene compattata. Quindi magari non lo puoi fare a partire dall'installazione standard ma devi farti una seconda installazione su hd con un numero limitato di pacchetti. Questa la trasferisci su cd ed ottieni un cd live simile a Knoppix. Volendo poi il cd live può essere reinstallato su un altro hd analogalmente a come si fa con la Knoppix (che in effetti credo sia stata ottenuta proprio con questo metodo).Installandolo su hd ti ritrovi nuovamente una Debian.Come dicevo ottenere il cd live è abbastanza facile, il problema è ottenere che funzioni su tutti i pc e in tutte le configurazioni, visto che mancano le routine di autoconfigurazione che invece sono presenti in Knoppix. A dire il vero si potrebbero probabilmente prendere da li, ma francamente questo non ho mai provato a farlo... ...
      P.s.: ho provato Fedora Core 3,basata su Rpm,
      dove in fase d'installazione è possibile
      scegliere cosa installare e cosa no,ma col fatto
      delle dipendenze dei pacchetti si finisce col
      dover installare quasi il doppio della roba
      selezionata;Normale. L'alternativa sarebbe quella di installare un paio di giga subito in modo da avere poi quasi sempre tutte le dipendenze già soddisfatte per qualsiasi pacchetto tu desideri instalalre.
      ho usato Knoppix ma non ho ben capito se anche i
      pacchetti che usa questa mitica distro si basano
      sulle dipendenze,in caso negativo per l'idea di
      prima questo sarebbe il tipo di pacchetto da
      usare ;)Certo che anche su Knoppix ci sono le dipendenze, solo che essendo tutta su un cd le dipendenze sono tutte soddisfatte all'interno del cd stesso.
      • Anonimo scrive:
        Re: Possibile crearsi distro personalizz

        Ad ogni modo Sotto Debian, ma forse anche con
        altre distribuzioni, esiste un tool che tiNome?!?
        • TeX scrive:
          Re: Possibile crearsi distro personalizz
          - Scritto da: Anonimo


          Ad ogni modo Sotto Debian, ma forse anche con

          altre distribuzioni, esiste un tool che ti

          Nome?!?BootCDhttp://packages.debian.org/unstable/utils/bootcd
    • Anonimo scrive:
      Re: Possibile crearsi distro personalizzata?
      Con freeBsd installi il minimo necessario e il resto te lo aggiongi a piacimento. Niente a che vedere coi 10 cd di certe distro Linux.
      • Anonimo scrive:
        Re: Possibile crearsi distro personalizzata?
        - Scritto da: Anonimo
        Con freeBsd installi il minimo necessario e il
        resto te lo aggiongi a piacimento.

        Niente a che vedere coi 10 cd di certe distro
        Linux.http://www.debian.org/distrib/netinst
        • Anonimo scrive:
          Re: Possibile crearsi distro personalizz
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo

          Con freeBsd installi il minimo necessario e il

          resto te lo aggiongi a piacimento.



          Niente a che vedere coi 10 cd di certe distro

          Linux.

