Vivendi rifiuta l'offerta Vodafone

Per l'acquisto di Cegetel. Offerta bassa


Roma – Vivendi Universal ha detto no all’offerta con cui Vodafone intendeva portarsi a casa il 44 per cento della Cegetel, joint-venture a cui partecipano entrambe le aziende insieme ad altri due partner. Cegetel, operatore telefonico francese, potrebbe rappresentare per Vodafone un importante tassello della propria strategia europea.

A quanto pare, però, Vivendi ha giudicato “inadeguati” i 6,8 miliardi di euro che Vodafone era disposta a tirar fuori e a questo punto gli analisti si aspettano che sia proprio Vivendi nelle prossime settimane a tentare la “scalata” alla Cegetel, sempre che intanto Vodafone non alzi il “tiro”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • silvia tea scrive:
    ricarica sbagliata
    se uno sbaglia a fare la ricarica può querelare l'utente che ha avuto la ricarica per arricchimento indebito ....poi spetterà al gip se proseguire l'azione legale in sede penale poichè chi riceve un valore economico erroneamente deve obbligatoriamente restituire tutta la somma entro 5 gg altrimenti commette un reato previsto dal ns codice penale
  • stefano salvemini scrive:
    info
    a chi devo spedire la lettera? non ho capito
  • nicola dublino scrive:
    hanno sbagliato la ricarica
    anche io ho avuto un problema del genere ma l'errore non è stato commesso da me ma dal commesso del bar che ha digitato il mio numero bene ma ha sbagliato la compagnia telefonica .la cosa è successa stamane ma io cosa posso fare? vorrei un aiuto.....grazie
  • Anonimo scrive:
    Un po' fortunato e un po' confuso...
    Il nostro amico che ha "receduto" non ha le idee molto chiare, ma non possiamo certo fargliene una colpa.L'argomento 'recesso', a mio avviso, può portare fuori strada, a parte la capperata che "in Italia qualsiasi pagamento di qualsiasi bene può essere annullato con il diritto di rivalsa entro 7 giorni": questo vale SOLO per gli acquisti effettuati fuori dai locali commerciali, e rimarrebbe quindi escluso il caso del pagamento errato effettuato col bancomat; resterebbero comunque esclusi TUTTI i casi in cui il credito fosse stato (anche solo in parte) consumato, in quanto il recesso non sarebbe più applicabile.Tutto gira - come già sottolineato da altri utenti - intorno all'"indebito": il gestore telefonico in questo caso non c'entra nulla. I gestori telefonici (che risultano terzi rispetto alla transazione) NON possono prelevare arbitrariamente del denaro da un conto, così come una banca non potrebbe prosciugare il c/c di un cliente perché il primo cretino si presenta allo sportello dicendo di avervi eseguito un bonifico per errore.Il rapporto è quindi tra chi esegue la ricarica e chi la riceve: quest'ultimo non ha nessuna 'colpa', semplicemente avrà cura di restituire quanto INDEBITAMENTE (ossia fino a prova contraria senza alcun titolo) percepito (al netto delle spese di ricarica, che non possono essergli addebitate).Nel caso in questione l'amico è stato fortunato: ma ricordiamoci che non è la strada da seguireFilippo
    • Anonimo scrive:
      Re: Un po' fortunato e un po' confuso...
      Non sono daccordo:Omnitel non deve togliere o metteresoldi ma crediti.. Tu paghi i servizi interbancari e lo fai se usi il bancopaz o la carta.. Leggiti la normativa in merito ad acquisti per commercio elettronico. Io l'ho fatto, ti posso garantire che è conforme alle norme europee, e il diritto id recesso non è una novità, ma una volta su internet non esisteva e tu rimanevi fregato. E' solo da pochi anni che esiste, mentre è storia per gli acquisti tradizionali. Tutto ciò è nato dopo anni di conflitti tra legislatori e consumatori, perchè non è semplice trovare l'equilibrio nell'ambito 'internet' che non ha confini.Ricordi per cado quando è nata Freedomland? Era ottobre e ancora Iva Zanicchi non aveva lanciato per la prima volta il prodotto alla tivù. A ottobre i dirigenti tennero in ogni capoluogo del nord Italia il famoso lavaggio del cervello per scatenare il marketing multilivello e propagare la distribuzione di Freedomland nelle case. Inizialmente era interessante, ma nel corso dei mesi fu un flop e le azioni precipitarono. Durante il mese di novembre ho conosciuto molti amici che inizialmente GASATI dal prodotto decidevano di 'PROVARLO SENZA ALCUN IMPEGNO' come garantito dalla casa produttrice. MA: dopo 3 giorni lavorativi arrivava un bell'assegno (prima rata) da mezzo milione.. e tu ci rimanevi di stucco.Anche in quel caso letterina a GUARDIA DI FINANZA e RACCOMANDATA con Ricevuta di ritorno e diritto di recesso, si Imballa il tutto e si rispedisce al mittente entro 7 giorni. MA SCHERZIAMO!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
      • Anonimo scrive:
        Re: Un po' fortunato e un po' confuso...

        Omnitel non deve togliere o metteresoldi ma
        crediti.. E' la stessa cosa: il gestore è parte terza rispetto all'operazione, quindi non può fare nulla senza il consenso di chi ha ricevuto la ricarica.
        Leggiti la normativa in merito ad acquisti
        per commercio elettronico. Io l'ho fatto, ti
        posso garantire che è conforme alle norme
        europee, e il diritto id recesso non è una
        novità, ma una volta su internet non
        esisteva e tu rimanevi fregato. E' solo da
        pochi anni che esiste, mentre è storia per
        gli acquisti tradizionali. Tutto ciò è nato
        dopo anni di conflitti tra legislatori e
        consumatori, perchè non è semplice trovare
        l'equilibrio nell'ambito 'internet' che non
        ha confini.Allora, il discorso è questo:-per gli acquisti effettuati NEI locali commerciali NON c'è diritto di recesso;- per gli acquisti effettuati FUORI dai locali commerciali c'è diritto di recessoNel caso del bancomat, confesso che ho il dubbio se si rientri nel caso di cui all'art.2 lettera b) del Decreto Legislativo 22 maggio 1999, n. 185, il quali fra i casi di esclusione include i contratti "conclusi tramite distributori automatici o locali commerciali automatizzati";Nel caso di internet (quello in questione) in astratto il recesso è applicabile ma:- il rimborso dovrebbe avvenire al netto delle spese di ricarica- il credito non dovrebbe essere stato utilizzatoVa considerato poi che con la ricarica sbagliata si pone in essere un contratto a favore di terzi.Ma questa è un'altra storia :)
  • Anonimo scrive:
    Il poeta. (ovvero: bastava il diritto di recesso)
    Vorrei sottolineare che lui, indipendentemente da quello che sostiene nella lettera, ha di fatto chiesto di caricare di "tot euro" il "tal numero".Gli e' stato chiesto di confermare il numero una seconda volta e l'operazione e' stata quindi regolarmente eseguita.A parte che e' inutile che dica "e' evidente che c'e' stato uno sbaglio" perche' non e' evidente un bel niente: piu' di una volta per esempio ho ricaricato il telefono di mio padre con il mio bancomat.Il punto che critico di tutta questa faccenda e' che il diritto di recesso (sacrosanto!), per essere esercitato non ha bisogno di essere motivato. Tantomeno elencando fantasiosi "diritti" che l'autore della lettera pare essere convinto di avere. (vedi il ridicolo paragrafo che inizia con "Inoltre e' evidente...")Se ha ottenuto il rimborso non e' certo stato grazie alla sua vena poetico-legale o alla pubblicazione della sua "storia" su pi. Sarebbe infatti bastata una ben piu' sobria lettera con gli estremi della transizione nella quale dichiarava di volersi avvalere del diritto di recesso.bye,
    Dave
    • Anonimo scrive:
      Re: Il poeta. (ovvero: bastava il diritto di recesso)
      - Scritto da: dave28(ZZZIIPP!!...)
      Sarebbe infatti bastata una ben piu' sobria
      lettera con gli estremi della transizione
      nella quale dichiarava di volersi avvalere
      del diritto di recesso.Si, in effetti sarebbe bastata una lettera piu' sobria con una formale dichiarazione. E' possibile tuttavia che aspetti secondari in una lettera formale possano aiutare il destinatario a comprendere meglio una situazione che magari ha soluzioni alternative, che il richiedente non consce o comunque a sviluppi nuovi e positivi.Per mia esperienza, la lettera formale pura, risolve, la lettera formale corredata da una sintesi della vicenda che ha portato alla richiesta, non solo risolve ma aiuta a stabilire un dialogo con il destinatario, il che puo' essere anche vantaggioso.Ovviamente il rovescio della medaglia e' che si rischia di aggiungere aspetti inutili alla richiesta o addirittura controproducenti, ritrovandosi a dire cose del tipo "per mia stupidita' mi trovo in questa situazione, per cui vi chiedo...", ma se si sta attenti, e' raro.Isaac
  • Anonimo scrive:
    Ma allora se è cosi'.....
    Se fosse cosi' semplice, allora io potrei fare la ricarica ad un mio amico, lui potrebbe esaurirla in meno di una settimana e poi io potrei chiedere il diritto di recesso in quanto potrei dire di aver sbagliato numero...troppo facile...mah...
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma allora se è cosi'.....
      Allora un tizio trova il modo di far valere un proprio diritto sacrosanto e subito arriva uno stronzo che sfruttando lo stesso metodo pensa di fregare il prossimo.
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma allora se è cosi'.....
        Er Monnezza osò scrivere:
        Allora un tizio trova il modo di far valere un
        proprio diritto sacrosanto e subito arriva uno
        stronzo che sfruttando lo stesso metodo pensa di
        fregare il prossimoDiritto sacrosanto????Ma di cosa parli?E da quando esiste il diritto di sbagliare???Hamlet
        • Anonimo scrive:
          Re: Ma allora se è cosi'.....

          Diritto sacrosanto????
          Ma di cosa parli?
          E da quando esiste il diritto di sbagliare???Da sempre, almeno se si sbaglia in buona fede. Mai sentito parlare di arricchimento indebito?
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma allora se è cosi'.....
            Hamlet scrisse:

            Diritto sacrosanto????

            Ma di cosa parli?

            E da quando esiste il diritto di sbagliare???Adso replicò:
            Da sempre, almeno se si sbaglia in buona fede.
            Mai sentito parlare di arricchimento indebito?Ne ho sentito parlare, ma ho senttito più spesso parlare di "chi sbaglia, paga". Tu l'hai mai sentito?Se uno mi ricarica per sbaglio, secondo te sono colpevole di arricchimento indebito??Hamlet
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma allora se è cosi'.....

            Ne ho sentito parlare, ma ho senttito più
            spesso parlare di "chi sbaglia, paga".Caspita... che articolo del codice è?
            Se uno mi ricarica per sbaglio, secondo te
            sono colpevole di arricchimento indebito??Ho parlato di colpe? Non mi pare...
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma allora se è cosi'.....

            Ne ho sentito parlare, ma ho senttito più
            spesso parlare di "chi sbaglia, paga". Tu
            l'hai mai sentito?io ho sentito anche "occhio per occhio, dente per dente"
            Se uno mi ricarica per sbaglio, secondo te
            sono colpevole di arricchimento indebito??appunto e' uno sbagliobasta non usare la ricarica e segnalarlo al centro assistenza...se tu usi quella ricarica BEN SAPENDO che tu non l'hai effettuata, ne avrai ricavato un arricchimento?allora se trovo il tuo portafogli per terra sono autorizzato ad usare i tuoi soldi e la tua carta?in fondo tu l'hai perso, mica e' colpa mia!ciao
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma allora se è cosi'.....
        - Scritto da: Er Monnezza
        Allora un tizio trova il modo di far valere
        un proprio diritto sacrosanto e subito
        arriva uno stronzo che sfruttando lo stesso
        metodo pensa di fregare il prossimo.Nr.1 Impara ad essere piu educato e a non offendere nessuno usando parolacce.Nr.2 Fregare il prossimo? E quelli delle compagnie telefoniche li chiami il prossimo?Ma se loro ti fregano praticamente tutti i giorni!Nr.3 La mia era solo una supposizione per far capire la non praticabilita' di questo diritto di recesso.Nr.4 Il mondo è dei furbi, gli stupidi la prenderanno sempre in quel posto..Saluti
        • Anonimo scrive:
          Re: Ma allora se è cosi'.....

          Nr.4 Il mondo è dei furbi, gli stupidi la
          prenderanno sempre in quel posto..Bravo. Continua cosi.
        • Anonimo scrive:
          Re: Ma allora se è cosi'.....

          Nr.3 La mia era solo una supposizione per
          far capire la non praticabilita' di questo
          diritto di recesso.il diritto di recesso e', appunto, un dirittoperche' il bene potrebbe non corrispondere a cio' che io avevo richiestoin questo caso io non avevo richiesto la ricarica del numero X ma di quello Y, anche se l'errore e' mio, ho diritto a ripensarci.E nel caso in cui non chiaramente indicato, il diritto si estende a tutto il mese successivo all'acquisto.Esiste proprio per tutelarsi dalle aziende che ti "fregano ogni giorno", come dici tu...ciao
          • shevathas scrive:
            Re: Ma allora se è cosi'.....
            - Scritto da:

            Nr.3 La mia era solo una supposizione per

            far capire la non praticabilita' di questo

            diritto di recesso.

            il diritto di recesso e', appunto, un diritto
            perche' il bene potrebbe non corrispondere a cio'
            che io avevo
            richiestopeccato che il diritto di recesso non sia applicabile in questo caso, hai acquistato un servizio non un prodotto.in quanto l'azienda ti ha fornito esattamente quanto tu hai richiesto, e cioè una ricarica sul numero da te digitato.
            in questo caso io non avevo richiesto la ricarica
            del numero X ma di quello Y, anche se l'errore e'
            mio, ho diritto a
            ripensarci.Purtroppo no.
            E nel caso in cui non chiaramente indicato, il
            diritto si estende a tutto il mese successivo
            all'acquisto.ROTFL, leggi bene la legge dal sito aduc Attenzione, non esiste il diritto di recesso per i contratti relativi:- alla costruzione, vendita, e locazione di beni immobili;- alla fornitura di prodotti alimentari o di uso corrente consegnati con scadenza regolare;- alle assicurazioni;- agli strumenti finanziari;- a servizi che sono gia' in erogazione . (qui la scheda specifica: http://www.aduc.it/dyn/sosonline/schedapratica/sche_mostra.php?Scheda=133666)
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma allora se è cosi'.....
      Credo che la cosa sia semplice se il tizio che ha ricevuto la ricarica per sbaglio ha un credito superiore alla ricarica sbagliata. In tal caso il gestore gli toglie dal credito la ricarica sbagliata. Se invece il tizio si e' gia' consumato il credito ricevuto gratis e' un po' piu' complicato, credo.
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma allora se è cosi'.....
      - Scritto da: LuckyHell
      Se fosse cosi' semplice, allora io potrei
      fare la ricarica ad un mio amico, lui
      potrebbe esaurirla in meno di una settimana
      e poi io potrei chiedere il diritto di
      recesso in quanto potrei dire di aver
      sbagliato numero...troppo facile...mah...Infatti troppo facile, il rimborso e' possibile solo se il tuo amico non esaurisse il credito.Rileggiamo questo passaggio dell'articolo:l'articolo 12 che prevede il rimborso di carte ricaricabili (ma):Non devono essere stati cumulati periodi di conversazione dalla Carta Omnitel Ricaricabile)Ovvero se l'utente che ha beneficiato del credito non ha ancora esaurito il vecchio credito, quello aggiunto in piu' erroneamente puo' ancora essere annullato. Diversamente non sarebbe possibile.
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma allora se è cosi'..... SBAGLIATO
