Symantec non rallenterà l'uscita di Vista

Steve Ballmer, CEO di Microsoft, rassicura la stampa e gli investitori: le denunce di Symantec non fermeranno il cammino di Vista. Sul fronte sudcoreano, intanto, MS subisce lo stop dell'antitrust

Pechino – Il CEO di Microsoft , Steve Ballmer, ha approfittato di una conferenza sull’ICT svoltasi nella capitale della Repubblica Popolare Cinese per tornare sulla causa intentata da Symantec contro l’azienda fondata da Bill Gates. Rivolgendosi alla stampa ed agli investitori, Ballmer ha usato parole rassicuranti per sciogliere i dubbi degli astanti.

“La controversia legale non avrà nessun impatto sull’uscita di Windows Vista – ha dichiarato Ballmer – per ora aspettiamo solo di andare in tribunale e non voglio fare ulteriori previsioni.” Il timore di molti osservatori è che il caso Symantec contro Microsoft, legato ad una controversia sull’uso di tecnologie proprietarie per la gestione dei dischi rigidi all’interno dei sistemi operativi Windows di prossima generazione, possa mettere a repentaglio il rilascio dell’attesissimo Vista.

Symantec ha esplicitamente richiesto ai giudici che Microsoft non faccia uscire Windows Vista fino a quando il sistema operativo non verrà analizzato a fondo: i legali di Symantec sostengono che Microsoft abbia violato la proprietà intellettuale per via di alcune funzionalità inserite in Windows Vista. “Windows Vista è un concentrato d’innovazione”, ha affermato Ballmer di fronte ai colleghi di Pechino, “forse abbiamo messo troppa tecnologia tutta insieme”.

Sul fronte legale, Microsoft deve vedersela in queste ore con le decisioni dell’antitrust sudcoreano. È stato infatti respinto il ricorso del colosso informatico, già condannato per abuso di posizione dominante .

“Microsoft non condivide la decisione dell’antitrust sudcoreano ma la rispetterà”, hanno spiegato i portavoce dell’azienda, “la nostra posizione nei confronti delle norme del libero mercato continua ad essere rispettosa e pensiamo di aver avuto il massimo rispetto dei consumatori sudcoreani”. Per queste motivazioni, l’azienda statunitense non intende arrendersi e fa sapere che ricorrerà nuovamente contro la multa da 34 milioni di dollari decisa dalle autorità di Seoul.

Tommaso Lombardi

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    se fossimo intelligenti
    Sarebbe sufficiente boicottare, ovvero non comprare più neanche un cd della sony.Imparerebbero la lezione. Quello si che sarebbe un processo pubblico ad effetto immediato.
  • Sparrow scrive:
    sarà anche chiuso, ma
    ma di sicuro la Sony da me NON prenderà più un eurocent !
  • Anonimo scrive:
    caso chiuso de che?
    sara' chiuso il procedimento civile, ma quello penale? se un ragazzino installa un rootkit su una macchina di qualcuno si grida all' "hacker" cattivo e gli ammollano 10 anni di galera, se un'azienda fa lo stesso su milioni di macchine non si procede penalmente? nessuno tra i dirigenti responsabili di questa cosa va in galera? dove son finiti tutti i perbenisti forcaioli che su questi forum godono a vedere rovinata la vita di un ragazzino che ha fatto il lamer? non vale la stessa cosa per un attempato dirigente in giacca e cravatta?
    • borg_troll scrive:
      Re: caso chiuso de che?
      - Scritto da:
      sara' chiuso il procedimento civile, ma quello
      penale? se un ragazzino installa un rootkit su
      una macchina di qualcuno si grida all' "hacker"
      cattivo e gli ammollano 10 anni di galera, se
      un'azienda fa lo stesso su milioni di macchine
      non si procede penalmente? No.
      non vale la stessa cosa per un attempato
      dirigente in giacca e
      cravatta?No.
    • Anonimo scrive:
      Re: caso chiuso de che?
      - Scritto da:
      sara' chiuso il procedimento civile, ma quello
      penale? se un ragazzino installa un rootkit su
      una macchina di qualcuno si grida all' "hacker"
      cattivo e gli ammollano 10 anni di galera, se
      un'azienda fa lo stesso su milioni di macchine
      non si procede penalmente? nessuno tra i
      dirigenti responsabili di questa cosa va in
      galera? dove son finiti tutti i perbenisti
      forcaioli che su questi forum godono a vedere
      rovinata la vita di un ragazzino che ha fatto il
      lamer? non vale la stessa cosa per un attempato
      dirigente in giacca e
      cravatta?Hai perfettamente ragione.Sono QUESTI i casi che incitano alla pirateria e alla creazione di virus e/o rootkit.Se lo fanno le grosse aziende, perchè non i piccoli ??
  • pKrime scrive:
    DRM è illegale
    La legge sul diritto d'autore prevede un limite di tempo, il drm no!Questo basta a renderlo fuorilegge!
  • Anonimo scrive:
    Re: Sottoporre DRM a parere di esperti?
    + o - Kevin Mitnick disse la stessa cosa :D
    • borg_troll scrive:
      Re: Sottoporre DRM a parere di esperti?
      - Scritto da:
      + o - Kevin Mitnick disse la stessa cosa :DKevin Mitnick non é una megacorporazione. Might makes right.
  • Anonimo scrive:
    Re: Rootkit Sony BMG, il caso è chiuso
    Questo caso sarebbe rimasto aperto solo in Italia !
    • Anonimo scrive:
      Re: Rootkit Sony BMG, il caso è chiuso
      - Scritto da:
      Questo caso sarebbe rimasto aperto solo in Italia
      !Illuso.Qui daranno ragione alla Sony...mi pare ovvio!
      • Anonimo scrive:
        Re: Rootkit Sony BMG, il caso è chiuso
        - Scritto da:

        - Scritto da:

        Questo caso sarebbe rimasto aperto solo in
        Italia

        !

        Illuso.Qui daranno ragione alla Sony...mi pare
        ovvio!Forse intendeva per i tempi biblici nostrani... :P
    • Kudos scrive:
      Sistemi NON m$
      e in un sistema NON M$, se il software non può autoinstallarsi, il cd non funziona?e se il ho disattivato l'autoplay? non si installa nemmeno?
Chiudi i commenti