Tutto come previsto, Capellas a WorldCom

La definisce "una sfida"


Roma – Come previsto già nei giorni scorsi, WorldCom ha nominato ufficialmente Micheal Capellas – CEO di Compaq prima della fusione con HP da cui si è dimesso nei giorni scorsi – a nuovo Chief Executive Officer del travagliato colosso TLC.

Se Capellas riuscirà a rimettere WorldCom sui binari, dopo gli scandali finanziari che hanno sconvolto la vita dell’azienda, i nuovi “padroni” del gigante americano saranno i suoi attuali creditori, che Capellas conosce bene e che ha definito “persone ragionevoli con cui condivido un comune obiettivo”.

“Credo – ha affermato Capellas dopo la nomina a CEo di WorldCom – che si tratta di una opportunità unica e favolosa… Tutti vogliono poter fare la differenze, dare un contributo”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    RFC 821
    Non è tanto difficile camuffare gli indirizzi email. In proposito dai un occhiata alla RFC821 che descrive il funzionamento di un server SMTPurl: ftp://ftp.nic.it/rfc/rfc821.txtSe vuoi una dimostrazione segui questo esempio (SERVERSMTP è il server SMTP del tuo provider) telnet SERVERSMTP 25220 BANNER SERVERSMTP helo pippo250 SERVERSMTPmail from: 250 Okrcpt to: 250 Okdata354 End data with . From: email_falsa@mittenteTo: email_falsa@destinatarioprova invio email.250 Ok: queued as ....quit221 Byele righe che iniziano con i numeri sono le risposte del server.Quando ricevi l'email vedi cosa contengono i campi from e to.Spero di essere stato chiarociao
  • Anonimo scrive:
    E' solo un trucco
    Credo che sia un semplice trucco che usano per scavalcare i filtri di spamming e allo stesso incuriosire per fare aprire le email a chi le riceve, praticamente il programma che usano mette come sender l'email a chi è inviata, e questo a tutti quelli che ricevono l'email spammatoria
  • Anonimo scrive:
    a me arrivano le risposte di FAILURE
    hpo la casella piena di messaggi di rispossta di fallimando a delle mail contenenti un virus che non ho mai mandato;, oppure mi arrivano mail di sistemi antivirus che mi avvertono che ho unviato mail con virus a indirizzi sconosciuti da me.PS non uso outlook ma la webmail di Interfree.qualcuno mi spieghi!
    • Anonimo scrive:
      Re: a me arrivano le risposte di FAILURE
      - Scritto da: glu@aruba.it
      hpo la casella piena di messaggi di
      rispossta di fallimando a delle mail
      contenenti un virus che non ho mai mandato;,
      oppure mi arrivano mail di sistemi antivirus
      che mi avvertono che ho unviato mail con
      virus a indirizzi sconosciuti da me.Beh, tanto per mettersi dalla parte della ragione una controllatina con un antivirus io la darei...Anche se penso che il problema sia un altro..
      PS non uso outlook ma la webmail di
      Interfree.Ecco..appunto, ad usare outlock e a dover fare la scansione antivirus è qualche tuo amico che ha in rubrica il tuo indirizzo email....Il virus prende gli indirizzi nella rubrica e gli utilizza non solo per il destinatario, ma anche per il mittente...
  • Anonimo scrive:
    Non e' il sistema che e' fatto male ...
    ... ma e' come lo si usa che e' sbagliato.Quelli che credono all'indirizzo mittente, sono gli stessi che - quando ricevono il bollettino di pagamento dell'abbonamento a "Il Fisco", credono che sia una tassa da pagare.Ricordiamoci che la posta elettronica e' stata modellata seguendo l'idea della posta tradizionale (casella postale = mailbox, ufficio postale = mail server), e che anche la posta tradizionale non verifica l'identita' del mittente ...
  • Anonimo scrive:
    Basta usare SMTP AUTH
    Se tutti i server di posta usassero SMTP AUTH ciò non sarebbe possibile!Tutti dovrebbero usare come smtp il server dell'account stesso e non sarebbe possibile ricevere né spedire senza inserire la pw prima.Questo eviterebbe anche di dover usare, in certi casi, l'smtp del provider usato x il collegamento anche quando l'account di posta è diverso.Così tutti si autenticano e il server non inoltra posta da clienti apparentemente suoi ma che non si sono in realtà collegati, come in questo caso... (attenzione è cosa diversa dal relay).Gabriele
    • Anonimo scrive:
      Re: Basta usare SMTP AUTH
      - Scritto da: Gabriele
      Se tutti i server di posta usassero SMTP
      AUTH ciò non sarebbe possibile!Falso. Si puo' ragionevolamente richiedere l'autenticazione solo sui relay.
      • Anonimo scrive:
        Re: Basta usare SMTP AUTH
        - Scritto da: rdce
        - Scritto da: Gabriele

