Tariffe di terminazione, il conto è alla rovescia

Una delibera AGCOM fissa definitivamente il percorso di abbassamento delle tariffe, scontentando (quasi) tutti. Ma l'Europa potrebbe chiedere anche di più e più in fretta

Roma – Il Consiglio di AGCOM del 17 novembre ha deliberato la decisione finale in merito all’annosa questione della riduzione delle tariffe di terminazione mobile . La richiesta dell’Unione Europea di abbassamento delle tariffe ha una storia lunga e costellata da molti ostacoli. Comprensibilmente, considerando gli interessi coinvolti e le somme in gioco: si tratta di un business di 2,5 miliardi di euro .

Il percorso per l’abbassamento delle tariffe si svolgerà in maniera differenziata a seconda degli operatori e avrà compimento nel corso del 2013 (in anticipo, dunque, rispetto al 2015 prospettato fino a questo momento, ma in ritardo rispetto alle richieste di Bruxelles), quando verranno raggiunte sia la tariffa efficiente (valore risultante dal modello economico denominato Bulric) sia la piena simmetria tariffaria:

– per i tre principali operatori , Tim, Vodafone e Wind, le tariffe sono stabilite rispettivamente in: 2,50 centesimi (di euro al minuto) dal 1 luglio 2012, 1,50 centesimi dal 1 gennaio 2013 e 0,98 centesimi dal 1 luglio 2013 ;
– per H3G , le tariffe sono stabilite in: 3,50 centesimi (di euro al minuto) dal 1 luglio 2012, 1,70 centesimi dal 1 gennaio 2013 e 0,98 centesimi dal 1 luglio 2013 .

Le reazioni alla delibera dell’AGCOM sono state le più diverse. C’è chi pensa che il percorso previsto sia troppo lungo e inizi con eccessivo ritardo : Fastweb si dice “sconcertata” dalla decisione, la quale “è addirittura peggiorativa rispetto alla proposta di maggio scorso, che prevedeva un primo taglio a 4,1 eurocent dal primo gennaio 2012 e che era già stata duramente criticata dalla Commissione Europea perché troppo elevata. Dal primo gennaio 2012 – si legge ancora nel comunicato – le tariffe di terminazione in Francia saranno di 1,5 centesimi di euro, quelle della Gran Bretagna di 1,96, peggiorando il differenziale tra l’ Italia, che è già uno dei paesi con le tariffe di terminazione piu elevate in Europa, e gli altri Paesi membri”.

Dello stesso parere Marco Pierani , responsabile rapporti istituzionali di Altroconsumo: “Vanno bene le riduzioni, ma arrivano tardi: per i primi sei mesi del 2012 continueremo ad avere i prezzi di terminazione più cari in Europa”. Inoltre il valore di 5,3 eurocent in vigore fino al primo abbassamento (1 luglio 2012) è in contrasto con la decisione di Bruxelles, che prevedeva una diminuzione a 4,1 cents dal 1 gennaio 2012.

Anche un’altra associazione dei consumatori, Codacons , si schiera contro la delibera, ma per motivi diversi: “L’Autorità è consapevole del rischio che un taglio drastico potrebbe avere effetti negativi sul mercato, e quindi provocare enormi danni ai consumatori – si legge in una nota – L’Associazione vigilerà affinchè vi sia un reale rispetto della concorrenza e comunica già da ora di essere pronta ad intervenire dinanzi alle Autorità competenti qualora dovessero essere lesi gli interessi e i diritti degli utenti”. Il problema della mancata traduzione dell’abbassamento delle tariffe di terminazione in un beneficio per i consumatori è, in effetti, un punto centrale che viene sollevato anche da Vodafone, la quale fa notare che dal 2005 al 2010 le tariffe sono state dimezzate, ma i corrispondenti prezzi al pubblico sono scesi solo dell’8 per cento.

Vodafone solleva, esprimendo anche quella che sembra essere la posizione di Wind, anche il problema delle probabili ricadute negative che questa decisione avrà sugli investimenti da parte degli operatori mobili e, dunque, per lo sviluppo complessivo del mercato: “Questa decisione mette a rischio gli investimenti e lo sviluppo del settore, nonché la sua capacità di attrarre ingenti investimenti a capitale estero nel Paese. Appare una decisione in contrapposizione agli orientamenti dell’attuale Governo – continua Vodafone – che chiede il coinvolgimento dei capitali privati nella realizzazione di infrastrutture per sostenere la crescita e dare impulso all’attività economica”.

Elsa Pili

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Mela avvelenata scrive:
    La verità...
    http://www.zdnet.com/blog/hardware/are-security-firms-that-warn-of-android-malware-charlatans-and-scammers/16412http://www.macobserver.com/tmo/article/everything_you_know_about_android_malware_may_be_wrong/...tanto per riassumere: i malware ci sono, ma si annidano soprattutto al di fuori del market!!
  • Alvaro Vitali scrive:
    Articolo privo di riscontro reale
    Ancora un articolo che parla di malware su Android citando fonti totalmente inaffidabili o interessate; infatti, non dimentichiamoci che i vari Kaspersky, McAfee & C stanno scatenando da tempo una vera e propria guerra contro quelle piattaforme mobili che rifiutano l'idea di farsi "appestare" dagli antivirus.Proprio nei giorni scorsi, Chris DiBona, Open Source Programs Manager di Google, nella sua pagina su Google+ ha preso posizione affermando che: <I
    "I produttori di antivirus stanno giocando sulla paura degli utenti per cercare di vendere il proprio software di protezione per Android, RIM e iOS. Sono ciarlatani e truffatori. E se lavorate per una di quelle aziende dovreste vergognarvi di voi stessi." </I
    Le notizie allarmistiche che circolano in continuazione, hanno proprio questo scopo; nella realtà, però, vediamo che il 99,9% degli utenti di dispositivi basati su Android, iOS, RIM, non hanno mai avuto alcun problema di sicurezza.Fosse vero ciò che riportano certi articoli, sarebbe impossibile utilizzare un qualunque dispositivo mobile.
    • gnammolo scrive:
      Re: Articolo privo di riscontro reale
      temo anch'io, a fronte di pochissimi (e immagino astutissimi) utenti infettati si faccia un gran rumore immotivato proveniente sopratutto dalle aziende produttrici di AV (guarda caso chi ci guadagna?) Certo che i codici penali andrebbero rivisti a livello internazionale prevedendo reati quali la creazione di virus al pari di reati come la rapina o l'attentato terroristico, in fin dei conti un virus magari non fa vittime ma fa danni materiali ben maggiori.
      • Doh scrive:
        Re: Articolo privo di riscontro reale

