Windows si specializza in GPS

Microsoft si lancia sui navigator con un OS che - dice - rispetto a Windows Mobile è assai più leggero e più economico

Redmond (USA) – A testimonianza di come il mercato dei navigatori satellitari abbia ormai assunto un’importanza di primo piano anche tra i produttori di software, questa settimana Microsoft ha introdotto la prima versione di Windows specificamente indirizzata ai dispositivi GPS portatili.

Windows Embedded NavReady (WEN) 2009 si basa sul sistema operativo Windows CE 5.0, lo stesso alla base della piattaforma Windows Mobile, ed include tutte le funzionalità necessarie ai navigatori satellitari portatili di ultima generazione, quale pieno supporto al Bluetooth, alla connettività Internet e alla comunicazione con i PC.

WEN non è un sistema operativo pensato per salire a bordo di smartphone e PDA, e come tale manca di molte delle funzionalità e degli orpelli grafici che caratterizzano Windows Mobile. Microsoft ha cercato di mantenere WEN il più snello e leggero possibile, così da consentirne l’utilizzo anche su dispositivi poco dotati in termini di hardware. Nello stesso tempo, BigM ha infuso in WEN caratteristiche come il supporto alle funzionalità peer-to-peer e VoIP di Bluetooth, una stretta integrazione con i propri web service, e il supporto alle mappe 3D. Rispetto a Windows Mobile, WEN promette anche di essere più economico: ciò dovrebbe contribuire ad abbassare ulteriormente il costo dei dispositivi GPS da taschino.

Tra i servizi online integrati in WEN vi è Live Search, per trovare punti d’interesse sul Web, e MSN Direct, che fornisce informazioni aggiornate sul traffico, prezzi del carburante e altri dati utili a chi è in viaggio.

Il sistema operativo consente anche di utilizzare i PND come display secondario da comandare attraverso un PC basato su Windows Vista. La tecnologia, chiamata SideShow , utilizza delle mini applicazioni, chiamate gadget, che consentono di accedere ai dati presenti su di un UMPC o un notebook Vista-based anche quando questi sono spenti o in stand-by: i gadget si sincronizzano con il computer principale non appena questo viene acceso. Ma SideShow permette anche di trasformare un device mobile in un telecomando o in un terminale VoIP.

WEN gira sui processori ARM a 32 bit, e supporta nativamente il real-time. Tra i primi produttori ad aver annunciato PND basati su WEN 2009 c’è la taiwanese Mio Technology .

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • stefano scrive:
    che negativi mamma mia...
    io ho tiscali è la portante è 8128 scarico a 830-850kb/s, stessa cosa con alice quello che era la portante io scaricavo, poi oggi la sardegna ha una rete in fibra ottica con banda praticamente illimitata che collega tutte le centrali per cui...a breve copiera anche l'italia o finira peggio dell'africa, cosa impossibile...
  • luna scrive:
    io ho fastweb
    banda garantita in fibra : 10 megabit all'interno della rete fastweb (e confermo che è così) ... fuori che dire .. se il sito è veloce prende anche tutti i 10 megabit, mai meno di 8 o 9, diversamente è lento per me come è lento per tuttifastweb, un passo avanti(non ci lavoro sia chiaro eh) :D :D
    • Mr. Ice scrive:
      Re: io ho fastweb
      Grazie a sto cavolo,prova a chiedere invece come va agli utenti fastweb in dsl e vedrai che fastweb non e' sicuramente un passo avanti.
      • gino scrive:
        Re: io ho fastweb
        aggiungi il fatto che sono nattati...
      • daxell scrive:
        Re: io ho fastweb
        Be' io ho l'adsl di fw a 6 Mbit nominali e in 5 anni non è mai scesa sotto i 3-4...
      • Daniele scrive:
        Re: io ho fastweb
        - Scritto da: Mr. Ice
        Grazie a sto cavolo,prova a chiedere invece come
        va agli utenti fastweb in dsl e vedrai che
        fastweb non e' sicuramente un passo
        avanti.Gli utenti FW in DSL utilizzano linee di Telecom, quindi se fanno cagare la colpa è di Telecom.Dove la linea funziona bene, FW garantisce (a seguito di test di 24 ore) i 6 MB. Se non li mantiene per il tempo stabilito, non ti garantisce nulla.
    • Akiro scrive:
      Re: io ho fastweb
      vabè, ma quanto costa?mi sembra che non sia delle più convenienti...
  • Stever scrive:
    depend...
    la banda minima tecnica se non erro è 20K, sopra a questa non vi è nulla di garantito nelle utenze casalinghe...diverso se si spendono soldini come per i contratti aziendali...puoi decidere la banda che vuoi !...poi ci sono le hdsl...
  • sbandato scrive:
    Allora in Italia pochissima banda larga
    Considerato che la banda garantita solitamente è di 256Kbps, o raramente 640, l'Italia si conferma paese allo sbando...
    • Obvious scrive:
      Re: Allora in Italia pochissima banda larga
      - Scritto da: sbandato
      Considerato che la banda garantita solitamente è
      di 256Kbps, o raramente 640, l'Italia si conferma
      paese allo
      sbando...Se non sbaglio secondo le sla bitstream la minima può anche scendere a 20 k eh :S
    • Linaro scrive:
      Re: Allora in Italia pochissima banda larga
      - Scritto da: sbandato
      Considerato che la banda garantita solitamente è
      di 256Kbps, o raramente 640, l'Italia si conferma
      paese allo
      sbando...A parte pochissime eccezioni (NGI ad esempio), nessun provider grarantisce banda.In ogni caso, come fai a "garantire" la banda? In base a quali criteri? Se è vero che troppo spesso c'è poca banda diffusa tra molti utenti, altre volte il collo di bottiglia non è nel provider.
    • Akiro scrive:
      Re: Allora in Italia pochissima banda larga
      a me sa che nessun provider garantisce nulla... salvo casi eccezionali.Io ho una flat 640 di tiscali e come banda garantita non ho proprio nulla:"Le ricordiamo che, come da contratto, non è prevista una banda minima garantita e che la medesima potrebbe subire delle oscillazioni."per la cronaca quando l'ho segnalato andavo a 10-20kbps (quando andava...)
      • emmeesse scrive:
        Re: Allora in Italia pochissima banda larga
        MC-Link da banda garantita, anche in zone dove non ha la co-location.E devo dire che ha sempre rispettato (nel mio caso) la garanzia
      • Gabriele scrive:
        Re: Allora in Italia pochissima banda larga
        - Scritto da: Akiro
        a me sa che nessun provider garantisce nulla...
        salvo casi
        eccezionali.