        Se tutti i server di posta usassero SMTP

        AUTH ciò non sarebbe possibile!

        Falso. Si puo' ragionevolamente richiedere
        l'autenticazione solo sui relay.s/ragionevolamente/ragionevolmente/Tipica dislessia da venerdi' sera.
  • Anonimo scrive:
    Questo dimostra un'altra volta
    che razza di me__e umane gli spammer siano(non che ce ne fosse bisogno)
  • Anonimo scrive:
    E' fatto male il sistema
    Il mittente che ti arriva da un messaggio e-mail, non funzione come il mittente del numero di telefonino che ti ha mandato un sms. Tu, nel tuo account di posta elettronica, puoi inserire qualsiasi indirizzo e-mail come mittente. A me per esempio, arrivano risposte a messagi che io avrei mandato, solo perchè qualche deficiente ha inserito il mio indirizzo di posta come account invece che il suo e dai messagi che ricevo è chiaro che l'ha fatto sbadatamente. Non devi comunque preoccuparti, perchè quello che conta è l'indirizzo IP.
    • Anonimo scrive:
      Re: E' fatto male il sistema
      Ok, ne sono coscente, ma il punto è: quanti lo sanno e quali le conseguenze di questa pratica.Quanti controlleranno, se sono in grado di farlo (http://www.spampunisher.com),l'ip di provenienza non fidandosi del campo "mittente" Grazie 1K per la tua risposta.
      • Anonimo scrive:
        Re: E' fatto male il sistema
        Se qualsiasi persona può mandare una e-mail con QUALSIASI mittente, è logico che a livello legale non vale l'indirizzo e-mail come mittente ma l'indirizzo IP (in realtà anche questo ha poco senso, perchè un buon programmatore che conosce il linguaggio Perl, può cambiare a suo piacimento anche quello...).Comunque dall'indirizzo IP si può poi risalire al numero telefonico, quindi se uno ti ha rubato la password, hai un'ulteriore possibilità di dimostrare la tua innocenza. Superfluo dire che il sistema è fatto male, l'hanno capito tutti. Se sei in buona fede, stai tranquillo.
        • Anonimo scrive:
          Re: E' fatto male il sistema
          - Scritto da: Ad
          Se qualsiasi persona può mandare una e-mail
          con QUALSIASI mittente, è logico che a
          livello legale non vale l'indirizzo e-mail
          come mittente ma l'indirizzo IP (in realtà
          anche questo ha poco senso, perchè un buon
          programmatore che conosce il linguaggio
          Perl, può cambiare a suo piacimento anche
          quello...).FALSO. L'indirizzo IP si puo' cambiare soltanto se hai a disposizione un server SMTP anonimo o adeguatamente bucato.
      • Anonimo scrive:
        Re: E' fatto male il sistema
        - Scritto da: Maz
        Ok, ne sono coscente, ma il punto è: quanti
        lo sanno e quali le conseguenze di questa
        pratica.