        rumore immotivato proveniente sopratutto dalle
        aziende produttrici di AV (guarda caso chi ci
        guadagna?)
        Curioso che adesso che si parla di virus Android, i fanboy saltino addosso ai produttori di antivirus per sbugiardarli... quando questi ultimi mettevano in giro le bufale sull'esistenza di virus per Mac o per iOS, era tutto un tripudio di "Apple è un colabrodo", "Apple non è sicura", eccetera eccetera... Due pesi e due misure?
        • krane scrive:
          Re: Articolo privo di riscontro reale
          - Scritto da: Doh

          rumore immotivato proveniente sopratutto
          dalle

          aziende produttrici di AV (guarda caso chi ci

          guadagna?)



          Curioso che adesso che si parla di virus Android,
          i fanboy saltino addosso ai produttori di
          antivirus per sbugiardarli... quando questi
          ultimi mettevano in giro le bufale sull'esistenza
          di virus per Mac o per iOS, era tutto un tripudio
          di "Apple è un colabrodo", "Apple non è sicura",
          eccetera eccetera...

          Due pesi e due misure?Guarda che il peso e' sempre 1: Il sistema colabrodo e' windows.
          • Darwin scrive:
            Re: Articolo privo di riscontro reale
            [img]http://www.termafrigo.it/shop/images/detailed/0/1199.jpg[/img]
    • Mela avvelenata scrive:
      Re: Articolo privo di riscontro reale
      Non si può certo biasimarli per averci provato (beh sì, un pochino): con tutti i dispositivi portatili in circolazione, anche se 1 su 1000 acquistasse ed installasse un antivirus sarebbero un mucchio di $$oldi nelle ca$$e dei produttori di antivirus! Visto che su iOS rischiano di rimanere disoccupati, adesso vanno all'attacco di Android...Di una cosa sono sicuro: Android non è un sistema inattaccabile, malware in giro ce n'è, ma per ora basta fare attenzione a quello che si installa...e soprattutto evitare di installare applicazioni gratuite di dubbia provenienza!
  • Ill Informer scrive:
    I Trojan non so ...
    Ma per spyware cosa si intende ? Applicazioni che sono su market e permettono il riconoscimento univoco dell'ultente, l'acXXXXX ai dati del telefono e hanno la capacità di collegarsi in internet ?Mi sembra che lo facciano la maggior parte delle applicazioni sul market, specialmente il bloatware che i gestori di telefonia ti installano sul telefono e non puoi più disinstallare per il resto della tua vita, a meno che non fai il ROOT.Lì è il massimo della sicurezza, metti su il Busybox e il SU disinstalli tutto quello che vuoi e apri completamente il telefono, poi ci pui mettere un firewall.Le immagini del sistema rootato ? Le trovi su RapidShare ... già ... il massimo della sicurezza !
    • collione scrive:
      Re: I Trojan non so ...
      esattamente e si tratta sempre e solo di trojan, che per di più vanno installati dall'utente, concedendo loro tutte le necessarie autorizzazioni ad operareè un discorso molto diversi dai soliti malware che vediamo in ambito pc, dove ci sono codici in grado di autoinstallarsi sfruttando le innumerevoli vulnerabilità dei sistemi operativiè per questo che Di Bona si è scagliato contro i produttori di antivirusalla fin fine antivirus o no, basta modificare due righe di un app trojan e hai un trojan funzionante e non riconosciuto dagli antivirusdunque la soluzione non sono gli antivirus ma bisogna applicare controlli maggiori al market e, magari, implementare metodi cloud per l'etichettatura automatica delle attività dei software androidin questo modo un malware ha vita corta ed è facile scovarlo
  • Shu scrive:
    Parere interessato?
    Juniper... magari questo ha qualcosa a che fare con questi "report":http://www.juniper.net/it/it/products-services/software/junos-platform/junos-pulse/mobile-security/Android è tra i S.O. più sicuri: ogni applicazione gira in una sua sandbox senza possibilità di accedere ai dati degli altri.Per accedere alla rubrica, a Internet, al calendario e perfino alla scheda SD (oltre che a molte altre funzioni) deve chiedere il permesso all'utente in fase di installazione.E` vero che non ci sono controlli nel Market, ma ti devi registrare con un account verificato, e se metti applicazioni trojan, oltre a rimuoverla rischi una denuncia.Se l'utente installa roba al di fuori del Market sono fatti suoi verificare che sia roba genuina e non trojan.Come ha già giustamente detto qualcuno: il vero problema è davanti allo schermo, visto che la sedia non c'è più.Bye.
    • nome e cognome scrive:
      Re: Parere interessato?