          http://www.debian.org/distrib/netinst Ok hai ragione anche con debian si lavora bene.
    • Anonimo scrive:
      Re: Possibile crearsi distro personalizz
      è possibilissimo!o modificare una knoppix, oppure farsela da zero!
    • Anonimo scrive:
      Chiaro che si: livecd, grande tecnologia
      Quello che tu intendi, se ho capito,ovvero assemblarepacchetti di varia provenienza, con formatodiverso, di release diverse, senza neppuremagari le librerie, è naturalmente un assurdoche non sta in piediMa se tu invece intendi la situazione in cui per esun'azienda o un privato hanno bisogno di un so personalizzato con solo quel determinato sw,allora c'è a disposizone la tecnologia livecd,che permette di creare una distro bootabilecon tutto quanto si vuole incluso, e che funzionasenza neppure essere installata bootandoda cd, penna usb, rete, etc. Questa tecnica sipuò usare con debian (per es remasterizzandouna knoppix con il sw che vuoi tu), mandrake (usando gli script di livecd.berlios.de) e altre distroper ottenere esattamente il sistema operativo chevuoi, per poi installarlo su un pc nel giro di un quarto d'ora o usarlo da un qualsiasi dispositivoda cui un pc sia in grado di bootare. Questa è un'altra tecnologia linux-only che gli altri si sognano di notte.
      • Anonimo scrive:
        Re: Chiaro che si: livecd, grande tecnologia
        Ciao- Scritto da: Anonimo
        Quello che tu intendi, se ho capito,ovvero
        assemblare
        pacchetti di varia provenienza, con formato
        diverso, di release diverse, senza neppure
        magari le librerie, è naturalmente un assurdo
        che non sta in piediNo non ambivo a quello :)Lo scopo finale era ottenere una iso con applicativi scelti da me (naturalmente rispettando le dipendenze) ma senza lo spreco di spazio che si ha ad esempio con l'installazione personalizzata in FC3,che è troppo generosa con le dipendenze facendoti ad esempio installare un server di posta e Samba client e server (come accennavo in un post precedente) quando se ne potrebbe fare tranquillamente a meno.
        Ma se tu invece intendi la situazione in cui per
        es
        un'azienda o un privato hanno bisogno di un so
        personalizzato con solo quel determinato sw,
        allora c'è a disposizone la tecnologia livecd,
        che permette di creare una distro bootabile
        con tutto quanto si vuole incluso, e che funziona
        senza neppure essere installata bootando
        da cd, penna usb, rete, etc. Questa tecnica si
        può usare con debian (per es remasterizzando
        una knoppix con il sw che vuoi tu), mandrake
        (usando gli script di livecd.berlios.de) e altre
        distro
        per ottenere esattamente il sistema operativo che
        vuoi, per poi installarlo su un pc nel giro di un
        quarto d'ora o usarlo da un qualsiasi dispositivo
        da cui un pc sia in grado di bootare.Grazie per le info a te e a coloro che t'hanno preceduto,ho appreso cose interessanti.La mia curiosità ad ogni modo riguardava la modalità che hai descritto ma applicata al web,ossia mi chiedevo se fosse possibile creare l'iso online piuttosto che da hard disk (è un di più,visto che l'alternativa,quella descritta da te e che non conoscevo,c'è,ma la consideravo un'idea interessante e forse più semplice e attraente per gente non esperta)
        Questa è
        un'altra tecnologia linux-only che gli altri si
        sognano di notte.(linux)
        • Anonimo scrive:
          Re: Chiaro che si: livecd, grande tecnol

          la modalità che hai descritto ma applicata al web,
          ossia mi chiedevo se fosse possibile creare
          l'iso online piuttosto che da hard diskHo capito meglio ora e ti ho risposto più giùLa tua logica è: molti potrebbero volere un sopersonalizzato ma non sanno come farlo, quindiavrebbe senso proporlo come servizio on demandcon un'interfaccia web.Il succo è: si può fare ma richiede risorse ingenti.Per renderti conto di quanto ingenti inizia a fartiun remastering di knoppixCiao
    • Anonimo scrive:
      Re: Possibile crearsi distro personalizz

      Pensavo ad un sito dove spuntare caselle di scelta
      relative ai vari pacchetti che mi interessano
      ottenendo
      alla fine della procedura o direttamente una Iso
      bootabile da scaricare o il download dei singoli
      pacchetti
      con un'agglomerante per renderli una Iso bootabile..Non hai detto una boiata, potrebbe essere ancheuna buona idea ma implica risorse non indifferentiPotrebbe essere fatta su base knoppix. Ci dovrebberoessere delle caselle di spunta per i vari sw che l'utente seleziona e degli script che costruisconosul server la distro sulla base di una knoppix ridotta. Alla fine uno script genera l'immagine compressa, latesta, per es con qemu, e la rende disponibile per il download. Tieni presente che generare un'immagine compressa prende 15 minuti con un sempron 2000 e 512 megaram. Un servizio del genere comporta pertanto risorse cospicue, ma si può fare. Leggiti i tutorial che trovi a partire da knoppix.org
      • Anonimo scrive:
        Re: Possibile crearsi distro personalizz
        - Scritto da: Anonimo


        Pensavo ad un sito dove spuntare caselle di
        scelta
        relative ai vari pacchetti che mi
        interessano
        ottenendo

        alla fine della procedura o direttamente una Iso

        bootabile da scaricare o il download dei singoli

        pacchetti

        con un'agglomerante per renderli una Iso
        bootabile..