        Io ho una flat 640 di tiscali e come banda
        garantita non ho proprio
        nulla:[cut]Io invece ho mc-link e la banda garantita *parte da* 256Kbps a salire (personalmente ne ho 384 garantiti adesso e previsti 1.024 con prossimo upgrade di profilo allo stesso prezzo).Bisogna distinguere tra ISP consumer e altri, certo è che dovrebbe essere vietato vendere cone "banda larga" qualcosa che ha solo 20Kbps di MCR.G.
  • fabianope scrive:
    USA Mon Amour...
    ....e' un po' lo slogan di tanti miei connazionali che si "ritrovano" politicamente nelle idee del sig. Silvio & compagnia bella (Marcegaglia, ecc.)a Lor Signori chiedo: perche' non emulare Zio Sam anche in cose come queste?nooo...anzi....se si puo' bastoniamo ancora di piu' il povero utente (per voi "utonto")...basta vedere cosa state facendo per le class action, forse l'unica cosa buona che il precedente "governo" (virgolette volute...) aveva fatto.ciao,fabianope
    • ValigiaDiCa rtone scrive:
      Re: USA Mon Amour...
      Mah, io ci penserei un po' prima di sparare a zero. Non tanto perché il precedente governo, e quello prima, e quello prima ancora, e... non hanno fatto mai nulla in questa direzione, ma perché la realtà è un po' diversa dai rumors e dai luoghi comuni.Per quello che posso dire, ho rivalutato moltissimo l'Europa (mi ricordo l'Alice 10Mbit in Francia a due soldi) e, ahimé, l'Italia, sotto il punto di vista della qualità.Da poco sono venuto a lavorare negli Stati Uniti, e ho un modem AT&T con una connessione base da 1.5Mbit. Il modem fa letteralmente schifo, con innumerevoli problemi e limitazioni (apertura delle porte del firewall prevalentemente prevista per giochi Microsoft... follia), e con una _lentezza_ a volte esasperante.La mia precedente esperienza era con la fibra a Siena, che alla fine era un mezzo bidone rigirato e sfrittellato tramite la solita Telecom, ma devo dire che con le prestazioni non c'è paragone.Semmai, imparassero un po' dal buon senso europeo, che non gli farebbe male.Per la diffusione, invece, bisognerebbe ancora lavorare molto, ma paghiamo un po' di arretratezza delle infrastrutture, ma quella è un'altra storia. Qui sono così abituati all'idea di Internet che la mia padrona di casa 80nne scrive email come se fosse la cosa più normale del mondo.Saluti,S.
    • sbandato scrive:
      Re: USA Mon Amour...
      - Scritto da: fabianope
      ....e' un po' lo slogan di tanti miei
      connazionali che si "ritrovano" politicamente
      nelle idee del sig. Silvio & compagnia bella
      (Marcegaglia,
      ecc.)Veramente anche dalla parte opposta, vedi Veltroni con "I care" del 2000, e "si può fare" (paro paro da "Yes, we can" di Barack Obama) del 2008.
      • Josafat scrive:
        Re: USA Mon Amour...
        "dalla parte opposta"... sì, se si pensa che la parte opposta a Berlusconi sia solo il Partito Democratico, ovvero la parte centrale di tale opposizione, quella che è nata per emulare i partiti di "sinistra" dove la sinistra non esiste (USA, tanto per dire). Non è un caso che i movimenti della sinistra europea si rispecchiano nel PSE guidato dal tedesco Schultz, mentre Veltroni vorrebbe trovare altro sbocco perché il PSE è troppo di sinistra per lui. D'altronde, come ha detto qualche giornalista, Veltroni è il Berlusconi del Centro-sinistra. E' vero che attualmente in Parlamento esiste quasi solo quella opposizione, ma questo è un problema italiano.
Chiudi i commenti