      E` vero che non ci sono controlli nel Market, ma
      ti devi registrare con un account verificato, e
      se metti applicazioni trojan, oltre a rimuoverla
      rischi una
      denuncia.Per curiosità visto che non ho provato, come viene verificato l'account?
      • sgabe scrive:
        Re: Parere interessato?
        Per essere sviluppatore ti devi registrae e pagare con la carta di credito...direi che è sufficiente per sapere chi sei...
        • collione scrive:
          Re: Parere interessato?
          - Scritto da: sgabe
          Per essere sviluppatore ti devi registrae e
          pagare con la carta di credito...direi che è
          sufficiente per sapere chi
          sei...il problema è che i criminali hanno milioni di numeri di carte di credito rubati a loro disposizionealla fin fine è un metodo di verifica molto debolee nemmeno varrebbe usare il numero di telefono di una sim, perchè ci sono Paesi in cui le sim si comprano in maniera anonima al supermercatoil problema è che esistono zone franche in cui può assumere 10 identità fasulle senza che nessuno venga a controllarti
  • ephestione scrive:
    Root+droidwall+whitelist mode
    Come da oggetto.E nessuna routine è in grado di collegarsi a internet a meno che non l'abbiate esplicitamente autorizzata.
    • aphex twin scrive:
      Re: Root+droidwall+whitelist mode
      Peccato solo che lo farà l'1% dei possessori Android.
      • Pippo scrive:
        Re: Root+droidwall+whitelist mode
        Non sarebbe male che esistesse un sito simile a quello sviluppato per jailbreackare l'aifon in 2 secondi...
        • FDG scrive:
          Re: Root+droidwall+whitelist mode
          - Scritto da: Pippo
          Non sarebbe male che esistesse un sito simile a
          quello sviluppato per jailbreackare l'aifon in 2
          secondi...Bello ridurre una questione importante come la sicurezza a mero trollaggio e fanboysmo.
          • Pippo scrive:
            Re: Root+droidwall+whitelist mode
            Ti sbagli di grosso.Zero trollate.Era solamente un mio pensiero. Sono un felice possessore di Android fin dall'uscita del N1...
        • sbrotfl scrive:
          Re: Root+droidwall+whitelist mode
          - Scritto da: Pippo
          Non sarebbe male che esistesse un sito simile a
          quello sviluppato per jailbreackare l'aifon in 2
          secondi...Con superoneclick ci metti meno di 2 secondi per il root...
      • mcmcmcmcmc scrive:
        Re: Root+droidwall+whitelist mode
        senza arrivare alla soluzione proposta da ephestione, una buona conoscenza del mezzo aiuterebbe di molto ad evitare problemi.La questione è solo una: bisogna alfabetizzare gli utilizzatori, e non rendere "semplice" il mezzo. Il mezzo semplice deve essere veicolo per l'alfabetizzazione, non il punto d'arrivo, come si vuole oggi.Oggi è un po' come se si volesse tornare ai geroglifici/libri illustrati, invece che insegnare a legger ai bambini.
        • maxsix scrive:
          Re: Root+droidwall+whitelist mode
          - Scritto da: mcmcmcmcmc
          senza arrivare alla soluzione proposta da
          ephestione, una buona conoscenza del mezzo
          aiuterebbe di molto ad evitare
          problemi.
          La questione è solo una: bisogna alfabetizzare
          gli utilizzatori, e non rendere "semplice" il
          mezzo. Il mezzo semplice deve essere veicolo per
          l'alfabetizzazione, non il punto d'arrivo, come
          si vuole
          oggi.Cioè spiegami un attimo.Secondo la tua visione la semplicità del tuo terminale dovrebbe essere ponte per trasformarti da utente utonto a utente pro?Mi auguro tu stia scherzando.Io non so te, ma io e molti come me possessori di questo terminale abbiamo ben altro da fare che passare la giornata a patchare questo, dare permessi a quello, installare quell'altro.Noi abbiamo bisogno di uno strumento, che funzioni, sempre, che non dia problemi e che non generi pensieri.E credo che il mio pensiero vada dall'utente professionale alla sura maria che compra un terminale da 100 euri anche solo per telefonare e mandare 4 messaggi.Imho con questa uscita, Android può tranquillamente tornare a quello che è sempre stato.Pattume informatico.
          • mcmcmcmcmc scrive:
            Re: Root+droidwall+whitelist mode
            - Scritto da: maxsix
            - Scritto da: mcmcmcmcmc
            Cioè spiegami un attimo.
            Secondo la tua visione la semplicità del tuo
            terminale dovrebbe essere ponte per trasformarti
            da utente utonto a utente
            pro?

            Mi auguro tu stia scherzando.

            Io non so te, ma io e molti come me possessori di
            questo terminale abbiamo ben altro da fare che
            passare la giornata a patchare questo, dare
            permessi a quello, installare
            quell'altro.mi sembra di essermi espresso in un Italiano abbastanza corretto. E non ho parlato di patchare, aggiornare, ...Sto dicendo che gli utenti devono sapere cosa stanno facendo. Per molti oggi non è così. Ed infatti, oggi, le truffe, quelle vere, non quelle raccontate per far vendere antivirus, sono tutte basate sull'ingegneria sociale.Non dico che l'utente medio deve essere un tecnico, così come il lettore medio non deve essere uno scrittore. Ma un utente medio deve sapere utilizzare il mezzo che ha in mano, così come un lettore deve sapere leggere un libro.Il fatto che un dispositivo sia nelle mani di tutti, non vuole dire che tutti lo sappiano utilizzare correttamente.
          • Mettiuz scrive:
            Re: Root+droidwall+whitelist mode
            Parlando del tipo di utente che dici tu, dubito che possa incappare in qualche applicazione malevola.Spiego meglio: le applicazioni pericolose sono spesso delle schifezze che si trovano molto in fondo alla lista delle app, hanno pochi dowloads e ancora meno voti quindi fondamentalmente difficili da trovare, la dimostrazione sia ha nel fatto che le app più pericolose sono copie di app ufficiali reperibili al di fuori del market quindi un utente dovrebbe essere un minimo smaliziato per andarsele a cercare tra i vari forum e installarle.
          • formichiere scrive:
            Re: Root+droidwall+whitelist mode


            Mi auguro tu stia scherzando.

            Io non so te, ma io e molti come me possessori di
            questo terminale abbiamo ben altro da fare che
            passare la giornata a patchare questo, dare
            permessi a quello, installare
            quell'altro.
            anch'io. mica lo faccio ogni giorno. neanche una volta al mese.
            Noi abbiamo bisogno di uno strumento, che
            funzioni, sempre, che non dia problemi e che non
            generi
            pensieri.sono d'accordo

            E credo che il mio pensiero vada dall'utente
            professionale alla sura maria che compra un
            terminale da 100 euri anche solo per telefonare e
            mandare 4
            messaggi.

            Imho con questa uscita, Android può
            tranquillamente tornare a quello che è sempre
            stato.

            Pattume informatico.io paragonerei la furbizia di chi installa software di dubbia provenienza, o che richiede permessi straordinari, a quella di chi fornisce le proprie credenziali (o spedisce soldi) rispondendo a mail scritte in un italiano sgrammaticato che farebbe ridere anche il traduttore di google. non si parla di conoscenze informatiche, ma di logica. e quella (spero) sia fornita di default con la nascita.
          • Mela avvelenata scrive:
            Re: Root+droidwall+whitelist mode
            - Scritto da: maxsix
            Imho con questa uscita, Android può
            tranquillamente tornare a quello che è sempre
            stato.

            Pattume informatico.Mi ricorda la favola della volpe e l'uva...Troppo difficile da usare allora è una XXXXX! Se per te è troppo difficile Android, comprati il cellulare della Chicco, forse lo troverai più adatto a te...
          • Darwin scrive:
            Re: Root+droidwall+whitelist mode
            - Scritto da: maxsix
            Io non so te, ma io e molti come me possessori di
            questo terminale abbiamo ben altro da fare che
            passare la giornata a patchare questo, dare
            permessi a quello, installare
            quell'altro.Anche io.Eppure uso sistemi open source, senza rinunciare a niente.
            Noi abbiamo bisogno di uno strumento, che
            funzioni, sempre, che non dia problemi e che non
            generi
            pensieri.E allora perchè prendi iOS?
            Imho con questa uscita, Android può
            tranquillamente tornare a quello che è sempre
            stato.

            Pattume informatico.[img]http://www.uccellinodidelpiero.com/wp-content/uploads/2010/09/che-rosicata.png[/img]Eh si...questa è proprio una grande rosicata. Complimenti.
        • aphex twin scrive:
          Re: Root+droidwall+whitelist mode
          Sapere regolare la fasatura delle valvole della mia macchina non mi insegna a non andare dritto alla prima curva.
          • mcmcmcmcmc scrive:
            Re: Root+droidwall+whitelist mode
            non c'entra assolutamente niente con quel che ho scritto io. Segui il thread per capire.Non siamo mica qui ad asciugare gli scogli.
          • aphex twin scrive:
            Re: Root+droidwall+whitelist mode
            C'entra eccome invece.
          • mcmcmcmcmc scrive:
            Re: Root+droidwall+whitelist mode
            Proprio no. Rileggiti bene questo http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3340136&m=3341650#p3341650Il "sotto il motore" non c' entra niente. Il non saper leggere, forse, sì.
          • gnammolo scrive:
            Re: Root+droidwall+whitelist mode
            ma sapere che andare in 3za a 6000 giri per andare a 100km/hr cuoci il motore sì...nessuno ti chiede di mettere mani al motore ma un po di testa nell'usarlo si
          • aphex twin scrive:
            Re: Root+droidwall+whitelist mode
            Infatti, devi sapere "solo" guidare (non star su troppo con i giri motore), quello che ci sta sotto il cofano é a discrezione dell'utente. Se vuoi impari anche come funziona un motore ma se non ti interessa ... fa niente, e questo non deve inficiare la guida.
          • gnammolo scrive:
            Re: Root+droidwall+whitelist mode
            installare un programma significa guidare, mica devi mettere mani al kernel!
          • sbrotfl scrive:
            Re: Root+droidwall+whitelist mode
            - Scritto da: aphex twin
            Infatti, devi sapere "solo" guidare (non star su
            troppo con i giri motore), quello che ci sta
            sotto il cofano é a discrezione dell'utente. Se
            vuoi impari anche come funziona un motore ma se
            non ti interessa ... fa niente, e questo non deve
            inficiare la
            guida.Ma li leggi i post prima di rispondere?Ti ha detto che devi comunque sapere come evitare di mandare a fare in cuore il motore... cosi' col telefono devi sapere come evitare che ti freghino
          • krane scrive:
            Re: Root+droidwall+whitelist mode
            - Scritto da: sbrotfl
            - Scritto da: aphex twin

            Infatti, devi sapere "solo" guidare

            (non star su troppo con i giri motore),

            quello che ci sta sotto il cofano é a

            discrezione dell'utente.