        Non hai detto una boiata, potrebbe essere anche
        una buona idea ma implica risorse non indifferenti
        Potrebbe essere fatta su base knoppix. Ci
        dovrebbero
        essere delle caselle di spunta per i vari sw
        che l'utente seleziona e degli script che
        costruiscono
        sul server la distro sulla base di una knoppix
        ridotta. Alla fine uno script genera l'immagine
        compressa, la
        testa, per es con qemu, e la rende disponibile
        per il download. Tieni presente che generare
        un'immagine compressa prende 15 minuti con un
        sempron 2000 e 512 megaram. Un servizio del
        genere comporta pertanto risorse cospicue, ma si
        può fare.
        Leggiti i tutorial che trovi a partire da
        knoppix.orgE' esattamente quello a cui mi riferivo in apertura;un servizio del genere potrebbe aiutare ancor più la diffusione di GNU/Linux e renderlo ancor più allettante a quelli che magari temono il passaggio a Linux o a quelli che non hanno il tempo/la voglia/le conoscenze per far un progetto del genere da sè.Ottenere un s.o. pronto all'uso,completamente personalizzato e senza scelte forzate (sia quelle relative a FC3 di cui ti parlavo prima sia quelle che avvengono con Win coi mille software non voluti che si è obbligati ad installare) non sarebbe male.p.s.: sono abbastanza ignorante in materia comunque relativamente allo script che genera l'iso avevo ipotizzato che ciò avvenisse da hard disk,mi spiego meglio:1) scelgo i pacchetti via web2) il server verifica dipendenze etc.3) inizia la serie di download concatenati in una cartella da me scelta sull'hard disk4) ho finito il download del tutto con l'aggiunta di uno script particolare5) avvio lo script che crea la iso bootabile del mio s.o. su misuraIn questo modo eviteresti di sovraccaricare il server nel creare l'iso ma la faresti in automatico da hard disk..Possibile o è fantascienza?Ciao!
        • Anonimo scrive:
          Usate i Linux Live CD!!!!!!!
          Usate i Linux Live CD:http://distrowatch.comhttp://www.livecdlist.com http://www.livecdnews.com http://www.livecdforums.com P.S. Oggi 15 aprile 2005 le distro piu' buone ed aggiornate sono:KANOTIX 2005-02KNOPPIX 3.8.1Kubuntu 5.04
        • zirgo scrive:
          Re: Possibile crearsi distro personalizz
          ricordo che per debian esiste un tool che ti permette di scaricare da più mirrors i vari pacchetti che compongono la distribuzione, così da aumentare la velocità di scaricamento. Il tool poi, una volta finiti i vari download, si occuperebbe di ricreare l'iso per te in locale, sul tuo hard disk. Sarebbe già una buona base di partenza per l'idea che hai proposto...PEr il problema delle dipendenze, beh, l'unica cosa che posso dirti è di compilarti direttamente i sorgenti. AL riguardo Gentoo secondo me è la miglior distribuzione...certo, non è facile da usare, ma una volta che ti sei dato uno sguardo alla documentazione (per altro ottima direi, anche se ancora non completa IMHO), ti troverai a tuo agio. Ah, naturalmente solo se hai un processore veloce sennò ci metti mezza giornata a compilarti il kde (14 ore sul mio vecchio Athlon XP 1600+ 512MB DDR). Del resto, se hai un 3200+ posso assicuarti che il kde te lo compila in circa 6-7 ore ;). E ti ritroveresti un sistema che è una scheggia, provare per credere....:DPI, a quanto l'icona I LOVE GENTOO ?
          • Anonimo scrive:
            Re: Possibile crearsi distro personalizz
            Ciao
            PEr il problema delle dipendenze, beh, l'unica
            cosa che posso dirti è di compilarti direttamente
            i sorgenti. AL riguardo Gentoo secondo me è la
            miglior distribuzione...certo, non è facile da
            usare, ma una volta che ti sei dato uno sguardo
            alla documentazione (per altro ottima direi,
            anche se ancora non completa IMHO), ti troverai a
            tuo agio. Cavolo,la lista delle distro consigliatemi s'allunga sempre più,Gentoo s'accoderà ad Ubuntu ed a Kubuntu (di cui non ricordo più le differenze),comunque tendo sempre a preferire quelle con la Net-install (sia perchè ho rotto il masterizzatore sia perchè dopo aver masterizzato i 4 cd di Fedora Core 3 ho avuto l'amara sorpresa di scoprirli tutti da buttare per masterizzazione andata non a buon fine :s )
            Ah, naturalmente solo se hai un
            processore veloce sennò ci metti mezza giornata a
            compilarti il kde (14 ore sul mio vecchio Athlon
            XP 1600+ 512MB DDR). Del resto, se hai un 3200+
            posso assicuarti che il kde te lo compila in
            circa 6-7 ore ;). E ti ritroveresti un sistema
            che è una scheggia, provare per credere....:DEhm.. avrei un athlon xp 1500 + ma è pure underclockato a 1 ghz per via di problemi con la scheda madre k7s5a :Ciao!==================================Modificato dall'autore il 17/04/2005 0.20.42==================================Modificato dall'autore il 17/04/2005 0.21.04
  • Anonimo scrive:
    l'unica distro che riesco ad usare
    uso abitualmente il pc con windows,e per linux sono riuscito a rimediare qualche gb su una partizione del mio secondo hd.Mandrake e' l'unica distro che si installa bene / installa bene il bootloader senza sputtanarmi win.grande mandrake!
    • Anonimo scrive:
      Re: l'unica distro che riesco ad usare
      sono 2 anni che la uso e praticamente oramai sto passando solo a linux e in rari casi quando non posso proprio uso win..le altre distro le provo tipo slackware debian o simili ma mi diverto solo a configurarle quando ho tempo da perdere, per lavorare e fare le cose velocemente senza perdere troppo tempo dietro a problemi di configurazione/installazione mandrake come suse o poche altre e' fantastica..saluti
      • Anonimo scrive:
        Re: l'unica distro che riesco ad usare
        - Scritto da: Anonimo
        sono 2 anni che la uso e praticamente oramai sto
        passando solo a linux e in rari casi quando non
        posso proprio uso win..ma cosa ci fai con linux (oltre a navigare con mozilla)?
        • Anonimo scrive:
          Re: l'unica distro che riesco ad usare
          ma perchè esistono ste persone hce intasano con messaggi inutili? io windows l'ho tolto,con linux (uso debian ndr) faccio tutto ciò che facevo con windows,più semplicemente,facilmente e con meno problemi. ciao ciao.ps: ma val la pena rispondere a queste persone?
        • Anonimo scrive:
          Re: l'unica distro che riesco ad usare

