Telecom Italia si ristruttura

Annuncio


Roma – Telecom Italia ha annunciato il varo di una nuova struttura organizzativa per l’azienda, definita “One Company Model”, e giustificata dall’esigenza – si legge in una nota – di “gestire l’integrazione delle piattaforme fisse e mobili”.

L’incumbent ha spiegato che nella nuova struttura Riccardo Ruggiero e Carlo Buora sono amministratori delegati e al primo rimangono le responsabilità di gestione e sviluppo del business, al secondo le attività di indirizzo e controllo mentre Marco De Benedetti lascia gli incarichi operativi e assume il ruolo di consulente alle dirette dipendenze del Presidente, Marco Tronchetti Provera.

La nuova struttura organizzativa si lascerà quindi alle spalle la suddivisione di Telecom in “Wireline” e “Mobile”.

“Il Gruppo Telecom Italia – si legge in una nota – ha da tempo individuato nella strategia della convergenza la leva per sviluppare un vantaggio competitivo sostenibile nel lungo termine e confermare gli obiettivi di crescita e di redditività. In forza della gestione unitaria di infrastrutture di rete, sistemi e applicazioni informatiche, il Gruppo realizzerà offerte integrate e recupero di efficienze, mentre l’unione delle eccellenze presenti nel Gruppo e il governo unitario delle politiche di marketing e commerciali consentiranno di ottimizzare la posizione competitiva sui singoli business fisso e mobile. Nel contempo, la razionalizzazione di costi/investimenti costituirà la premessa di un maggiore impegno nelle attività di Ricerca e Sviluppo e di innovazione, mettendo a disposizione del Paese tutte le potenzialità legate alle nuove tecnologie”.

Il CdA di Telecom ha quindi accelerato i programmi già enunciato a dicembre – continua la nota – “approvando un modello di business totalmente integrato, nel convincimento di poter così assicurare, nel rispetto della regolamentazione vigente, il miglior servizio al cliente”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    DE CHE' ??????
    MA DE CHE' ???IBM ormai non ha piu' PCda vendere, e i suoi server non servono piu' a nessuno....e che pensano di fare? vendere servizi di consulenza ?MADDECHE' ... AAAHHHOOOO... MADDDAI.... MA PER FAVORE.. NON FATEMI RIDERE..TRA 10 ANNI LA IBM NON ESISTERA' PIU'...
    • Anonimo scrive:
      Re: DE CHE' ??????
      ho i miei dubbi. certo la crisi potrebbe portare a fallire ANCHE IBM ma credimi che sara' tra le ultime
Chiudi i commenti