Universal si lancia sui DVD all'impronta

Accordo con CinemaNow: un numero crescente di film del produttore saranno disponibili nei negozi come DVD e via Internet come file acquistabili e masterizzabili
Accordo con CinemaNow: un numero crescente di film del produttore saranno disponibili nei negozi come DVD e via Internet come file acquistabili e masterizzabili

Los Angeles (USA) – Continua veloce la corsa del maggiore tra gli studios hollywoodiani verso nuovi modelli di business, e l’ultimo coniglio estratto dall’opulento copricapo di Universal sta sollevando una certa attenzione. Si tratta di un singolare accordo stretto con CinemaNow che potrebbe trasformare il mercato della distribuzione di film.

A partire dall’ennesimo episodio della “saga” Fast and Furious , i fan potranno comprare in Internet il file con il film masterizzabile su DVD lo stesso giorno in cui il DVD ufficiale verrà messo in commercio tramite la rete di distribuzione tradizionale. Ma sarà solo il primo di una serie.

L’idea di Universal si appoggia ad una piattaforma, quella di CinemaNow, che da tempo cerca di irretire il pubblico americano con il download legale di film e che è da sempre concepita come un potenziale nemico dai retailer tradizionali: i negozi che vendono DVD hanno evidentemente tutto da perdere da una distribuzione contestuale via Internet degli stessi contenuti.

Universal rischia quindi di tirarsi addosso le ire di qualche grossa catena di distribuzione, e qualcuno parla di un’insofferenza già evidenziata da Wal-Mart , ma lo studios da tempo sembra aver deciso di sperimentare senza più perdere tempo le nuove vie del digitale .

Ciò che può lasciar perplesso qualcuno è il prezzo del file: per i primi film che saranno messi a disposizione in questo modo, e che quindi richiederanno per una piena fruizione la masterizzazione su DVD, Universal chiederà 9,99 dollari a download . Considerando l’assenza di vere spese di distribuzione e di qualsiasi supporto fisico, c’è chi ritiene questo prezzo troppo elevato per garantire il successo dell’iniziativa. Tanto più che pellicole di questo genere, come noto, sono spesso disponibili via P2P pochi giorni dopo l’uscita nella sale, se non, in qualche caso, addirittura prima. E il costo per chi le scarica illegalmente, com’è ovvio, è vicino allo zero assoluto.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

28 09 2006
Link copiato negli appunti