          ma cosa ci fai con linux (oltre a navigare con
          mozilla)?
          veramente a parte navigare con Firefox , mandare email con thunderbird , scrivere documenti o presentazioni per i talk che faccio con openoffice , fare programmi per cellulari (j2me) con netbeans , programmare gestionali in python con pyGTK o wxPython, quando posso e ho tempo libero magari chatto con xchat o su msn con amsn o gaim , ascolto la musica con amaroK o mi guardo un film con Xine o altri player a parte giocare (che ho una console) faccio tutto quello che facevo sotto win senza dover sempre preoccuparmi che da un momento all'altro esce fuori qualche blaster nuovo e magari non posso lavorare perche' ancora non c'e' la patch...
          • Anonimo scrive:
            Re: l'unica distro che riesco ad usare
            Sei stato fortunato...http://punto-informatico.it/pol.asp?mid=964127&tid=964127&p=1
    • Anonimo scrive:
      Usate i Linux Live CD!!!!!!!
      Usate i Linux Live CD:http://www.livecdlist.comhttp://www.livecdnews.comhttp://www.livecdforums.comP.S. Oggi 15 aprile 2005 le distro piu' buone ed aggiornate sono:KANOTIX 2005-02KNOPPIX 3.8.1Kubuntu 5.04
  • Anonimo scrive:
    Speriamo che si installi non come la Ark
    Speriamo che almeno questa funzioni perchè l'ultima distribuzione che avete segnalato, la ARKLINUX mi ha letteralmente demolito le partizioni di 2 hard disk che sono riuscito a recuperare solo con dei tools specifici, e comunque non si installa nemmeno ma si inchioda alla preparazione dell'hard-disk praticamente nella prima finestra.Anzi, ne aprofitto per chiedere se qualche guru ha notizie in merito perchè è stato un disastro.
    • Anonimo scrive:
      Re: Speriamo che si installi non come la
      - Scritto da: Anonimo
      Speriamo che almeno questa funzioni perchè
      l'ultima distribuzione che avete segnalato, la
      ARKLINUX mi ha letteralmente demolito le
      partizioni di 2 hard disk che sono riuscito a
      recuperare solo con dei tools specifici, e
      comunque non si installa nemmeno ma si inchioda
      alla preparazione dell'hard-disk praticamente
      nella prima finestra.

      Anzi, ne aprofitto per chiedere se qualche guru
      ha notizie in merito perchè è stato un disastro.Guarda, non conosco Arklinux, ho un amico che so che si trova bene con essa però è anche vero che non è un pinco pallino qualunque. Io uso Mandrake da un pezzo, saranno 3 anni. In questo periodo non ho mai avuto problemi di installazione (le rare volte che mi capita per un upgrade o per fare delle prove e/o installazioni su altri PC). Non so Mandriva, me la sto scaricando ora, credo che la installerò su un PC secondario per le mie prove prima di giudicarla idonea al mio PC principale, però se hanno mantenuto la tradizione non vedo grossi problemi al riguardo. Rivolgiti comunque al NG it.comp.os.linux.mandrake oppure alt.os.linux.mandrake perché qui sei OT e sono certo riceverai solo inutili flame.Bye, Luca
    • Anonimo scrive:
      Re: Speriamo che si installi non come la Ark
      - Scritto da: Anonimo
      Speriamo che almeno questa funzioni ...La Mandrake 10.1 funziona benissimo, i celloduristi di linux la snobbano perche' troppo facile :) ma e' sempre linux, inutile fingersi rambo installando una slack ( cosa gustosissima ma non consigliabile per la prima volta in solitaria, al contrario della ex mandrake ) . Volendo si potrebbe installare e usare anche in maniera difficile ma sempre LBS.:)
    • Anonimo scrive:
      Re: Speriamo che si installi non come la
      Non sò cosa centra con l'argomento, ma mi è capitato la stessa cosa.Una volta che selezioni la lingua e dici come installarla, qualunque cosa scegli provvederà a ricreare tutte le partizioni di tutti gli hard-disk come vuole lei senza chiederti niente.
      • Anonimo scrive:
        Re: Speriamo che si installi non come la

        Una volta che selezioni la lingua e dici come
        installarla, qualunque cosa scegli provvederà a
        ricreare tutte le partizioni di tutti gli
        hard-disk come vuole lei senza chiederti niente......per poi piantarsi clamorosamente.
        • Anonimo scrive:
          Re: Speriamo che si installi non come la
          Però... fantastico.Ora chiami l'assistenza?
          • Anonimo scrive:
            Re: Speriamo che si installi non come la
            Mi arrangio, per quello che ho speso (niente) ci mancherebbe pretendere pure l'assistenza, vado su qualche forum. ;-)
  • Anonimo scrive:
    Ma il logo del sito mandriva
    Il logo in alto a sinistra... che "sfuma" da Mandrake a Mandriva... lo hanno fatto con che programma? Un Paint edizione Gameboy?
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma il logo del sito mandriva
      che scemenza...
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma il logo del sito mandriva
        Ha ragione. E' pietosa.
        • Anonimo scrive:
          Re: Ma il logo del sito mandriva
          - Scritto da: Anonimo
          Ha ragione. E' pietosa.Hai ragione, meglio fare come i bambocci che fanno finta di saper fare un sito web solo perché sanno usare Frontpage e metterci una bella animazione da 1 mega e mezzo con supereffettoni che non servono a nulla se non a distrarre continuamente l'utente dalla lettura della pagine.Bye, Luca
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma il logo del sito mandriva

