USA, professionisti IT sempre più pagati

Cresce il compenso per programmatori, amministratori di rete e le altre figure dell'IT negli Stati Uniti. Il Web 2.0 sospinge gli aumenti. I dati di una rilevazione

New York – I profili più richiesti e ben pagati oggi nell’IT statunitense sono i consulenti, gli ingegneri hardware e gli sviluppatori. Guadagnano bene, al punto che secondo la rilevazione di una società di recruting di settore, Yoh , nel 2007 le loro paghe hanno toccato livelli che non si vedevano dal 2001, in pieno “boom” della cosiddetta new economy .

In una nota , Yoh spiega che la media di compenso per un’ora di lavoro oggi è 31,80 dollari , somma che aumenta però notevolmente quando si vanno a studiare alcune specializzazioni.

Nel primo trimestre del 2007 le medie vanno dai 48,41 dollari per un ingegnere aerospaziale fino agli 83,72 dollari di un consulente tecnico . In mezzo ci sono figure come quella dello sviluppatore.NET (53,40 dollari), Java (57,27), dell’amministratore di database (59,80) o dell’ingegnere hardware (75,68).

Ciò che colpisce gli esperti di Yoh e che a loro dire rappresenta un’ulteriore conferma della crescita del settore negli USA, è il progressivo e continuato aumento dei salari .

“Alla fine del 2005 – spiega un manager dell’azienda – pensavamo che la crescita delle retribuzioni sarebbe continuata solidamente per molti mesi del 2006. Da questi dati è invece evidente che prosegue senza fallo anche nel 2007”. A suo dire “ci attendiamo una crescita continuata dei salari in questo settore sia per la solidità economica congiunturale che per l’emergere di nuove tecnologie, come il Web 2.0, SaaS e il social networking”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Ma molto di più del 64%
    Ma cosa ci raccontano? google le chiede lui queste statistiche ribassate?Avete un sito web? Avete le statistiche? Quante visite sono portate da google e quante da tutti gli altri?A me risultano molti di più del 64%, a voi risultano gli stessi dati?Non che tutto ciò mi interessi più di tanto, ma per amore del vero direi che la posizione dominante di mercato mi pare più netta di quanto ci dicono ste statistiche e tutti i fior fiori di analisti che fanno, ci vogliono far credere che non se ne è accorto nessuno?ciaoL.
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma molto di più del 64%
      la statistica è riferita agli USA e i dati, ti posso assicurare, che sono quellise parli dell'Italia non si può nemmeno fare una statistica visto che Google è il padrone assoluto con oltre il 90% del reach
  • Anonimo scrive:
    eh M$...
    chi di monopolio ferisce, di monopolio perisce..
    • Anonimo scrive:
      Re: eh M$...
      - Scritto da:
      chi di monopolio ferisce, di monopolio perisce..Varra' quindi anche per Google.
      • Anonimo scrive:
        Re: eh M$...
        - Scritto da:

        - Scritto da:

        chi di monopolio ferisce, di monopolio perisce..

        Varra' quindi anche per Google.Si, per Google varrà un sacco!
    • Anonimo scrive:
      Re: eh M$...
      Finchè non riescono ad indicizzare neppure il loro sito, non hanno speranza :$
    • Sgabbio scrive:
      Re: eh M$...
      più che monopolista è in posizione dominante rispetto ai concorrenti visto che i 2 maggiori rivali non hanno dicerto delle percentuali piccole.
      • Anonimo scrive:
        Re: eh M$...
        - Scritto da: Sgabbio
        più che monopolista è in posizione dominante
        rispetto ai concorrenti visto che i 2 maggiori
        rivali non hanno dicerto delle percentuali
        piccole.Esattamente... il monopolio si crea se e solo se non hai nessuna alternativa di scelta o le alternative sono pressoché nulle.Google funziona, tutto qui.Anche con "Chi vuol essere milionario" quando chiamano a casa e non sanno rispondere è perché stanno usando Yahoo @^ ;)
        • Anonimo scrive:
          Re: eh M$...
          anche microsoft non è un monopolio allora, e non lo è stata nemmeno per un minuto. Però è pericolosa, perché ha (avuto) uno strapotere pericoloso per gli utenti, il mercato, il mondo. e così google.
          • Sgabbio scrive:
            Re: eh M$...
            - Scritto da:
            anche microsoft non è un monopolio allora, e non
            lo è stata nemmeno per un minuto. Però è
            pericolosa, perché ha (avuto) uno strapotere
            pericoloso per gli utenti, il mercato, il mondo.
            e così
            google.
            C'è una sostanziale differenza però, microsoft ha un installato sui PC che una fetta praticamente mostruosa rispetto a Apple e linux, considerando poi che windows te lo trovi nei PC marchiati e i portatili.la situazione dei motori di ricerca invece e diversa, Google e di posizione dominante, ma i 2 maggiori concorrenti, mica hanno il 5% o meno di "share"....
          • Anonimo scrive:
            Re: eh M$...
            Ma un motore di ricerca è sostanzialmente diverso da un sistema operativo.Il sistema operativo è lì e basta. Lo usi e punto.Il motore di ricerca basta battere due lettere nella barra degli indirizzi per cambiarlo!
          • Sgabbio scrive:
            Re: eh M$...
            - Scritto da:
            Ma un motore di ricerca è sostanzialmente diverso
            da un sistema
            operativo.
            Il sistema operativo è lì e basta. Lo usi e punto.
            Il motore di ricerca basta battere due lettere
            nella barra degli indirizzi per
            cambiarlo!appunto.
Chiudi i commenti