Verizon venderà i dati del traffico degli utenti?

Verizon venderà i dati del traffico degli utenti?

Sono informazioni di primo piano per qualunque inserzionista e il maggiore operatore wireless statunitense è sul punto di lucrarci sopra. L'utente che non gradisce deve chiedere espressamente di non essere coinvolto
Sono informazioni di primo piano per qualunque inserzionista e il maggiore operatore wireless statunitense è sul punto di lucrarci sopra. L'utente che non gradisce deve chiedere espressamente di non essere coinvolto

Verizon Wireless è il maggior operatore di telefonia cellulare degli Stati Uniti. Con 62 milioni di consumatori e 38 miliardi di dollari di entrate annuali, la joint venture tra Verizon Communications e Vodafone Group vede transitare sulle proprie linee molte informazioni interessanti. Dati che potrebbero presto finire ad alimentare i business della pubblicità spontanea che tanto somiglia allo spam via posta elettronica, visto che il carrier ha deciso di modificare i termini del contratto e mettere tali dati a disposizione di terzi .

Non si tratta, apparentemente, di comunicare informazioni sensibili quali numero di telefono, nome, indirizzo e cose del genere, ma di girare a terzi le informazioni contenute nel cosiddetto Customer Proprietary Network Information ( CPNI ). CPNI è in pratica una sorta di catalogatore telefonico silente e implacabile , che mantiene tutti i dati sulle chiamate registrati dall’operatore, inclusi la durata, la data, l’ora, il numero di destinazione, il tipo di contratto e i servizi accessori e altre informazioni che appaiono mensilmente in fattura.

Una vera e propria miniera di informazioni, che Verizon Wireless vuole ora condividere con “i nostri affiliati, agenti e società madri (inclusa Vodafone) e le loro sussidiarie”. Non si parla quindi, o almeno non ancora, di vera e propria cessione dei dati sensibili a società diverse da quelle già operanti intorno al carrier . Al di là di questo, Verizon fa comunque sul serio: tutti i suoi consumatori verranno inglobati nell’iniziativa , a meno che non facciano pervenire il proprio diniego alla società attraverso un meccanismo di opt-out , con una telefonata al numero telefonico appositamente predisposto allo scopo.

Senza l’intervento diretto da parte dell’utente, Verizon interpreterà la mancata comunicazione come silenzio-assenso nei confronti della nuova policy di gestione dei dati. Che cosa poi voglia farci in concreto, almeno per ora, è materia di congetture: secondo alcuni potrebbe essere l’inizio di un nuovo programma di advertising mirato , per quanto Verizon pretenda di usare le informazioni dei registri CPNI per migliorare i propri servizi e null’altro.

Ars technica sostiene che, sebbene la cessione a terzi sia da escludere, è praticamente scontato l’impiego di tali informazioni per la costruzione di un sistema pubblicitario analitico e strutturato ad uso interno . I dubbi ad ogni modo rimangono e Verizon non aiuta a fugarli: non accenna ancora a piani precisi riguardo lo sfruttamento del “tesoretto” informativo che si ritrova in casa.

Alfonso Maruccia

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 16 ott 2007
Link copiato negli appunti