            una bella animazione da 1 mega e mezzo con
            supereffettoni che non servono a nulla se non a distrarre
            continuamente l'utente dalla lettura della pagineLe vie di mezzo non esistono. O si fa una merda o si fa una gif da 1 mega e mezzo. Una cosa fatta bene non è possibile insomma. Ma poi cosa vuoi che sia il logo, cosa rappresenta un nome... niente. No?
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma il logo del sito mandriva
      - Scritto da: Anonimo
      Il logo in alto a sinistra... che "sfuma" da
      Mandrake a Mandriva... lo hanno fatto con che
      programma? Un Paint edizione Gameboy?Intendi quello animato?Cosa c'è che non ti piace? Ti stai proponendo per farlo tu meglio?Bye, Luca
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma il logo del sito mandriva

        Intendi quello animato?Esatto, quello che sfuma (in alto a sinistra)
        Cosa c'è che non ti piace? Sei cieco? Senza offesa :)
        Ti stai proponendo per farlo tu meglio?Basterebbe anche mia nipote (ha 7 anni).
        • Anonimo scrive:
          Re: Ma il logo del sito mandriva
          - Scritto da: Anonimo

          Intendi quello animato?

          Esatto, quello che sfuma (in alto a sinistra)


          Cosa c'è che non ti piace?

          Sei cieco? Senza offesa :)


          Ti stai proponendo per farlo tu meglio?

          Basterebbe anche mia nipote (ha 7 anni).Nienta da dire sul logo... semplice e funzionale... raramente ne ho visti di più efficaci... bye ;-)
        • Anonimo scrive:
          Re: Ma il logo del sito mandriva
          - Scritto da: Anonimo

          Intendi quello animato?

          Esatto, quello che sfuma (in alto a sinistra)


          Cosa c'è che non ti piace?

          Sei cieco? Senza offesa :)


          Ti stai proponendo per farlo tu meglio?

          Basterebbe anche mia nipote (ha 7 anni).Continuo a non vedere il tuo problema. Comunque se tua nipote sa fare di meglio proponi un logo fatto da lei. È molto probabile tuttavia che lo vogliano in grafica vettoriale (per svariate ragioni) e che il risultato (dovendo andare su ogni pagina del sito) non possa essere pesante.Comunque a pensarci bene un difetto il logo ce l'ha... dovrebbe essere statico e non animato. Ma capisco che sia un logo temporaneo per far capire alla gente la trasformazione che l'azienda sta passando in questo momento.Bye, Luca
          • Anonimo scrive:
            grafica vettoriale ma cosa... COSA

            È molto probabile tuttavia che lo vogliano in grafica
            vettoriale (per svariate ragioni) e che il risultato (dovendo
            andare su ogni pagina del sito) non possa essere pesante.Ma cosa stai dicendo... ma sai di cosa parli? Cazz c'entra la grafica vettoriale con una gif animata, fammi capire. Hai letto il resto degli interventi? Hanno fatto una cagata nell'infilare la GIF animata nella pagina. Nel codice hanno sbagliato a specificare HEIGHT e WIDTH, con il risultato che si vede chiaramente (lo vedi o no che è tutta distorta?).
          • Anonimo scrive:
            Re: grafica vettoriale ma cosa... COSA
            - Scritto da: Anonimo
            Ma cosa stai dicendo... ma sai di cosa parli?
            Cazz c'entra la grafica vettoriale con una gif
            animata, fammi capire. Hai letto il resto degliCentra perché il logo Mandrake è usato anche nei loro prodotti, l'immagine deve quindi essere zoomabile a piacere. Chiunque si metta a disegnare un logo per Mandrake deve farlo in grafica vettoriale, sarà poi convertita a piacere a seconda dei singoli casi ma il master deve essere in grafica vettoriale. Se non ci arrivi non so cosa dirti.
            interventi? Hanno fatto una cagata nell'infilare
            la GIF animata nella pagina. Nel codice hanno
            sbagliato a specificare HEIGHT e WIDTH, con il
            risultato che si vede chiaramente (lo vedi o no
            che è tutta distorta?).Chi ti dice che hanno sbagliato? E se lo hanno fatto apposta? Questo non ti passa nemmeno per l'anticamera del cervello? Dove vedi "distorsioni"? Io non ne vedo. È leggermente più piatta di quanto imo dovrebbe essere... e allora? Forse lo hanno fatto per non sprecare spazio inutilmente? E quindi? Cambia il senso di quello che c'è scritto sul sito? Cambia qualcosa? No. Non cambia nulla. Da solo un pretesto a te per parlare di aria fritta.Bye, Luca
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma il logo del sito mandriva
      - Scritto da: Anonimo
      Il logo in alto a sinistra... che "sfuma" da
      Mandrake a Mandriva... lo hanno fatto con che
      programma? Un Paint edizione Gameboy?E' una anim-gif. Un po' scattosa nell'effetto fading perche' ci sono pochi fotogrammi.Con meno fotogrammi e' piu' leggera da scaricare. E' un sito internet non un effetto video per una pubblicita' televisiva.
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma il logo del sito mandriva