      perchè quando compri una cosa devi leggere le CONDIZIONI che regolamentano l'acquisto..Omnitel nell'articolo 12 che avevo citato dice che tu PUOI richiedere i soldini indietro a PATTO che la ricarica non sia mai stata consumata!---niente trucchi e niente inganni il consumatore e il venditore sono tutelati!
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma allora se è così..SBAGLIATO..teoricamente!
        Teoricamente tutto quello che dite voi è esatto,ma dimenticate una cosa.Se io sbaglio numero nel ricaricare il cell,me ne accorgo almeno almeno un paio di giorni dopo,vedendo che non arrivano i soldi.Inoltre prima che faccia la raccomandata di recesso etc etc... passano ,in totale,almeno almeno 5-6 giorni.Voi credete che la persona che ha ricevuto la ricarica non faccia telefonate per 5-6 giorni??Mmmmm difficilotto!Mah...secondo me le possibilita' REALI di avvalersi del diritto di recesso sono assai minime.Bye
        • Anonimo scrive:
          Re: Ma allora se è così..SBAGLIATO..teoricamente!
          - Scritto da: LuckyHell
          Teoricamente tutto quello che dite voi è
          esatto,ma dimenticate una cosa.
          Se io sbaglio numero nel ricaricare il cell,
          me ne accorgo almeno almeno un paio di
          giorni dopo,vedendo che non arrivano i
          soldi.Non e' detto, te ne potresti accorgere un attimo dopo aver dato la conferma.
          Inoltre prima che faccia la raccomandata di
          recesso etc etc... passano ,in totale,almeno
          almeno 5-6 giorni.Non so te, ma io in questi casi le raccomandate per il recesso le faccio sempre il prima possibile, ovvero, la prima cosa che faccio la mattina è fermarmi alle poste (aprono alle 8:30), oppure la sera, visto che chiudono alle 19. Se hanno la data di spedizione entro i 7 giorni, sono valide.
          Voi credete che la persona che ha ricevuto
          la ricarica non faccia telefonate per 5-6
          giorni??Puo' telefonare quanto vuole, ma se non ha ancora esaurito il vecchio credito e quindi non ha ancora intaccato il credito che gli e' stato dato, allora e' ancora possibile chiedere il recesso.
          Mmmmm difficilotto!
          Mah...secondo me le possibilita' REALI di
          avvalersi del diritto di recesso sono assai
          minime.Beh, dipende da svariati fattori e da come ti organizzi. In genere pero' a spedire una raccomandata entro 7 giorni si riesce.Diciamo quindi che, a parte il tempo, se ci sono le condizioni per cui il recesso e' accettato, le possibilita' reali di avvalersi di questo diritto non sono esattamente minime, ma bisogna darsi una mossa.
  • Anonimo scrive:
    A volte basta far girare le rotelle in testa
    E richiedere cio' che e' nostro diritto. Non serve arrabbiarsi sopratutto quando siamo noi che sbagliamo. In questo caso Omnitel fa un favore a chi ha sbaligato per primo.
  • Anonimo scrive:
    Dare una controllata al numero no, eh?
    Quando la gente capira' che nei bancomat o su internet non bisogna fare "avanti-avanti-avanti..." come e' abituata nelle installazioni dei programmi... Il risultato sara' immediato: nessuno usera' piu' i dialer perche' avra' letto quanto costano, nessuno ricarichera' il cellulare di un altro perche' avra' perso 1 secondo a verificare il numero, ecc...
    • Anonimo scrive:
      Re: Dare una controllata al numero no, eh?
      Grande... mi è piaciuto l' "Avanti.... Avanti.... Avanti"!!!C
    • Anonimo scrive:
      Re: Dare una controllata al numero no, eh?

