TIM, rimodulazioni sulla navigazione in roaming

L'operatore rivede alcune tariffe sui servizi che consentono la navigazione dall'estero

Roma – È partita questa settimana, per iniziativa di TIM , una revisione – o rimodulazione, per usare un termine ormai chiaro agli utenti – delle tariffe dei servizi di navigazione all’estero. La variazione tariffaria si applica sia a chi naviga dal telefonino, sia chi accede a Internet dal PC attraverso la SIM.

I costi del servizio vengono unificati per tutti i tipi di navigazione, indipendentemente dal loro utilizzo: in pratica, non ci saranno differenze tariffarie tra le varie possibilità di navigazione, da PC (tramite APN iBox ibox.tim.it o Internet uni.tim.it), da telefonino (tramite APN wap.tim.it), da Blackberry (APN blackberry.net) o altri APN.

Queste le nuove tariffe, che avranno unicamente distinzione geografica (la tabella delle zone è consultabile a questo indirizzo , mentre in questa pagina sono elencati i Paesi a cui corrispondono le tariffe Europa):
– Europa e Zona 1: 0,8 centesimi di euro a KB;
– Zona 2: 1,8 centesimi a KB;
– Zona 3 e Zona 4: 3,6 centesimi a KB.

TIM sottolinea che la tariffazione (che è IVA inclusa) avviene a scatti anticipati di 10KB. Ai clienti Prepagati TIM tutti i costi del traffico dati in roaming saranno scalati direttamente sul credito residuo, anche in caso sia attivo l’addebito dei costi delle chiamate in Roaming su carta di credito.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti