Trimestre Microsoft, guadagni ancora ottimi

Dopo Google e Intel, anche i conti di Microsoft superano le aspettative. L'ICT è immune alla crisi?

Roma – Microsoft ha rilasciato i risultati finanziari per il trimestre che si è chiuso lo scorso 30 settembre: continua la scia positiva che nel periodo precedente aveva fatto segnare a Redmond fatturato e introiti record.

Il periodo precedente aveva significato per BigM 17,37 miliardi di dollari di fatturato e introiti operativi pari a 5,87 miliardi di dollari. Ora, con quello che Big M considera il primo quadrimestre del 2012, conferma 17,37 miliardi di fatturato (una crescita del 7 per cento rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso e superiore ai 17,26 miliardi attesi dagli analisti) e 5,74 miliardi di introiti netti (un 6 per cento in più rispetto all’anno passato). Nonostante questo gli analisti non sono rimasti entusiasti delle performance.

A trainare Redmond è ancora Office che vale per 5,62 miliardi degli introiti , contro i 4,87 di di Windows: i pacchetti da ufficio vedono infatti i profitti crescere del 5,7 per cento fino a 3,7 miliardi di dollari.

Il settore Windows, al contrario, registra profitti in calo in particolare – dicono i vertici – per le conseguenze della pirateria. Tuttavia secondo gli osservatori è anche un segno di trend di mercato: Microsoft è passata dall’incassare quasi 50 dollari a PC nello stesso periodo dello scorso anno a circa 37 dollari oggi (anche se erano ancora meno, 32 dollari, lo scorso trimestre).

In crescita anche la divisione Entertainment&Devices che vede i profitti crescere del 9,4 per cento fino a 1,96 miliardi di dollari. Debole, invece, resta la divisione dei servizi Online: nonostante il fatturato sia cresciuto del 18,6 per cento fino a 625 milioni, Bing e compagnia rimangono in perdita di 494 milioni di dollari .

Notizie arrivano infine sul fronte Skype: Microsoft sembra infatti aver confermato che integrerà il servizio VoIP nella sua tecnologia Lync, in Live Messenger e nel circuito Xbox Live.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Sandro kensan scrive:
    La commissione a favore di Internet?
    Mi pare strano che la commissione lavori per fare qualche cosa di positivo per la Rete e poi mi pare strano che il parlamento non abbia sopravanzato la commissione per la net neutrality.Dov'è il trucco? Cosa intende la commissione per neutralità della Rete? Cosa ha intenzione di metterci dentro facendola passare come direttiva per la neutralità?
    • prova123 scrive:
      Re: La commissione a favore di Internet?
      Quoto totalmente. Affinchè la rete resti veramente neutrale è non fare nulla. A meno che non si tratti di imporre ai provider come Vodafone di sbloccare il P2P, l'acXXXXX ad alcuni siti di hosting, in quanto ad altri ne permette l'acXXXXX. (domanda: che cosa avrà da guadagnarci a dirigire i suoi utenti verso alcuni siti di hosting in particolare?) per provare quello che ho detto è sufficiente utilizzare una qualsiasi internet key. Se la neutralità significa proibire in forma scritta questi comportamenti, allora sono d'accordo!
      • prova123 scrive:
        Re: La commissione a favore di Internet?
        Comunque se c'è un "addetto ai lavori" che si trova a leggere questo thread, chiedo di fare la prova di utilizzo della internet key VODAFONE con MEGAUPLOAD (max 5-6 Kb/s con banda 200 Kb/s in download) e FILESERVE (200 Kb/s con banda 200 kb/b in download). Che vantaggio ne trae Vodafone? Si può considerare istigazione alla pirateria? Mi sono preso la briga di chiederlo ai supporti tecnici e call center Vodafone, ma o non hanno risposto o hanno menato il can per l'aia ... alla faccia della neutralità della rete. Spero che se ci sarà una legge Europea si inizierà ad uscire da questi comportamenti quantomeno ambigui. Io ho fatto l'esempio Vodafone, perchè facilmente verificabile ma non è l'unica ... soprattutto per il P2P che come i siti di hosting non significano pirateria. Professionisti ICT utilizzano i siti di hosting per la comodità di non doversi portare con sè CD/DVD/HD di documentazione, manuali e drivers. Risultato con chiavette internet "bloccate" in questo modo, non è possibile farlo. E poi si parla di diffondere l'utilizzo dell'ADSL ... questa è l'Italia.
        • prova123 scrive:
          Re: La commissione a favore di Internet?
          Con questa logica da domani chiudiamo le autostrade e blocchiamo tutte le comunicazioni telefoniche perchè le usano i ladri ...
        • Guybrush scrive:
          Re: La commissione a favore di Internet?
          - Scritto da: prova123
          Comunque se c'è un "addetto ai lavori" che si
          trova a leggere questo thread, chiedo di fare la
          prova di utilizzo della internet key VODAFONE con
          MEGAUPLOAD (max 5-6 Kb/s con banda 200 Kb/s in
          download) e FILESERVE (200 Kb/s con banda 200
          kb/b in download). Che vantaggio ne trae
          Vodafone? Si può considerare istigazione alla
          pirateria? Mi sono preso la briga di chiederlo
          ai supporti tecnici e call center Vodafone, ma o
          non hanno risposto o hanno menato il can per
          l'aia ... alla faccia della neutralità della
          rete. Spero che se ci sarà una legge Europea si
          inizierà ad uscire da questi comportamenti
          quantomeno ambigui. Io ho fatto l'esempio
          Vodafone, perchè facilmente verificabile ma non è
          l'unica ... soprattutto per il P2P che come i
          siti di hosting non significano pirateria.
          Professionisti ICT utilizzano i siti di hosting
          per la comodità di non doversi portare con sè
          CD/DVD/HD di documentazione, manuali e drivers.
          Risultato con chiavette internet "bloccate" in
          questo modo, non è possibile farlo. E poi si
          parla di diffondere l'utilizzo dell'ADSL ...
          questa è
          l'Italia.Sei certo che il "cap" sia dovuto al provider e non al server?Scusa la domanda "a bruciapelo", ma mi occorre sapere come hai effettuato i test.CiaoGT
          • prova123 scrive:
            Re: La commissione a favore di Internet?
            Prima uso la chiavetta Vodafone: risultato 5 Kb/s.Poi uso la chiavetta 3: banda disponibile normale.Poi uso nuovamente la chiavetta Vodafone: risultato 5 Kb/s.Questo l'ho fatto in giorni diversi con lo stesso risultato.
          • prova123 scrive:
            Re: La commissione a favore di Internet?
            Inoltre dallo stesso identico computer nella stessa identica posizione. La chiavetta internet Vodafone quando ha il cap ad esempio su megaupload, permette invece l'acXXXXX ad altri siti di hosting a banda piena.
Chiudi i commenti