            Se vuoi impari anche come funziona un

            motore ma se non ti interessa ... fa

            niente, e questo non deve inficiare la

            guida.
            Ma li leggi i post prima di rispondere?
            Ti ha detto che devi comunque sapere
            come evitare di mandare a fare in cuore
            il motore...In effetti se non lo tratti bene dura meno a lungo, prova a non scaldare mai l'auto d'inverno o trattare male la batteria; e le auto moderne sono gia' molto piu' indipendendi di quelle di solo poche decine di anni fa; quando i pc avranno la storia dell'automobile vedremo quanta manutenzione sara' necessaria.
            cosi' col telefono devi sapere come
            evitare che ti freghinoEsatto: semplice consapevolezza che stai utilizzando uno strumento complesso, mica un bastone di fuoco maggico.
          • Darwin scrive:
            Re: Root+droidwall+whitelist mode
            - Scritto da: aphex twin
            Infatti, devi sapere "solo" guidare (non star su
            troppo con i giri motore),Appunto.Saper guidare significa aver preso coscienza di COME si usa il prodotto.Nel mondo informatico invece si vuole usare il prodotto SENZA sapere come usarlo.
          • Darwin scrive:
            Re: Root+droidwall+whitelist mode
            Non c'entra una beneamata mazza. Nessuno ti ha detto di mettere mano al kernel. Ti stanno dicendo solo di usare il cervello.
      • nodx scrive:
        Re: Root+droidwall+whitelist mode
        - Scritto da: aphex twin
        Peccato solo che lo farà l'1% dei possessori
        Android.Richiede una rom andare in root, ci mancherebbe che debbano saperlo fare più dell'1% dei possessori!!!
  • mcmcmcmcmc scrive:
    titolone
    Ma la realtà è che android è sicuro quanto gli altri. Anzi, l' open source è tendenzialmente più sicuro perché personalizzabile. Sarà vera questa notizia http://www.androidauthority.com/u-s-army-to-use-secure-android-devices-soon-33588/ ?
    • FDG scrive:
      Re: titolone
      - Scritto da: mcmcmcmcmc
      Ma la realtà è che android è sicuro quanto gli
      altri. Anzi, l' open source è tendenzialmente più
      sicuro perché personalizzabile. Sarà vera questa
      notizia
      http://www.androidauthority.com/u-s-army-to-use-seL'US Army sicuramente non usa l'Android dei comuni mortali ma una sua versione di Android.
      • mcmcmcmcmc scrive:
        Re: titolone
        - Scritto da: FDG
        - Scritto da: mcmcmcmcmc


        Ma la realtà è che android è sicuro quanto
        gli

        altri. Anzi, l' open source è
        tendenzialmente
        più

        sicuro perché personalizzabile. Sarà vera
        questa

        notizia


        http://www.androidauthority.com/u-s-army-to-use-se

        L'US Army sicuramente non usa l'Android dei
        comuni mortali ma una sua versione di
        Android.cosa di "Anzi, l' open source è tendenzialmente più sicuro perché personalizzabile." sarebbe in contrasto con "L'US Army sicuramente non usa l'Android dei comuni mortali ma una sua versione di Android."?
        • FDG scrive:
          Re: titolone
          - Scritto da: mcmcmcmcmc
          cosa di "Anzi, l' open source è tendenzialmente
          più sicuro perché personalizzabile." sarebbe in
          contrasto con "L'US Army sicuramente non usa
          l'Android dei comuni mortali ma una sua versione
          di Android."?Nulla. Osservavo solo che non sarà la stessa versione di Android che hanno i comuni mortali ma una personalizzata per le specifiche esigenze dell'US Army. Manco sono obbligati a redistribuire i sorgenti visto che l'organizzazione è sempre la stessa.
  • alex terra scrive:
    più numeri
    472% si, ma c'è da tenere conto che si parla di una trentina di applicazioni su più di 500mila :|
  • FinalCut scrive:
    Vedo un sacco di struzzi....
    Cantinari della specie peggiore che fino a ieri accusavano M$ e oggi ficcano la testa sotto la sabbia fingendo di non vedere.... continuando la storiella della rapidità delle correzioni sul software open, quando questa in realtà in questo caso è vanificata dal ritardo con cui i produttori rilasciano (se lo fanno!!) gli aggiornamenti.[img]http://www.quieora.info/home/images/stories/NATYAN/struzzo0[/img](linux)(apple)
    • bertuccia scrive:
      Re: Vedo un sacco di struzzi....
      ho letto la notizia quando ancora era a zero commentistavolta passo, questo è sparare sulla croce rossa e non me la sento
      • Darwin scrive:
        Re: Vedo un sacco di struzzi....
        Anche perchè non hai la sveglia che ti avvisa in orario quando è arrivato il momento di rispondere... :D
    • james scrive:
      Re: Vedo un sacco di struzzi....
      Come se il ritardo degli aggiornamenti centrasse qualcosa.Le applicazioni le devi installare te. Gli dai l'autorizzazione e le installi.Come succede per tutti gli os. L'unico sistema in cui non sarebbe possibile è ios in quanto non vi permette di installare niente al di fuori del vostro giardino (in teoria, basta guardare Charlie Miller e la sua falla...quella si che è un problema di aggiornamenti)Preferisco comunque tenermi qualche malwaretrojan in più, che far decidere agli altri cosa posso o non posso installare.
      • FDG scrive:
        Re: Vedo un sacco di struzzi....
        - Scritto da: james
        Preferisco comunque tenermi qualche
        malwaretrojan in più, che far decidere agli
        altri cosa posso o non posso installare.Contento tu...Però questo atteggiamento è ridicolo. Ha ragione FinalCut nel sottolineare che su questo argomento si stanno usando due pesi e due misure. Se il software open source ha dimostrato di mettere l'utente nelle condizioni di proteggersi più rapidamente, con gli aggiornamenti messi a disposizione appena possibile, non si capisce se questo open source è Android all'improvviso questa caratteristica diventa irrilevante. Su Linux ho aggiornamenti e bugfix in continuo.
    • Fiber scrive:
      Re: Vedo un sacco di struzzi....
      - Scritto da: FinalCut
      Cantinari della specie peggiore che fino a ieri
      accusavano M$ e oggi ficcano la testa sotto la
      sabbia fingendo di non vedere.... continuando la
      storiella della rapidità delle correzioni sul
      software open, quando questa in realtà in questo
      caso è vanificata dal ritardo con cui i
      produttori rilasciano (se lo fanno!!) gli
      aggiornamenti.

      [img]http://www.quieora.info/home/images/stories/N


      (linux)(apple)guarda che in caso di applicazione malevola da far installare al tonto di turno usando il social engineering alias ingegneria sociale non c'è bisogno di nessuna patch per Android come nn ci sarebbe bisogno di nessuna patch per Osx ne per Linux ne per Windowscontro il social engineering che porta all'installazione di software malevolo sul sistema raggirando i tonti <b
      senza sfruttare nessuna vulnerabilità del sistema </b
      , che sia computer o tablet o SmartPhone , l'unico a doversi "patchare" e' l'utenteuna vera falla invece c'era su iOs5 dove anche scaricando un'apposita App dall'App Store ufficiale si poteva poi far eseguire software malware TRAMITE quella stessa App ufficialmente scaricata dall'App Store di Apple-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 19 novembre 2011 10.34-----------------------------------------------------------
      • sbrotfl scrive:
        Re: Vedo un sacco di struzzi....
        - Scritto da: Fiber
        - Scritto da: FinalCut

        Cantinari della specie peggiore che fino a
        ieri

        accusavano M$ e oggi ficcano la testa sotto
        la

        sabbia fingendo di non vedere....
        continuando
        la

        storiella della rapidità delle correzioni sul

        software open, quando questa in realtà in
        questo

        caso è vanificata dal ritardo con cui i

        produttori rilasciano (se lo fanno!!) gli

        aggiornamenti.




        [img]http://www.quieora.info/home/images/stories/N





        (linux)(apple)

        guarda che in caso di applicazione malevola da
        far installare al tonto di turno usando il social
        engineering alias ingegneria sociale non c'è
        bisogno di nessuna patch per Android come nn ci
        sarebbe bisogno di nessuna patch per Osx ne per
        Linux ne per
        Windows

        contro il social engineering che porta
        all'installazione di software malevolo sul
        sistema raggirando i tonti <b
        senza
        sfruttare nessuna vulnerabilità del sistema
        </b
        , che sia computer o tablet o
        SmartPhone , l'unico a doversi "patchare" e'
        l'utente


        una vera falla invece c'era su iOs5 dove anche
        scaricando un'apposita App dall'App Store
        ufficiale si poteva poi far eseguire software
        malware TRAMITE quella stessa App ufficialmente
        scaricata dall'App Store di
        Apple
        --------------------------------------------------
        Modificato dall' autore il 19 novembre 2011 10.34
        --------------------------------------------------Un intero messaggio senza quotarti! Complimenti! :)
    • Nome e cognome scrive:
      Re: Vedo un sacco di struzzi....
      - Scritto da: FinalCut
      Cantinari della specie peggiore che fino a ieri
      accusavano M$ e oggi ficcano la testa sotto la
      sabbia fingendo di non vedere.... continuando la
      storiella della rapidità delle correzioni sul
      software open, quando questa in realtà in questo
      caso è vanificata dal ritardo con cui i
      produttori rilasciano (se lo fanno!!) gli
      aggiornamenti.

      [img]http://www.quieora.info/home/images/stories/N
      Intanto tu e il resto dei Ruppy Boys ci siete nati con la testa sotto la sabbia. Buon divertimento nella sandbox fallata.
    • tucumcari scrive:
      Re: Vedo un sacco di struzzi....
      - Scritto da: FinalCut
      Cantinari della specie peggiore che fino a ieri
      accusavano M$ e oggi ficcano la testa sotto la
      sabbia fingendo di non vedere.... continuando la
      storiella della rapidità delle correzioni sul
      software open, quando questa in realtà in questo
      caso è vanificata dal ritardo con cui i
      produttori rilasciano (se lo fanno!!) gli
      aggiornamenti.

      [img]http://www.quieora.info/home/images/stories/N


      (linux)(apple)a proposito di (s)truzzihttp://secunia.com/advisories/46836http://secunia.com/advisories/product/34547/?task=advisories_2011Quanto agli aggiornamenti ti è sfuggito che i fornitori con gli aggiornamenti delle <b
      APPLICAZIONI </b
      non c'entrano nulla e le applicazioni aggiornate le scarichi (dato che sei avvisato) dal market!Ancora non arrivi a capire la differenza tra applicazioni e OS?Patetico!Fai onore al tuo nik e dacci un taglio (finale!) non ci capisci proprio nulla!
    • gnammolo scrive:
      Re: Vedo un sacco di struzzi....
      sto ancora aspettando il pesante contraccolpo di android:[img]https://lh4.googleusercontent.com/-rbZHmUoiqts/TsOjIOk0s2I/AAAAAAAAHI4/4Etq_p4doiE/chart-of-the-day-android-nov-14-2011.jpg[/img]
      • gnammolo scrive:
        Re: Vedo un sacco di struzzi....
        [img]https://lh4.googleusercontent.com/-rbZHmUoiqts/TsOjIOk0s2I/AAAAAAAAHI4/4Etq_p4doiE/chart-of-the-day-android-nov-14-2011.jpg[/img]
        • gnammolo scrive:
          Re: Vedo un sacco di struzzi....
          uhmm non lo vedo bene sto forum...https://lh4.googleusercontent.com/-rbZHmUoiqts/TsOjIOk0s2I/AAAAAAAAHI4/4Etq_p4doiE/chart-of-the-day-android-nov-14-2011.jpgvabbe sol il link
    • Darwin scrive:
      Re: Vedo un sacco di struzzi....
      Quindi?Aggiorna da solo. Qual'è il problema? Te lo impedisce qualcuno?
  • TheRealRupp olo scrive:
    Android è sicuro
    Android è sicuro. Molto meglio dell' iOS e di Windows Mango.Parola di RealRuppolo.
  • Daniele scrive:
    re:
    Sicuramente l'open source porta ad un rischio maggiore di trovare falle , ma anche ad una più rapida correzzione di queste. Senza contare che molte vengono risolte ancor prima di essere trovate da chi vuole sfruttarle.
    • Rizzo Master scrive:
      Re: re:
      - Scritto da: Daniele
      Sicuramente l'open source porta ad un rischio
      maggiore di trovare falle , ma anche ad una più
      rapida correzzione di queste. Senza contare che
      molte vengono risolte ancor prima di essere
      trovate da chi vuole
      sfruttarle.poche balle, android non è sicuro come i concorrenti
      • Shrike scrive:
        Re: re:
        Il fatto che sia open source è solo un vantaggio da questo punto di vista... e lo è sempre stato (vedi storia dei browser).Se prima l'unico problema era fra la tastiera e la sedia ora con gli smartphone l'unica differenza è che non c'è più la sedia...
        • dexter scrive:
          Re: re:
          la sicurezza sui telefonini non è stata mai curata da nessun produttore, e sotto nessuna piattaforma: sono tutti colabrodo
          • ruppolo scrive:
            Re: re:
            - Scritto da: dexter
            la sicurezza sui telefonini non è stata mai
            curata da nessun produttore,Tranne Apple.
            e sotto nessuna
            piattaforma:Tranne iOS.
            sono tutti
            colabrodoTranne Apple iOS.
          • mmmm scrive:
            Re: re:
            ti è sfuggito il ricercatore che è riuscito a inserire app sullo store e a farle approvare nonostante facessero tutto il contrario del dichiarato?
          • nome e cognome scrive:
            Re: re:


            sono tutti

            colabrodo

            Tranne Apple iOS.Scusa Ruppolo, secunia mi dice che nel nuovissimo sistema di ueppolz hanno appena patchato una vulnerabilità highly critical, mentre nel vecchissimo sistema di google è stata segnalata e patchata solo una not critical... non riesco a dormire ora, pensavo che solo windows avesse bug highly critical.http://secunia.com/advisories/46836/http://secunia.com/advisories/45457/Secunia mi dice anche che la vecchia versione di ios la 4 era piena di vulnerabilitàhttp://secunia.com/advisories/product/34547/?task=advisories_2011Puoi scrivere a questi sedicenti esperti di sicurezza e chiarire?
          • Il mago Silvan scrive:
            Re: re:
            - Scritto da: ruppolo
            - Scritto da: dexter

            la sicurezza sui telefonini non è stata mai

            curata da nessun produttore,

            Tranne Apple.


            e sotto nessuna

            piattaforma:

            Tranne iOS.


            sono tutti

            colabrodo

            Tranne Apple iOS.[img]http://watermarked.cutcaster.com/cutcaster-photo-100060658-Long-tailed-macaque-monkey-frightened.jpg[/img][img]http://customerunderground.com/sites/default/files/icon/story/CU-%20magic-wand.jpg[/img][img]http://lofidelitybicycleclub.files.wordpress.com/2010/11/035ostrich_468x538.jpg[/img][img]http://cuntychoppalops.files.wordpress.com/2010/07/badum-tish.jpg?w=440&h=339[/img][img]http://www.threadbombing.com/data/media/2/applause.gif[/img]
          • tucumcari scrive:
            Re: re:
            - Scritto da: ruppolo
            - Scritto da: dexter

            la sicurezza sui telefonini non è stata mai

            curata da nessun produttore,

            Tranne Apple.http://secunia.com/advisories/46836(rotfl)


            e sotto nessuna

            piattaforma:

            Tranne iOS.http://secunia.com/advisories/46836(rotfl)(rotfl)


            sono tutti

            colabrodo

            Tranne Apple iOS.http://secunia.com/advisories/product/34547/?task=advisories_2011(rotfl)(rotfl)(rotfl)
          • bertaccio scrive:
            Re: re:
            Caro Ruppolo, i tempi cambiano, stai per rimanere solohttp://www.slashgear.com/steve-wozniak-poses-with-his-new-galaxy-nexus-at-google-building-44-18196648/
          • sbrotfl scrive:
            Re: re:
            - Scritto da: ruppolo
            - Scritto da: dexter

            la sicurezza sui telefonini non è stata mai

            curata da nessun produttore,

            Tranne Apple.


            e sotto nessuna

            piattaforma:

            Tranne iOS.


            sono tutti

            colabrodo

            Tranne Apple iOS.BOOM E' arrivata la ruppolata
          • Nickless scrive:
            Re: re:
            - Scritto da: ruppolo
            - Scritto da: dexter

            la sicurezza sui telefonini non è stata mai

            curata da nessun produttore,

            Tranne Apple.Falsa la premessa e la risposta: è vero semmai che i vendor hanno a lungo curato poco la sicurezza e adesso che i telefoni diventano sempre più simili ai pc cominciano a farlo, Apple, Goggle e un po' tutti, con risultati diversi.
        • ruppolo scrive:
          Re: re:
          - Scritto da: Shrike
          Il fatto che sia open source è solo un vantaggio
          da questo punto di vista... Peccato che sia open source solo per i produttori.
          e lo è sempre stato
          (vedi storia dei
          browser).

          Se prima l'unico problema era fra la tastiera e
          la sedia ora con gli smartphone l'unica
          differenza è che non c'è più la
          sedia...Allora togliamo l'ABS, visto che il problema è tra il volante e il sedile.
          • james scrive:
            Re: re:
            - Scritto da: ruppolo
            - Scritto da: Shrike

            Il fatto che sia open source è solo un
            vantaggio

            da questo punto di vista...

            Peccato che sia open source solo per i produttori.
            Ancora con questa storia?Secondo me non hai ancora capito cosa voglia dire open source.
          • Joe Tornado scrive:
            Re: re:

            Allora togliamo l'ABS, visto che il problema è
            tra il volante e il
            sedile.Contro la cazzutaggine di alcuni automobilisti, non c'è ABS che tenga ...
          • tucumcari scrive:
            Re: re:
            - Scritto da: Joe Tornado

            Allora togliamo l'ABS, visto che il problema
            è

            tra il volante e il

            sedile.

