Symantec rifonderà gli utenti cinesi

Ad un mese di distanza dall'incidente che causò il blocco di migliaia di PC cinesi su cui era installato Norton Antivirus, Symantec è pronta a offrire un indennizzo agli utenti
Ad un mese di distanza dall'incidente che causò il blocco di migliaia di PC cinesi su cui era installato Norton Antivirus, Symantec è pronta a offrire un indennizzo agli utenti

In seguito a quanto accaduto lo scorso mese, quando un aggiornamento per la versione cinese di Norton Antivirus mise fuori gioco circa 50mila PC , Symantec offrirà agli utenti cinesi una sorta di risarcimento per gli inconvenienti subiti.

La celebre società di sicurezza americana fornirà agli utenti individuali un’estensione della licenza di 12 mesi e una copia gratuita di Norton Save & Restore 2.0 . Gli utenti aziendali riceveranno invece una o più licenze di Symantec Ghost Solution Suite, in base al numero di sistemi intereressati dal problema. Gli utenti avranno solo due settimane di tempo per aderire all’iniziativa, e per la precisione dal 27 giugno al 15 luglio.

Nel frattempo Symantec dovrà affrontare almeno due cause legali relative all’incidente, una delle quali avviata da una grossa azienda di Pechino. La società di sicurezza ha per altro sottolineato che la sua offerta non va interpretata come un risarcimento pecuniario, di cui solo un tribunale può stabilire l’esatto ammontare, ma semmai come “un gesto di buona volontà”.

“Se ci sono legittime ragioni perché un utente debba chiedere un risarcimento danni, costui ha tutto il diritto di adire le vie legali”, ha dichiarato un portavoce dell’azienda.

Gli utenti che intendono approfittare della “buona volontà” di Symantec devono registrarsi su questo sito (in lingua cinese) e rispondere ad una serie di quesiti che, secondo Symantec, “ci aiuteranno a capire se il richiedente è in buona fede e sia stato realmente interessato dall’inconveniente”.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

25 06 2007
Link copiato negli appunti