UE divisa sullo scorporo Telecom

La proposta regolatoria del Commissario Reding, che è per la separazione funzionale, trova l'opposizione dell'Antitrust europeo. Il parere di AIIP

Roma – Che Telecom Italia sia pronta o meno alla separazione della rete , è una questione controversa anche a livello di Unione Europea. Nel direttivo si sono infatti formati due schieramenti: la proposta di scorporo formulata da Viviane Reding, commissario per la società dell’informazione e i media, trova l’opposizione del vicepresidente e commissario all’industria Gunter Verheugen e del commissario Antitrust Neelie Kroes.

Reding va comunque avanti per la sua strada: “La data di presentazione delle nuove norme – riferisce un portavoce – resta quella del 13 novembre. E in Commissione, come noto, basta la maggioranza”. Le ragioni degli oppositori sono le medesime già espresse dagli incumbent europei: una revisione delle norme finalizzata alla separazione sarebbe foriera di maggiore burocrazia e minore predisposizione ad investire. “La Commissione appoggia la separazione funzionale e non ha motivo di criticare il piano italiano che si muove in quella direzione” ha aggiunto il portavoce specificando che il commissario Reding ha in programma di vedere, il 16 ottobre, il presidente dell’ Authority TLC Italiana Corrado Calabrò.

AIIP manifesta la sua sorpresa in seguito alla spaccatura e alle motivazioni espresse da Neelie Kroes, ritenendo necessaria la separazione strutturale, e accoglie la proposta del commissario Reding – la separazione funzionale – come un primo indispensabile passo avanti verso un corretto quadro competitivo.: “La separazione della rete – spiega AIIP – resta una misura decisamente necessaria – anche se non sufficiente – per impedire agli ex monopolisti di riprendere l’assoluto controllo del mercato delle Telecomunicazioni e di espandere tale controllo anche ai contenuti, e quindi all’informazione e ai servizi”.

“L’esperienza della telefonia mobile – ha dichiarato il Presidente di AIIP, Marco Fiorentino – dimostra chiaramente che dietro al paravento di una concorrenza solo apparente, si nasconde in realtà un oligopolio, in cui solamente quattro operatori possono controllare efficacemente il mercato dei contenuti e quello dei servizi, avvantaggiandosi di extraprofitti vertiginosi che danneggiano la concorrenza sul mercato. Tutto questo si traduce in un grave ritardo per l’innovazione e lo sviluppo tecnologico e quindi in un danno per gli utenti finali. Sarebbe drammatico se, sotto l’eventuale minaccia di un blocco degli investimenti sulle reti di prossima generazione da parte di alcuni ex monopolisti europei, tra cui Deutsche Telekom e Telefonica, la Commissione Europea decidesse di consegnare a pochi operatori il totale controllo delle nuove reti. Il pericolo di un oligopolio come questo è da scongiurare perché annullerebbe la concorrenza sui nuovi servizi e avrebbe riflessi perfino sulla libertà di espressione e di informazione”.

“Non c’è dubbio – conclude Fiorentino – che chi non accetta di investire in presenza di vincoli regolamentari volti ad assicurare il corretto pluralismo dei servizi, la libertà di espressione e di informazione, ammette di fatto di volerne esercitare il controllo. In tal caso, l’unica, estrema, soluzione sarebbe proprio il ritorno allo statalismo, con il monopolio pubblico delle reti di telecomunicazione, perché rimane comunque sempre preferibile ad un monopolio privato”.

Dario Bonacina

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • gOEGMpwnBKO RVQOmCv scrive:
    jhEsuEGKlbkMxD
    http://www.homeofcarolinacirclemall.com/bentyl.htm bentyl pills lqfft http://www.foodieindenial.com/elimite.html elimite pills =-OO http://www.foodieindenial.com/buspar.html generic buspar 466 http://www.foodieindenial.com/flomax.html buy flomax online =-OO
  • L.B. scrive:
    ANCHE GLI ALTRI
    Credete che gli altri servizi email siano esenti da bachi di questo tipo? Almeno Google grossa com'è e con così tanti account i bachi vengono scoperti e risolti in breve. Altri magari non vengono mai alla luce e può esserci anche qualcuno che ti legge la posta da anni.
  • sneop scrive:
    Google ti vende al miglior offerente
    E bravi a Google. Avete letto questa: http://www.tuxjournal.net/?p=1160?
    • Paolino scrive:
      Re: Google ti vende al miglior offerente
      - Scritto da: sneop
      E bravi a Google. Avete letto questa:
      http://www.tuxjournal.net/?p=1160?Dovevi leggerla tu..."L'opzione e' disabilitata di default"Inoltre e' semplice: servizio gratuito -
      pubblicita'non vuoi pubblicita', marketing ecc... -
      paga per i servizi
      • R.M.S. scrive:
        Re: Google ti vende al miglior offerente

        non vuoi pubblicita', marketing ecc... -
        paga
        per i
        serviziBravo, hai capito veramente tutto dalla vita tu.....Se fossero tutti come te non ci sarebbe più niente di gratis su internet.E neanche di libero.
        • WINDOWS DOMINA scrive:
          Re: Google ti vende al miglior offerente
          - Scritto da: R.M.S.