            Contro la cazzutaggine di alcuni automobilisti,
            non c'è ABS che tenga
            ...Per quelli come ruppolo possiamo sperare nel "crash test"....Chissà magari con la botta diventa normale?
          • Findi scrive:
            Re: re:
            Secondo te, uno che posta quasi trentamila commenti su pi, può tornare normale?...ammesso che lo sia mai stato?;-)
          • tucumcari scrive:
            Re: re:
            - Scritto da: Findi
            Secondo te, uno che posta quasi trentamila
            commenti su pi, può tornare
            normale?

            ...ammesso che lo sia mai stato?

            ;-)Ogni tanto ho delle "botte" di ingiustificato ottimismo.
          • sbrotfl scrive:
            Re: re:
            - Scritto da: ruppolo
            - Scritto da: Shrike

            Il fatto che sia open source è solo un
            vantaggio

            da questo punto di vista...

            Peccato che sia open source solo per i produttori.Basta ruppolo... ormai sta frase non genera più flame... ti conviene cambiare argomento!

            e lo è sempre stato

            (vedi storia dei

            browser).



            Se prima l'unico problema era fra la
            tastiera
            e

            la sedia ora con gli smartphone l'unica

            differenza è che non c'è più la

            sedia...

            Allora togliamo l'ABS, visto che il problema è
            tra il volante e il
            sedile.Mi sembra una buona idea!
    • ruppolo scrive:
      Re: re:
      - Scritto da: Daniele
      Sicuramente l'open source porta ad un rischio
      maggiore di trovare falle , ma anche ad una più
      rapida correzzione di queste.Ironico scrivere "correzzione"...Comunque la rapidità delle correzioni è vanificata dalla lentezza con cui i produttori rilasciano gli aggiornamenti.
      Senza contare che
      molte vengono risolte ancor prima di essere
      trovate da chi vuole
      sfruttarle.Senza contare che molti terminali non vengono né verranno mai aggiornati.
      • tucumcari scrive:
        Re: re:
        - Scritto da: ruppolo
        - Scritto da: Daniele

        Sicuramente l'open source porta ad un rischio

        maggiore di trovare falle , ma anche ad una
        più

        rapida correzzione di queste.

        Ironico scrivere "correzzione"...

        Comunque la rapidità delle correzioni è
        vanificata dalla lentezza con cui i produttori
        rilasciano gli
        aggiornamenti.


        Senza contare che

        molte vengono risolte ancor prima di essere

        trovate da chi vuole

        sfruttarle.

        Senza contare che molti terminali non vengono né
        verranno mai
        aggiornati.(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)Si parla di APPLICAZIONI sveglia!è proprio vero che l'ignoranza è come la m... viene sempre a galla!(rotfl)(rotfl)
        • Bentelan scrive:
          Re: re:
          - Scritto da: tucumcari
          è proprio vero che l'ignoranza è come la m...
          viene sempre a
          galla!
          (rotfl)(rotfl)Infatti, è per quello che galleggi.
          • tucumcari scrive:
            Re: re:
            - Scritto da: Bentelan
            - Scritto da: tucumcari

            è proprio vero che l'ignoranza è come la m...

            viene sempre a

            galla!

            (rotfl)(rotfl)

            Infatti, è per quello che galleggi.http://www.bimbominkia.it/blog/wp-content/uploads/2008/04/il-vero-peter-griffin.jpg.pagespeed.ce.eLlE1Zg2q3.jpg
    • FDG scrive:
      Re: re:
      - Scritto da: Daniele
      Sicuramente l'open source porta ad un rischio
      maggiore di trovare falle , ma anche ad una più
      rapida correzzione di queste. Senza contare che
      molte vengono risolte ancor prima di essere
      trovate da chi vuole sfruttarle.Versetto 13, canto 7 del primo tomo della Bibbia dell'Open Source?In questo contesto bisogna considerare che la maggior parte dei dispositivi vengono aggiornati a babbo morto. I pochi utenti capaci di mettersi la propria versione di Android e di aggiornarsela fanno bene, ma temo statisticamente che siano irrilevanti.Una ragione in più per XXXXXXXrsi con i produttori dei suddetti device che se la prendono comoda e con Google che potrebbe stabilire politiche più restrittive per l'aggiornamento.
      • tucumcari scrive:
        Re: re:
        - Scritto da: FDG
        - Scritto da: Daniele


        Sicuramente l'open source porta ad un rischio

        maggiore di trovare falle , ma anche ad una
        più

        rapida correzzione di queste. Senza contare
        che

        molte vengono risolte ancor prima di essere

        trovate da chi vuole sfruttarle.

        Versetto 13, canto 7 del primo tomo della Bibbia
        dell'Open
        Source?

        In questo contesto bisogna considerare che la
        maggior parte dei dispositivi vengono aggiornati
        a babbo morto. I pochi utenti capaci di mettersi
        la propria versione di Android e di aggiornarsela
        fanno bene, ma temo statisticamente che siano
        irrilevanti.

        Una ragione in più per XXXXXXXrsi con i
        produttori dei suddetti device che se la prendono
        comoda e con Google che potrebbe stabilire
        politiche più restrittive per
        l'aggiornamento.Ma tu hai letto ?Aggiornamento va bene... ma si parla delle apps!Si parla di Apps e i produttori non hanno nulla a che vedere con le apps!
        • FDG scrive:
          Re: re:
          - Scritto da: tucumcari
          Aggiornamento va bene... ma si parla delle apps!
          Si parla di Apps e i produttori non hanno nulla a
          che vedere con le apps!Si, l'articolo l'ho letto. Ma il commento a cui ho risposto parlava di sicurezza dell'Open Source per via degli aggiornamenti più rapidi.
Chiudi i commenti