UEFA Football: bloccata la truffa da milioni di euro

UEFA Football: bloccata la truffa da milioni di euro

La Consob ha bloccato le attività di UEFA Football, ovvero una truffa che ha permesso agli autori di rubare milioni di euro alle ignare vittime.
La Consob ha bloccato le attività di UEFA Football, ovvero una truffa che ha permesso agli autori di rubare milioni di euro alle ignare vittime.

La Consob ha sospeso per 90 giorni l’attività di offerta al pubblico residente in Italia di UEFA Football Ltd e chiesto l’oscuramento del sito ufficiale (purtroppo è sufficiente utilizzare i DNS di Google o Cloudflare per aggirare il blocco, ndr). Decripto.org ha ricostruito tutta la vicenda, scoprendo che i milioni di euro rubati alle ignare vittime sono finiti in numerosi wallet di criptovalute.

UEFA Football: milioni di euro in criptovalute

Gli autori della truffa promettevano un interesse del 2,5% giornaliero attraverso piani di investimento denominati UEFA Football Hedge Fund. In pratica gli utenti potevano scommettere sulle partite di calcio e ricevere un guadagno garantito. Sul sito è scritto che l’investimento è a basso rischio e con rendimento a lungo termine. La Consob ha accertato che UEFA Football Ltd non ha ricevuto nessuna autorizzazione per operare in Italia e offrire un prodotto finanziario al pubblico.

Sul sito è scritto anche che UEFA Football è “un fondo di investimento speculativo calcistico avviato congiuntamente dal consorzio degli Emirati Arabi Uniti e dal City Football” (che non esistono). Come scoperto dall’inchiesta di Decripto.org, si tratta di una truffa che sfrutta il famoso schema Ponzi. Dopo l’oscuramento del sito, sul canale Telegram di UEFA Football è stato scritto che il governo italiano ha chiesto il pagamento delle tasse. Gli utenti devono quindi versare il 26% sui profitti (capital gain), altrimenti l’account verrà chiuso. In pratica una truffa nella truffa.

I milioni di euro rubati dai truffatori sono finiti in diversi portafogli di criptovalute. Partendo dall’indirizzo del wallet, condiviso su Telegram, al quale inviare il 26% dei profitti, Decripto.org ha scoperto un labirinto di portafogli usati per movimentare il denaro. Utilizzando noti exchange, tra cui Binance, Okx e FTX, i truffatori hanno convertito le criptovalute in moneta corrente (dollari).

Un wallet personale su FTX ha movimentato oltre 35 milioni di dollari in cinque giorni e oltre 1,3 miliardi in un anno. Per aprire un account sugli exchange è necessario inviare il documento KYC per la normativa antiriciclaggio, quindi i conti non sono anonimi. Sarebbe teoricamente possibile risalire agli autori della truffa e bloccare le transazioni. Secondo Decripto.org, le vittime italiane sono oltre 50.000.

Fonte: Consob
Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 20 ott 2022
Link copiato negli appunti