        Quanti controlleranno, se sono in grado di
        farlo (http://www.spampunisher.com),l'ip di
        provenienza non fidandosi del campo
        "mittente"
        Be' certo, se la gente non sa usare lo strumento di posta elettronica, non e' neanche in grado di controllare come stanno le cose.Per INVIARE un messaggio ad un utente che possiede un indirizzo di posta non e' neppure necessario averne uno. Il server SMTP che viene usato per spedire messaggi non vuole sapere chi e' il mittente, ma solo il destinatario. Il mittente (From) e' un campo facoltativo e neppure certificato, ognuno puo' scriverci quello che vuole. Chiunque puo' inviare una mail ad un altro facendo comparire nel campo From qualcosa del tipo bill.gates@microsoft.comI client di posta che girano sul pc lo consentono sicuramente. Quelli web-based forse no.Il problema e' che alla base di tutto c'e' molta gente che usa il computer senza sapere tante cose e magari ha delle convinzioni sue che sono del tutto errate. Informarsi e documentarsi e' sicuramente il sistema migliore per limitare questi ed altri problemi.
        Grazie 1K per la tua risposta.
        • Anonimo scrive:
          Re: E' fatto male il sistema
          Se magari iniziassimo a usare PGPfirmando i messaggi .... forsevarrebbe la pena di pensarci.Just my 2 cent.
          • Anonimo scrive:
            Re: E' fatto male il sistema

            Se magari iniziassimo a usare PGPParole sante, poi è pure gratis e si integra con Outlook....
  • Anonimo scrive:
    Ottimo sw antispam
    Io lo uso, e mi ha filtrato oltre il 90% delle mail: si chiama Spam Terminator, è in italiano e gratuito.www.sertel.net/terminatorVedrete che ne rimarrete soddisfatti (io nella casella di yahoo ricevo dalle 30 alle 50 mail di spam ogni giorno, tutte filtrate da spam terminator).pieggi
  • Anonimo scrive:
    Re: Succede anche a me
    Puoi usare un metodo meno drastico: cambi solo l'indirizzo e-mail (non usi più mclink ma che ne so, yahoo,virgilio, o tanti altri gratuiti):-)pieggi
  • Anonimo scrive:
    Re: Succede anche a me

    La situazione nel mio caso è giunta a
    livelli non tollerabili, in quanto sono
    destinatario di circa 10 messaggi
    indesiderati al giorno10 messaggi al giorno?????Accidenti che quantità enorme, ma ilt uo PC si è fuso o è ancora un blocco solido?...............Ma perchè devi scrivere ste boiate?
  • Anonimo scrive:
    Per i nosti siti web....
    Rendiamo la vita difficile ai "signori" come quello di prima...http://www.nathanlindstrom.com/spam-x/index.html
  • Anonimo scrive:
    E allora?
    Ma basta con questa storia, lo spam non ha mai fatto male a nessuno e permette di far girare l'economia
    • Anonimo scrive:
      Re: E allora?
      - Scritto da: Economist
      Ma basta con questa storia, lo spam non ha
      mai fatto male a nessuno e permette di far
      girare l'economiaFa girare le palle.Compresa quella che lo spam finanzia internet. Un palla grossa come una casa ma utile per giustificare una pratica odiosa ed illecita.Quando ti capiterà di non ricevere messaggi importanti a causa della casella di posta intasata dallo spam allora ci ripenserai. Già..probabilmente tu lo spam non lo ricevi... lo fai...
      • Anonimo scrive:
        Re: E allora? [DIMENTICAVO...]
        - Scritto da: TeX


        - Scritto da: Economist

        Ma basta con questa storia, lo spam non ha

        mai fatto male a nessuno e permette di far

        girare l'economia

        Fa girare le palle.

        Compresa quella che lo spam finanzia
        internet.
        Un palla grossa come una casa ma utile per
        giustificare una pratica odiosa ed illecita.

        Quando ti capiterà di non ricevere messaggi
        importanti a causa della casella di posta
        intasata dallo spam allora ci ripenserai.