      Quando la gente capira' che nei bancomat o
      su internet non bisogna fare
      "avanti-avanti-avanti..." come e' abituata
      nelle installazioni dei programmi... Quando avrà un sacco di tempo libero per leggersi tutto, in particolare i contratti che le aziende rendono volontariamente il più possibile complicati e tecnici. Beato te che evidentemente di tempo libero ne hai parecchio.
      Il risultato sara' immediato: nessuno usera'
      piu' i dialer perche' avra' letto quanto
      costano, nessuno ricarichera' il cellulare
      di un altro perche' avra' perso 1 secondo a
      verificare il numero, ecc...Non è vero, solo voi individui perfetti addiverrete a cotanto risultato...
      • Anonimo scrive:
        Re: Dare una controllata al numero no, eh?

        Quando avrà un sacco di tempo libero per
        leggersi tutto, in particolare i contratti che
        le aziende rendono volontariamente il più
        possibile complicati e tecnici. Beato te che
        evidentemente di tempo libero ne hai parecchioChe somaro,il tempo libero per leggere i contratti si DEVE trovare.Lei firmerebbe un assegno senza leggere la cifra scritta ?Firmerebbe l'acquisto di una casa senza leggere tutte le clausole ?Non e' perche' le cifre in gioco sono piu' basse che bisogna abbassare la guardia, ANZI !!RicordateVi che in Italia la legge non ammette ignoranza, quindi non iniziamo noi a ignorare le normative, tanto piu' che sono proprio queste normative che poi ci permettono di esercitare i nostri diritti !!Saluti a tutti
        • Anonimo scrive:
          Re: Dare una controllata al numero no, eh?
          Anche lei ha un sacco di tempo libero eh? Per lavoro scarico 10 programmi al giorno, quindi stipulo 10 contratti al giorno. Me li devo leggere tutti? Sì, secondo lei visto che equipara la cosa all'acquisto di una casa (beato lei che evidentemente ne acquista 10 al giorno).Un'altra precisazione: quando firmo un assegno lo scrivo anche: sarebbe difficile riuscire a scrivere la cifra senza leggerla, le pare?Complimenti, infine, per la confusione che riesce a fare sull'ignoranza della legge, equiparando legge penale (ignorantia legis non excusat), civile, regolamenti, usi, costumi e chi più ne ha più ne metta.Comunque se ritiene di voler continuare a discettare dottamente sulla teoria mi conferma di avere un sacco di tempo a disposizione...
          Che somaro,
          il tempo libero per leggere i contratti si
          DEVE trovare.
          Lei firmerebbe un assegno senza leggere la
          cifra scritta ?
          Firmerebbe l'acquisto di una casa senza
          leggere tutte le clausole ?
          Non e' perche' le cifre in gioco sono piu'
          basse che bisogna abbassare la guardia, ANZI
          !!
          RicordateVi che in Italia la legge non
          ammette ignoranza, quindi non iniziamo noi a
          ignorare le normative, tanto piu' che sono
          proprio queste normative che poi ci
          permettono di esercitare i nostri diritti !!

          Saluti a tutti
          • Anonimo scrive:
            Re: Dare una controllata al numero no, eh?
            Cmq cosa c'entrano i contratti?BASTA CONTROLLARE IL NUMERO, per far questo non serve molto tempo...Altrimenti ricarico un amico, questo si consuma il traffico disponibile, e poi chiedo indietro i soldi.Eh!
          • Anonimo scrive:
            Re: Dare una controllata al numero no, eh?

            Comunque se ritiene di voler continuare a
            discettare dottamente sulla teoria mi conferma
            di avere un sacco di tempo a disposizione...Chiedo perdono, non avevo capito di avere a che fare con un professore .....Comunque, il succo del discorso e' questo,quando uno tira fuori soldi suoi, deve stare attento, altrimenti dopo non puo' far tanti casini !!Si tratta solo di stare attenti ai propri interessi !!STOP !
          • Anonimo scrive:
            Re: Dare una controllata al numero no, eh?

            Chiedo perdono, non avevo capito di avere a
            che fare con un professore .....Lei è perdonato questa volta, ma cerchi per favore di non incorrere più nell'errore
            Comunque, il succo del discorso e' questo,
            quando uno tira fuori soldi suoi, deve stare
            attento, altrimenti dopo non puo' far tanti
            casini !!Su questo non ci piove, è talmente autoevidente... ma se uno sbaglia lo stesso non può cercare di rimediare? E se dall'altra parte si riconosce l'errore e vi si pone rimedio ci sarà un motivo, no? Oppure Omnitel è un ente di beneficienza?
    • Anonimo scrive:
      Re: Dare una controllata al numero no, eh?

      Quando la gente capira' che nei bancomat o
      su internet non bisogna fare
      "avanti-avanti-avanti..." come e' abituata
      nelle installazioni dei programmi... quando magari non soffrira' come mio padre di presbiterismo, che spesso gli fa vedere nua cosa per un'altra, anche se la rilegge 100 volte, per lui quel 389 in realta' e' 398...cosa vogliamo fare?li sopprimiamo tutti questi imperfetti?dai siamo umani, possiamo anche sbagliare...non e' solo questione di fretta, ma di come siamo fatti.
      • Anonimo scrive:
        Re: Dare una controllata al numero no, eh?

        quando magari non soffrira' come mio padre
        di presbiterismo, che spesso gli fa vedere
        nua cosa per un'altra, anche se la rilegge
        100 volte, per lui quel 389 in realta' e'
        398...
        cosa vogliamo fare?
        li sopprimiamo tutti questi imperfetti?
        dai siamo umani, possiamo anche sbagliare...
        non e' solo questione di fretta, ma di come
        siamo fatti. non sopprimiamoli, ma nemmeno mandiamoli a giocare a tiro a piattello per poi richiedere indietro i soldi perché non è ha beccato nemmeno uno...
  • Anonimo scrive:
    Geniale!!!
    Non mi sarebbe mai venuta in mente la possibilità di esercitare il diritto di recesso su una ricarica!!!Ma cosa sarebbe successo se il destinatario involontario della ricarica avesse esaurito il "regalo" giuntogli dal nostro eroe?!?
Chiudi i commenti