          non vuoi pubblicita', marketing ecc... -
          paga

          per i

          servizi
          Bravo, hai capito veramente tutto dalla vita
          tu.....
          Se fossero tutti come te non ci sarebbe più
          niente di gratis su
          internet.
          E neanche di libero.se fossero tutti come te, i vendotori di saponette e prodotti per l'igene intimo sarabbo tutti falliti.
        • brig. scrive:
          Re: Google ti vende al miglior offerente
          - Scritto da: R.M.S.
          Bravo, hai capito veramente tutto dalla vita
          tu.....
          Se fossero tutti come te non ci sarebbe più
          niente di gratis su
          internet.
          E neanche di libero.Errore....semplicemente esprimeva il concetto che su internet, dalla notte dei tempi sino ad oggi, e' sempre stato quantomeno tangibile il fatto che esistano 2 tipi di servizi:1. Gratuito 2. a Pagamento.da che pro, il servizio, ha comunque un costo per chi lo mette in piedi e lo manutiene, quindi, questo costo, o se lo accolla per la gloria (cosa impensabile), o piu semplicemente lo scarica sui fruitori dello stesso,o con diretto pagamento di licenza per utilizzo, o tramite "re-fund" con visione di banner pubblicitari (solitamente)...
          • R.M.S. scrive:
            Re: Google ti vende al miglior offerente

            semplicemente esprimeva il concetto che su
            internet, dalla notte dei tempi sino ad oggi, e'
            sempre stato quantomeno tangibile il fatto che
            esistano 2 tipi di
            servizi:
            1. Gratuito
            2. a Pagamento.Ti faccio un esempio per farti capire lo scempio (ah aha!)il servizio email di libero.it 5 anni fa funzionava a meraviglia ed era GRATUITO.Potevi scaricare la posta con qualsiasi tipo di conessione, e anche se ne fruivi on-site avevi un discreto servizio.Ora l'area disponibile è si e no UN SESTO dello schermo!Un frame dentro un altro frame buono solo per farti bestemmiare.....Ora ditemi che farlo più grande costava di più!Cazzate amici miei... bastava lasciarlo com'era prima che andava meglio.Nel frattempo Virgilio e persino l'hotmail dello zio bill non soffrono di questi problemi...Che significa tutto ciò??Che tendono a fregarti persino nel gratuito!
  • mr_setter scrive:
    Atroce dubbio....
    ...sto' Petko pdp Petkov non sara' mica il cugino russo di Aranzulla?!? :D :D :D :DLV&P O)
    • M.Bison scrive:
      Re: Atroce dubbio....
      - Scritto da: mr_setter
      ...sto' Petko pdp Petkov non sara' mica il cugino
      russo di Aranzulla?!? :D :D :DAranzulla é solo un cialtrone
    • xWolverinex scrive:
      Re: Atroce dubbio....
      - Scritto da: mr_setter
      ...sto' Petko pdp Petkov non sara' mica il cugino
      russo di Aranzulla?!? :D :D :D
      :D

      LV&P O)IL DIVULGATORE ! (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl)(rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl)
  • downhill scrive:
    Un po' di info in più
    Qui ci sono un po' di infohttp://yep.it/fhg_jpovviamente le full disclosure ce le possiamo scordare, ma almeno una lista della spesa user e/o dev side sono reperibili.
    • mr_setter scrive:
      Re: Un po' di info in più
      - Scritto da: downhill
      Qui ci sono un po' di info
      http://yep.it/fhg_jp
      ovviamente le full disclosure ce le possiamo
      scordare, ma almeno una lista della spesa user
      e/o dev side sono
      reperibili.Ottimo downhill!!! ;)http://uk.geocities.com/g0rf@btinternet.com/Images/thx4info.jpgLV&P O)
    • ------ scrive:
      Re: Un po' di info in più
      Ma il full-disclosure non era il verbo dei cantinari??- Scritto da: downhill
      Qui ci sono un po' di info
      http://yep.it/fhg_jp
      ovviamente le full disclosure ce le possiamo
      scordare, ma almeno una lista della spesa user
      e/o dev side sono
      reperibili.
  • marco.jj scrive:
    Domanda : se .....
    Domanda:Per evitare di essere vittime di bachi dovuti al "cross-site scripting", si può risolvere aprendo solo la finestra della web-mail senza aprire altre pagine web?attendo risposta dagli utenti più esperti ...Bye
    • mr_setter scrive:
      Re: Domanda : se .....
      - Scritto da: marco.jj
      Domanda:
      Per evitare di essere vittime di bachi dovuti al
      "cross-site scripting", si può risolvere aprendo
      solo la finestra della web-mail senza aprire
      altre pagine
      web?

      attendo risposta dagli utenti più esperti ...

      ByeDal sito linkato da downhill(Thx!) 1. Victim must be logged in GMail. 2. Victim must visit a malicious web page: most likely scenarios are clicking an external link from an incoming message or surfing porn while checking email from time to time. 3. The malicious web site forges a POST request to GMails Create Filter wizard, possibly using an autosubmit invisible form to build a filter which forwards incoming messages to a mail recipient owned by the attacker. 4. Since user is already authenticated, her session cookie is passed along with the forged request and the GMail filter gets silently implanted, with all the output hidden inside an IFRAME. 5. The new GMail filter now acts as a persistent backdoor stealing incoming messages, and it will go unnoticed forever unless the victim is a power GMail user who creates or edits from time to time her own filters, which are deep buried in the Settings user interface: I, for instance, never saw them until yesterday!Leggendo i primi due punti ne consegue che se non sei loggato a nient'altro che alla tua casella di posta nella pagina di GMail sei OK!LV&P O)-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 27 settembre 2007 01.48-----------------------------------------------------------
Chiudi i commenti