        Già..probabilmente tu lo spam non lo
        ricevi... lo fai...Perchè poi voi spammatori vi nascondete dietro mittenti fasulli ? Perchè se ritenete la pratica giusta allora non postate con i campi mittente che riportano la vostra casella email ?Perchè vi nascondete dietro l'anonimato ?
    • Anonimo scrive:
      Re: E allora?
      Innanzitutto mi chiedo che razza di economia conosci tu.Forse confondi la pubblicita' legittima ed autorizzata con lo spam.Comunque lo spam ha fatto male eccome e continua a farne a migliaia di utenti in tutto il mondo che ogni giorno cambiano mail ridovendo comunicare ad amici, parenti e contatti di lavoro che cambiano mail perche' la vecchia e' inutilizzata.Fanno male ai provider che continuano a mandare cagate a destra ed a manca per migliaia di volte ingolfando la rete e rallentando le vere mail e la navigazione dei suoi iscritti (la banda non e' infinita).Fanno male perche' riempiono le caselle di posta e non permettono + di ricevere mail 'reali' e magari attese.Fanno male perche' costringono un sacco di utenti a scaricare per poi cancellare scemenze, allungando i tempi di connessione e quindi i costi telefonici e ingolfando la rete.E secondo te il mercato internet gira ed ha successo per questo ? Secondo me invece questa sara' LA MORTE di internet.Ciao ora vado a collegarmi alla mia casella di posta dove gia' so di trovare almeno 40 mail sgradite...
    • Anonimo scrive:
      Re: E allora?
      - Scritto da: Economist
      Ma basta con questa storia, lo spam non ha
      mai fatto male a nessuno e permette di far
      girare l'economiaBene, allora facciamo "girare" l'economia:la mia tariffa per leggere e/o ricevere i vostri messaggi informativi é di 10.000 Euro/Messaggio. Da pagare anticipati.Aspetto il bonifico.Bye
    • Anonimo scrive:
      Re: E allora?
      Mi rammarico che venga danneggiata "l'immagine di affidabilità" e fruibilità di un sistema che ha rivoluzionato il modo di comunicare tra privati e, soprattutto, tra le aziende.So benissimo che affidabile non lo è mai stato, ma quasi nessuno se ne era accorto.Non ci vuole grande scienza a buttare un sasso da un cavalcavia dell'autostrada, a sbullonare la rotaia di una linea ferroviaria, se studi puoi imparare a pilotare un aereo di linea e a schiantarlo contro un grattacielo. Se economicamente ne hai un ritorno puoi farlo.... o no!!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: E allora?
      - Scritto da: Economist
      Ma basta con questa storia, lo spam non ha
      mai fatto male a nessuno e permette di far
      girare l'economiaScusa, quanto hai detto che ci guadagni per ogni mail che invii?
    • Anonimo scrive:
      Re: E allora? [Troll Detected]
      Come da oggetto.
  • Anonimo scrive:
    succede anche a me...
    eh già... la prima volta sono rimasto un po' interdetto ma poi analizzando l'e-mail mi sono tranquillizzato...è bello ricevere 80 mail al giorno di cui 40 inviate da me stesso... :D
  • Anonimo scrive:
    sai che deve essere davvero difficile

    Mi chiedo come sia possibile poter "ingannare"
    un e-mail per far si che il mittente indicato
    corrisponda al destinatario o, peggio, che il
    mittente non corrisponda al "vero" mittente ma
    ad un altro indirizzo gia', sai che deve essere davvero difficile?roba davvero da HaB (Hacker a Bestia)ma va.... vaaaaa
    • Anonimo scrive:
      Re: sai che deve essere davvero difficile
      Incredibile l'ignoranza in rete....Basta telnettarsi a una porta 25 e tutto diventa chiaro.....O usare programmini come directmail.execiauz
      • Anonimo scrive:
        Re: sai che deve essere davvero difficile
        Macchè... in outciok express basta che nelle opzioni dell'account metti un indirizzo e-mail falso come mittente... il 90% della gente che proverà a risponderti si vedrà la mail tornare indietro. Semplice no?pieggi
      • Anonimo scrive:
        Re: sai che deve essere davvero difficile
        - Scritto da: exos
        Incredibile l'ignoranza in rete....
        Basta telnettarsi a una porta 25 e tutto
        diventa chiaro.....
        O usare programmini come directmail.exeDella serie: come si fa a fare il caffe?1) volo in sudamerica e mi procuro un po' di piantine, quindi le lavoro per bene.2) porto a una fonderia lo stampo di una caffettiera e così me ne procuro una3) do fuoco allo sterco delle mucche del vicine e ci faccio bollire sopra il caffe!
        • Anonimo scrive:
          Re: sai che deve essere davvero difficile
          - Scritto da: bruco
          - Scritto da: exos

          Incredibile l'ignoranza in rete....

          Basta telnettarsi a una porta 25 e tutto

          diventa chiaro.....

          O usare programmini come directmail.exe

          Della serie: come si fa a fare il caffe?
          1) volo in sudamerica e mi procuro un po' di
          piantine, quindi le lavoro per bene.
          2) porto a una fonderia lo stampo di una
          caffettiera e così me ne procuro una
          3) do fuoco allo sterco delle mucche del
          vicine e ci faccio bollire sopra il caffe!Beh, se ti devi fare un caffè ti conviene comprare un pacchetto al supermercato. Ma se gestisci una catena di autogrill, che di caffè ne fanno centinaia al giorno, forse conviene che ti fai spedire il caffè in grani direttamente dal Brasile.Ecco, per lo spam vale lo stesso discorso...Infine per quanto riguarda lo sterco di mucca non è necessario andare dal vicino. Grazie agli spammer ce lo troviamo direttamente nella casella di posta elettronica....
    • Anonimo scrive:
      Re: sai che deve essere davvero difficile
      Non volevo un corso sul "come si fa".Conosco abbastanza il mondo informatico da intuire il metodo messo in azione da questi "spammatori" maledetti per creare le e-mail del tipo da me denunciata.So anche analizzare l'email per leggere l'header del messaggio (mammachebravooo) e anche "qualcosina" in più, ma la mia preoccupazione non è quella di dimostrare le mie capacità informatiche.Ho voluto interpretare le lamentele dei miei utenti tipo e sono preoccupato e mi rammarico che venga danneggiata l'immagine di "affidabilità" di un sistema di comunicazione che ha rivoluzionato il modo di comunicare tra privati e, soprattutto, tra aziende e nel mondo del lavoro.Ha iniziato il worm klez a fare danno (e chi gestisce un sistema informatico sa cosa intendo per danno) adesso se ci si mettono anche questi "pubblicitari" spara e-mail.... travestiti da hakers.Non ci vuole grande scienza a buttare un sasso da un cavalcavia dell'autostrada, a sbullonare la rotaia di una linea ferroviaria, se studi puoi imparare a pilotare un aereo e a schiantarlo contro un grattacielo. Se tecnicamente ne hai un ritorno nel rendere insicuri questi mezzi di trasporto puoi farlo.... o no!!!!
  • Anonimo scrive:
    Barrichiamoci!
    Barrichiamoci con SpamKiller mettendo come default "Kill after error". Alla fine cominceranno a diminuire gli spam.Per lo meno non li scaricheremo tutti...
  • Anonimo scrive:
    Come promuovere servizi a pagamento?
    Sono pronti i servizi antispam e antivirus a pagamento. Quale migliore modo per renderli appetibili???Sgrunt
  • Anonimo scrive:
    Ignoranza
    E' semplice, tu con il tuo indirizzo eMail puoi inviare msg con qualsiasi indirizzo come mittente.Non serve alcuna password x inviare eMail con un mittente qualsiasi.Ciao
    • Anonimo scrive:
      Re: Ignoranza
      Dimenticavo,x provare la veridicita' del mittente bisogna utilizzare qualche metodo di crittografia dei messaggi, come PGP.
      • Anonimo scrive:
        Re: Ignoranza
        Yesaino!Conosco abbastanza il mondo informatico da intuire il metodo e le possibilità messe in azione da questi "spammatori" maledetti per creare le e-mail del tipo da me denunciata.So anche analizzare l'email per leggere l'header del messaggio (mammachebravooo), ma la mia preoccupazione non è quella di dover cancellare i messaggi ogni giorno o rischiare di vedere in foto qualche signorina discinta a gambelarghe.Sono preoccupato e mi rammarico che venga danneggiata "l'immagine di affidabilità" di un sistema che ha rivoluzionato il modo di comunicare tra privati e, soprattutto, tra aziende. So benissimo che affidabile non lo è mai stato, ma quasi nessuno se ne era accorto.
Chiudi i commenti