        E' una anim-gif. Dai...?
        Un po' scattosa nell'effetto fading perche' ci sono
        pochi fotogrammi.Non è solo scattosa. I frame sono diversi (guarda la stella) perchè hanno scalato i colori alla "cazzo di cane". Dai una occhiata alla parte che recita "becomes", tanto per dire.
        Con meno fotogrammi e' piu' leggera da scaricare. Dai...?
        E' un sito internet non un effetto video per una pubblicita'
        televisiva.Se vuoi iniziare un discorso sulla utilità - inutilità della grafica sono pronto. Ti consiglio però di argomentare bene.
        • Anonimo scrive:
          Re: Ma il logo del sito mandriva
          Rettifico il commento. "Alla cazzo di cane" va riferito a chi ha inserito l'immagine sbagliando le dimensioni nel codice. Ridicolo.
    • Anonimo scrive:
      gif corretta ma width/height errati
      Come da oggetto. L'immagine è corretta ed è questa:http://images.mandriva.com/mdkv2/mandriva-en.gifma sul sito l'hanno incastrata sbagliando le dimensioni nel tag html. Non faccio commenti per non sparare sulla croce rossa.
      • Anonimo scrive:
        Re: gif corretta ma width/height errati
        - Scritto da: Anonimo
        Come da oggetto. L'immagine è corretta ed è
        questa:

        http://images.mandriva.com/mdkv2/mandriva-en.gif

        ma sul sito l'hanno incastrata sbagliando le
        dimensioni nel tag html. Non faccio commenti per
        non sparare sulla croce rossa.Chi ha il browser settato con la lingua italiana come principale vede automaticamente la pagina in italiano... e la gif non ha il becomes... quindi sarebbe da rivedere anche tutta la discussione fatta... si parla di immagini diverse e di home page diverse.
        • Anonimo scrive:
          Re: gif corretta ma width/height errati

          si parla di immagini diverse e di home page diverse.Sia l'accesso ITA che quello ING hanno le gif animate sballate (sono diverse ma sballate entrambe). Chi ha fatto la pagina probabilmente ha schiaffato dentro il logo che poi magari è stato modificato cambiandone altezza e larghezza... ma ci si è scordati di aggiornare anche i tag della pagina. Wow!
          • Anonimo scrive:
            Re: gif corretta ma width/height errati
            - Scritto da: Anonimo

            si parla di immagini diverse e di home page
            diverse.

            Sia l'accesso ITA che quello ING hanno le gif
            animate sballate (sono diverse ma sballate
            entrambe). Chi ha fatto la pagina probabilmente
            ha schiaffato dentro il logo che poi magari è
            stato modificato cambiandone altezza e
            larghezza... ma ci si è scordati di aggiornare
            anche i tag della pagina. Wow!E se fosse "voluto"?
          • Anonimo scrive:
            Re: gif corretta ma width/height errati

            E se fosse "voluto"?Sarebbe ancora più ridicolo :)
Chiudi i commenti